Posts Tagged ‘primarie’

Fossi: Invito a cena con ripetizioni di matematica ..

5 dicembre 2012

Mi giunge questa notizia dall’ufficio stampa di Fossi che diffondo volentieri.
Domani giovedì 6 dicembre 2012, dalle ore 20.00, presso il Circolo Rinascita (locali ex-Manila ed ex Museo Civico), il Comitato Emiliano Fossi Sindaco, festeggierà con un apericena allietata con la musica di un Dj, tutto ad offerta libera, la vittoria alle primarie del centrosinistra campigiano, che “..con 2806 voti sui 5536 votanti hanno sancito la preferenza di Emiliano Fossi del 52.04%.”
Tuttavia consentitemi anche una innocente satira e l’aggiunta al titolo relativamente alla matematica, perchè facendo due conti con le cifre riportate, si nota che la percentuale non è del 52.04% ma del 50.68% ! Come mai ?
L’arcano è presto risolto consultando il sito del PD campigiano, dove risulta che 5538 (e non 5536) sono i votanti effettivi, ma i voti validi sono 5392, che rendono quindi giustificata la percentuale del 52.04%
Che dire ! se è vero che la matematica non è una opinione, speriamo non lo siano anche i conti del comune quando Fossi sarà sindaco… oppure insieme all’apericena di domani iniziate a prendete anche ripetizioni di matematica !
Buon appetito..

Bersani 1 – Renzi 0, ma il futuro riparte da qui

3 dicembre 2012

Ricevo e pubblico dal Comitato Campi per Renzi.

Tanti auguri al segretario Bersani che ha vinto in modo netto le Primarie del centrosinistra. Un successo che è la combinazione della forza del candidato, dell’appoggio di una macchina di partito tutta schierata in suo favore e di regole che hanno penalizzato una più ampia e autentica partecipazione popolare. Anche ieri, solo a Campi Bisenzio, sono stati un centinaio i cittadini interessati a votare e rimandati indietro nonostante avessero fatto richiesta nei giorni scorsi. Anche a loro nome, esprimiamo grande dispiacere nei confronti di un partito che troppo spesso ha messo la paura davanti al coraggio di aprirsi. Ma dopo le polemiche bisogna guardare avanti. Il risultato è questo, Bersani sarà il candidato premier e Renzi dovrà fare tesoro degli errori fatti, senza per questo rinunciare al grande patrimonio di entusiasmo e novità messo in campo, che lo rende di fatto l’unica vera novità nel PD. Da parte nostra c’è la soddisfazione di aver ribadito il grande risultato di domenica scorsa a Campi. Laddove il segretario di partito, sindaco in carica, il 90% della Direzione e 3 candidati sindaci si sono espressi per Bersani, abbiamo ottenuto il 61%. Siamo la prima forza della città e tra le maggiori della nostra area. Abbiamo lavorato bene, con rispetto di tutti e un’eleganza riconosciuta da tanta gente che alla fine hanno pagato. Il comitato ringrazia tutti quanti si sono spesi per dare una mano in queste settimane e i 3000 cittadini che lo hanno votato. Il futuro riparte da noi.

comitatoMercato

Matteucci: Foss..e la volta buona !

29 novembre 2012

La vittoria di Fossi alle primarie ha decretato il nuovo candidato Sindaco del centrosinistra per il nostro comune; ma permettetemi di essere critico alla maniera del comitato MenteLocale nei suoi confronti. E lo faccio prendendo spunto proprio dall’argomento che lo ha visto coinvolto, con il suo incarico in prima persona almeno in questa ultima legislatura, ossia la scuola. Durante la sua campagna per le primarie non lo abbiamo sentito prodigarsi a voler intervenire a favore delle proteste avvenute proprio nello stesso periodo, (che hanno fra l’altro portato ad una inaudita risposta da parte della nostra amministrazione), sia per la Matteucci, ormai da anni nel limbo dei progetti e delle promesse, ma anche per l’acquisto delle LIM ed altri problemi che preoccupano i genitori degli alunni. La sua presenza, in questi casi come in tanti altri casi più caldi, accaduti in questi ultimi anni se non per presenziare qualche avvenimento, è stata senza dubbio ancora una volta più che “discreta”. Ora leggiamo nei punti del suo programma, che dopo la sua futura elezione vorrà: “Risolvere rapidamente il problema della scuola media Matteucci in modo da tornare a rendere pienamente fruibile l’intero edificio”. Una promessa lodevole e gradita, ma forse, visto il suo attuale incarico avrebbe potuto intervenire già da tempo ..
Alla mia critica si aggiunge anche quella del caro amico disegnatore DeMente Locale, che con molta sagacia ed ironizzando sui fatti accaduti, ne immagina i frutti del futuro impegno nella figura di primo cittadino ..

Le parole che non ti ho detto. Ovvero un fantasma si aggira per Campi

24 novembre 2012

L’intervento pungente ma obiettivo del Comitato Mente Locale, sulle primarie campigiane.

Un fantasma si aggira per Campi. È umbratile, nebbioso, impalpabile e evanescente. Non ha nerbo né consistenza. È il programma dei candidati alle primarie, per meglio dire, è il suo fantasma, perché chiamarlo “programma” è un atto di entusiasmo. Non ci credete? Siamo le solite malelingue? E allora…
Sentite questa:
-c’è chi vanta concretezza di pensiero e di azione in quanto si propone un’azione fattiva verso i cittadini. Un’azione fattiva, cavolo. Avesse promesso un’azione non fattiva, c’era da dubitare; ma un’azione fattiva, è una garanzia. A proposito: un’azione fattiva… di che?
Sentite questa:
-c’è chi si propone di reimpostare il rapporto con la cittadinanza. Reimpostare è giusto. Infatti alla prima la posta non ci arriva. Reimpostatecelo, grazie. Infatti il precedente rapporto… non ci è arrivato.
Sentite questa:
-c’è chi propone la realizzazione del parcheggio (già previsto) di piazza Gramsci. Sagace! Già, ma se è già previsto… allora che programma è? Uno già visto?
Sentite questa:
-c’è chi propone… la Campismart. Noi veramente preferivamo una macchina con le portiere anche dietro, ma fa niente. Tanto la parcheggiamo in piazza Gramsci. Ah, a proposito, qualcuno si è preoccupato di andare a vedere dove l’hanno realizzata ‘sta cosa… tipo a Empoli in piazza della Vittoria… che vaccata che è?
Sentite questa:
-sentite niente, è inutile andare oltre. Non vi diciamo neanche quale candidato ha promesso quale punto. Né vi tediamo più a lungo su tutte le altre parolone scomodate: la meritoooocrazia… l’ascoooolto… la partecipaaaaazione… Come se tutti questi qui l’ascooolto e la partecipaaaaazione non avessero avuto l’occasione di realizzarli nella precedente legislatura (dove erano tutti in giunta). Tipo quando fu chiesto (e votato dal Consiglio comunale) il bilancio partecipato, oppure quando fu promessa una risposta all’interrogazione che chiedeva conto dei soldi pubblici dati alle associazioni di volontariato. Se ne ricordano ora quando chiedono il voto. Poi ci si meraviglia che vince Grillo. Ma insomma lasciamo stare.
Però sentite questa:
-Inceneritore. Questa è una parola che ha senso. E allora, cari candidati, che sulla meritoooocrazia e sull’ascooolto e sulla partecipaaaazione costruite il vostro fantasma di programma, su questa parola concreta ci dite qualcosa di sensato, finalmente? O date per scontato che si realizzerà visto che si tratta di accordi già stretti? Accordi già stretti, vorremmo ricordare, da giunte e partiti di cui voi avete fatto pienamente parte e dai quali sarebbe sterile esercizio piatire patenti di innocenza. Accordi già stretti in barba a quei cittadini che votarono il referendum. Oppure i cittadini devono partecipaaaare altro che quando devono scegliersi (scegliere… si fa per dire) il nuovo padrone ma poi devono stare al posto loro, sennò qui trionfa l’antipolitica (che è una brutta cosa, non a caso ha il suffisso –anti, quindi sa solo dire no). Ma come si fa a non dire no a questa pappa fritta, la democrazia mascherata da happening?
Vedete voi che risponderci. Oppure fate finta di nulla, continuate a promettere cose di cui non si capisce nulla, le azioni fattive, il chiacchiericcio che non ci eleva un millimetro dal pantano di una parola che è il pantano di una politica, e nei quali continuano a aggirarsi fuochi fatui, larve incorporee, sagome imprecise che poi, quando prima o poi arriverà il primo canto del gallo che annuncia l’alba di una nuova politica, dovranno necessariamente ritrarsi nel sottosuolo senza che nessuno ne avverta la mancanza.
Cordiali auguri per le vostre inutili primarie dalla Vs. MenteLocale della Piana

Ps. Com’è che già ci giungono ansiosi messaggi per posta da persone che si qualificano come futuri assessori, addirittura in pectore? Vi siete già divisi le cariche ancora prima della battaglia, come i pretoriani di Pompeo alla vigilia della battaglia di Filippi? Se è un’iniziativa scomposta, richiamate i vostri botoli; se è un preciso patto leonino già siglato tra i candidati, allora è inutile fare le elezioni amministrative. Fateci eleggere qualche consiglio di amministrazione di qualche banca o di qualche fondo di investimento, magari è meglio.

SatiricaMente: “SmartPillozzi”, la Campicity versione smart della prossima legislatura, sarà tutta proiettata nel Web

22 novembre 2012

Rifondazione Comunista per una lista alternativa alla Destra ed al PD

20 novembre 2012

Ricevo e pubblico il seguente comunicato stampa di Rifondazione Comunista di Campi Bisenzio.

In questi giorni abbiamo appreso dalle dichiarazioni di diversi esponenti del Partito Democratico campigiano, che alcuni dei nostri militanti ed iscritti di Rifondazione Comunista, stiano lavorando alla campagna per le primarie nella lista del candidato sindaco Emiliano Fossi.
Con questo comunicato vogliamo categoricamente smentire quanto detto.
Nessun iscritto, militante ed esponente di Rifondazione Comunista appoggia NESSUN candidato alle primarie campigiane.
Il Partito della Rifondazione comunista, come già dichiarato, NON PARTECIPA ALLE PRIMARIE, ritenendole fra l’altro uno strumento di falsa democrazia.
Quanto accaduto in questi giorni e quello che è stato riportato dai giornali, conferma quanto detto da noi in questi mesi: le primarie altro non sono che una guerra fra bande interna al PD.
Contro questo PD che appaggia le politiche dell’austerità portate avanti dal governo Monti, contro l’amministrazione locale, attuale e futura, che si nasconde dietro format giovani e accattivanti ma che continuerà lo scempio ambientale, la politica degli inceneritori e lo smantellamento delle politiche sociali, non abbiamo assolutamente niente da condividere.
Per questo lavoriamo alla costruzione di una lista alternativa alla destra e al Partito democratico.
Una lista composta da operai, lavoratori e lavoratrici, studenti.
Una lista di opposizione sociale e politica.
Il segretario – Lorenzo Ballerini

Se Fossi Sindaco: le proposte per il Centro Storico di Emiliano Fossi

13 novembre 2012

Dal candidato Emiliano Fossi (attuale Assessore) arrivano alcune proposte per il centro storico di Campi, carente ormai di “gran parte della propria vitalità. Per rendere il giusto slancio”, Fossi propone di:
– Collocare alcune funzioni comunali di servizio diretto ai cittadini negli edifici pubblici della zona (ex caserma dei carabinieri, palazzo pretorio) in modo da creare presenza di persone,
– Realizzare il parcheggio già previsto in piazza Gramsci, che consenta un comodo avvicinamento a chi viene dalle zone oltre Bisenzio,
– Riaprire al traffico dalle ore 19 fino alle 9 del mattino; questo consentirebbe ai residenti la mattina di evitare le circonvallazioni rendendo più scorrevoli i flussi di traffico e  creerebbe una presenza serale e notturna che renda più sicura la zona e disincentivi la piccola criminalità.
Non è tutto, perchè secondo Fossi “Questo è il primo passo ma per raggiungere l’obiettivo di rilanciare il centro storico occorrerà discutere con cittadini e commercianti senza pregiudizi un Piano Specifico di Rilancio del Centro Storico da approvare in Consiglio comunale entro il primo anno di legislatura”.

SatiricaMente: “Primarie – FOSSI Livingstone”

3 novembre 2012

(Fonte Comitato Mente Locale della Piana)

Concretezza – Lavoro – Servizi – Scuola – Futuro, i 5 punti principali del programma di Nadia Conti

1 novembre 2012

Nadia Conti, attuale assessore del comune di Campi, ha recentemente reso noti i cinque punti principali che motivano il suo ingresso tra i candidati locali, al fine di rendere ufficiale la sua candidatura alle primarie del 25 novembre 2012. Ed invita ad essere presenti il giorno 3 novembre presso il Circolo Rinascita di Campi Bisenzio alle ore 10, per approfondire il suo contributo al programma di coalizione di centro sinistra, in sostegno a Bersani premier a livello nazionale. Ecco i punti:

Concretezza di pensiero e azione
La politica, oggi più che mai, deve farsi concretezza. In particolar modo nell’amministrazione locale. Per farlo deve mettere al primo posto due semplici cose: l’ascolto dei cittadini – di tutti i cittadini, dai bambini agli anziani – e l’azione fattiva nei loro confronti per soddisfarne bisogni, esigenze e la legittima richiesta di servizi alla persona e alla famiglia. Soltanto con questo metodo potremo trovare insieme – cittadini e politica – le migliori soluzioni e lavorare per trasformarle in fatti, tangibili e misurabili. Laddove ciò non sia possibile, occorre invece dirselo chiaramente, senza giri di parole e perdite di tempo. Perché la concretezza deve andare a braccetto con l’onestà.
Lavoro per giovani e aziende
Per non parlare di impegni generici a favore del lavoro, vi sintetizziamo brevemente uno dei progetti concreti che intendiamo realizzare. Si chiama “un ponte cinese per attraversare la crisi”. L’amministrazione di Campi ha saputo costruirsi nel tempo ottimi rapporti con la Cina (è l’unico comune d’Italia ad avere un assessore cinese, Giada Lyn). Ora è il momento di promuovere la nostra qualità e il nostro lavoro artigiano, creativo, professionale, culturale in Cina. Creando intorno all’assessore Giada Lyn un team di Italocinesi esperti in import-esport, noi intendiamo costruire un canale assistito che riesca a portare sul mercato cinese ogni anno 30/50 imprese diverse del nostro territorio. Dalla media impresa all’artigiano, vogliamo offrire a tutti questa possibilità, soprattutto ai giovani. La nostra idea è che questo “ponte commerciale” possa portare un beneficio non solo alle aziende coinvolte direttamente, ma anche all’indotto e di conseguenza all’occupazione locale.
Servizi migliorare la vita delle persone
Fare della concretezza la propria bandiera significa soprattutto dare sostegno a famiglie e persone. È dunque cruciale che anche nelle innegabili difficoltà del momento l’amministrazione comunale se ne faccia carico, sforzandosi di offrire servizi alla persona e alla famiglia all’altezza dei loro bisogni. Nei servizi, noi includiamo anche i trasporti pubblici per Firenze e Prato, essenziali per studenti e lavoratori di Campi. A questo proposito metteremo tutto il nostro impegno per realizzare il prolungamento della linea 2 della tramvia in modo che Campi sia unita a Firenze e Prato. Deve però passare dal ponte di Campi e Via Santo Stefano, in modo da realizzare la più efficace “rinascita del centro” e dare nuova linfa alle attività commerciali che vi si trovano.
Scuola un linguistico per parlare anche cinese ed arabo
Dobbiamo proiettare i nostri giovani nel mondo, se vogliamo che sappiano competere con quelli asiatici ed indiani, che già oggi parlano 4 lingue. Perché ormai la loro sfida avviene sul terreno globale. Perciò dobbiamo attrezzarci e aprire nel nostro comune una moderna scuola superiore di lingue straniere. Accanto però all’inglese, francese, tedesco e spagnolo, dobbiamo proporre anche insegnamenti innovativi, aperti alla nuove prospettive socioeconomiche, ovvero il cinese e l’arabo. Perché il futuro passa anche da lì.
Futuro cablare Campi con la fibra ottica
Nel mondo globalizzato la ricchezza più preziosa di un Paese è il sapere, perché costituisce un fattore moltiplicatore di Pil. Perciò la vera infrastruttura da costruire è quella del sapere: la rete, Internet veloce, da accedervi però in maniera democratica, senza disparità. L’accesso democratico costituisce una priorità che la politica nazionale tarda ad affrontare, sta dunque a quella locale occuparsene. Il progetto concreto che abbiamo in testa è cablare Campi con la fibra ottica e collegarla alla dorsale nazionale. Si può fare per due motivi: il primo è che utilizzando i cavidotti esistenti nel nostro comune (luce, acqua, gas, cavi telefonici, sistema fognario) è un’operazione da costi assolutamente sostenibili. Il secondo motivo è che divenendo il Comune proprietario della rete, potrebbe fornire gratuitamente servizi Internet di banda larga e telefonia (trasmissione dati) a biblioteche, famiglie disagiate, aziende in difficoltà, startup, associazioni, società sportive ecc, e soprattutto a scuole pubbliche (elementari, medie superiori) dove con reti locali wifi, gli studenti potrebbero usufruire nella didattica di tutte le potenzialità della rete.

Satiricamente e le primarie SmartPillozzi

1 novembre 2012