Posts Tagged ‘non’

8 marzo al Teatro Dante: “Non c’è duo senza tre” con Katia Beni e Anna Meacci

5 marzo 2014

1798127_10201764183286540_1980051908_n

L’8 marzo alle ore 21.00 al Teatro Dante, due bravissime comiche toscane, Katia Beni e Anna Meacci, nonché amiche dentro e fuori la scena, per una serata speciale in cui le vedremo giocare col pubblico coinvolgendolo attraverso improvvisazioni, sketch di repertorio in assolo o in duo, “Non c’è duo senza tre”. Considerate giocolieri della risata, caratterizzate ciascuna dal proprio stile e dal proprio modo di far ridere partendo chi dalla testa, chi dalla pancia, Katia ed Anna sapranno stimolare tutti i punti erogeni della risata, con un ritmo scandito dal cuore. Due veri e propri clown che sanno farsi da spalla a vicenda, rendendosi irresistibili agli occhi del pubblico. BIGLIETTI

ControComune: Campi risolve il problema dei costi della politica ..?

26 febbraio 2014

Il costo della politica è un tema molto attuale e fin troppo discusso. Apprendo oggi da ControComune, che ha svolto questa verifica per noi, dove (pare) che il nostro comune ha risolto (con sommo piacere di tutti i campigiani) momentaneamente questo problema non pagando i consiglieri..
Proprio così .. e non si può certamente dire che sia stato risolto alla radice, dal momento che questi soldi prima o poi dovranno uscire dalle casse comunali, a meno che i consiglieri non vogliano devolvere (nel pieno stile 5 Stelle) i loro contributi alla popolazione, rinunciandovi. Staremo a vedere, intanto lasciatemi sperare in questo miracolo assieme agli amici di ControComune.
Secondo alcuni calcoli, sempre di ControComune, il Consiglio Comunale campigiano è composto da 24 Consiglieri; approssimando a 50€ il gettone, che gli spetta ad ogni presenza a consigliere, ogni Consiglio Comunale ha un costo politico complessivo di (46,49€ x 24 consiglieri) 1115.76€ (ogni Consiglio Comunale ha ovviamente altri costi).
Dall’insediamento della Giunta Fossi si sono svolti 10 Consigli Comunali Ordinari: 17/6/13 , 9/7/13 , 25/7/13 , 18/9/13 , 30/9/13 , 24/10/13 , 26/11/13 , 17/12/13 , 28/1/14 , 25/2/14; quindi il costo totale, dall’elezione del nuovo Sindaco ad oggi, ammonta a 11.157,60 €, non male come possibile risparmio ..
Consiglieri, stupeteci !!! fateci vedere che avete a cuore le casse del comune ed i cittadini ..

Nei commenti l’aggiornamento a questa notizia ..

Dibattito “Un nuovo centrosinistra: se non ora quando?”: venerdì 11 ottobre alle ore 21:00, presso la Sala Pertini

6 ottobre 2013

Mario Danisi, in qualità di Responsabile Organizzativo dell’Italia dei Valori di Campi Bisenzio, mi prega di comunicare la data di un dibattito dal titolo “Un nuovo centrosinistra: se non ora quando?”, che vuole essere attenta e profonda riflessione sugli scenari che si aprono per questo Paese.
“Negli ultimi mesi, nelle ultime settimane, stiamo assistendo ad eventi nazionali e talvolta anche locali, di carattere politico che sicuramente creano ancor più confusione e disorientamento nell’opinione pubblica in un momento storicamente molto molto difficile, dove ancora quell’orizzonte di ripresa stenta a farsi vedere con chiarezza e fiducia.” – afferma Danisi – “Inutile soffermarsi ora sulle ultime note di cronaca e di politica che proprio in questi ultimissimi giorni hanno accelerato quella che possiamo definire l’inizio di una nuova fase politica, ma è pur sempre utile non distrarsi e soprattutto non dimenticare oggi quel che accade per riuscire a dare spiegazioni a ciò che accadrà domani.”
“La politica, certo con le sue difficoltà e soprattutto diffidenze che negli ultimi tempi ha seminato con scelte e operazioni certo non sempre popolari, è però quel momento sociale dinamico e non statico che dovrebbe comunque camminare sempre nella direzione di quella ricerca di soluzioni e risposte che la gente, i mercati, gli altri Paesi, chiedono con sempre più sollecita frequenza.”
In questo scenario si inserisce un’iniziativa dell’Italia dei Valori di Campi Bisenzio, un dibattito dal titolo “Un nuovo centrosinistra: se non ora quando?” che vuole essere appunto una attenta e profonda riflessione sugli scenari che si aprono per questo Paese, riprendendo il discorso, interrotto, partito con la formula di alcuni anni addietro, la famosa “foto di Vasto”, dove le 3 forze politiche del centrosinistra avevano iniziato questa riflessione e nuova proposta, che proprio a Campi Bisenzio governano la città; ma certamente senza fermarsi qui.
IdV, PD e SEL invitano la cittadinanza ed i media venerdì 11 ottobre alle ore 21:00, presso la Sala Pertini (aula consiliare) del Palazzo Comunale a Campi Bisenzio dove Daniele Calieri, giornalista di “Piananotize.it” sarà moderatore del dibattito al quale interverranno Ignazio Messina, Segretario Nazionale dell’Italia dei Valori, Emiliano Fossi, Sindaco di Campi Bisenzio, Giuseppe Brogi, Segretario Regionale Toscana di Sinistra Ecologia Libertà.

Capodanno 2013 in Teatro a Il Gorinello con la Compagnia Teatrale Histriones

20 dicembre 2012

“La carica dei 100 e più” tra comitati, gruppi e associazioni per fermare gli inceneritori che uccidono in Toscana

10 maggio 2012

In corteo a Firenze contro gli inceneritori di rifiuti e per la realizzazione di progetti alternativi: circa 5.000 persone, venute da tutta la Toscana, hanno dato vita nel pomeriggio di sabato scorso, nel centro della città, ad una manifestazione molto partecipata, pacifica e festosa (oltre 100 le realtà che hanno aderito da tutta la regione, fra cui anche la lista civica No Inceneritore di Campi Bisenzio).
“Quella che i politici stanno facendo è una scelta vecchia e sbagliata – spiega Roberto Menichetti del comitato contro gli inceneritori centro Toscana -, bisogna partire invece da un nuovo concetto di rifiuto. Le esperienze in tutto il mondo ci sono, come possono permettersi invece questi signori di bruciare soldi nella realizzazione degli inceneritori e mettere a grave rischio la salute dei cittadini, com’è dimostrato da tante ricerche, anche tra gli abitanti toscani che vivono vicino ad un termovalorizzatore come per esempio quello di Montale”.
Il corteo è partito dalla Fortezza da Basso. In apertura lo striscione ‘Non bruciamoci il futuro’, seguito dalle insegne di comitati provenienti da Castelfranco, della Valdisieve, della Piana fiorentina, della Versilia, di Prato e Pistoia. Cinque bambini reggevano uno striscione su cui era scritto ‘Non bruciate il nostro futuro’. In via Cavour, sosta davanti alle sedi di Regione, Provincia e Prefettura con un coro di fischietti rivolto al presidente della Provincia Andrea Barducci (l’ente ha recentemente approvato il piano interprovinciale di Firenze-Prato-Pistoia che prevede, tra l’altro, la realizzazione di due nuovi termovalorizzatori nel Fiorentino e l’ampliamento di altri) e contro il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che – hanno spiegato gli organizzatori – “ha incentrato tutta la sua campagna elettorale sugli inceneritori”.
Fonte Ansa e altracitta.org

1°Corsa Podistica “Vivi la Fratres” per le vie di Campi Bisenzio, corsa competitiva e non per la solidarietà (domenica 22 aprile 2012)

17 aprile 2012

Il Gruppo FRATRES di Campi Bisenzio, in collaborazione con il GS Atletica Leggera Signa, organizza per la prossima domenica 22 aprile 2012 il 1° Trofeo “Vivi la FRATRES”, una corsa competitiva di 13,5 Km ed una non competitiva di 3,5 Km per le vie di Campi Bisenzio. Le quote di iscrizione sono di 3€ per la competitiva e 1€ per la non competitiva, per entrambi vale il regolamento UISP. Per i primi 500 iscritti alla gara competitiva è previsto un pacco con prodotti sportivi e sconti. L’incasso sarà devoluto tra le associazioni e fondazioni.
Il Regolamento della gara prevede il ritrovo alle ore 07.00 in via Ombrone a Campi Bisenzio, dove avverrà anche la partenza e l’arrivo.
Parte delle iscrizioni sono state effettuate lo scorso 14 aprile presso la Misericordia di Campi Bisenzio ma è possibile iscriversi anche il giorno stesso della gara. Per eventuali informazioni ed iscrizioni chiamare Massimo Cerbai al numero 3929062852 o tramite fax al numero 055-8972122 oppure via email a gruppocampibisenzio@fratres.eu – atleticasigna@libero.it, oppure Drovandi Enrico 3394683622, Pini Arduino 3388345685, G..S.Atletica Signa 3666713078.
Ristoro previsto a metà percorso ed all’arrivo, è possibile avere il pranzo al costo di 10€ all’interno dei festeggiamenti della Patrona di Campi Bisenzio. I parcheggi sono previsti nelle vicinanze della partenza. Il percorso della gara sarà all’interno del territorio comunale di Campi Bisenzio e sarà oppotunamente segnalato, con un controllo a metà percorso.
Saranno premiati: i primi 25 assoluti, i primi 15 veterani (1953-1962), i primi 10 argento maschili (1952 ed antecedenti), le prime 10 donne e le prime 5 veterane (1962 ed antecedenti). Verranno inoltre premiate le prime 6 società con un minimo di 15 arrivati, con: alla prima classificata un prosciutto, alla seconda una spalla e dalla terza alla sesta dei premi in natura. La premiazione si terrà in Piazza 8 Marzo a Campi Bisenzio alle ore 11.00 circa.
L’organizzazione declina ogni responsabilità recate a persone o cose, si raccomanda comunque tutti i partecipanti il rispetto del codice della strada. Alla gara possono partecipare tutti gli atleti tesserati UISP, FIDAL ed enti di Promozione sportiva, purchè in regola con le vigenti norme sanitarie sportive. Per eventuali informazioni chiamare Massimo Cerbai al numero 3929062852.

Allerta Neve – Domani 1°Febbraio chiuse tutte le Scuole di Campi Bisenzio

31 gennaio 2012

Sul sito del Comune di Campi Bisenzio si legge un comunicato di oggi, nel quale l’Amministrazione invita i cittadini a collaborazione per fronteggiare un’eventuale emergenza. Il Servizio Idrologico regionale ha diramato un avviso si criticità moderata per possibili nevicate e formazioni di ghiaccio dalle ore 15 di domani 31 gennaio alle ore 18 di mercoledì 1° febbraio. ll Comune di Campi Bisenzio ha adottato i provvedimenti previsti dal Piano Comunale Emergenza Neve e costituito il Centro Operativo Comunale.
Considerate le avverse condizioni meteorologiche previste per domani, è stata disposta con ordinanza del sindaco n. 21 del 31 gennaio 2012, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, dei nidi d’infanzia pubblici e privati per mercoledì 1° febbraio 2012. Provvedimento attuato anche nei comuni limitrofi di Prato e Signa (Sesto Fiorentino e Calenzano, alle ore 18.00 ancora non hanno deciso). Ne approfitto per dare alcuni consigli su come comportarsi in caso di neve e ghiaccio (fonte comune di Prato):
Consigli utili in caso di neve o ghiaccio
Cosa fare
Tutti dobbiamo avere a disposizione del sale per tenere pulito l’accesso alla casa e al garage. Chi deve percorrere una rampa è bene che la tenga sgombra da neve e cosparsa di sale. Funziona perfettamente il comune sale grosso da cucina; possiamo tenerne tutti una piccola scorta ed è facile da spargere: va buttato come se si stesse seminando, senza esagerare con le quantità.
In caso di neve e/o ghiaccio è obbligatorio, per conduttori e frontisti di stabili, rendere agibile in condizioni di sicurezza ottimali i tratti di marciapiede, i passaggi pedonali e i passi carrabili davanti ai singoli edifici e negozi (come vorrebbe il regolamento comunale).
Chi vive o lavora in zone particolarmente soggette a neve e ghiaccio (es. zone collinari) deve viaggiare con le gomme da neve o le catene. È importante saperle montare sulla propria auto. Niente vieta di fare una prova!
Chi ha la possibilità di usare un mezzo pubblico lasci a casa la propria auto.
Chi può rimandare appuntamenti e impegni non importanti rimanga a casa!
Cosa NON fare
NON utilizzare, in nessun caso, mezzi a due ruote (biciclette, motorini, scooter).
NON ammassare neve sulla pubblica via o in prossimità dei passaggi pedonali (è vietato e pericoloso).
NON uscire di casa con scarpe non adeguate; è preferibile indossare scarpe con suole in gomma a carroarmato per evitare spiacevoli cadute e incidenti

“Museo Civico Campigiano – No alle spese senza un progetto” : il sindaco non è presente e l’odg presentato dall’opposizione si rimanda alla prossima seduta

23 settembre 2011

Nell’ultimo consiglio comunale del 21 settembre, l’assenza del primo cittadino ha reso impossibile discutere il punto (molto sentito nelle ultime settimane), presentato dai consiglieri comunali L.Campagni del gruppo “P.D.L.”, P.Fedi del gruppo “U.D.C.”, A.Esposito del gruppo “Comitato Civico Campigiano No Inceneritore” e G. Brandino del gruppo misto “Futuro e Libertà per l’Italia”, sul Museo Civico Campigiano relativamente alla richiesta di non proseguire con le spese previste prima di avere un progetto. E’ stato infatti chiesto il rinvio da parte della Giunta perché il sindaco non ha partecipato alla seduta, se non per pochi minuti. Il punto è stato poi iscritto nuovamente all’ordine dei lavori del prossimo Consiglio del 29 settembre 2011. Vedremo come andrà a finire… siamo fiduciosi.

Una proposta di legge per una condanna adeguata a chi uccide sulle strade .. è l’appello di Sergio Cianti

13 giugno 2011

Ricevo e pubblico la lettera di Cianti Sergio, presidente e promotore dell’Ass.Una strada per amica.
In questi ultimi mesi non si è fermata l’escalation di incidenti che hanno troppo spesso mietuto vittime anche nel nostro piccolo territorio. Quanto scritto da Sergio è un momento di riflessione in una commemorazione tenutasi proprio ieri, domenica 12 giugno presso lo stadio comunale di Signa.
Come scrive Sergio “..eravamo presenti come associazione e come familiari di vittime della strada ad una commemorazione religiosa in memoria di una vittima di tale evento, Edoardo Morosi, giovane figlio di un società che lentamente si sta abituando a tali eventi, tanto che la giustizia umana non ha saputo dare risposte adeguate a tale perdita. Ci risuonano nella mente le parole pronunciate da quell’altare, parole di fede, di speranza, parole che indicano che nostro Signore può risolvere le nostre problematiche, di un vivere civile.”
E prosegue “..come associazione che pur nella differenza di ognuno di noi, credenti e non credenti, vogliamo ricordare che nostro Signore ci ha pur detto “dare a Dio, ciò che di Dio e dare a Cesare ciò che è di Cesare”. Oggi abbiamo dato a Dio, la nostra preghiera, la nostra fede.” Domani dobbiamo dare a Cesare la nostra protesta e lo dobbiamo fare in memoria non solo di Edoardo, ma anche delle tante vittime della strada.
La strada sarà sicuramente in salita, ma proviamoci a scuoterci dal torpore che ci sta invadendo, cerchiamo di sorreggere le famiglie colpite non solo per un giorno, cerchiamo giustizia quella divina sappiamo bene che i nostri figli l’hanno già ottenuta.”
E conclude “Chiediamo a Cesare la giustizia umana, quella si che ci manca!” con un’invito a dare forza alla protesta che si sta divulgando via web www.omicidiostradale.it
E noi non possiamo rimanere impassibili a questo ennesimo grido di dolore e lo possiamo fare fornendo il nostro aiuto per una società più giusta dove chi uccide, mettendosi alla guida senza esserne in condizioni (essendo drogato e/o in stato di ebrezza), riceva una condanna adeguata al danno (morte o lesioni gravi) che ha provocato con il suo comportamento irresponsabile.
Ed è vero quello che purtroppo sta accadendo, una vera ingiustizia; perchè se uccidi un ragazzo di 17 anni, invadendo la sua corsia e investendolo in pieno perché ti sei messo alla guida positivo alla cannabis e con un tasso alcolemico che supera di 3 volte il limite di legge (significa aver bevuto 15 birre o 2 bottiglie di vino), non solo non vieni arrestato subito, ma in carcere non ci andrai mai.
Una pena “equa” per il danno provocato e “certa” rappresenta un atto di “prevenzione”. Serve da deterrente e rende un minimo di giustizia a chi ha perso la vita per il comportamento criminale di un guidatore che si è messo alla guida non essendo in condizione di farlo.
La legge che viene proposta aiuterà a salvare vite umane nelle nostre strade e a rendere giustizia a chi sarà colpito ingiustamente.
Visita il sito  per saperne di più, leggi la proposta di legge e aderisci alla questa iniziativa che ad oggi già conta più di 13mila adesioni.
Diventa un cittadino attivo che richiede a chi ci governa una società più sicura e civile.

13 febbraio, le donne scendono in piazza per difendere il valore della loro, della nostra dignità e ci dicono: se non ora, quando?

9 febbraio 2011

In Italia la maggioranza delle donne lavora fuori o dentro casa, crea ricchezza, cerca un lavoro (e una su due non ci riesce), studia, si sacrifica per affermarsi nella professione che si è scelta, si prende cura delle relazioni affettive e familiari, occupandosi di figli, mariti, genitori anziani. Tante sono impegnate nella vita pubblica, in tutti i partiti, nei sindacati, nelle imprese, nelle associazioni e nel volontariato allo scopo di rendere più civile, più ricca e accogliente la società in cui vivono. Hanno considerazione e rispetto di sé, della libertà e della dignità femminile ottenute con il contributo di tante generazioni di donne che – va ricordato nel 150esimo dell’unità d’Italia – hanno costruito la nazione democratica. Questa ricca e varia esperienza di vita è cancellata dalla ripetuta, indecente, ostentata rappresentazione delle donne come nudo oggetto di scambio sessuale, offerta da giornali, televisioni, pubblicità. E ciò non è più tollerabile.
Una cultura diffusa propone alle giovani generazioni di raggiungere mete scintillanti e facili guadagni offrendo bellezza e intelligenza al potente di turno, disposto a sua volta a scambiarle con risorse e ruoli pubblici. Questa mentalità e i comportamenti che ne derivano stanno inquinando la convivenza sociale e l’immagine in cui dovrebbe rispecchiarsi la coscienza civile, etica e religiosa della nazione. Così, senza quasi rendercene conto, abbiamo superato la soglia della decenza. Il modello di relazione tra donne e uomini, ostentato da una delle massime cariche dello Stato, incide profondamente negli stili di vita e nella cultura nazionale, legittimando comportamenti lesivi della dignità delle donne e delle istituzioni. Chi vuole continuare a tacere, sostenere, giustificare, ridurre a vicende private il presente stato di cose, lo faccia assumendosene la pesante responsabilità, anche di fronte alla comunità internazionale.
Noi chiediamo a tutte le donne, senza alcuna distinzione, di difendere il valore della loro, della nostra dignità e diciamo agli uomini: se non ora, quando? è il tempo di dimostrare amicizia verso le donne.
L’APPUNTAMENTO E’ PER IL 13 FEBBRAIO IN OGNI CITTA’ ITALIANA e qui da noi a:
FIRENZE – 13 febbraio, ore 14.00, piazza dei Giudici (corteo che proseguirà fino a piazza della Repubblica)
PRATO – 13 febbraio, ore 14.00, Piazza del Comune
A Campi il Pd in adesione a tale manifestazione, comunica che una “delegazione” (aperta alla partecipazione di chiunque), si ritrova alle 13 davanti alla Coop per andare in autobus a Firenze.
“La manifestazione non è fatta per giudicare altre donne, contro altre donne, o per dividere le donne in buone e cattive. I cartelli o striscioni ne terranno conto. La manifestazione è fatta per esprimere la nostra forza e la nostra determinazione. Siamo donne fiere e orgogliose. Chiediamo dignità e rispetto per noi e per tutte. Siamo gelose della nostra autonomia e non ci lasceremo “usare”. Per questo non ci devono essere simboli politici o sindacali nei nostri cortei: vogliamo che sia anche rispettata la nostra “trasversalità”. La manifestazione è promossa dalle donne, ma – come diciamo nel nostro appello – la partecipazione di uomini amici è richiesta e benvenuta. Cercheremo di parlare prima di tutto alle giovani e ai giovani, di coinvolgerli e di portarli in piazza.
E’ possibile sottoscrivere la petizione della Mobilitazione Donne Italiane, Campi Bisenzio Blog lo ha già fatto ed appoggia pienamente questa protesta per contestare l’immagine delle donne Italiane, lesa dalle altissime cariche di questo Stato e da quanto si legge sui giornali.