Posts Tagged ‘morto’

Muore per un infarto nei giardini di Via Garcia Lorca, aveva 78 anni

19 marzo 2014

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di oggi, nei giardini fra via Garcia Lorca e via Castronella, dove un uomo di circa 78 anni si è improvvisamente accasciato al suolo per un infarto. Vani i tentativi dei volontari del 118 subito accorsi sul luogo che a lungo hanno tentato di rianimare l’uomo. Ma dopo più di un ora non hanno potuto che constatare la morte dell’anziano. Sul luogo sono intervenuti i Carabinieri per i rilievi, l’uomo abitava poco lontano in via Castronella. Alla famiglia subito accorsa sul luogo, vanno le mie condoglianze e quelle dei lettori del Blog di Campi.

Ciao Carlo: il discorso di commiato del Sindaco Chini

20 maggio 2013

Pubblico con piacere queste brevi righe, inserite sul sito del comune di Campi dal Sindaco Adriano Chini. Una immagine del comico campigiano alla quale mi associo assieme al cordoglio di tutti i campigiani.

L’attore comico campigiano Carlo Monni

Ieri sera il Monni se ne è andato, zitto zitto e terribilmente di fretta. Tutto troppo presto e troppo all’improvviso. Dovrò abituarmi a non vederlo più, a non poter più ascoltare le sue liriche recitate con voce inconfondibile, a non poter più fissare una serata estiva tra un piatto di pecora e un buon rosso. Mi mancherà il Monni, e non è un modo di dire. Mancherà a tutta Campi, anche a chi non lo apprezzava come attore, cantante, poeta, saltimbanco. Perché ci mancherà la sua umanità dirompente, il suo calore e quella vivacità triste che sapeva farci sorridere e riconoscersi nelle infinite e fragili maschere dell’uomo contemporaneo.
Carlo amava Campi, lo ha dimostrato in tanti modi ma soprattutto a modo suo, alla Monni.
Il mondo dell’arte, del teatro, del cinema, ha perso uno dei suoi migliori interpreti. Noi un amico come pochi.
Adriano ChiniSindaco

Scompare l’attore campigiano Monni, Campi perde uno dei suoi personaggi

20 maggio 2013

E’ morto ieri Carlo Monni a 70 anni dopo una vita trascorsa a recitare in teatri e film. Nato proprio nella nostra cittadina il 23 ottobre 1943, l’attore era malato da tempo fino a spegnersi ieri in ospedale.
Una delle sue ultime sue apparizioni è stata in “Benveuti in casa Gori” per la regia di Alessandro Benvenuti assieme ad altri attori esordienti.
Amico strettissimo e collaboratore di Roberto Benigni con il quela aveva iniziato a lavorare, dopo che fu scoperto proprio da quest’ultimo durante i suoi show nelle varie feste paesane. Tutti lo ricordano anche per lo show “Rai Onda Libera”, uno spettacolo comico con Roberto Benigni, ambientato in una fantasiosa tv libera che trasmetteva da una stalla di Capalle..

Cadavere di un uomo trovato a Signa in una vasca di raccolta delle acque

2 settembre 2012

E’ un giallo il ritrovamento del cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione, avvistato oggi alle 13.30 da un addetto in una vasca di raccolta delle acqua reflue a San Mauro a Signa, in via Bassi. Il cadavere nudo e gonfio per i liquidi si trovava in una vasca in cui confluiscono le acque provenienti dai canali di Sesto Fiorentino e dalle Cascine, è probabile che si stato trascinato dalle improvvise piene di questi giorni, vista la ripetuta presenza degli addetti alla vasca. I carabinieri della Compagnia di Signa, la scientifica e militari del nucleo radiomobile stanno cercando di stabilire l’identità e la data del decesso dell’uomo, ma il pessimo stato di conservazione del corpo rende impossibile, al momento, il riconoscimento dell’età nonchè stabilire il colore della pelle. Il magistrato di turno, Pm Giuseppe Bianco, ha disposto il trasporto del cadavere all’istituto di medicina legale di Careggi, dove verrà sottoposto ad autopsia a agli opportuni esami.

Scompare Mario Bacci, celebre fondatore della Roy Rogers di Campi Bisenzio

24 aprile 2009

Si è spento martedì 21, a 79 anni, Mario Bacci, il re del jeans made in Campi Bisenzio. Nel dopoguerra, insieme al fratello Francesco, fondò a Campi Bisenzio, dove era nato, la Roy Rogers, uno dei marchi storici della moda italiana. Dopo un periodo di crisi, tra gli anni Ottanta e Novanta, l’azienda divenne proprietà dei coniugi Biondi. Ancora oggi la Roy Rogers, ha sempre la propria sede a Campi Bisenzio. Le esequie di Mario Bacci si sono tenute ieri, giovedì 23 aprile, alle ore 10.00 nella chiesa di San Domenico a Fiesole.

Muore il terzo giovane dell’incidente di via Pistoiese

11 gennaio 2009

Francesca,  Margaux ed ora anche Mario. Si è inesorabilmente allungata la lista delle vittime dell’incidente di via Pistoiese a Firenze, avvenuto nella notte tra lunedi’ e martedi’ scorsi. Mario Magnolfi, 19 anni, era seduto sul sedile posteriore insieme a Francesca e Margaux, le due amiche di 16 anni decedute mercoledi’ pomeriggio e i cui funerali sono stati celebrati proprio questa mattina, nella basilica di san Miniato al Monte. Mario Magnolfi era apparso da subito in gravi condizioni e ha lottato contro la morte fino a oggi pomeriggio, quando sono partite le procedure di accertamento della morte cerebrale. La famiglia, poco fa, ha dato il via libera all’espianto degli organi, come fatto gia’ mercoledi’ dai genitori di Francesca e Margaux. L’unico illeso e’ un 19enne, che sedeva sul sedile passeggeri, Filippo: e’ stato sbalzato fuori dall’abitacolo al momento dell’impatto dell’auto contro un gradino di una rotatoria. Il guidatore, Gianmarco, anche lui 19 anni, e’ stato operato ieri all’ospedale di Careggi; le sue condizioni sono stazionarie e non e’ considerato in pericolo di vita.

Sergio Cianti ha così commentanto la notizia ad una mia recente email : “le tragedie come quella di via Pistoiese lasciano sgomento, terrore, nell’animo di tutti sopratutto in chi ha figli, può pensare un genitore di perdere un figlio in un incidente stradale ? no non lo pensa, fin dalla loro nascita cerchiamo di salvaguardarli dalle malattie e per questo li sottoponiamo a i vari vaccini che la medicina ci offre e con grandi risultati dovuti al’impegno costante della scienza, nel campo della medicina, alla quale ognuno di noi è ben lieto di aderire a le varie manifestazioni che ci sollecitano a contribuire a tale causa, giusto, doveroso e umanamente farlo, per l’ncidentalità stradale esiste una scienza, una ricetta ? io credo che esista, stà dentro ognuno di noi, in chi costruisce le strade, in chi le gestisce, che devono avere l’accortezza di eliminare il più possibile pericoli o trappole mortali, (un esempio sono le reti di protezione dei viadotti dove ho perso un figlio, perche dall’installazzione di tali reti nessuno più e caduto) in chi le percorre usando quelle piccole norme di prudenza che ci suggerisce il codice della strada, che tutti conoscono, ma che pochi rispettano. Che fare ? continuare a credere che abbiamo la possibilità di diminuire la tragica casistica di vite perse e persone rimaste perennemente invalide da tali eventi, tengo a ricordare che a Firenze da gli ultimi dieci anni ad oggi si è ridotta del più del 50% e credo fortemente che hanno contribuito tutte le campagne fatte per smuovere le coscienze a il rispetto della vita. Quindi continuare, sopratutto parlando con i ragazzi, che sono i più a rischio considerando l’esuberanza naturale che è dentro di loro, ed è per questo che sul territorio sta nascendo l’associazione (la strada per amica) con la speranza che una volta formata (ne daremo notizia) sia sostenuta sopratutto da ragazzi per spandere l’idea di una strada amica e non di un teatro di guerra.”