Posts Tagged ‘ponte’

Anche il Tandem di Pace all’inaugurazione della Mezzana Perfetti Ricasoli

28 marzo 2014

Il Tandem di Pace sarà presente all’inaugurazione del sottopasso che collega la via Barberinese con l’asse Mezzana – Perfetti Ricasoli presso la frazione del Rosi, che avverrà il giorno 31 Marzo alle 16.30. Si tratta di un’opera che, collegando direttamente i comuni di Calenzano e quello di Campi Bisenzio, migliora in modo sostanziale la viabilità. E’ un’opera importante anche per chi utilizza la bicicletta perchè sono stati resi ciclabili alcuni tratti dell’argine del fiume la Marinella. Il Tandem di Pace è un’associazione impegnata in viaggi di solidarietà e nel favorire lo sviluppo della ciclabilità nel nostro territorio. Nell’ottobre scorso nell’ambito dei Laboratori Civici promossi dal Comune di Campi Bisenzio ha consegnato ai Sindaci di Campi Bisenzio, Signa, Sesto Fiorentino e Calenzano un progetto dal titolo “la bici nella piana va sana e va lontana”. Un progetto che ha come obiettivo quello di migliorare i collegamenti ciclabili tra i comuni della piana. Quest’opera, nel suo complesso, va nella direzione da noi auspicata. Per questo saremo presenti all’inaugurazione. Ci muoveremo da Villa Rucellai alle 16.00 per raggiungere il nuovo sottopasso proprio in bici, attraverso un bel percorso ciclabile lungo gli argini del Bisenzio e della Marinella. Un modo anche per conoscere il nostro territorio. Ci piacerebbe molto se a noi si unisse anche il Sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi al quale abbiamo già inviato un invito formale. Ci saranno anche i ragazzi del Liceo Agnoletti che dal 22 al 27 Aprile prossimi pedaleranno con il tandem di pace in Sardegna in un viaggio di solidarietà in collaborazione con il comune di Olbia, l’ANPAS della regione Sardegna e la Presidenza del Consiglio comunale di Campi Bisenzio.

Il nuovo sottopasso della ferrovia (fonte GoNews.it)

Ponte di Via Einstein: un esperimento per migliorare la viabilità ai lavoratori della zona

27 gennaio 2014
Il semaforo sul ponte di via Einstein

Il semaforo sul ponte di via Einstein

L’Assessore Nucciotti ha comunicato oggi che “stiamo procedendo all’installazione del semaforo sul ponte Einstein; verrà attivato la settimana prossima e permetterà la viabilità a senso unico alternato sul ponte”.
“E’ un provvedimento temporaneo richiesto da tempo dai lavoratori e dalle aziende della zona, è un intervento in attesa dei lavori di riapertura del ponte. La valutazione dell’utilità o meno verrà fatta – continua Nucciotti – dopo un periodo di prova. La volontà dell’Amministrazione è comunque quella di intervenire per i lavori della riapertura totale del ponte in questo anno.”
“Quando si attuano dei provvedimenti, la volontà è sempre quella di andare a migliorare una situazione problematica, le sperimentazioni servono appunto per questo, valuteremo nel merito fra qualche mese, non tralasciando l’importanza della riapertura totale.”
E conclude “Come detto sopra è una sperimentazione…valuteremo insieme quello che sarà l’esito, dell’installazione del semaforo, ma se non proviamo a fare le cose non potremo mai sapere come sarebbe andata.”
Il ponte a quanto si parla è stato danneggiato da un TIR, pare straniero, che poi non ha lasciato gli estremi per l’assicurazione. Paradossalmente si parla di molte persone che lo hanno visto, ma i vigili sembra non siano intervenuti in tempo utile per trovarlo incastrato e la problematica è ricaduta sulle spalle del nostro comune, con tutte le ricadute economiche che ne conseguono.
Speriamo almeno che la sperimentazione funzioni, in attesa della tanto attesa riapertura di un ponte che ha un valore altissimo nella viabilità di una zona già congestionata.

Sceglie la morte sotto le luci scintillanti del Natale .. una triste vicenda che ci deve far riflettere !

30 dicembre 2012

CAMPI BISENZIO – Era disoccupato da un po’ di tempo il giovane campigiano, di 29 anni che questo pomeriggio si è tolto la vita impiccandosi al ponte pedonale di San Piero a Ponti. Il corpo è stato scoperto da un uomo che attorno alle 16 stava facendo footing e si è trovato a passare sulla passerella pedonale. Sul posto sono intervenuti i volontari della Misericordia di San Piero a Ponti e i carabinieri. (27 dicembre da piananotizie)

Non si sono ancora spente le luci del Natale che un’altra giovane vita ha smesso di palpitare.
Poche scarne righe su un sito di informazione locale per raccontare l’ennesima tragedia di un giovane campigiano afflitto dal male di vivere e che di vivere non aveva più voglia.
Sembra fosse disoccupato.
Certo non è colpa dell’amministrazione comunale, non è colpa del sindaco né degli assessori, né della politica e delle istituzioni in genere, però sarebbe giusto che queste persone riflettessero ogni tanto sui problemi reali della gente comune.
Ogni vita che si spegne in questo modo è un campanello d’allarme, una sconfitta, per una comunità e, credo non servirebbe, tanto per lavarsi la coscienza, dire che “è sempre successo” “era depresso” e girarsi dall’altra parte.
Bisognerebbe interrogarsi per esempio sulla qualità della vita nelle nostre città, nei nostri paesi.
Bisognerebbe in qualche modo sostenere, aiutare, prendersi cura dei più deboli, dei più fragili perchè vecchi, disoccupati, ammalati, giovani senza più prospettive.
Chiedersi anche se Campi è un posto per giovani, cosa viene offerto loro, se si dedicano loro spazi e tempo se ci si prende cura di loro, se si offre loro qualcosa, magari un posto dove ritrovarsi (che non sia il Centro Commerciale) se si offrono loro progetti da coltivare, valori che siano fari nella notte di questo momento buio per tutti.
Si percepisce invece un gran vuoto, è il vuoto delle piazze la sera, il vuoto nelle chiese, nella case del popolo ormai frequentate quasi unicamente da vecchi perché ai giovani si è dato troppo poco spazio e ha fatto comodo che si dirigessero per il loro “divertimento” verso Firenze, Prato, appunto i Centri Commerciali così tanto alienanti.
Un’altra vita che si spegne insieme alle luci di Natale e che dovrebbe almeno squarciare il velo dell’ipocrisia che incombe sulla nostra società. Speriamo che anche quest’altra giovane vita non sia finita invano.

Viviana

Torna ‘Liberi di Pedalare’, il tradizionale percorso in bici alla scoperta dei luoghi della Liberazione

1 settembre 2012

L’appuntamento è per domenica 2 settembre, con partenza alle 8.30 da San Donnino.
Domenica 2 settembre tutti in bici per scoprire e ricordare i luoghi simbolo del fronte sull’Arno. Giunge infatti alla sua sesta edizione Liberi di Pedalare, la manifestazione che è nata con l’obiettivo di commemorare la Liberazione del 1944. Un percorso in bicicletta, aperto a tutti, si snoda attraverso i luoghi dove si sono svolte le più significative battaglie tra forze alleate ed esercito tedesco nell’agosto del ‘44. L’edizione 2012 prenderà il via da Campi Bisenzio, in piazza della Costituzione a San Donnino, dove dalle 8.30 sarà aperto un stand accoglienza per i ciclisti. Alle ore 9 avrà inizio la pedalata in direzione Signa, incontrando così il ponte sul Bisenzio a San Mauro, il primo di quelli presenti nel percorso. Si continua per Lastra a Signa e Badia a Settimo. Ultime tappe Ugnano, Cascine e Parco dei Renai a Signa, dove si svolgerà il pranzo che chiuderà l’evento. Quest’anno, a causa dello sciopero degli agenti della polizia muncipale del Comune di Firenze, la pedalata non raggiungerà il centro storico del capoluogo toscano.
«Dobbiamo essere orgogliosi di ospitare la partenza di un evento così importante», commenta il Presidente del Consiglio Alessandro Tesi. Data la facilità del percorso, adatto anche a famiglie con bambini, nel corso di questi anni il numero dei partecipanti è sempre aumentato, fino a superare quota 600. «Ma il successo – conclude Tesi – è dato anche dalla scelta di ricordare eventi storici importanti percorrendo il territorio in bici: un approccio diverso che permette di collegare fatti e luoghi». L’iniziativa, promossa dalla Presidenza del Consiglio comunale, è organizzata dalla Fratellanza Popolare di San Donnino, mentre la Sezione Soci Coop di Campi Bisenzio garantirà un punto ristoro che sarà allestito lungo la pista ciclabile sull’Arno, all’altezza della Stazione Ferroviaria di San Donnino (tra la tappa Cascine e quella conclusiva Signa – Renai). Per informazioni è possibile consultare il sito web del Comune di Campi Bisenzio (www.comune.campi-bisenzio.fi.it) o contattare la Presidenza del Consiglio al numero 055 8959575.

Liberi di Pedalare 2012 (domenica 2 settembre) per ricordare l’agosto del 1944

30 agosto 2012

Collegamento Pedonale, Via 1°Maggio – Ponte alla Baccellina, presentazione del progetto preliminare il 7 giugno a San Piero a Ponti

6 giugno 2012

Il prossimo 7 giugno (giovedì prossimo), si parla del progetto preliminare del collegamento pedonale nella Strada Regionale 66, che va da via 1° Maggio al Ponte alla Baccellina, in Località San Piero a Ponti. L’assemblea pubblica che è aperta a tutta la cittadinanza, ha come argomento la presentazione del progetto preliminare sopra accennato e vedrà la partecipazione del Sindaco di Campi  e quello di Signa. L’incontro si terrà presso il Circolo Rinascita di San Piero a Ponti dalle ore 21.15

 

Un Parco Avventura ai Gigli, con la Regione Umbria fino all’11 giugno

8 giugno 2011

Un ponte tibetano e altre “difficili” prove da “adventure” si possono liberamente provare in Corte Lunga al centro commerciale I GIGLI fino a sabato 11 giugno. Il “Parco avventura” per i più piccini è un’installazione realizzata da Regione Umbria e Camere di commercio dell’Umbria.
Un percorso avventura in miniatura resterà allestito, per la gioia dei bambini che avranno l’accesso gratuito al “Parco avventura” allestito in Corte Lunga fino a sabato 11 giugno.
Disponibile ogni giorno dalle 11 alle 19, il percorso è stato allestito dalla Regione Umbria e dalle Camere di commercio dell’Umbria ospiti del centro commerciale I Gigli.
Il percorso prevede un’area recintata dove si trova un piccolo ponte tibetano, corde da arrampicata e altre prove tipiche delle aree d’allenamento per gli esperti in “trekking adventure”.

Liberi di Pedalare 2010 sui sentieri della memoria, il programma della giornata

15 settembre 2010

Tutti in bici per scoprire e ricordare i luoghi simbolo del fronte sull’Arno. Partirà da Campi Bisenzio, domenica 19 settembre, «Liberi di pedalare», la manifestazione, giunta alla sua quarta edizione, nata con l’obiettivo di commemorare la Liberazione del 1944. Un percorso in bicicletta, aperto a tutti, si snoda attraverso i luoghi dove si sono svolte le più significative battaglie tra forze alleate ed esercito tedesco nell’agosto del ‘44. La partenza è fissata alle ore 9.00 in piazza Costituzione, nella frazione di San Donnino (lo stand di accoglienza aprirà alle 8.30). Da qui i ciclisti proseguiranno fino al ponte sul Bisenzio a San Mauro a Signa. Si continua per Lastra a Signa e Badia a Settimo. Ultime tappe Ugnano, Mantignano, Argingrosso, piazza dell’Isolotto passerella sull’Arno. Alle 11.30 è previsto il passaggio sul ponte Santa Trinita, mentre alle 13.15 la pedalata si concluderà al parco dei Renai, a Signa, con il pranzo offerto dalla Sezione Soci Coop, con i primi piatti preparati dalla Pubblica Assistenza di Signa. Un bus navetta seguirà tutto il percorso per accompagnare, all’arrivo, i ciclisti stanchi.
«Dobbiamo essere orgogliosi di ospitare la partenza di un evento così importante», commenta il Presidente del consiglio comunale, Alessandro Tesi. «Data la facilità del percorso, che è adatto anche alle famiglie con bambini, di anno in anno il numero dei partecipanti è aumentato, fino a superare quota 600». «Ma il successo – conclude Tesi – è dato anche dalla scelta di ricordare eventi storici importanti percorrendo il territorio in bici: un approccio diverso che permette di collegare fatti e luoghi». La Presidenza del Consiglio garantirà un punto ristoro, a cura della Sezione Soci Coop di Campi Bisenzio, che sarà allestito lungo la pista ciclabile sull’Arno, all’altezza della Stazione Ferroviaria di San Donnino (tra la tappa Cascine e quella conclusiva Signa – Renai). Per informazioni è possibile consultare il sito web del Comune di Campi Bisenzio (www.comune.campi-bisenzio.fi.it) o contattare la Presidenza del Consiglio al numero 055-8959575. Volantino della manifestazione (347.25 KB)

Programma:
ore 09.00 San Donnino Campi Bisenzio – Partenza da piazza Costituzione
ore 09.15 San Mauro a Signa – Passaggio sul ponte sul Bisenzio
ore 09.30 Signa – Ritrovo in piazza Cavour, via Roma, Beatino – Lapide dedicata ad Enzo Desideri, ponte sull’Arno con passaggio vicino alla passerella sorta sulle rovine del ponte distrutto dai Tedeschi
ore 09.45 Lastra a Signa – Ritrovo in piazza del Comune, portone di Baccio, via Gora, rovine della porta fiorentina, Parco fluviale
ore 10.15 Badia a Settimo Scandicci – Ritrovo in piazza Vittorio Veneto sosta davanti al campanile della Badia ed alle rovine del Colombaione, sosta ristoro
ore 10.45 Firenze Ugnano con sosta davanti alla Chiesa, Mantignano, Argin Grosso, piazza dell’Isolotto, passerella sull’Arno
ore 11.30 Ponte Santa Trinita
ore 13.15 Signa – Arrivo nel Parco dei Renai

Info: Presidenza del Consiglio al numero di telefono 055 8959575. Pranzo offerto dalla Sezione Soci Coop con i primi piatti preparati dalla Pubblica Assistenza di Signa. Un bus navetta seguirà tutto il percorso per accompagnare, all’arrivo, i ciclisti stanchi.

Bisenzio in piena per la neve disciolta rapidamente e dalle abbondanti piogge

29 dicembre 2009

Dopo quanto accaduto lungo la valle del Serchio fra le provincie di Lucca e Pisa, devo dire che il nostro vecchio fiume ha retto bene alle ondate di piena che si sono susseguite in questi ultimi giorni. Messo a dura prova dall’abbondante pioggia con una temperatura primaverile, che ha sciolto tutta le neve caduta il 18 dicembre e successivamente dalle incessanti piogge che si sono abbattute senza tregua nell’alta valle del Bisenzio, diverse sono state le ondate di piena che sono passate attraverso il grande corso d’acqua che attraversa il nostro abitato.
Una prima ondata è stata registrata il 22 dicembre intorno alle ore 23 con le acque hanno superato il livello di prima allerta, alla stazione idrografica di S.Piero a Ponti.
La seconda ondata significativa è stata alle ore 6 del 23 dicembre, con il livello che si è innalzato nuovamente fino a 5,50 metri (2 mt sul livello di prima allerta).
Successivamente un nuovo picco si è registrato ancora il 24 dicembre alle ore 23.45 con un livello massimo di 5,20 metri ed un ultimo ma non meno importante il 26 dicembre, alle ore 5.45 con un livello che ha sfiorato i 6 metri , vicinissimo al secondo livello di criticità.
Sicuramente l’Arno ha favorito il deflusso delle acque del Bisenzio, assorbendo bene le varie ondate di piena. Già da martedì si è attivata in maniera automatica la sorveglianza dei nodi critici dei corsi d’acqua, richiedendo anche l’impiego straordinario del personale del Consorzio per monitorare il corretto funzionamento degli impianti di separazione dei fossi minori.
L’impianto idrovoro di Crucignano ha infatti difeso l’area industriale di Capalle dove ci sono i Gigli e quello della Viaccia ha difeso la zona industriale dell’Osmannoro e le zone abitate adiacenti. Anche l’impianto di San Donnino, con le sue grandi paratoie è stato chiuso per evitare la risalita a monte delle acqua in piena del Bisenzio, che avrebbero potuto invadere le zone di via Palagetta, San Donnino e San Piero a Ponti.
Se avete delle foto significative di questi giorni speditemele a campibisenzio@gmail.com, le pubblicherò volentieri in coda a questo post.

Quale futuro per Via Prunaia?

25 settembre 2008

Carissimi amici, è con piacere che introduco il primo “aiutante blogger” di campibisenzioblog. Vi presento subito un’articolo di Mirko Bisori, un giovane campigiano di 19 anni, diplomato questo anno al liceo scientifico ed impiegato attualmente come grafico in un’ azienda editoriale di Campi. Fra i suoi hobby c’è il teatro ed adesso un’altro ne sta nascendo, raccontare la nostra Campi Bisenzio. Vorrei che anche voi possiate dargli un degno benvenuto e servirvi del suo volenteroso esempio per aiutarci a far sentire la voce dei campigiani sul web … intervenite con i vostri commenti … auguri Mirko, benvenuto !

Da troppi anni via Prunaia all’altezza dell’intersezione con il sottopasso autostradale è interrotta a causa dei lavori di ampliamento della terza corsia autostradale (ora terminati). Il sottopasso precedente è stato ampliato con uno nuovo ed è stata approntata una nuova viabilità in direzione di Sesto Fiorentino-Firenze con una strada a 2 corsie, una per senso di marcia e una nuova rotatoria, allargata e modificata, su commissione della Società Autostrade per l’Italia (che ha eseguito i lavori). Allo stato attuale la strada, benché nuova, è inutilizzata e all’inizio della nuova rotonda è stato messo un bel cancello di ferro affinchè nessuno possa usufruire di un’opera pubblica, pagata per alleviare i (non pochi) disagi dovuti dai lavori della terza corsia: penso proprio che chi debba andare tutte le mattine da Campi a Firenze sa bene cosa vuol dire la parola Osmannoro…solo code!
Il programma del sindaco Chini per le elezioni amministrative 2008 proponeva “Per la viabilità di interesse comunale […] ampliamento e sistemazione di via Prunaia per il collegamento di via Palagetta con la Circonvallazione nord (rotonda ponte di Maccione), in direzione Campi-Firenze; una domanda nasce spontanea in tutti i cittadini: “a quando i primi agognati lavori?”.
Speriamo di avere al più presto nuove ed interessanti notizie al riguardo.