Posts Tagged ‘salvatore’

Gandola: pare che nessuno abbia autorizzato il convegno dell’aula consiliare .. il solito scaricabarile

18 marzo 2014

Ricevo e pubblico.
In riferimento alle ultime dichiarazioni del Sindaco che ha fatto conoscere il contenuto della sua lettera in risposta della mia del 14 u.s., il Capogruppo di Forza Italia presso il Comune di Campi Bisenzio Paolo Gandola dichiara:
“La risposta ricevuta dal Sindaco quest’oggi conferma due cose: la prima, che a Campi la Sinistra ha perso la bussola in quanto Presidente del consiglio e capogruppo Pd dicono che anche loro avrebbero consigliato un luogo differente per l’incontro di questa sera, mentre Sindaco e Segretario cittadino del partito si esprimono difendendo a spada tratta la presenza di un condannato per favoreggiamento in omicidio nella sala Consiliare questa sera; la seconda, che come spesso accade a Campi chi ha una responsabilità fa lo scarica barile l’uno contro l’altro. Su quest’ultima questione, ciò appare lapalissiano in quanto il Presidente del Consiglio comunale nella sua missiva di Venerdì scorso evidenziava la sua non competenza demandando ogni responsabilità al Sindaco e alla sua segreteria, oggi il Sindaco esprime la sua più totale estraneità dicendo che la sala viene richiesta e assegnata direttamente dalla Presidenza del consiglio, un vero pastrocchio amministrativo e sintomo della più totale disorganizzazione e più deprecabile de responsabilizzazione. Per Forza Italia è stato impossibile sapere chi ha autorizzato il Convegno di stasera nell’Aula Consiliare. Evidentemente nessuno si vuole assumere questa responsabilità. IL PD a questo punto faccia chiarezza al suo interno.
In ogni caso tutto ciò non stupisce Forza Italia. Nullo di nuovo per noi, ma l’ennesimo brutto esempio di mal governo in una città che per i suoi gravi problemi meriterebbe maggiore efficienza della macchina politico-amministrativa. In ogni caso, a scanso di ulteriori equivoci, e per rispondere ai soliti sciacalli che tendono a mettere in bocca al sottoscritto parole mai pronunciate voglio per l’ennesima volta rimarcare che anche io reputo l’incontro di questa sera di assoluto interesse e particolarmente costruttivo per il dibattito pubblico e politico latamente inteso, d’altro canto, però, reputo assolutamente poco edificante che si apra la sala della massima istituzione elettiva cittadina per invitare quale ospite d’onore una persona la cui storia risulta essere particolarmente controversa e che risulta essere stato condannato in via definitiva per un omicidio così discusso e famoso come quello di Marta Russo. Per lo stesso incontro, anche per rispetto alla famiglia della vittima, si poteva prevedere benissimo un altro luogo. Da domani, visto il precedente, guai al Pd campigiano se oserà ancora sostenere che il “condannato” Berlusconi non ha più il diritto di parlare o di avere un ruolo politico all’interno del suo partito o nelle istituzioni. Egli, fino a prova contraria, è votato da milioni di italiani e non ha ancora favorito un omicida. Il dado è tratto, e la sinistra è avvisata”.

Concessione sala consiliare: la risposta al Consigliere Paolo Gandola di Fossi: “orgoglioso di vivere in uno Stato di diritto”

17 marzo 2014

Non si placa la questione della concessione della sala consiliare per l’iniziativa del PD “La Pena Visibile” ecco una nuova replica da parte del Sindaco Fossi.
“Non ho alcuna competenza in merito alla concessione, e dunque alla revoca, dell’uso della sala consiliare e non intendo entrare assolutamente nel merito di iniziative politiche organizzate nella piena autonomia dei Gruppi e dei movimenti politici. Tuttavia, mi preme dire al Consigliere Paolo Gandola che se la concessione della sala fosse stata di mia competenza non avrei esitato ad esprimermi positivamente. Sono infatti convinto che la crescita civile e culturale di un paese passa attraverso i momenti di confronto e dialogo tra opinioni diverse. Oltretutto, personalmente, sono orgoglioso di vivere in uno Stato di diritto che, una volta espiata la pena, non toglie ai cittadini condannati diritti fondamentali come quello di opinione e di partecipazione alla vita culturale e sociale della collettività. Il che, evidentemente, implica anche il diritto al dissenso”. Questo è il pensiero del Sindaco Emiliano Fossi sollecitato da una comunicazione del consigliere di Forza Italia, Paolo Gandola, in merito all’iniziativa organizzata per stasera in Sala Consiliare da parte del Partito Democratico di Campi Bisenzio.

Incontro con Salvatore Ferraro: il PD risponde alle accuse di Forza Italia

16 marzo 2014

Trovo molto singolare per non dire curioso che il capogruppo di Forza Italia si reputi indignato per l’iniziativa promossa dal Partito Democratico di Campi Bisenzio avente come oggetto l’annoso tema della situazione delle carceri italiane. Tale indignazione nasce per il semplice fatto che tra gli invitati, oltre Enzo Brogi (Consigliere regionale PD) Franco Corleone (Garante dei detenuti Toscani), ci sia anche Salvatore Ferraro (in qualità di autore del libro la pena invisibile).
Trovo inoltre molto curioso che venga richiesto conto a me in quanto Capogruppo PD in Consiglio Comunale ed addirittura durante il prossimo Consiglio, di un’iniziativa di partito. Ricordo a Gandola che il Partito Democratico ha una sua struttura ben definita, dove ognuno ha compiti e ruoli specifici.
Trattandosi di un’iniziativa promossa ed organizzata del segretario del partito, Rosa Anna Lombardo, ho appreso appena lunedì scorso lo svolgersi di tali evento. Nel merito però trovo al contrario di Gandola molto interessante il dibattito su argomenti importanti come la situazione delle carceri italiane anche alla luce del fatto che l’Italia e’ stata più volte oggetto di condanne per violazione dei diritti dei detenuti da parte della Corte Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, ed interessante discutere e capire il punto di vista di chi, in prima persona, questi problemi li ha vissuti.
E’ bene precisare che Salvatore Ferraro, condannato a 4 anni e 2 mesi per favoreggiamento, nell’ambito dell’omicidio colposo della studentessa Marta Russo, ha saldato i propri debiti con la giustizia e oggi, oltre ad essere un avvocato giurista, promuove iniziative attraverso la pubblicazione del saggio La pena visibile, dove si ipotizza l’applicazione di una teoria innovativa sull’esecuzione penale legata al modello di un percorso sanzionatorio diverso dalla sola reclusione. Se Gandola ha opinioni diverse nel merito, cosa più che legittima, potrebbe venire tranquillamente ad argomentarle lunedì al dibattito. O forse l’unica intenzione del Consigliere è metter bocca anche nelle iniziative degli altri partiti? Per quanto riguarda la polemica sullo spazio, avessi saputo prima dalla volontà di organizzare un dibattito con un ex detenuto, avrei potuto suggerire al mio segretario di considerare anche altri luoghi. Non mancherò di sottolineare alla Lombardo questo aspetto per la prossima volta, perché certi tipi di iniziative si mettono in piedi solo dopo aver raccolto almeno un piccolo parere da segreteria e gruppo consiliare, anche perché mi risulta che non sia facoltà dei consiglieri comunali, Presidente del Consiglio compreso, stabilire nel merito quale tipo di iniziativa politica si può fare o non fare in sala Pertini, una volta richiesta la disponibilità della sala.
Una cosa però deve essere chiara a tutti. Né io né il Gruppo Consiliare del Partito Democratico di Campi Bisenzio
accetteremo mai il fatto di prendere lezioni di moralità da un esponente di Forza Italia, fintanto che questo partito continuerà a ritenere normale che il suo leader, condannato in via definitiva a 4 anni per frode fiscale, falso in bilancio e appropriazione indebita, possa proporsi per cariche elettive, vedi le prossime elezioni Europee.
Il capogruppo PD Lorenzo Loiero

Gandola (FI): No al convegno PD con Salvatore Ferraro condannato per favoreggiamento nell’omicidio di Marta Russo

14 marzo 2014

“Forza Italia è esterrefatta. Non sappiamo più cosa aspettarci dal Partito Democratico campigiano. Stavolta hanno passato ogni limite.” Con queste laconiche parole il Capogruppo di Forza Italia presso il Consiglio Comunale di Campi, Paolo Gandola, denuncia l’iniziativa del Partito Democratico dal titolo “Campi informa – La Pena visibile” alla quale è stato invitato, in qualità di ospite d’onore, Salvatore Ferraro, autore dell’omonimo libro, imputato nel processo per l’omicidio della studentessa Marta Russo e condannato in via definitiva alla pena di 4 anni e 2 mesi per favoreggiamento. All’incontro parteciperà, altresì, il Consigliere Regionale Enzo Brogi e il Garante dei Detenuti Franco Corleone. A tutela dell’istituzione campigiana, Forza Italia, inoltra un accorato appella al Presidente del Consiglio Comunale Alessio Colzi, affinché revochi immediatamente l’autorizzazione alla concessione e all’utilizzo della Sala Consiliare per svolgere l’incontro in oggetto. Forza Italia ritiene del tutto sconsiderevole che un incontro di per sé pur di stretta attualità e interessante possa svolgersi all’interno della Sala Consiliare vista la presenza del Sig. Ferraro.
Nondimeno – prosegue Gandola – rimango esterrefatto, insieme a tutti gli altri colleghi del nostro gruppo, dell’invito, nonché del fatto che l’ospite, a noi estremamente sgradito, sia stato inserito quale “ospite d’onore” della serata. Se per il PD è un onore invitare chi è stato condannato per favoreggiamento per la morte di Marta Russo allora noi di Forza Italia diciamo, forte e chiaro, che è il PD stesso a disonorare la dignità dell’aula consiliare. Per tali ragioni annuncio che Forza Italia chiederà conto di tutto questo al Capogruppo Loiero, durante il Consiglio Comunale convocato per il 18 Marzo, affinché possa assumere una posizione chiara e netta sul tema. A Campi, governati da questa sinistra, non c’è mai fine al peggio”.

Campi Informa: La Pena Visibile, incontro sul tema delle carceri italiane (17 marzo 2014)

12 marzo 2014

1920989_10201189933542490_1989942112_oLunedì 17 marzo 2014 dalle ore 21.00, presso la sala consiliare Sandro Pertini, il Partito Democratico di Campi Bisenzio avvia una serie di iniziative per informare e formare cittadini, simpatizzanti e amministratori rispetto a tematiche di attualità politica e di particolare importanza sociale e culturale. Apre questa rassegna un incontro sul tema della pena alternativa al carcere: LA PENA VISIBILE, al quale interverranno: Salvatore Ferraro,autore del libro “la Pena Visibile”; Franco Corleone, garante dei detenuti in Toscana ed Enzo Brogi, Consigliere regionale Toscana.

Visita al cantiere di restauro degli affreschi “Storie di San Jacopo”: sabato 15 marzo

11 marzo 2014

1974235_1414781615441239_1815855873_oSabato 15 marzo, dalle ore 10.30 alle 13.00 presso la chiesa di Santa Maria a Campi Bisenzio, avrete un’opportunità unica: quella di VISITARE IL CANTIERE DI RESTAURO DEGLI AFFRESCHI della Cappella Cennamelli, guidati dalla responsabile dello stesso, Carlotta Salvadore, e visionando le foto precedenti il lavoro di pulitura. L’evento è organizzato dall’Associazione culturale Arte e Antiquariato Campi Bisenzio, con la quale, per l’occasione, potrete tesserarvi (il costo della tessera associativa è di 10 euro annue). La STRAORDINARIA storia di questi affreschi è qui. L’evento è aperto al pubblico.

Un miracolo a Santa Maria a Campi, “adottato” il restauro degli affreschi della cappella Cennamelli

7 marzo 2014

Apprendo con estremo piacere da Fb che oggi è avvenuto un piccolo miracolo e ce lo racconta ArteAntiquariato di Campi Bisenzio.
Riguarda gli affreschi della cappella Cennamelli all’interno della chiesa di Santa Maria a Campi Bisenzio, raffiguranti le Storie di San Giacomo Maggiore (la chiesa di Santa Maria si trova sulla via di pellegrinaggio che da Firenze porta a a Pistoia, dove si celebra il culto di Sant’Jacopo). Il ciclo pittorico risalirebbe al XIV-XV secolo, e sebbene sia stato attribuito per lungo tempo a Mariotto di Cristofano, oggi viene da Miklós Boskovits e Isabella Tronconi ricondotto a un pittore agnolesco, operante nel contado fiorentino e pratese a cavallo fra Tre e Quattrocento. Gli affreschi si presentavano sporchi e poco leggibili, con importanti cadute di colore ed efflorescenze saline.
I sopralluoghi compiuti dai funzionari della Soprintendenza dal 2003 avevano rilevato l’urgenza di un intervento di restauro sugli affreschi per scongiurare loro danni peggiori. Nel 2011 era arrivato il “nulla osta” per i restauri al ciclo, e contestualmente era stata individuata la ditta, accreditata presso la Soprintendenza, ritenuta più idonea per portare avanti questi lavori. Si trattava della ditta individuale di Carlotta Salvadore, restauratrice dell’Opificio delle Pietre Dure con alle spalle una comprovata esperienza di restauro di importantissimi testi pittorici ad affresco. All’epoca (il 2011) il “fund raising” si era attivato immediatamente: la cifra necessaria per il restauro e per la sostituzione dell’impianto d’illuminazione (solo nella cappella) superava i quarantamila euro.
In un articolo sulla Nazione del 5 Febbraio 2012 si richiedeva aiuto economico a gran voce, ma nessun mecenate, all’epoca, si fece avanti. Finché un giorno, finalmente, un’idea semplice quanto geniale, una generosa proposta.
La restauratrice Carlotta Salvadore, free lance senza dipendenti, si era offerta di ricevere il suo compenso “spalmato” nell’arco di quattro anni. A quel punto fu possibile pensare di organizzare un gruppo di parrocchiani, cittadini, enti, associazioni, che attraverso il versamento di una quota annuale per quattro anni potessero “adottare” il restauro degli affreschi. Servivano settanta adesioni, da parte di chiunque potesse sostenere il pagamento di una quota annua di centocinquanta euro da corrispondere in due rate da settantacinque euro ciascuna (ad esempio a Maggio e Dicembre), per quattro anni.
Queste adesioni, EBBENE, CI SONO STATE. I cittadini hanno risposto positivamente ed entusiasticamente agli appelli pervenuti loro in vario modo, nel corso di riunioni o a mezzo stampa, e una quarantina fra parrocchiani, cittadini di Campi Bisenzio e cittadini di Firenze si sono presi l’onere e l’onore di contribuire fattivamente al verificarsi di questo miracolo. L’Associazione La Rocca 2001 di Campi Bisenzio ha addirittura contribuito con PIU’ DELLA META’ DELLE SETTANTA QUOTE QUADRIENNALI RICHIESTE. Grazie a questo sublime sforzo corale, potremo vedere ultimati questi lavori entro pochi anni. Si ringrazia Anna Maria Romoli per le splendide riproduzioni. Altre foto si possono vedere sul profilo di ArteAntiquariato.

1654228_1413775685541832_530945001_n

Alla Casa del Popolo di S.Donnino prezzi contro la crisi e spettacolo dal vivo

22 febbraio 2014

Una iniziativa contro la crisi quella della Casa del Popolo di San Donnino, che propone le esibizioni improvvisate con il piano bar di Salvatore d’Ambrosio. Mentre mangi una bella pizza o un panino con hamburger potrai ascoltare le esibizioni canore dei concorrenti che duetteranno con il cantante, dopodichè, potrai divertirti a cantare anche tu mentre Salvatore ti accompagnerà. Inoltre se acconsentirai, la tua performance in presa diretta audio/video, sara’ pubblicata sulla pagina dedicata del sito http://www.salvatoredambrosio.it e potra’ essere soggetta a votazioni on line! Il piu’ votato on line vincera’ una cena per tre persone da menu’ presso la Casa del Popolo stesso. Non occorre un iscrizione.. basta la presenza. Per il regolamento vai alla pagina del regolamento.
Ma non è finita qui, alla Casa Del Popolo San-Donnino, prezzi contro la crisi.
Il coperto è gratis, potrai usufruire di alcuni menu a prezzo fisso come: 1 margherita + 1 coca cola in lattina = 6,50€, oppure: 1 panino con hamburger da 200 gr+ un abbondante porzione di patate fritte + 1 coca cola in lattina= 10€, ma puoi richiedere anche antipasti. Non verranno preparati primi piatti.
Inizio dalle ore 19.30 in poi. E’ gradita la prenotazione al 0558962039 oppure al 3317363654

M5S: La casa è un diritto ! richiederemo un consiglio comunale straordinario per le emergenze abitative a Campi

19 gennaio 2014


Il M5S di Campi Bisenzio richiederà con urgenza un consiglio comunale straordinario da dedicarsi alle problematiche abitative.  “Abbiamo già affrontato questo delicatissimo tema con l’Amministrazione Comunale, senza però che quest’ultima promuovesse alcuna azione nei confronti dei cittadini che soffrono dell’emergenza abitativa”, si legge sul sito 5 Stelle di campi Bisenzio. “Noi del M5S chiediamo che questa Amministrazione Comunale attui ogni strategia per assicurare ai cittadini che vivono in stato di precarietà abitativa una casa o soluzioni alternative dignitose!”

L’appello di Salvatore ..

19 gennaio 2014
Salvatore è una persona incredibile, dice un amico su fb e dopo averlo ascoltato condivido la sua affermazione, perchè in una situazione di difficoltà estrema riesce a mantenere una lucidità e una calma impensabili. In questa lotta per i diritti fondamentali ci ha messo la faccia. Anche io sono con lui e come tanti altri non lo molliamo. Spero che il comune voglia intervenire al più presto. Aiutatelo anche voi, facciamoci sentire scrivendo al sindaco Fossi a questa pagina.