Posts Tagged ‘paola’

La nascita del primo vocabolario della Crusca: mercoledì 15 con l’AUSER a Villa Montalvo

12 gennaio 2014

Mercoledi 15 Gennaio inizierà la seconda parte de IL TEMPO RITROVATO, ciclo di conferenze organizzate dall’Auser Volontariato di Campi Bisenzio. Si tratta di un evento molto atteso in quanto la conferenza dal titolo: “LA NASCITA DELL’ACCADEMIA E IL PRIMO VOCABOLARIO DELLA CRUSCA” vedrà come relatrice la Prof.ssa PAOLA MANNI Vice Presidente dell’Accademia della Crusca. Parteciperanno il Sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi e il Vicesindaco Monica Roso. L’appuntamento è alle ore 16,30 in Sala Nesti a Villa Montalvo, Via di Limite 15 a Campi Bisenzio.

Di Paola: replica sulle dichiarazioni di voto di Chini

24 maggio 2013

Non si è fatto attendere la replica sulle dichiarazioni di voto del sindaco uscente Chini.
“Stasera il nostro candidato sindaco Michele Di Paola è stato raggiunto da una telefonata di un giornalista che gli chiedeva opinioni riguardo alla dichiarazione di voto del sindaco uscente del Pd di Campi, Adriano Chini, a favore dello stesso Michele Di Paola.” riporta il comunicato. “Michele era in fabbrica, di secondo turno, in produzione e totalmente all’oscuro di questa novità dell’ultima ora: già qua si potrebbe spiegare quanto sono lontani questi due mondi. Da un lato il Pd, un partito che ha gestito e gestisce il potere a livello locale e nazionale, diviso da una guerra intestina lacerante dai contorni politici assai poco chiari, che prova – a poche ore dal silenzio elettorale – a gettare le sue contraddizioni sulla nostra campagna elettorale. Dall’altra, un operaio, in fabbrica, intento a usare le elezioni per rimettere al centro la questione sociale. Due mondi alternativi.”
“Per questo, non possiamo che commentare così le dichiarazioni di Adriano Chini: se Adriano Chini ha cambiato idea su Di Paola, Di Paola non ha cambiato idea sulla giunta e sul partito di Adriano Chini.
Le dichiarazioni di Chini suonano come una smentita del suo stesso passato. Non solo del suo passato di sindaco, ma di tutto il percorso che ha visto tanti compagni piegarsi sempre più a destra in nome della governabilità, accettando lo scioglimento del Pci in Pds, poi Ds, poi Pd, per poi trovarsi al Governo insieme a Berlusconi e Monti. Chini è il personaggio che ha attraversato a Campi l’intero periodo di questa transizione. E questa transizione è oggi sconfitta.E allora su una cosa dobbiamo dare ragione a Chini, solo su una: votare Di Paola è la cosa più sensata, l’unica, che possa fare chiunque voglia ridare alla sinistra il suo senso sociale, di classe e reale.
Ma una presa di posizione del genere, tardiva e improvvisa, assomiglia più a un tentativo di sgambetto nei confronti del nostro candidato che ad un vero appoggio. Le contraddizioni in ogni caso rimangono tutte di Adriano Chini, con il quale noi non abbiamo e non abbiamo avuto alcun rapporto politico se non di opposizione e alternatività politica.”
Al comunicato si associano anche Sandro Targetti capolista econsigliere comunale uscente e Lorenzo Ballerini segretario Rifondazione Comunista Campi Bisenzio.

Un appello dai sostenitori per la candidatura di Michele Di Paola

13 maggio 2013

Abbiamo chiesto a coloro che in questi anni hanno incontrato il circolo di Campi nelle nostre iniziative, nelle nostre feste, nelle nostre assemblee, un appoggio, anche da lontano ma significativo, si legge sul sito di Rifondazione di Campi Bisenzio. La madre di Dax ci ha scritto una mail di poche righe che abbiamo ritenuto commovente e che ci ripaga da sola del lavoro fatto. E continua – noi non abbiamo fatto questo lavoro per presentarci alle elezioni, per noi le elezioni sono solo una tappa del nostro lavoro. Per questo, siamo lieti che questi legami politici ci accompagnino anche in questa tappa.
“Noi sosteniamo la candidatura di Michele Di Paola a sindaco di Campi Bisenzio per Rifondazione Comunista alle elezioni amministrative del 26 e 27 maggio. Con questa dichiarazione intendiamo sostenere una svolta di classe attraverso la candidatura di un operaio e la presenza di una lista di candidati che vengono dalle lotte del mondo del lavoro e dai movimenti contro l’inceneritore e l’alta velocità. Pensiamo che in questo momento non ci dobbiamo rassegnare ad un messaggio qualunquista che proviene da più parti, ma focalizzare il nostro impegno sulle questioni sociali determinate dalla crisi del capitalismo. Vogliamo ribadire il nostro impegno e la nostra determinazione per i valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo.
Giorgio Cremaschi (sindacalista Fiom, Rete 28 aprile)
Luca Paulesu (autore del libro “Nino mi chiamo”, pronipote di Antonio Gramsci)
Haidi e Giuliano Giuliani (genitori di Carlo Giuliani)
Mauro Monni (attore, autore e regista teatrale)
Sandi Volk (storico, Trieste)
Rosa Piro (mamma di Dax)
Marco Rovelli (scrittore e musicista)
Francesco “Baro” Barilli (scrittore e coordinatore di Reti-invisibili.net)
Maria Iannucci (sorella di Iaio)
Checchino Antonini, Fabio Sebastiani (giornalisti di Liberazione)

Il 26 e 27 maggio: vota un “operaio” in comune – Le proposte del candidato PRC di Campi

7 maggio 2013

Rifondazione Comunista di Campi candida a sindaco un operaio metalmeccanico della Gkn: Michele Di Paola, un delegato sindacale della Fiom. Ecco il comunicato apparso sul sito di Rifondazione: Non abbiamo chiesto a un operaio di mettersi a disposizione della nostra campagna elettorale, ma è la nostra campagna elettoralea mettersi a disposizione della questione operaia e della necessità di una riscossa sociale dei ceti popolari. Insieme al candidato sindaco Michele Di Paola, operaio metalmeccanico Gkn e delegato sindacale Fiom, Rifondazione Comunista riconferma come capolista il consigliere uscente Sandro Targetti che in cinque anni di legislatura è stato praticamente l’unica opposizione presente in consiglio comunale, con 107 presenze su 108 consigli comunali e con la presentazione di 216 atti,che hanno investito temi come il diritto al lavoro, alla casa, la salvaguardia del territorio e l’ambiente. Il resto della lista è composta da operai metalmeccanici di altre aziende, lavoratrici e lavoratori delle cooperative sociali, dei call center, insegnanti, iscritti Fiom e sindacati di base come Usb e Cobas, attivisti No Tav, No inceneritore e membri del gruppo casa. A breve sul sito di Rifondazione Comunista di Campi Bisenzio sarà disponibile il programma e una raccolta delle posizioni prese in consiglio comunale negli ultimi 5 anni. Intanto ecco alcune proposte del candidato Michele Di Paola.
NO INCENERITORI, NO ALLA NUOVA PISTA AEROPORTUALE: le alternative ci sono !! La Piana è già satura di funzioni e di inquinamenti: occorre una svolta radicale nella gestione del territorio!!
Se non vengono cancellate scelte insostenibili per il territorio, come il potenziamento dell’aeroporto, la costruzione degli inceneritori, la realizzazione di nuove autostrade e funzioni, il Parco della Piana non sarà più uno strumento di salvaguardia, ma solo una “foglia di fico” per nuovi scempi ambientali! Occorre respingere la Variante al Piano di Indirizzo Territoriale (PIT), proposta dalla Giunta Regionale Toscana, perchè mette insieme Parco della Piana e potenziamento dell’aeroporto, due scelte in netta contraddizione tra di loro. I Sindaci della Piana, contrari all’ipotesi di nuova pista “parallela-convergente” all’autostrada A11 per il forte impatto sul territorio, non sono però disponibili a rimettere in discussione i progetti di sviluppo urbanistico e confermano la scelta dell’inceneritore. La Valutazione di Impatto Sanitario (VIS) del 2002, che già allora denunciava una situazione molto critica e indicava l’urgenza di concrete azioni di mitigazione, è stata ampiamente superata in negativo dall’aumento del traffico (privato ed aereo) e dalla crescita delle funzioni. Per questo effettuare una nuova VIS ed una Valutazione Ambientale Strategica (VAS) sul complesso dei carichi esistenti e previsti nella Piana, rappresenta una scelta doverosa e obbligata prima di qualsiasi scelta !! Lo scambio “aeroporto-inceneritore” è inaccettabile, è ora di dire basta con il “mercato” degli inquinamenti, occorre lottare con un forte movimento per ridurli drasticamente e non per spostarli da una zona all’altra!
Il PRC di Campi Bisenziopropone concrete alternative per il futuro della Piana Firenze-Prato-Pistoia, a tutela della salute e del lavoro!
profonda revisione del Piano Strutturale di Campi e coordinamento degli strumenti urbanistici in tutta l’area metropolitana per fermare il consumo di territorio, nuove edificazioni e centri commerciali, per riequilibrare le funzioni con interventi di salvaguardia (Parco della Piana), di riqualificazione delle frazioni, recupero e con risposte concrete ai bisogni sociali (nuova edilizia pubblica, servizi, salute, inclusione, scuola, aggregazione…), contro sfratti, emarginazione e razzismo, contro la logica dei Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE);
fermare la costruzione dei nuovi inceneritori, previsti dal Piano Rifiuti (tra cui quello di Case Passerini) mettendo in pratica la strategia rifiuti zero, basata sulla riduzione, differenziazione, recupero-riciclo dei materiali, trattamento a freddo della parte residua e nuovo modo di produrre, distribuire e consumare le merci; rispettare la consultazione svoltasi a Campi nel dicembre 2007 che disse un chiaro No agli inceneritori;
No al progetto di nuova pista ed a qualsiasi potenziamento dell’aeroporto di Firenze, la cui attività va fortemente ridotta, considerato l’impatto già adesso insostenibile per cittadini e lavoratori, gestione unica degli aeroporti di Firenze e Pisa, con collegamenti ferroviari diretti e salvaguardia dell’occupazione;
difesa ed ampliamento degli spazi verdi, come il Parco Iqbal, minacciato da una strada di scorrimento e da nuove costruzioni;
gestione pubblica dei beni comuni, a partire dall’acqua, con Enti di Diritto Pubblico, fuori dalle logiche del profitto e della concorrenza, con la partecipazione ed il controllo delle comunità, nel rispetto dei referendum del giugno 2011;
sviluppare il trasporto pubblico e cambiare il modello di mobilità. Potenziare il trasporto pendolari, lottare contro i tagli e la privatizzazione del servizio ATAF, spostare quote di traffico dalla gomma alla rotaia, garantire manutenzione e sicurezza della rete ferroviaria (basta stragi come quella di Viareggio!), completare il raccordo ferroviario Rifredi-Osmannoro-Campi, realizzare una nuova linea ferroviaria, con strada di scorrimento locale, Prato-Campi-Signa, invece della bretella autostradale, costosa ed invasiva, nuove piste ciclabili; mettere in sicurezza la viabilità, come ad esempio la SR66 Pistoiese (le risorse ci sono: basta rinunciare agli inutili tunnel TAV sotto Firenze!);
tutelare il lavoro con una forte azione per i diritti, la contrattazione, la riconversione ambientale delle produzioni, la messa in sicurezza del territorio, per contrastare il modello “Marchionne”, la liberalizzazione degli orari nella grande distribuzione, la precarietà, gli infortuni e le delocalizzazioni.
SCARICA IL VOLANTINO

Il territorio fra Campi Bisenzio e Prato nell’antichità: L’età del Bronzo

25 agosto 2009

Avevo già introdotto questa iniziativa culturale e storica, colgo quindi l’occasione per proporre anche questo interessante intervento tecnico proposto dalle Archeologhe Gabriella Poggesi e Paola Perazzi, della Soprintendenza per i Beni archeologici della Toscana, sulle pagine di DiSegno Comune di questo mese.
La nuova realtà archeologica emersa negli ultimi anni Novanta in quella parte di pianura compresa fra il fiume Bisenzio ed il piede del rilievo della Calvana, ai confini fra i comuni di Prato e Campi Bisenzio – dove i lavori per la realizzazione dell’Interporto della Toscana centrale hanno determinato l’individuazione di un centro etrusco arcaico – ha nello stesso tempo messo in evidenza le notevoli potenzialità archeologiche di questo territorio, determinando l’avvio di una costante e capillare attività di tutela e di ricerca da parte della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, in occasione della progettazione di alcuni importanti opere pubbliche che attraversavano questo territorio. In particolare, le indagini preliminari effettuate lungo il tracciato del nuovo asse stradale Prato/Mezzana – Firenze/Perfetti Ricasoli, che attraversa alcuni comuni del territorio snodandosi su terrapieno, sono stati individuati, scavati e documentati numerosi contesti archeologici, che vanno dalla Preistoria e Protostoria (Sesto Fiorentino, in corso; Calenzano; Campi Bisenzio), all’età Etrusca (Sesto Fiorentino, in corso) e Romana (Calenzano; Campi Bisenzio). In corrispondenza del settore che interessa il comune di Campi Bisenzio, nel tratto ubicato in prossimità del casello autostradale di Prato Est, le indagini archeologiche hanno consentito di ricondurre all’età del Bronzo una stabile presenza umana nell’area. I costruttivi contatti fra Soprintendenza e Comune, assai interessato alla sua storia più antica, hanno prodotto fin dal 2006 accordi per effettuare i necessari interventi sulla cospicua ed altamente significativa mole di reperti restituiti dalle indagini. Tali accordi vengono oggi riconfermati, traducendosi in un “atto di concessione in comodato gratuito di locali posti all’interno della fattoria del complesso monumentale della Rocca Strozzi”, locali ove si stanno portando avanti le operazioni di lavaggio, siglatura, ricomposizione e documentazione dei materiali archeologici, al fine di “promuovere iniziative per diffondere la conoscenza”, anche in prospettiva di una concordata forma di valorizzazione futura. I lavori, effettuati dagli operatori di Rea – organizzazione scaturita da un gruppo di giovani restauratori associati, già allievi di un corso di formazione Ifts per restauratore di beni archeologici curato da Provincia di Prato, Sbat, Università -, sono tecnicamente diretti da Franco Cecchi del Centro di Restauro della Sbat. E’ giunto ora il momento di informare più dettagliatamente la comunità locale e scientifica dei risultati dei lavori e di quanto ci si attende dagli impegni futuri, attraverso una esposizione di sintesi, ma nello stesso tempo in grado di fornire gli elementi principali sulla antropizzazione antica del territorio, con particolare attenzione alla realtà del secondo millennio. L’esposizione, che si terrà nei locali della Rocca Strozzi, sarà accompagnata da una prima edizione scientifica dei dati.
Gabriella Poggesi e Paola Perazzi Archeologhe della Soprintendenza per i Beni archeologici della Toscana.

Le scuole di Campi promuovono il Natale a favore della solidarietà

4 dicembre 2008

albero_natale4Dall’inizio di questo anno scolastico, due insegnati, sono state ufficialmente incaricate di svolgere il ruolo di coordinatrici delle iniziative di solidarietà nel Circolo Didattico di Campi Bisenzio. La necessità è scaturita, con il fine di poter definire un percorso unico per la solidarietà su tutti i plessi del Circolo e quindi far convergere fondi e le attività proprie degli alunni su associazioni che otterranno in tal modo un beneficio più considerevole da tali iniziative. Paola Carradori e Gabriella Magnolfi, le maestre-ambasciatrici di solidarietà, mi hanno comunicato che anche quest’anno, in occasione del Natale, tante e di diverso tipo sono le iniziative che i plessi di Scuola dell’Infanzia e di Scuola Primaria del Circolo di Campi Bisenzio, hanno organizzato all’interno del progetto “Io e gli altri” per la solidarietà e per questo importante impegno è doveroso citarle con dovizia di particolari.
E’ necessario considerare che le attività educativo-didattiche organizzate nelle scuole permettono ai bambini di conoscere le situazioni di difficoltà nella prospettiva della solidarietà e prevedono feste, mercatini e manifestazioni varie, finalizzate alla raccolta di fondi economici.
Con tali fondi verranno mantenute le dieci adozioni a distanza in Burkina Faso mediante l’Associazione ONLUS ”Amici di Pietro Annigoni”, che il nostro Circolo già da numerosi anni sostiene, per il mantenimento delle dieci adozioni a distanza in Burkina Faso, che prevede un impegno di 300 euro annuali a bambino.
Sempre in Burkina verrà finanziata inoltre la realizzazione di pozzi in alcuni villaggi tramite Don Andrea Pucci che da vari anni è impegnato in progetti di sostegno nel paese africano, l’impegno per la costruzione di ogni pozzo è di 700 euro.
Come lo scorso anno verranno effettuate anche donazioni a favore di altre Associazioni Onlus che intervengono in alcuni plessi per presentare la loro attività e per sensibilizzare gli alunni sull’accoglienza delle varie forme di diversità (Trisomia 21, Unione italiana Ciechi, Telefono Azzurro).
Per raggiungere tale scopo, le insegnati, hanno organizzato alle seguenti attività che si svolgeranno nel mese di dicembre e in particolare nella mattinata del 19, che ricordiamo, avrà solo orario antimeridiano.

PLESSI SCUOLA DELL’INFANZIA

ANDERSEN16/12/08 h.17 locali della scuola – Pesca di beneficenza
TOSCA FIESOLI17/12/08 h.17 locali della scuola – Spettacolo nelle classi e mercatino dei lavori dei bambini
LORENZINI18/12/08 h.17 Limonaia Villa Montalvo – Festa e lotteria
RICCARDO VALERIO17/12/08 h.17 auditorium Rodari – Tombola
DIEGO CIANTI12/12/08 h.17 auditorium Rodari – Spettacolo

PLESSI SCUOLA PRIMARIA

NERUDA – Prima metà di dicembre nei locali della scuola – Mercatino
AURORA GELLI – 19/12/08  locali della scuola – Mercatino scambio per il Burkina e lotteria
FRA’ RISTORO – 18/12/08  h.17 Teatro Dante – Spettacolo con Trisomia 21
LORENZO IL MAGNIFICO – 19/12/08  h. 17 nei locali della scuola – Festa e fiera di beneficenza
SALGARI – 4/12/08  mercato di Capalle – Stand  con vendita dei manufatti dei bambini

Per la Scuola Aurora Gelli di San Martino, ho ricevuto un’ulteriore dettaglio del programma sulle iniziative :
– Dall’ 1 al 15 dicembre nelle classi sarà presente una scatola per raccogliere soldini portati dai bambini e frutto delle loro rinunce;
– Ai rappresentanti di classe sarà chiesto di vendere i biglietti per una lotteria (50 centesimi a biglietto) i cui premi, costituiti a giocattoli, saranno assegnati con un estrazione effettuata il 19/12 al mattino;
– Nell ‘ultima settimana prima delle vacanze di Natale verrà a scuola Don Andrea Pucci per presentare ai ragazzi la sua esperienza nel Burkina;
– Il 19 dicembre sarà allestito un mercatino-scambio nel quale i bambini potranno barattare materiale di cancelleria (penne biro, matite, gomme, quaderni piccoli a quadretti) o di altro tipo (piccoli giocattoli, saponette, sciarpe ) da loro portato in precedenza con del materiale che Don Andrea Pucci può fornirci.
La mattinata del 19 terminerà con i bambini e le insegnanti, mangiando insieme il panettone, ed augurandosi Buone Feste.
Per proposte ed ulteriori informazioni su tali iniziative, attuali e future è possibile contattare la coordinatrice Paola Carradori alla emal del blog.
Da parte mia auguro un prosperoso futuro di iniziative alle due ambasciatrici Paola e Gabriella, confermando il mio totale appoggio alla divulgazione di queste vitali ed importanti attività, che oltre a far capire le necessità e le diversità di tanti coetanei ai nostri figli, offrono concrete e reali possibilità di poter attuare un’efficace aiuto di coloro che realmente ne hanno necessità, senza disperdere denaro, come spesso avviene, in futili regali che finiscono con il passare inosservati in questa era consumistica.

Laboratorio di creatività: l’autostima, il senso del mio valore

20 settembre 2008

Il percorso si propone di creare, attraverso i giochi di apprendimento e le tecniche di counseling, uno spazio condiviso per riflettere sul senso del proprio valore. L’autostima rappresenta il valore che ci riconosciamo. Ci sono almeno cinque componenti fondamentali nella costruzione della propria autostima: Sicurezza, Affiliazione, Progettualità, Competenza e Senso di identità. Su questi 5 pilastri è articolato il percorso avente il seguente programma :

1° INCONTRO: “Autoritratto stimolare il senso di percezione e conoscenza di sé attraverso un’autodescrizione.

2° INCONTRO: “ C’era una volta riflettere sul sentimento di appartenenza e accettazione attraverso l’uso della fiaba.

3° INCONTRO: “Mi fido? Affrontare il tema della fiducia verso di sé e verso l’altro.

4° INCONTRO: I sogni nel cassettoStimolare la nostra creatività per riscoprire i nostri sogni.

5° INCONTRO: “ Il palcoscenicoUn’occasione per prendere coscienza del proprio modo di porsi nella vita, capacità di esporsi e di mostrarsi agli altri

IL LABORATORIO è condotto da: Anna Pecorini Esperta in gestalt counseling – Responsabile d’azienda nell’area Risorse Umane e Paola Lupparelli per l’AUSER, Coordinatrice e responsabile accoglienza. Gli incontri si terranno presso la sala Auser di Capalle, Piazza Togliatti alle 20.30 nei giorni 2, 9, 16, 23 e 30 ottobre. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Paola tel. 338.3246812

Insegnare…uno sguardo verso gli adulti di domani

29 maggio 2008

Oggi offro lo spazio su questo blog ad una maestra che stimo molto e che vuole esprimere il significato della scuola, al di la delle regole e di tanti discorsi, che non tengono conto della passione e del significato di “formare” la coscienza e la conoscenza dei nostri figli … gli adulti di domani. Concludo la mia introduzione offrendo un saluto a tutte le maestre, maestri, professori e professoresse, che con anima e impegno, affrontano questo duro compito ogni giorno e che purtroppo, a volte non vengono apprezzate/i come dovrebbero.

[…] La porta è spalancata, dentro un gran chiasso. Ma quando [l’insegnante] entra, per un istante, magari per un piccolissimo istante, tutto si ferma: decine di occhi curiosi, vitali, bizzarri, si fermano su di lei. E i suoi, in un unico sguardo, su di loro. […] In quell’istante non inizia semplicemente un anno scolastico, con tutta la fatica e anche la prevedibilità della sua routine. Inizia un’avventura. La scuola è un’avventura in cui un adulto accompagna nel cammino della conoscenza e della coscienza chi sarà adulto domani. […] E forse la prima cosa di cui la scuola ha bisogno, più di tutte le più belle riforme che si possono architettare, è proprio questo sguardo diverso. Lo sguardo di quel primo minuto della prima ora.
A volte pensiamo che questa scuola “profonda” sia relativa solo all’esperienza di alcuni grandi che hanno protratto la verità di quel primo sguardo nella pratica delle giornate, delle settimane, dei mesi. Riguardi cioè la caparbietà di un don Milani tra i suoi ragazzi di Barbiana; o la passione travolgente di un don Giussani che sale i gradini del liceo Berchet di Milano; o la pratica umile e sapiente di un maestro per antonomasia come il maestro Lodi. In realtà loro non hanno fatto una scuola speciale: semplicemente hanno colto cosa sia, nella sua sostanza, la scuola.
G. Frangi, Vita 14 settembre 2007
(a cura di Paola Carradori)

Circolo Didattico di Campi Bisenzio, Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI), Tel/Fax: 055 8962201, email: fiee16000b@istruzione.it