Posts Tagged ‘rischi’

Una serata per prevenire i rischi legati al consumo di alcool

15 novembre 2011

Tumori e inceneritore, uno studio dalla Francia ne conferma la pericolosità per la salute

19 settembre 2008

Riporto integralmente questo ottimo articolo di Elena Crescioli, pubblicato su MetropoliDay del 23 agosto 2008, che rivela uno studio francese, nel quale viene, per la prima volta coerentemente esposto l’aumento, dei rischi di ammalarsi vicino agli impianti di incenerimento. Di tale articolo ne è stata  richiesta la diffusione nel nostro comune dal consigliere Roberto Valerio e ciò è stato oggetto di discussione nella seduta consiliare di ieri. Ritengo doveroso riproporre tale argomento che purtroppo tanto preoccupa tutti noi campigiani.

Esposizione a diossine e aumento del rischio di insorgenza di un cancro coerente col crescere dell’esposizione: in altre parole se abiti vicino a un inceneritore ci potrebbe essere una probabilità superiore di sviluppare una malattia tumorale. A dirlo è uno studio dell’Istituto di Sorveglianza  Sanitaria Francese reso noto oltralpe già da aprile ma ancora poco conosciuto in Italia. E a Firenze. Tanto che il consigliere di An-Pdl di Campi Bisenzio Roberto Valerio, ne chiede la diffusione tramite l’organo di stampa dell’amministrazione comunale, DisegnoComune. Lo studio è stato effettuato su popolazioni residenti in prossimità di impianti di incenerimento più precisamente su 135.567 casi di cancro manifestati nel periodo 1990-1999 su una popolazione di circa 2,5 milioni di persone residenti in prossimità di 16 inceneritori di rifiuti urbani attivi tra il 1972 ed il 1990. I risultati definitivi dello studio, i cui primi risultati erano già stati anticipati nel 2006, sono stati pubblicati in Francia quest’anno ad aprile: nelle aree più esposte a diossina l’aumento del rischio è del 23% per il mieloma multiplo (negli uomini), 22% per i sarcomi dei tessuti molli (in entrambi i sessi), 18% per i linfomi non Hodgkin (nelle donne) e 12% (in entrambi i sessi), 16% per il cancro al fegato (in entrambi i sessi). Il Centro Nazionale di Informazione Indipendente sui Rifiuti che ha pubblicato la ricerca però, sottolinea come i dati possano essere sottostimati e non rendere l’idea del quadro attuale se si pensa che il periodo che intercorre tra l’esposizione e la comparsa della malattia si aggirano sui 5 anni per una leucemia e 10 anni per gli altri tipi di cancro. «E’ un brillante lavoro – precisa il consigliere Valerio, da anni impegnato sul fronte ambientalista e della salute – ed è stato svolto da un team scientifico formato da esperti autorevoli che ha denunciato, in maniera inequivocabile, i terribili danni causati all’uomo dall’incenerimento dei rifiuti. La questione del termovalorizzatore – prosegue Valerio – è un argomento di prioritaria importanza e come amministratore sento il dovere di informare la cittadinanza, i colleghi la giunta e il sindaco, che la messa in opera delle alternative all’incenerimento, ossia la riduzione, il riciclo e il riuso non si possono più ignorare per i benefici sanitari e socioeconomici che porterebbero alla città. Le trentasei pagine del rapporto francese denunciano un aumento di patologie tumorali inquietanti per chi vive nelle vicinanze di un termovalorizzatore: il mieloma multiplo nei maschi addirittura di più 23%. Nel documento emerge anche che l’attuale dibattito sugli inceneritori ricorda tristemente la vicenda relativa all’industria dell’amianto che trovò accaniti difensori fino a che, nel 1996, ne fu stabilito per legge il definitivo ritiro dal mercato europeo. Viene ricordato, inoltre, come commissioni governative, sfruttando le incertezze scientifiche, riuscirono ad insinuare il dubbio sulla gravità del rischio conseguente all’esposizione all’amianto ritardando così la messa al bando dello stesso».
Roberto Valerio ha già depositato la sua richiesta «a rendere di pubblico dominio, dopo un’attenta valutazione e concertazione con la commissione ambiente, il contenuto e le conclusioni dello studio in oggetto mediante l’utilizzo del mensile dell’amministrazione comunale di Campi Bisenzio» sotto forma di ordine del giorno che è stato discusso nel consiglio comunale di ieri.

l’incidence des cancers à proximité des usines d’incinération d’ordures ménagères (PDF-640Kb)

les augmentations de risques de cancers sont revus à la hausse pour tous les types de cancers étudiés (PDF-90 Kb)

altri dati in lingua francese su www.cniid.org