Posts Tagged ‘toscana’

Sviluppo Aeroportuale Toscano: il M5S di Campi affronta il tema con le scelte antieconomiche, deficit e rischi ambientali

14 marzo 2014

1920079_404256576384589_579983364_nIl M5S di Campi Bisenzio organizza per il prossimo 4 aprile 2014, un incontro sul tema aeroportualità toscana, che tratterà in modo particolareggiato le varie problematiche di carattere economico, logistico e ambientale legate all’ampliamento dell’aeroporto di Firenze “Amerigo Vespucci” e l’aeroporto di Pisa “Galileo Galilei” che entra a pieno titolo nel progetto, con la creazione di una Holding a gestione integrata. Scelte dettate da strategie di business che non tengono conto dei costi abnormi dell’operazione che in parte ricadrebbero sulle spalle dei cittadini, della scarsa produzione di posti di lavoro e dei possibili danni ambientali che ne deriverebbero. Il M5S è da sempre contrario a questo progetto, proponendo in alternativa un incremento della rete ferroviaria con lo scalo pisano, salvaguardando l’ambiente e la salute dei cittadini che vivono nella Piana.
L’incontro si terrà alle ore 21 presso la sala Consiliare “Sandro Pertini” del Comune di Campi Bisenzio.

Rifiuti: per Viti la regione soccorre l’inceneritore aumentando i quantitativi di rifiuti da bruciare

14 marzo 2014

inceneritoreÈ sconcertante ancora vedere, che per la realizzazione dell’inceneritore di Case Passerini, quanto quella classe politica, che fortemente lo vuole, sia disposta a sovvertire impunemente le loro stesse regole per completare, in tutte le maniere, la procedura di questa sciagurata infrastruttura.
Già dobbiamo sopportare che la volontà della gente, sul futuro e sul destino del loro territorio, sia regolarmente calpestata dai politici interessati, una volontà che più volte si è espressa senza se e senza ma con la loro netta contrarietà fino a stravincere un referendum comunale del dicembre 2007 con oltre il 90% di no all’inceneritore. Già si cerca di costruirlo sordi e ciechi alla richiesta legittima che se ne riadeguino le vecchie autorizzazioni come ad esempio rivalutare con una nuova VIS (Valutazione di Impatto Sanitario) i gravami inquinanti, argomento che fu oggetto di un O.d.G. da noi presentato in Consiglio Comunale e che la Maggioranza che sosteneva il Chini bocciò. La precedente Vis è del 2004 e con dati provenienti dal quadriennio precedente per cui il carico ambientale dell’inquinamento che il territorio già allora sopportava a fatica, adesso, dopo dieci anni, è sicuramente aumentato rendendo inconcepibile anche la presenza di un’ulteriore e qualsiasi fonte inquinante figuriamoci un inceneritore. Ben quindici grandi manifestazioni da allora, 2005/2006, ad oggi con ampia partecipazione di migliaia di cittadini che da Campi, Sesto, Firenze e Prato, si sono svolte per le strade di queste località, decine e decine di eventi comprese conferenze, assemblee pubbliche con la partecipazione di medici ricercatori e con i tecnici delle alternative certe all’incenerimento per lo smaltimento dei rifiuti hanno sempre avuto ampia e appassionata partecipazione. Ma la classe politica e la lobby degli inceneritoristi con a capo gli amici degli amici nelle partecipate pensano di tirar dritto. Usano lo spauracchio, che non c’è, dell’emergenza rifiuti così nascondendo la loro priorità fondamentale del profitto e del tornaconto che porta l’inceneritore. Ma torniamo ad oggi alla nostra ultima denuncia: nella prima conferenza dei servizi la ditta costruttrice Q-Thermo (Quadrifoglio + Hera) chiedeva di innalzare la quantità annua dei rifiuti da bruciare da 136.000 tonnellate annue, autorizzate dalla Provincia, a 198.000 tonnellate annue valutando il quantitativo troppo poco remunerativo ( immaginiamo) e pena il doversi ritirare dall’incarico, richiedendo penali alle istituzioni per il lavoro svolto fino ad ora, per gli studi e la progettazione. Una richiesta che ha il sapore ricattatorio con quel minacciare di dover “intraprendere le necessarie iniziative a salvaguardia degli investimenti fin qui effettuati” e ciò in barba a qualsiasi impegno di precedente programmazione in adesione all’autorizzato Piano Provinciale dei Rifiuti. Ma a questo ultimatum che bloccava in maniera pesante l’iter ha provveduto, gentilmente, la Regione cambiando le loro stesse regole del gioco, allucinante ed incredibile! Durante la vigilia di Natale 2013 viene inserito nella legge 25/98 che regolarizzava la costruzione dell’impianto per 136.000 t./ annue un nuovo articolo il 17/bis pensato per gli inceneritori (e soprattutto per Case Passerini) dove si prevede che si possa bruciare anche in termini di carico termico nominale e complessivo e che tale legge si applica anche ai procedimenti già avviati senza la necessità di integrazione e modifica della pianificazione vigente. Questo è il via libera a poter bruciare quasi 200.000 t./anno. Proprio un bel regalo di Natale alla Q-Thermo e un bel regalo ai cittadini che respireranno più fumi velenosi! Con un semplice colpo di penna si supera il grande problema nel primo passaggio autorizzativo emerso per una minacciosa richiesta dell’impresa che intende realizzarlo. Un altro aspetto importante con tale concessione di alzare l’asticella da 136.000 t./annue a 198.000 t./annue è che la predetta VIS già allora piegata ed interpretata a loro comodo non è più utilizzabile in quanto sono stati stravolti tutti i presupposti scientifici mostrando ancora una volta la loro scelta da sempre precostituita (l’inceneritore nella Piana ad ogni costo!). C’è inoltre il certo e forte pericolo di dover importare rifiuti a questo punto eccedenti, come così richiesti dalla Q-Thermo, che aveva già,” guarda caso”, progettato l’inceneritore in misura sovradimensionata rispetto agli indirizzi e alle direttive del Piano Provinciale. Si evidenzia quindi la volontà dei costruttori dell’impianto di volersi svincolare dal solo nostro territorio già predefinito “di fornitura dei rifiuti”.
Grazie Regione proprio un bel servizio completo a tutela della salute dei tuoi cittadini!
Roberto Viti – Comitato Civico Campigiano “No Inceneritore” ex Lista Civica

Pallacanestro Campi Bisenzio… basket ma anche cultura

11 marzo 2014

I ragazzi della under 14, della Pallacanestro Campi Bisenzio, terminano il loro girone con il terzo posto in classifica, guadagnandosi anche quest’anno la partecipazione alla Coppa Toscana. Una partecipazione non da poco anche per i ragazzi dell’under 13, dato che conducono il loro girone in testa alla classifica.
Approfittando così di una domenica libera da gare per concederci una passeggiata, afferma un genitore, anche quest’anno è stata organizzata una bellissima visita guidata a Firenze alla scoperta di quei monumenti che tutto il mondo ci invidia e che ogni anno richiama milioni di persone nel nostro capoluogo.
D’altro canto “Lo sport ha il potere di cambiare il mondo, ha il potere di suscitare emozioni, di unire le persone e abbattere ogni barriera”, scriveva Mandela. E’ con questo spirito che la bella giornata di sole ha reso più bello ogni scorcio, ogni angolo e Luciano, la guida , ha saputo con maestria accompagnarci nelle 3 ore di visita parlandoci di quella storia, curiosità ed eventi di cronaca che hanno fatto di Firenze quella che è oggi con le sue bellezze e i suoi problemi, col suo campanilismo sfegatato e i suoi modi di dire che ci portiamo dietro da secoli, magari senza conoscerne esattamente le origini.
I nostri ragazzi hanno seguito con interesse, e siamo certi che seminare cultura e sport può farli crescere fisicamente e interiormente facendone delle persone sane e consapevoli e promettendo un futuro roseo alla nostra società.
Che dire di più .. un grosso in bocca al lupo ragazzi !!

Il Gruppo U13 della Pallacanestro Campi in visita ai monumenti di Firenze

I Gruppi U13 e U14 della Pallacanestro Campi Bisenzio in visita ai monumenti di Firenze

Firmato l’accordo di programma per la Tramvia. Un passo avanti per il sistema tranviario fiorentino

6 marzo 2014

Oggi è stato firmato l’accordo di programma per la realizzazione delle nuove linee della tranvia fiorentina, un importante passo in avanti per il prolungamento del sistema tranviario verso Campi Bisenzio.
“Per Campi Bisenzio è un’ottima notizia – commenta il sindaco Emiliano Fossi – la tranvia rappresenterà, infatti, un’opera strategica per il trasporto verso il capoluogo e nei comuni più vicini’.
L’accordo di programma è stato sottoscritto da Regione e Comuni di Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino e Firenze e mette nero su bianco un’intesa raggiunta l’estate scorsa.
La Regione si impegna fin da subito a finanziare e realizzare gli studi di fattibilità con un milione di euro grazie alla risorse del fondo per i progetti strategici. “L’opera rappresenta una svolta epocale – conclude Fossi – capace di dare un valore aggiunto e altamente positivo ad un’area così centrale nel dibattito attuale sulle infrastrutture e il loro relativo appesantimento per il contesto territoriale”.
Per il Presidente Rossi: I lavori delle linee 2 e 3 della ‪tramvia‬ fiorentina dovranno concludersi entro marzo 2019. Da Bruxselles siamo riusciti ad ottenere questa proroga. Oggi abbiamo firmato un accordo con il vicesindaco di ‪Firenze‬, Dario Nardella. Non solo. La Regione vuole prolungare la tramvia fino a Campi e fino a Sesto, passando dal Polo scientifico. Per questo abbiamo finanziato con 1 milione di euro lo studio di fattibilità, che dovrà essere pronto entro gennaio 2015. Vogliamo completare la rete della tramvia: perché è l’unica soluzione moderna ed ecologica per l’area fiorentina. Per chi avesse dei dubbi, ogni mese i passeggeri della linea di Scandicci superano il milione. Una volta che tutte le linee saranno in funzione si stimano 40 milioni di passeggeri e 14,5 milioni di viaggi in auto in meno. Un toccasana per ambiente, traffico e soprattutto per i cittadini che dovranno spostarsi. Anche per questo l’Europea ha condiviso i nostri progetti e ha finanziato l’opera.

I firmatari all’accordo della Tramvia nella Piana

8 marzo al Teatro Dante: “Non c’è duo senza tre” con Katia Beni e Anna Meacci

5 marzo 2014

1798127_10201764183286540_1980051908_n

L’8 marzo alle ore 21.00 al Teatro Dante, due bravissime comiche toscane, Katia Beni e Anna Meacci, nonché amiche dentro e fuori la scena, per una serata speciale in cui le vedremo giocare col pubblico coinvolgendolo attraverso improvvisazioni, sketch di repertorio in assolo o in duo, “Non c’è duo senza tre”. Considerate giocolieri della risata, caratterizzate ciascuna dal proprio stile e dal proprio modo di far ridere partendo chi dalla testa, chi dalla pancia, Katia ed Anna sapranno stimolare tutti i punti erogeni della risata, con un ritmo scandito dal cuore. Due veri e propri clown che sanno farsi da spalla a vicenda, rendendosi irresistibili agli occhi del pubblico. BIGLIETTI

CittàVisibile: scompare la pagina e le materie riguardanti l’intercultura, i diritti, la pace e la solidarietà dal sito del Comune

27 febbraio 2014

Non mi ero accorto che la pagina sul link della CittàVisibile non è più disponibile sul sito del Comune, i link sul blog sono molti e spesso mi sfuggono questi dettagli. Me lo ha fatto notare Nadia Conti che per anni si è impegnata a partare avanti certi valori, ampiamente condivisi su tutto il territorio. Oggi demoralizzata mi dice di togliere il link della città visibile dal blog, le materie riguardanti l’intercultura, i diritti, la pace e la solidarietà non sono più “visibili” ed il Comune molto freddamente si scusa del disagio, maresta il fatto che la pagina non è più disponibile.
Ho scritto al Sindaco, mi scrive Nadia, per chiedere come mai non vi sono presenti nel sito istituzionale informazioni per i cittadini non italiani e comunque nuovi cittadini di Campi Bisenzio, non vi è più nemmeno lo sportello Nuove Radici, attività in convenzione con il Comune di Campi Bisenzio, in rete con la Prefettura di Firenze e parte degli sportelli Resisto della Regione Toscana. Ovviamente non mi ha risposto ! Afferma Nadia con una punta di amarezza, difendere i diritti e l’informazione non appartiene a questo momento storico. Spero di non invecchiare nelle delusioni e sentirmi sempre viva per combattere tutta questa indifferenza.
Come dargli torto, in questa epoca esclusivamente legata ai social ed alla comunicazione, lasciare delle pagine non avrebbe rappresentato alcun problema, anzi vera informazione. Non voglio seguire il suo consiglio perchè spero che la/le pagine vengano al più presto riattivate, altrimenti mi adopererò con Nadia affinchè siano comunque disponibili anche su altre locazioni.

Allerta Meteo: precipitazioni intense da oggi fino a mercoledì 12 febbraio

10 febbraio 2014

allertameteoLa Regione Toscana ha emesso un’allerta meteo valida dalle ore 08:00 di lunedì 10 febbraio fino alle ore 00:00 di mercoledì 12 febbraio su tutte le aree. Sono previste precipitazioni diffuse a tratti di forte intensità. Inoltre dalle 08:00 alle 20:00 di lunedì 10 febbraio previste, sulle zone interne a ridosso dei rilievi, raffiche di burrasca o burrasca forte. Le Associazioni del territorio sono già state allertate.
1623711_10203140762668303_1128418614_n

Aggiornamenti in tempo reale dalla Protezione Civile della Provincia di Firenze
Bollettino 1 del: 10/02/2014 ore: 9:45 / ALLERTA METEO IN CORSO: Attualmente si registrano deboli precipitazioni sparse su tutto il territorio provinciale. Nelle prossime ore è attesa una intesificazione dei fenomeni, che potranno risultare localmente intensi. Aggiornamento viabilità: rimangono chiuse per frana la SP130 – Panoramica di Monte Morello al km 7 e la SP306 che collega Palazzuolo sul Senio a Marradi al km 38+300. Maggiori informazioni sull’evoluzione della situazione sulla pagina Facebook del Servizio Protezione Civile della Provincia di Firenze.
Bollettino 2 del 10/02/2014 ore: 10:20: Allerta meteo in corso: attualmente si registrano deboli precipitazioni sparse sull’intero territorio provinciale. Nelle prossime ore è attesa un’intesificazione dei fenomeni, che potranno risultare localmente intensi. Aggiornamento viabilità: rimangono chiuse per frana la SP130 – Panoramica di Monte Morello al km 7 e la SP 306 che collega Palazzuolo sul Senio a Marradi al km 38+300.
10/02/2014 ore 11:45: Alle 12 si costituirà l’Unità di crisi per predisporre le azioni necessarie a fronteggiare eventuali emergenze e/o criticità. Vi parteciperanno tutte le componenti del sistema provinciale di protezione civile. Previsto il collegamento con l’Unità di crisi provinciale di Prato.
10/02/2014 ore 12:00: Al momento la situazione vede il Bisenzio stabile e l’Ombrone in salita.
10/02/2014 ore 15:25: Visto il livello idrometrico raggiunto dall’Ombrone Pistoiese a Ponte all’Asse ed in previsione di precipitazioni anche intense per le prossime ore, il Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Firenze ha aperto la Sala Operativa di Piena per il costante monitoraggio della situazione. Vedi il livello del Bisenzio in tempo reale, e quello dell’Ombrone. Seguiranno ulteriori aggiornamenti.
10/02/2014 ore 16:40: La Polizia Municipale ha chiuso via Mammoli ( zona Sant’Angelo ) per manto stradale allagato.

Bienvenidos a mi casa – Nadia Conti Coordinatore politico Ban Slout Larbi e rappresentante permanente in AICCRE Toscana

5 febbraio 2014

Quando, fin dal 1996 abbiamo iniziato i nostri viaggi di solidarietà tra il popolo saharawi (profugo da oltre trent’anni nel deserto algerino), quando nel 2008 abbiamo pensato al progetto di un punto di primo soccorso, quando nel 2011 lo abbiamo realizzato non avremo mai pensato che quel territorio così inospitale – lontano – arido, diventasse la nostra Terra e la nostra Casa, ci racconta nadia Conti un un comunicato, annunciando la sua carica di coordinatore politico Ban Slout Larbi e rappresentante permanente in AICCRE Toscana e continua, alla propria Casa e alla propria Terra si torna dopo un lungo viaggio, la viviamo lontana ma la sentiamo vicina e per la quale, come qualsiasi immigrato, mettiamo da parte dei denari per migliorarla, per farci perdonare di averla per troppo tempo lasciata sola, anche abbandonata. Ritorniamo ogni anno non come stranieri ma come cittadini. Dietro a noi, la società dell’inutile ma anche del benessere, scese entrambe all’aeroporto di Algeri e non imbarcate per Tinduff. Noi, Cittadini non nativi ma appartenenti alla comunità saharawi, ne condividiamo la lingua che vibra nei suoni delle donne che esprime felicità e approvazione, ne condividiamo l’amore per una terra perduta, la voglia di ricostruzione e di mantenimento delle tradizioni, la voglia di libertà e la storia di indipendenza. Ci sentiamo appartenenti alla sua Repubblica.
Per questo, dopo aver cercato di creare i locali del Punto di Primo Soccorso e insegnato ai giovani le prime nozioni del primo soccorso per farli più vicini a noi, soccorritori volontari nella testa e nel cuore, non ci siamo stupiti che il progetto si era trasformato a loro misura e per le loro opportune, giuste, naturali necessità continua Nadia.
Un nuovo e funzionale ampliamento della farmacia nell’Ospedale di Auserd, nuovi volti giovani – appena laureati pronti a prescrivere e a riconoscere dietro ogni anonima pillola (non vi sono scatole di medicinali, non vi sono targhe, non vi sono case farmaceutiche ma solo vasi di pillole con un etichetta bianca). La nostra ambulanza non serve solo per le emergenze ma a far nascere bambini alle tendopoli. Non vi sono posti in Ospedale, ovvero ci sono tanti posti vuoti ma si preferisce curare presso le Tendopoli, dove comunque arrivano dagli immigrati, cibo, vestiario, luce. Anche la pazzia non è più curata ma non per una scelta illuminata ma per non pesare sulla sanità della comunità. Si cura, si guarisce, si opera ma la degenza o la leggera malattia anche mentale non è più presso l’Ospedale. E’ la fame l’ultimo mostro per il nostro Popolo. Un mostro che è sempre stato presente nel deserto algerino, che abbiamo conosciuto fin da subito ma che adesso è ancor più visibile. Non arrivano aiuti internazionali non si vedono più nei villaggi i mercatini (se così si possono chiamare, chi è stato nel deserto comprende a cosa mi riferisco).
Se poi il Governo poteva occuparsi solo dell’alimentazione, grazie ai progetti volti alla costruzione e la manutenzione delle scuole, di ospedali, di centri culturali, si era convinti di poter continuare a sentirsi orgogliosamente cooperanti, equi e giusti nella distribuzione. Ma non è più cosi, dal 2011, ovvero solo due anni fa è cambiato il sahara occidentale. Sono cambiati i suoi giovani. I ragazzi si spostano ormai nella vicina Tinduff a lavorare, studiare: medici divengono operai edili, guardie della RASD hanno imparato a macellare. Il deserto diventa una striscia di asfalto che avvicina ma allontana al tempo stesso le generazioni. Altri ritornano alla pastorizia nei territori liberati, tuareg come i loro nonni. Il Governo ha capito, lascia i giovani tentare nuove strade, sostiene i loro percorsi per sostenere le famiglie, per la pace. Pace che significa ancora oggi, attendere. Aspettare che questo Mondo si accorga di un popolo che come quello Palestinese, non ha Nazione, non gli è riconosciuta cultura, lingua, cittadinanza e le sue variegate etnie, origini e i costumi.
Insieme al cibo e ai farmaci, che non è facile trasportare ma che abbiamo deciso di portare nei nostri bagagli personali, abbiamo portato la solidarietà della nostra città e della nostra Associazione. E’ sempre bello riconoscere e ritrovare i medici saharawi che non hanno abbandonato le tendopoli, le maestre e i maestri che da anni lavorano gratuitamente, i dirigenti politici e i sindaci che proteggono dalla fame e dalla tristezza le loro comunità. Sono persone che sprigionano dignità, se pur nella sofferenza se pur magrissimi e con gli occhi affossati, anelanti di diritti e di giustizia. Una giustizia e diritti che sono ogni giorno calpestati, una giustizia che si allontana e quasi irraggiungibile , ma il loro impegno ci fa tremare la voce mentre allarghiamo le braccia, i nostri occhi ridono ma al tempo stesso piangono per l’amico ritrovato ma anche per la nostra impotenza e vi giuro: fa male il cuore.
Compagni, sorelle, fratelli la più bella azione è la solidarietà. Ricominciamo: abbiamo i container, abbiamo la nostra rete di farmaci, abbiamo la nostra comunità e tante altre comunità locali in Italia che amano questo popolo e noi sappiamo che dobbiamo raccogliere cibo. Il cibo, non è un progetto, è un bisogno. Un bisogno a cui sentiamo il dovere umano di rispondere.
Per questo continueremo a finanziare l’Ospedale di Auserd affinché la R.A.S.D. continui a curare la sua gente, affinché la nostra amica ostetrica viaggi nelle tendopoli per assistere le giovani madri, affinché il nostro dottore cubano curi gli anziani dal diabeti e i bambini dalla celiachia. Ma inizieremo a raccogliere gli alimenti da inviare a questo popolo i cui giovani, cercano di dare un futuro e un volto diverso, accettando la vita nel deserto, restando e costruendo le loro case di sabbia in Algeria, creare nuove famiglie, pur avendo nello sguardo il rancore verso il passato, Ma noi li aiuteremo, li abbiamo visti crescere, sono i bambini che abbiamo accolto in Estate, sono i giovani che ospiteremo presso le nostre associazioni per formarli a soccorritori, sono le famiglie che avranno un figlio che si chiamerà Nadia o Giovanni o Eugenio o …. ma che stanno lottando – esistendo e resistendo – per non far morire la libertà sognata dai loro vecchi, a cui stanno accanto con rispetto per la saggezza e l’esperienza, con orgoglio e sfida nella scelta di continuare e volere essere esuli, sfollati, nomadi. Popolo, Nazione alla quale anche noi europei apparteniamo.
Chi desidera aiutare può contattare Nadia Conti sulla pagina pubblica fb NADIA CONTI via mail a continadia@virgilio.it o contattare il comitato campigiano su Saharawi Campi Bisenzio. Il prossimo viaggio di solidarietà è previsto per dicembre 2014, prezzo del volo 800-900 euro comprensive di una prima ospitalità presso le famiglie.
Prenotazioni per il volo che è organizzato dalla Ban Slout Larbi fin dal mese di luglio 2014.

Allerta Meteo: vento forte e neve a 500 metri

23 gennaio 2014

La Regione Toscana ha emesso un allerta meteo, riguardante tutto il territorio provinciale, per vento forte con raffiche di burrasca, con validità dalle 15:00 di venerdì 24 alle 12:00 di sabato 25 gennaio. Dalla mattina di domani nevicate in Appennino in  abbassamento progressivo di quota fino a 500-600 metri con accumuli fino a 5-10 cm in collina e fino a 30 cm in montagna; accumuli superiori potranno essere raggiunti in montagna sui versanti emiliano-romagnoli.

La CinoBefana: una Befana diversa dal solito alla Pubblica Assistenza di Campi Bisenzio

2 gennaio 2014

1554532_10202114230795874_950462631_n