Posts Tagged ‘problemi’

Concluso il sondaggio dell’UDC: i campigiani non vogliono il CIE, il Termovalorizzatore e le buche per strada, ma soffrono per l’occupazione

6 febbraio 2011

Si conclude il sondaggio indetto dal gruppo UDC di Campi su “Cosa preferireste non trovare per il prossimo anno?” (ndr: questo 2011) svoltosi sul sito internet www.udc-campi.it
Come lo scorso anno, l’UDC ha lanciato un sondaggio rivolto ai cittadini di Campi Bisenzio, per conoscere quali sono i loro orientamenti e le loro preoccupazioni in merito ad alcuni temi che hanno caratterizzato il dibattito politico-istituzionale degli ultimi mesi. Nel dicembre 2009 avevano chiesto: “ Cosa vorreste trovare sotto l’albero di Natale?”.
Per quest’ anno invece, hanno chiesto: “ Cosa preferireste non trovare per il prossimo anno?”. Una domanda che lasciava spazio a molti quesiti che affliggono la nostra città. Il risultato è uno spaccato che trova al primo posto purtroppo una grave posizione occupazionale che assume un peso altissimo nella nostra piana che da anni ha visto ridotto l’occupazione e le aziende presenti. Posso sinceramente percepire, l’alta preoccupazione di chi, giovane, si appresti ad entrare nel mondo del lavoro, e chi meno giovane tenti di mantenere una posizione che gli consenta di formare una famiglia o semplicemente avere la propria indipendenza. Al secondo posto troviamo dei temi, purtroppo sempre attuali, che riguardano più l’aspetto ambientale e territoriale; il CIE, di cui ho accennato proprio ieri le preoccupazioni dei cittadini, per i silenzi delle amministrazioni; ma anche  il tema dell’inceneritore, per il quale la coscienza popolare ha sempre più chiari i dannosi effetti, generando preoccupazione per il futuro, anche alla luce dei recenti fatti di contaminazione avvenuti in altre regioni d’Italia e del mondo. A parimerito con l’inceneritore troviamo la manutenzione delle strade e dei marciapiedi, una vera piaga di questa città, tali da rendere pericolosa la circolazione, (potrei citare tante strade di Campi bisognose di “restauro” ma rischierei di essere monotono) e difficoltosa la sopravvivenza per gli spostamenti degli anziani. A parimerito in ultima posizione, troviamo i tagli al servizio pubblico ed ai servizi sociali (caliamo un velo pietoso) e l’aereoporto di Peretola, con la sua assurda e fin troppo contestata pista. Un sondaggio quindi che ha centrato i veri problemi di Campi e che speriamo possa essere di ausilio alla nostra amministrazione per comprendere quello che veramente vogliono i campigiani, senza “decidere di decidere”  a priori. Meditate amministratori .. meditate !
La classifica:
1) Perdurare della crisi ecomico-occupazionale nelle Aziende del territorio 40%
2) Realizzazione C.I.E. a Sant’Angelo a Lecore 22%
3) Strade e marciapiedi in pessime condizioni 11%
3) Termovalorizzatore a Case Passerini 11%
4) Tagli al servizio trasporti e ai servizi sociali 7%
4) Pista parallela e potenziamento Aeroporto Amerigo Vespucci 7%
Ringrazio il Gruppo UDC di Campi nella persona di Piero Fedi e dei suoi collaboratori, per avermi messo a disposizione questi dati.

Incontro pubblico con il sindaco per le frazioni di Capalle e La Villa

30 novembre 2008

incontro-3-12

Situazione Scuola … tante promesse, pochi fatti.

28 gennaio 2008

Giunge oggi un comunicato del Consiglio di Circolo di Campi Bisenzio, nel quale si delinea una scandalosa situazione della scuola Primaria e dell’Infanzia a fronte dei tagli attuati dal Comune. Quel che sorprende è il fatto, che a fine 2007, lo stesso vicesindaco Chini e l’assessore Lotti avevano rassicurato sul risolvimento di questa gravosa situazione con azioni concrete; vediamo quali ed a quale punto si trovano :

1. E’ ancora mancante la programmazione degli edifici scolastici da adeguare o costruire per accogliere l’aumento della popolazione scolastica (è sparito anche il progetto della scuola di Capalle che perdura da più di 10 anni !); tutto ciò si quantifica già con un conseguente aumento delle liste di attesa per il tempo pieno e per la scuola dell’Infanzia. A tal proposito non va dimenticato che nel corso degli ultimi anni gli spazi previsti per le attività complementari alla didattica sono stati sottratti per far spazio alle aule.

2. E’ stata dimezzata la cifra stanziata dal comune per il funzionamento degli edifici e per il materiale di pulizia, nel 2006 prevedeva 25.643 euro, nel 2008 è di 13.227 euro.

3. Sono stati ridotti al minimo tutti i lavori di manutenzione nelle scuole dell’Infanzia e Primarie, con conseguenti ed immaginabili problemi.

4. Manca la volontà di affrontare l’aumento degli alunni stranieri con progetti specifici di alfabetizzazione, che prevede il 22,1% attualmente nella scuola primaria ed il 19,9% nella scuola dell’infanzia. Per il prossimo anno la cifra cambia perchè già adesso vi è il 26,7% di iscrizioni per la scuola dell’infanzia ed il 23,1% per la scuola primaria con un dato maggiore del 2,6% rispetto alla media nazionale del 20,6% (finanziaria 2007).

5). E’ stata sospesa la disponibilità dei pulmini per le gite scolastiche sul territorio comunale, che dovrebbe riprendere da febbraio 2008.

6). Sono state eliminate le spese di manutenzione per le lavatrici e le fotocopiatrici di proprietà comunale in uso alle scuole dell’infanzia, che sono state ovviamente dismesse con disservizi facilmente intuibili.

7). E’ stato aggravato del 30% il costo dei buoni pasto per la mensa (Qualità & Servizi) ed il servizio di trasporto con i pulmini per l’entrata a scuola ed il ritorno a casa degli alunni.

Da tutto ciò appare evidente che le scelte fatte da questa amministrazione siano vergognose e penalizzanti nei confronti dell’istruzione dei nostri figli. Come genitori chiediamo che il comune riconsideri le proprie scelte e dimostri la volontà di sostenere la scuola.

Basta con le promesse, vogliamo i fatti !!