Posts Tagged ‘popolazione’

Inceneritore: con la Tirreno Power si scopre il nesso di causalità tra le emissioni, le morti e le patologie

4 aprile 2014

Il mese scorso è stata chiusa la centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure. Si tratta di un disastro ambientale e di centinaia di morti causate dalle emissioni di questo impianto. La questione importante che dovrebbe interessare e scuotere quelli che decidono (Sindaci, assessori, presidenti di Provincia e Regione) è che l’ordinanza, con cui il giudice ha disposto il sequestro della centrale,  parla di nesso di causalità tra le emissioni, le morti e le patologie.
Il Sindaco di Campi, la giunta, la maggioranza e tutti i politici che sostengono l’inceneritore di Case Passerini sono adesso responsabili di tutti i danni che causeranno le emissioni dell’inceneritore di Case Passerini, dico adesso perche solo adesso possono opporsi per evitare le morti e il disastro ambientale come  accaduto a Vado Ligure.
I cittadini non vogliono leggere sul giornale, tra dieci anni,  delle morti causate dall’inceneritore di Case Passerini.
Questi cosiddetti politici dovrebbero adesso applicare il principio di precauzione, tutelare prima di tutto  la salute della collettività, delle prossime generazioni e non sprecare milioni di soldi pubblici.
Quando interviene la magistratura è troppo  tardi perche i danni sono gia fatti.
Perchè deve intervenire sempre la magistratura per i disastri, le ruberie, gli sprechi  e corruzioni a tutti i livelli??
Cosa fanno i politici per evitare i disastri, le ruberie, gli sprechi e corruzioni a tutti i livelli??
Pietro Mugione

Tirreno Power Perizia Giurata Stevanin.pdf
Tirreno Power Ordinanza.pdf
Tirreno Power.docx

Fratellanza Popolare: Apertura centro raccolta beni per popolazioni sarde colpite dall’alluvione

3 dicembre 2013

La Fratellanza Popolare San Donnino, insieme ai Volontari dell’Associazione campigiana “Giovediamoci” sta organizzando,presso la propria sede, una raccolta di beni da destinare alle zone alluvionate della Sardegna.
L’idea, nata dal gruppo “Giovediamoci” , ha visto i nostri Volontari iniziare in questi giorni la raccolta di merce per poter inviare aiuti quanto prima alla Pubblica Assistenza di Olbia con la quale abbiamo preso contatti ed abbiamo stabilito , in base alla necessità, cosa raccogliere.
Le richieste che al momento ci sono arrivate sono per vestiario da bambini, giocattoli e detersivi.
Chiediamo a tutti i cittadini, per quanto loro possibile, di portare aiuti presso la nostra sede.
“ L’idea che ci ha lanciato giovediamoci ci è sembrata fin da subito giusta e ci siamo messi subito al lavoro insieme a loro per raccogliere i beni da inviare dopo aver contattato la Pubblica di Olbia per valutare se l’operazione fosse utile” afferma Lucia Chieffo , Vicepresidente della Fratellanza che aggiunge “ è nell’indole dei nostri Volontari aiutare chi ha bisogno e per questo l’idea di portare aiuti a chi è stato cosi duramente colpito da una calamità ha suscitato subito il favore dei nostri Volontari”.
“ Abbiamo deciso, in questi primi aiuti, visto l’approssimarsi del Natale, di raccogliere giocattoli per i bambini che purtroppo passeranno il Natale fuori dalla propria casa e senza i propri oggetti cari perché ci sembrano le persone piu’ deboli di fronte ad una tragedia di quelle dimensioni. Ringrazio i ragazzi di Giovediamoci perché la collaborazione tra Associazioni per uno scopo cosi’ importante è una cosa in cui la Fratellanza crede e spera di poter sempre contare” conclude il Presidente Alessio Ciriolo La sede della P.A. Fratellanza Popolare ha il ruolo di punto di raccolta ogni giorno fino al 9/12.
Preghiamo tutti, nel rispetto di chi riceverà gli aiuti , di portare oggetti che , seppur usati, siano in discreta condizione.
La prima spedizione verrà effettuata il 10 dicembre e, nel caso gli aiuti che arriveranno siano molti, verranno organizzate ulteriori consegne.
Per ulteriori info : http://www.fratellanzasandonnino.it, 055- 899211

Volontari della Misericordia di Campi a Fivizzano, i volontari campigiani ancora una volta in prima linea per l’assistenza alle popolazioni colpite dal sisma

2 luglio 2013

La Misericordia di Campi Bisenzio si sta attivando per l’invio di alcuni volontari della Protezione Civile in Lunigiana. La permanenza delle squadre sarà di tre giorni con partenza oggi, martedi 2 Luglio nel pomeriggio e ritorno giovedi 4 Luglio. La zona operativa sarà quella di Fivizzano, dove la situazione è abbastanza complessa, e dove i volontari stanno gestendo i punti di accoglienza per la popolazione che non può rientrare nella abitazioni. Qualche edificio ha infatti subito dei danni e sono in corso o vari sopralluoghi, per il susseguirsi di numerose scosse di assestamento.

La Fratellanza Popolare di San Donnino interviene a Fivizzano

25 giugno 2013

IMG-20130624-WA0000Una squadra di protezione civile della Fratellanza Popolare di San Donnino è partita ieri alle 9.30 con la colonna mobile nazionale ANPAS. Fabrizio, Sergio e Tommaso sono i tre volontari della Fra-Pop che hanno portato con se un mezzo furgonato 4×4, allestito per le emergenze di Protezione Civile, partiti con destinazione FIVIZZANO. Oltre a questo, a Firenze in ANPAS, hanno prelevato del materiale pe la cucina da campo che sarà allestita nel campo sportivo di Fivizzano, dove saranno garantiti servizi preventivi per la popolazione, che volesse appoggiarsi strutturalmente e psicologicamente alle nostre strutture ANPAS. Altre partenze sono previste da mercoledì 26/6 con altri 3 volontari ed un altro mezzo furgonato.

La Fratellanza Popolare di San Donnino a Mirandola (Mo) per allestire un campo di assistenza alla popolazione dopo il terremoto

21 Mag 2012

La Fratellanza Popolare di San Donnino ha inviato ieri sera con la colonna ANPAS Toscana, 4 volontari ed un mezzo per allestire un campo a Mirandola in provincia di Modena, epicentro ed uno dei due comuni più colpiti dal sisma assieme e Finale Emilia. La partenza è avvenuta ieri alle 20:00 e da questa notte stanno lavorando al montaggio delle tende. Vi terrò informato sull’opera dei nostri volontari e se ci sono altre realtà di assistenza e protezione civile campigiane che presteranno la loro opera nei luoghi del terremoto di ieri. Intanto allego una foto degli amici di San Donnino.

Un “sostegno per gli anziani” per combattere la crisi economica, lo offre Fratellanza Popolare di San Donnino dal 1° marzo

28 febbraio 2012

Il Poliambulatorio della FraPop

La Fratellanza Popolare di San Donnino dal 1 Marzo offre dei percorsi promozionali presso il proprio Poliambulatorio di via delle Molina 56 a San Donnino. L’Associazione, da sempre attenta alla salute dei cittadini, in un periodo di forte crisi economica ha pensato di aiutare le fasce piu’ deboli della popolazione riducendo ogni mese il prezzo di una delle 18 specialistiche presenti nel poliambulatorio. La prima iniziativa, che si svolgerà dal 1 al 31 di Marzo, sarà l’applicazione di una forte riduzione al prezzo del pacchetto cardiologico alle persone con piu’ di 70 anni. Agli over 70 il pacchetto cardiologico (visita + e.c.g+ eco) infatti costerà 89,00 € con un risparmio di circa il 30 % sulla tariffa soci standard. Per i NON soci il pacchetto cardiologico scontato verrà 105,00 €. L’iniziativa vuole essere di aiuto per coloro che hanno necessità di svolgere la consulenza cardiologica in tempi brevi e sarà l’occasione per il medico cardiologo dell’Associazione, per sensibilizzare i pazienti sui rischi delle malattie cardiovascolari.
“In un periodo di difficoltà economiche l’Associazione ha deciso di provare ad aiutare le persone piu’ anziane ed in difficoltà nello spirito di assistenza che da sempre ci contraddistingue come organizzazione no-profit non dominata dal profitto ma dagli ideali di solidarietà ed assistenza. Questi sono i valori propri del Volontariato e che da sempre la Fratellanza Popolare San Donnino adotta per ogni iniziativa “ afferma Alessio Ciriolo Presidente dell’Associazione.  “I nostri ambulatori contribuiscono con le loro 3500 visite annuali erogate, a garantire servizi ai cittadini della nostra comunità e delle frazioni limitrofe garantendo l’effettuazione dei servizi richiesti in tempi certi e brevi, contribuendo anche alla calmierazione dei prezzi”.
Il Dott. Buonincontri, cardiologo presso l’Associazione da cinque anni, ha parlato dell’iniziativa: “Ho accolto con entusiasmo la proposta della Fratellanza di proporre per un mese questa campagna agli anziani oltre 70 anni. La campagna, oltre che da motivi economici, è motivata dal fatto che l’incidenza di malattie cardiovascolari aumenta con l’età. Quindi un ambulatorio dedicato diventa un’ occasione per sensibilizzare i pazienti ed i familiari verso una patologia che ha una altissima incidenza ed è fra le maggiori cause di morte ed invalidità”
Presso l’Associazione continuano molte altre campagne di sensibilizzazione come il progetto NEI volto alla prevenzione del melanoma e per il quale è possibile prenotare una visita ogni giovedi mattina. Per i pazienti sarà possibile prenotare visite il mercoledi pomeriggio o il sabato mattina. Per le prenotazioni il numero da chiamare è 055 899211. Ulteriori info su http://www.fratellanzasandonnino.it

Campi è la città fiorentina con la percentuale più alta di immigrati; i cinesi che ci vivono sono di più di quelli che ci lavorano

24 febbraio 2011

Se ne parlerà al convegno “Le vie dell’inte(g)razione” il 25 febbraio al teatro Dante.
Il sindaco Chini: “Vent’anni fa ci chiamarono razzisti, ma avevamo ragione”.
Campi Bisenzio è il Comune della Provincia di Firenze con il maggior numero di immigrati in rapporto alla popolazione residente. Secondo i dati diffusi dall’amministrazione comunale, al 31 dicembre 2010 gli stranieri che abitano a Campi erano 6.923 su un totale di 43.901 residenti (il 15,77%). Campi è anche la seconda città dell’area fiorentina, dopo il capoluogo, per densità di popolazione (1.567,9 abitanti/kmq) e, insieme a Vicchio, quella con il più alto tasso di natalità (11,6%). I cittadini stranieri che vivono a Campi provengono da 89 Paesi diversi.
Di questi e altri dati si discuterà in una tavola rotonda su immigrazione e integrazione, intitolata “Le esperienze di Campi Bisenzio e Santa Croce sull’Arno”, che si svolgerà durante il convegno “Le vie dell’inte(g)razione” che si terrà il 25 febbraio al teatro Dante. All’incontro parteciperanno il sindaco Adriano Chini, l’imprenditrice Sara Lin (è anche la prima cittadina di origine cinese eletta in un’assemblea di partito nell’area fiorentina), il sindaco di Santa Croce Osvaldo Ciaponi e Osmani Abedin dell’associazione multiculturale “Uniti per l’uguaglianza”.
La nazionalità più presente a Campi si conferma quella cinese (3015 persone), seguita a molta distanza da quella albanese e rumena: tra il 2009 e il 2010 il numero dei cittadini di origine cinese è aumentato di 329 unità, ma la loro presenza è ormai stabilmente sotto il 50% (il 43,58%).Un dato significativo sopratutto se paragonato alla situazione del 1990, l’anno in cui la popolazione di San Donnino raddoppiò quasi, nel giro di pochi mesi, per l’affluenza di persone provenienti dalla Repubblica popolare cinese. Allora i cinesi rappresentavano il 62,2% dei cittadini stranieri di Campi. Non solo: nel 2010, a vent’anni di distanza, i cinesi non sono più concentrati in una sola frazione ma distribuiti in tutto il territorio comunale e il numero di coloro che vivono in centro (2193) è sensibilmente più alto di quelli che abitano a San Donnino (1404). Senza contare che oggi Campi ha un assessore di origine cinese, Hongyu Lin, che ha la delega ai rapporti con la comunità dei suoi connazionali: un fatto impensabile solo fino a pochi anni fa.
“Vent’anni fa – dice il sindaco di Campi, Adriano Chini – facemmo la scelta di non lasciare che la popolazione di origine cinese si concentrasse in una sola zona della città. Per questo, qualcuno arrivò anche a definirci “razzisti”. Ora i fatti ci danno ragione. Da quello che ci risulta, oggi per i cinesi Campi è molto più un luogo di residenza che solo di produzione, com’era in passato. Segno che il processo di integrazione sta andando avanti”.
Nel 2003 il Comune di Campi ha firmato un protocollo d’intesa con la Provincia per la diffusione di conoscenze e sensibilità positive sull’accoglienza, la cooperazione e l’integrazione sociale.
“La strada che stiamo seguendo – commenta l’assessore all’Immigrazione, Nadia Conti – è quella di tenere insieme identità e differenza in un rapporto costante di interazione. Sopratutto da due anni a questa parte, a Campi sta succedendo un fatto importante: le persone di origini non italiane sono state stimolate ad incontrare l’amministrazione e a incontrarsi, a stabilire un rapporto fiduciario con chi li rappresenta, a partire da un punto chiaro: le regole devono essere uguali per tutte e tutti”.
Cinque tavole rotonde, quasi tutte moderate da amministratori e politici under 30, prenderanno in analisi le esperienze di integrazione maturate negli ultimi 20 anni in Toscana, per poi allargare il confronto sulle problematiche e le sfide – culturali, economiche e sociali – poste dai fenomeni migratori in generale.
Tra i dibattiti, quello tra il sindaco di Prato Cenni, il segretario della Cgil Toscana Alessio Gramolati, il responsabile delle Politiche del territorio del Pd Claudio Martini e il sociologo Giandomenico Amendola; il “dialogo” tra il governatore della Toscana Rossi e don Giovanni Momigli, il parroco di San Donnino che all’inizio degli anni 90 si trovò ad affrontare una massiccia e improvvisa affluenza di cittadini cinesi nella piccola frazione; il presidente della Provincia di Prato Lamberto Gestri e il segretario del Pd toscano Andrea Manciulli si confronteranno invece con l’onorevole Cuperlo e Roberto Cartocci, docente di Scienza Politica all’Università di Bologna, su “Cultura e politica per un governo dell’integrazione”.
Al convegno parteciperà anche Massimo D’Alema, già presidente del consiglio e ministro degli Esteri, che sarà intervistato dal giornalista Ninni Andriolo: un’occasione per parlare degli eventi che stanno sconvolgendo la Libia e il Nord Africa.

Partito questa notte un furgone della Fratellanza Popolare di S.Donnino per portare materiale in Abruzzo

19 aprile 2009

Sono partiti nella notte  e torneranno questa sera i volontari della Fratellanza Popolare di San Donnino, per portare gli aiuti alle popolazioni vittime del sisma. Questa volta non sono partiti i volontari di protezione civile che sono stati impegnati, la scorsa settimana, per montare i campi base, ma altri volontari che porteranno del materiale raccolto in questi giorni presso la sede di San Donnino. Hanno raccolto ed acquistato come associazione, grazie anche all’aiuto di cittadini ed aziende: lavatrici, detersivi, asciugamani e accappatoi, stendini, tubi innocenti, ciabatte e materiale elettrico. (intervistati anche da STUDIO APERTO .. vedi il video).
“La raccolta non finirà e faremo sapere ai cittadini quali altri passaggi saranno utili” mi hanno comunicato. L’iniziativa di raccolta che hanno intrapreso come associazione è direttamente rapportata con il campo base di Acqua Santa, dove hanno inviato un fax con il materile raccolto e il campo base ha dato l’ok per portarlo.
E’ importante non fare raccolte a caso, ma mirate, settimana per settimana in base alle esigenze dei campi base allestiti. Questa è la prima spedizione che effettuano con i furgoni, e sono pronti per eventuali altre esigenze della popolazione colpita dal disastro.
L’ associazione è aperta a tutti i quesiti che i cittadini vorranno porre per aiutare i terremotati. Fratellanza Popolare San Donnino, via delle Molina 56/b – San Donnino – 055899211.

foto1111