Posts Tagged ‘moto’

Gionata Nencini racconta .. un viaggio nel mondo in moto .. da Campi

11 ottobre 2013

Manifesto-Mencini_Moto-2013

“Un viaggio nel mondo in moto” partendo da Campi

7 ottobre 2013

Venerdi 11 ottobre alle ore 21.00 presso la Limonaia di Villa Montalvo, Gionata Nencini raccontera’ del suo viaggio nel mondo in moto da Campi in 8 anni, iniziativa a cura della Presidenza del Consiglio Comunale.  Si tratta di un incontro con il protagonista campigiano del viaggio e il pubblico, una iniziativa raccontata attraverso foto inedite, filmati e esposizione di moto, durante la quale sara’ possibile formulare domande a Gionata e a chi lo ha seguito da vicino su questa meravigliosa avventura conoscitiva. Durante lo svolgimento dell’evento sara’ consegnata al protagonista la medaglia di riconoscimento “Levriero citta’ di Campi”, istituita dalla Presidenza del Consiglio Comunale e rappresentante lo stemma del Comune con una incisione descrittiva dell’iniziativa. Info: Presidenza del Consiglio al numero di telefono 055 8959575.

Rocambolesco incidente sulla Barberinese, fortunatamente senza gravi conseguenze

20 Mag 2013

Un rocambolesco incidente fra due mezzi a due ruote si è verificato sabato mattina verso le ore 09.00 sulla via Barberinese all’altezza del semaforo di via del Paradiso. Uno scooter condotto da una ragazza è entrato in contatto con una moto che transitava in direzione opposta. Non è chiara la esatta dinamica dell’incidente, ma il risultato è stato devastante, dato che la parte posteriore dello scooter è stata staccata di netto. Fortunatamente entrambi i centauri non sono apparsi in gravi condizioni anche se la ragazza è stata portata via dal 118. Sulla strada un sacco di curiosi ed il traffico che ha avuto qualche ripercussione sulla normale circolazione. Questo incidente rimette ancora una volta in tavola la pericolosità di questo tratto di strada.

La moto sulla carreggiata

La moto sulla carreggiata

Lo scooter "tagliato" dalla scontro

Lo scooter “tagliato” dalla scontro

Il pomeriggio nel Parco della Villa Montalvo con il Mercatino della Solidarietà, Sport e Motori

3 giugno 2012

Tanti appuntamenti oggi pomeriggio al parco della Villa Montalvo, in una giornata non troppo soleggiata può far piacere fare un salto le verde e trovare attività interessanti da vedere e partecipare alla solidarietà.

– Il Comitato Pro-Saharawi di Campi organizza dalle 15.30 per tutto il pomeriggio una manifestazione nel parco della Villa Montalvo alla quale sono invitati tutti i bambini e ragazzi, insieme ai loro familiari. Sarà disponibile infatti il mercatino “Balocco di nuovo in gioco”, presso il quale tutti potranno partecipare portando i giocattoli che non usano più e che vogliono disfarsi. Acquistando eventuali giocattoli che piacciono tra quelli presenti potranno partecipare al mantenimento dell’Ospedale situato nei campi dei rifugiati Saharawi nel deserto algerino, costruito grazie ai contributi della Regione Toscana, del comune di Campi Bisenzio e della Pubblica Assistenza di Campi. Al termine del pomeriggio a tutti i presenti sarà offerta una merenda favolosa.

– Nella manifestazione in attuazione “Musica e Sport” alle ore 16.00 si terrà l’esibizione di Boomerang a cura di BELFI ed alle ore 22.00 la serata musicale con i Secret Lane e Betty Tarducci.

– Presso la Villa Montalvo da oggi fino al 10 giugno si potranno scoprire i segreti dei padri del Motore a scoppio Barsanti e Matteucci, tramite una mostra promossa dalla Fondazione Barsanti e Matteucci, in collaborazione con il comune di Campi Bisenzio. Nella cappella di Villa Montalvo è presente infatti la tomba di Felice Matteucci. L’inaugurazione della mostra sarà dalle ore 15.30 e sarà aperta fino alle 19.00, alla presenza dei partecipanti del secondo raduno di auto e moto d’epoca.

Continuano i festeggiamenti per la Beata Bettina, il programma della giornata di lunedì

23 aprile 2012

L’associazione Bettina Onlus, il Circolo MCL Santo Stefano e la Banda Interparrocchiale Giovani di Campi Bisenzio, hanno organizzato per domenica 22 e lunedì 23 aprile, un ricco programma di festeggiamenti per l’anniversario della Beata Teresa Maria della Croce (Bettina), Patrona di Campi Bisenzio. Gli eventi sono sotto il patrocinio del Comune di Campi Bisenzio. Ecco il programma completo di oggi:
Lunedì 23 aprile
ore 11.00 presso il Convento di San Martino, in via Torricella, Santa Messa concelebrata da tutti i sacerdoti del Vicariato
ore 12.15 in via Torricella 109, avverrà l’Inaugurazione della sede dell’associazione Bettina Onlus
ore 13.15 presso il Centro Pastorale in via del Lavoro, si terrà un Pranzo Istituzionale
ore 21.00 presso la Pieve di Santo Stefano, si terrà un Concerto di musica classica eseguito dal gruppo strumentale “opera di Pistoia”

Al via domani lo “Show delle luci”, centinaia di Gold Wing, per quattro giorni da sogno a Campi Bisenzio

29 giugno 2011

Domani prenderà ufficialmente il via il 28° Raduno Internazionale Gold Wing 2011, con l’arrivo di 400 partecipanti, provenienti da 20 paesi, che daranno vita ad alcuni momenti campigiani come la “Sfilata delle luci”, quelle particolari di cui i mezzi sono dotati a partire dalle ore 21.30; una sfilata per le vie del centro su via Buozzi e via Santo Stefano per il 1° luglio, mentre il 2 luglio “Parata delle Nazioni”, con gruppi di centauri di varie nazionalità che sfileranno con la bandiera del loro paese.  Avevo già presentato questo evento ed oggi ritengo sia doveroso fare le presentazioni dell’organizzazione che ha reso il tutto possibile:

In gergo si chiama “GWCI” il Gold Wing Club Italia, fondato ufficialmente nel maggio del 1983, è l’organismo europeo deputato a raccogliere tutti gli iscritti – possessori di Honda Gold Wing dei diversi club nazionali (Gold Wing European Federation) essa conta oggi oltre 15.000 iscritti in costante crescita in rappresentanza di ben 23 paesi d’ Europa.
La Storia di queste moto; nel 1975 la storica casa motociclistica Giapponese decide di concepire e immettere sul mercato una moto specificatamente dedicata a chi intende le due ruote come qualcosa di più di un mezzo dalle alte prestazioni velocistiche. Nasce infatti in quegli anni la figura del “mototurista” cioè dell’appassionato di viaggi – anche impegnativi – ma sempre e comunque fedele alla sua passione: la motocicletta. La Gold Wing fu introdotta anche in Italia durante la seconda metà degli anni 70. all’inizio degli anni ottanta in europa cominciò a farsi notare la Gold Wing Gl1100 carenata, con borse e baule, che rappresentava un netto miglioramento della vecchia 1000, abbinando alle peculiarità tecniche del propulsore un equipaggiamento da super tourer. Proprio in quel periodo un appassionato motociclista scoprì per caso, in uno dei suoi viaggi, l’esistenza della GWEF (Gold Wing European Federation), associazione alla quale aderivano già alcuni Club Nazionali dedicati ai soli possessori di questo particolare modello della casa Nipponica. Si chiese perché non fosse possibile concepirne uno anche in Italia.
Nel 1984 la nascita del GWCI. Fu così che, insieme ad altri tre Wingers italiani, fondò nel 1984 il GWCI (Gold Wing Club Italia). Uno dei principali doveri ai quali dovevano assoggettarsi tutti i Club Nazionali per poter far parte della GWeF era quello di organizzare un raduno Internazionale annuale. Nacque il 1° raduno Internazionale d’Italia sotto il patrocinio della GWEF. Da allora ogni anno fino ad oggi si è sempre tenuto in Italia l’omonimo raduno Internazionale che ha visto crescere esponenzialmente il numero di partecipanti, soprattutto stranieri. Naturalmente, oltre al raduno Internazionale, ogni anno vengono organizzati decine di raduni locali sparsi su tutto il territorio nazionale.
Dal 1989 ad oggi, il GWCI ha visto ingrossare le sue fila contando oggi circa 900 equipaggi appartenenti ad ogni ceto sociale, e si prefigge di raggiungere risultati sempre più ambiziosi. Oggi il GWCI 1989 (la data 1989 indica l’anno della definitiva riorganizzazione) è organizzato in 30 sezioni territoriali, ogni sezione può organizzare raduni locali e/o moto incontri (che raccolgono solo soci locali) o un raduno Nazionale di più ampio respiro, che raccoglie soci provenienti da ogni parte d’Italia. Sintetizzare in poche righe l’essenza di un raduno Gold Wing è un’impresa ardua, le immagini che rendono senza dubbio meglio l’idea dell’impatto visivo. Tutti restano piacevolmente colpiti dalla bellezza di queste moto e spesso le persone si avvicinano per chiedere informazioni ai loro conducenti. L’educazione ed il rispetto del codice della strada sono obbligatori così come il rispetto dei limiti di velocità. Non sono infatti tollerati dagli Organizzatori atteggiamenti in qualunque modo lesivi della civile convivenza anche se, vista l’età media dei motociclisti molto vicina ai 50 anni, non si è mai reso necessario intervenire.
I raduni Internazionali. Oltre 15.000 utenti entrano in contatto con il territorio dove si terrà il raduno. Gli ospiti stranieri, da sempre molto attratti dalla nostra bella Italia, hanno sempre premiato con la loro presenza gli sforzi degli organizzatori italiani. E’ verosimile ipotizzare in questi casi presenze medie superiori ai 500 equipaggi cioè a dire più di 1000 persone che nei quattro giorni del raduno usufruiranno delle strutture alberghiere locali ed affolleranno gli esercizi Pubblici. Ciò senza contare il richiamo mediatico che un simile evento garantisce anche sulla popolazione locale.
La solidarietà. Alcuni anni or sono l’allora Consiglio Direttivo del GWCI 1989 ha deciso di aiutare l’organizzazione Save the Children. Con l’impegno finanziario è stata corrisposta, con un termine un po’ bruttino, una “assegnazione” di due bimbi Nepalesi : Rupabati e Dipak, un maschietto e una femminuccia che il Gwci ha “adottato” con la prospettiva di condurli alla maggiore età aiutandoli nello studio e nella loro crescita. Nella realtà la donazione ha contribuito, insieme a tante altre, a migliorare la vita della comunità in cui questi bimbi vivono, la comunità Chandra ayodhyapur, in Nepal, nell’area di Siraha che si trova a circa 440 km a sud da Kathmandu. Ed ogni anno Save the Children invia la documentazione dettagliata sul proseguimento del percorso scolastino di Dipak e Rupabati. Oggi entrambi iscritti alla scuola. Questa iniziativa non è che una ulteriore conferma dell’impegno sociale che tutti i soci del GWCI 1989 vogliono sia uno dei pilastri dell’associazione.
Riprodotto con l’autorizzazione del GWCI : www.gwci.org – info@gwci.org