Posts Tagged ‘sequestro’

Gandola PDL: area abusiva a San Donnino sequestrata, l’esempio di una buona politica del PDL

17 settembre 2013

Questa mattina – dichiara il Capogruppo del Popolo della Libertà di Campi Bisenzio Dott. Paolo Gandola – sono venuto a conoscenza che la polizia municipale si è recata presso il terreno agricolo vincolato da tempo occupato abusivamente e sul quale insistevano tre camper e varie baracche totalmente abusive degradando una zona di assoluto pregio nelle vicinanze del Parco Chico Mendes. Per tali motivo, mi sono immediatamente recato sul posto dove ho potuto accertare l’effettiva presenza della pattuglia della Polizia Municipale di Campi che era sul posto per notificare il sequestro giudiziario di tutta l’area richiesto dalla Procura della Repubblica.
Attualmente sulla porzione di terreno non era presente nessuno degli occupanti e la grande baracca in legno risultava abbattuta. Nel terreno era altresì presente solo uno dei tre camper fino a pochi giorni fa presenti.
“Siamo assolutamente e pienamente soddisfatti, continua Gandola. Questo è l’ennesimo esempio di come il Popolo della Libertà di Campi sia veramente dalla parte delle gente e operi con abnegazione per risolvere le loro istanze. Invero, dopo essere stato informato dai cittadini stessi della questione mi ero immediatamente attivato e portato alla conoscenza della stampa la gravissima situazione che da Ottobre gli abitanti di Via Trento erano costretti a subire. A nome del PDL, continua Gandola, avevo predisposto una idonea interrogazione al Sindaco sul tema che è stato posta in discussione per il Consiglio Comunale di domani. Accerteremo, così, in Consiglio Comunale, come effettivamente si sono svolti i fatti. Ciò che è certo è che dopo mesi e mesi di silenzio nonostante l’opera dei cittadini volta a portare la questione alla conoscenza degli organi Istituzionali solo l’intervento del Popolo della Libertà di Campi ha effettivamente consentito lo sblocco dell’annosa situazione che costitutiva un danno ai tanti cittadini di San Donnino e danneggiava tutta la Città di Campi.

Prodotti contraffatti: sequestrate 36mila paia di scarpe fra Campi, Calenzano e Sesto Fiorentino

12 giugno 2013

Ore 19:50 – Si apprende (è una notizia di poche ore fa) che sia in corso una grossa retata della Guardia di Finanza nei comuni di Campi, Calenzano (più precisamente in via Baldanzese) e Sesto Fiorentino. Al centro dell’operazione i controlli su di una miriade di prodotti contraffatti di produzione cinese con i marchi Nike, Adidas, Hogan e altri, con il controllo (attualmente in atto) e pare il sequestro di 2 container da 20 e 40 piedi. Allego un’immagine reperita proprio adesso con riserva. Ore 23:00 – Da notizie più sicure sembra che siano stati sottoposti a sequestro i due contanier, già al centro delle verifiche, per un totale di 36.000 paia di scarpe evidentemente contraffatte. Non si hanno ulteriori notizie su chi siano i laboratori o ditte (cinesi o italiane) coinvolte nell’operazione della GdF.

112

“Pasta e insetti” provenienti dalla Cina, sequestrati a Campi Bisenzio

17 ottobre 2008

La fortuna vuole, oppure grazie alla abilità dei Carabinieri dei Nas di Firenze, che nei giorni scorsi erano impegnati in altri controlli presso una società di import-export, di proprietà di un cittadino cinese di 46 anni, sito nella zona industriale di Campi Bisenzio al confine con il comune di Calenzano; che sia stato scoperto un container lungo circa quindici metri appena giunto pare nel piazzale della ditta, contenente un carico 25 mila pacchi di pasta cinese in un penoso stato di conservazione, addirittura pieni di insetti. La pasta (spaghetti) era confezionata in porzioni istantanee e quindi comprensiva di condimenti come carne di manzo (di cui per legge ne è vietata l’importazione in Italia).
La ditta è specializzata nel rifornimento di materie prime per locali etnici di tutta Italia, non solo cinesi, ma anche ristoranti italiani specializzati nella preparazione di pietanze esotiche. Il contenuto del container sarebbe stato spedito in tutta Italia già nella prossima settimana.
Il titolare cinese è stato denunciato al tribunale della Repubblica di Firenze, con l’accusa di vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione ed infestati da parassiti oltre alla importazione di prodotti di origine animale dalla Cina.
Nei locali sono stati trovati anche cinque dipendenti privi del regolare permesso di soggiorno che sono stati denunciati all’autorità giudiziaria.
Inutile dire che questa scoperta a Campi, getta ancora una volta gravissime ombre e mina pesantemente quanto già ampiamente temuto, sulla qualità dei cibi italiani che speriamo non siano oggetto di speculazioni da parte di chi guarda solo al profitto a scapito della salute. Il mio consiglio è mangiare cibi nostrani o italiani e stare attenti alle confezioni. I cibi freschi prodotti in Italia, magari localmente, con un minor numero di sostanze additivate, sono quelli più naturali e sicuri. La nostra nazione ed in particolare le nostre regioni sono ricche di tantissimi piatti derivanti dai prodotti della nostra terra, utilizziamoli e rendiamo alla nostra cucina l’importanza che merita.

Buon appetito a tutti…naturalmente con cibi nostrani.