Posts Tagged ‘lim’

La classe III° A della L. Il Magnifico vince una LIM con un concorso indetto dal centro commerciale Carrefour di Calenzano

30 aprile 2014

La classe III° A della L. Il Magnifico ha vinto una LIM con un concorso indetto dal centro commerciale Carrefour di Calenzano. Questa mattina verrà consegnata agli studenti alle ore 11.00 presso Scuola L. Il Magnifico in Via Ombrone a Campi Bisenzio. Saranno presenti Emiliano Fossi, Sindaco del Comune di Campi Bisenzio;
Monica Roso, Assessore alla Città Vivace e delle Persone ed Eleonora Ciambellotti, Assessore alla città Open.

Annunci

Fossi: Annullata la gara per le LIM

25 luglio 2013

Il sindaco Fossi risponde sul suo sito al mio post sulle LIM nelle scuole di Campi.

Nella giunta di ieri pomeriggio ho deciso di procedere all’annullamento della gara d’appalto, indetta dalla precedente amministrazione, “Progetto Scuola Digitale a Campi Bisenzio – Fornitura e posa in opera di Lavagne Interattive Multimediali e servizi connessi per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio comunale”.
Tale decisione si è resa necessaria considerato il momento particolare e complesso della vita amministrativa del nostro Comune, soprattutto alla luce della priorità di dover procedere ad una ricognizione assolutamente puntuale delle risorse disponibili; ho ritenuto indispensabile svincolare possibili finanziamenti per spese di investimento da destinazioni decise in precedenza, per poter effettuare una riflessione ed una valutazione approfondite.
Vogliamo intraprendere un percorso condiviso circa le priorità di intervento da parte del Comune e realmente partecipato da parte di tutte le componenti dell’universo scolastico campigiano circa le attrezzature e gli strumenti didattici, consapevoli dell’importanza dello sviluppo tecnologico e della necessità di adeguare gli strumenti a disposizione degli alunni.
Prima dell’innovazione tecnologica, che non disdegno sono convinto che si debba pensare a risanare le mura delle nostre scuole. Altrimenti, qualsiasi innovazione che potremmo introdurre sarebbe vanificata.

Addio LIM .. annullata la gara d’appalto a Campi

13 luglio 2013

Le notizie peggiori vengono sempre nei momenti in cui qualcuno si gode il meritato relax, ma l’informazione non si deve fermare, soprattutto se nel mezzi ci sono gli alunni. Da alcune affermazioni dell’ex-sindaco Chini, risulterebbe che il nuovo sindaco di Campi bisenzio abbia annullato la gara d’appalto per dotare tutte le classi elementari e medie delle LIM. Una vera tegola sulla testa dei ragazzi campigiani, già menomati dalla questione Matteucci, che sicuramente andrà ad aggravare le insofferenze dimostrate (ovviamente) dai genitori. “Un’altra bella marchetta per vincere le primarie” dice giustamente Chini .. non posso dargli torto ..

LIM atto terzo

15 marzo 2013

Mente Locale della Piana torna nuovamente sulla vicenda delle LIM per le scuole di Campi, dopo il recente post di revoca del Bando di Gara per 130 kit-LIM.

Se la fortuna non aiuta gli audaci, aiuterà almeno i cocciuti.
Dopo l’annullamento del primo bando di gara sulla fornitura di Lavagne Interattive Multimediali, il Comune di Campi Bisenzio ci riprova:
con delibera 46 del 7 marzo 2013, la Giunta ha approvato il nuovo capitolato tecnico di gara, sperando che stavolta superi gli standard europei (le spese di pubblicazione sulla Gazzetta Europea del precedente bando, invece, sono ovviamente andate perdute).
Che dire? Tanta saldezza ci lascia commossi, tanto più che alcune delle lavagne sono destinate a scuole come l’Aurora Gelli, dove, come leggevamo giusto qualche giorno fa, ci piove dentro (anzi drento). Ricordiamo come il sindaco Chini, su Metropoli dell’8 marzo u.s. dichiarava “faremo
l’appalto per dotare tutte le aule delle nostre scuole delle lavagne interattive, un intervento di cui vado molto orgoglioso” (però che un appalto l’avevano già cannato non l’ha mica detto). Siamo certi che i genitori della scuola Aurora Gelli, mentre schivano i secchi in cui cola l’acqua dal tetto,
gliene saranno molto grati.
E a tale proposito, gli dedichiamo questi versi di Ugo Foscolo, di sapore elettorale (e il Foscolo, in queste cose, ci prendeva più dei sopravvalutati Maya): “Sol chi non lascia eredità d’affetti, poca gioia avrà nell’urna”.
Ecco, appunto.

Addio LIM: Revocato per autotutela il bando di gara per le Lavagne Interattive Multimediali del Comune di Campi

11 marzo 2013

L’8 febbraio sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea, compare questo annuncio: “Con determinazione n. 2 del 7 febbraio 2013 è stato revocato in via di autotutela il bando di gara CIG 4815306437, affidamento della fornitura e posa in opera di n. 130 Kit-LIM (lavagne interattive multimediali)”. Chi ha dimestichezza con i numeri si sarà già accorto che si tratta della famosa gara delle lavagne interattive bandite dal Comune di Campi Bisenzio, oggetto di una famosa presentazione a Villa Rucellai il 20 novembre u.s. (ne abbiamo parlato nel post Cronaca di un pomeriggio da cani) alla presenza delle autorità regionali. La gara, a livello europeo, doveva servire, oltre che a dotare scuole in cui spesso ci piove dentro e che non hanno impianti a norma, di sofisticati mezzi multimediali, anche a dar una riverniciata al blasone comunale, un po’ sbiadito dopo le vicende della scuola Matteucci. Il vernissage del 20 novembre però non ha portato decisamente buono; la gara, di livello europeo, si dimostra al di sopra delle possibilità della macchina comunale; con determinazione n. 2 del 7 febbraio 2013 a firma della dirigente Giovanna Donnini, si fa ricorso alla legge 241/90 e si revoca il bando di gara con la seguente motivazione: “sono pervenute alcune osservazioni sia al protocollo generale del Comune che sul profilo del committente utilizzato per le procedure telematiche di gara, con le quali viene sostenuto che le prescrizioni tecniche inserite nel Capitolato speciale d’appalto potrebbero essere restrittive sul piano della più ampia concorrenza e che tali osservazioni potrebbero sfociare in eventuali contenziosi”. In altri termini; poiché la normativa europea è estremamente rigida sul tema della tutela della concorrenza, il comune si è accorto (si è accorto… glielo hanno detto) che il bando di gara è attaccabile, che rischia di venir impugnato, e dunque ricorre alla Legge 241/90, la quale permette di sanare gli atti amministrativi irregolari con un atto di secondo livello, secondo il procedimento detto appunto di “auto-tutela della P.A.”. Dopo avere strombazzato la vicenda come fiore all’occhiello della politica scolastica dell’attuale Amministrazione, si tratta di una figuraccia niente male; e certo non è il caso di alzare ulteriormente il livello di contenzioso che già il Comune ha in essere (cfr. post Che fai… Ricorri?). Tuttavia, non è la prima volta che questo comitato rileva una certa fiacchezza della macchina comunale; segno che l’attuale Amministrazione o non ha creduto o non ha voluto spendersi troppo per una macchina amministrativa efficiente. Si tratta di un promemoria per le prossime amministrative, chiunque esca vincitore, visto che una macchina amministrativa che gira a vuoto genera solo sprechi e spese improduttive.
P.S. A ulteriore e drammatica riprova di quanto siano scollegati tra loro organi e uffici comunali campigiani vi segnaliamo l’intervista di Adriano Chini a Metropoli di venerdì 8 marzo scorso. Qui, riassumendo i risultati raggiunti dall’Amministrazione in questo esaltante mandato, il sindaco comunica ai cittadini tutto il suo orgoglio per l’imminente (lo faremo “in questi giorni”) appalto per le lavagne interattive. Probabilmente qualcuno si è dimenticato di avvertirlo della revoca del bando di gara. Cose che succedono. Siamo certi che Chini ci sarà grato per l’informazione.
Fonte: Mentelocale della Piana

Cronaca di un pomeriggio da cani .. il difficile rapporto fra genitori e istituzioni a Campi Bisenzio

9 dicembre 2012

Da MenteLocale della Piana, ecco la cronaca della presentazione del “progetto di digitalizzazione” delle scuole campigiane avvenuta il 20 novembre scorso a Villa Rucellai, così come è stata riferita da un testimone oculare:

“Avendo appreso a mezzo stampa che la vicegovernatrice della Regione Toscana avrebbe presentato a villa Rucellai il progetto (co-finanziato dal Comune di Campi Bisenzio) di digitalizzazione delle scuole campigiane, attraverso la fornitura di lavagne interattive multimediali per un importo di 400 mila euro, il Comitato genitori Campi Centro decide di andare ad ascoltare queste scelleratezze con le proprie orecchie.
Arrivate a villa Rucellai la segretaria del sindaco ci dice che non siamo autorizzate ad assistere alla presentazione e la presidente del Comitato le fa notare che i giornalisti presenti avevano pubblicizzato tale incontro non come un tavolo di lavoro, ma come una “presentazione di un progetto”, pagato peraltro da noi cittadini. A quel punto la segretaria riferisce al sindaco il quale, con una dialettica degna della carica che ricopre, ci viene incontro dicendo: ” Noeh non vu potete assistere all’incontro perché l’è una conferenza stampa”.
I membri del Comitato insorgono ed insistono sulla legittimità di essere presenti alla presentazione.
Chini insiste nel dire che sono ammessi solo i giornalisti; allora la presidente dice al sindaco che il Comitato genitori ha un giornalino interno e che quindi almeno una persona ha il diritto di assistere al conclave. Adriano non cede, allora viene spiegato uno striscione con scritto “VERGOGNA” ed una serie di cartelli dove si ricordano al sindaco e ai dirigenti presenti tutte le violazioni che sono in atto nei confronti dei bambini che frequentano le scuole campigiane.
Apriti cielo spalancati terra….
Il primo cittadino con la bava alla bocca ci dice :” quello striscione portatelo a chi vi ha mandato qua!”.
Ovviamente ciò che si leva dal Comitato è :” i nostri figli ci hanno mandato qua!, vergognati…”
Adriano invece di vergognarsi chiama i vigili che arrivati a sedare la rivolta ci chiedono con gentilezza di allontanarsi dai corridoi di palazzo!
Il vigile ci dice anche che se proviamo ad insistere, forse almeno una di noi può assistere all’incontro e quindi le due diavolesse Delli e Menconi irrompono nelle stanze del sindaco e là davanti si trovano, al tavolo delle trattative, la Pillozzi che era passata da qualche corridoio secondario per paura di incontrarci, i due dirigenti scolastici, la Stella Targetti, il sindaco Chini e alcuni giornalisti (assente Fossi, di sicuro qualche talpa nel Comitato lo aveva avvertito prima).
Menconi e Delli chiedono di nuovo di potere assistere, ma Chini urlando dice:” ho detto no! Enne O, NO, mettetevi in lista con la mia segretaria per un appuntamento se volete spiegazioni sul progetto!” e fa cenno ai vigili di portarle fuori.”
Fin qui la testimonianza. Il commento è presto fatto. A quanto pare i cittadini non hanno diritto a recarsi in un palazzo PUBBLICO (pagato da LORO) ad ascoltare alcuni funzionari PUBBLICI che spiegano come sono stati spesi i soldi PUBBLICI. Perché, a quanto abbiamo capito, l’incontro è PRIVATO. L’è una conferenza stampa (parola del sindaco!) e quindi lui invita chi vuole – e che gli altri si tengano al largo sennò arrivano i vigili come guarnigione a difesa del castello violato dai nemici (i cittadini). Quindi solo gli oneri sono PUBBLICI. L’uso del palazzo è PRIVATO. E qui diventa difficile sfuggire all’impressione che, a forza di chiamarlo “l’imperatore”, il sindaco abbia finito per crederci davvero… Però questa concezione proprietaria dello spazio pubblico, per cui il capo decide di decidere, dà i soldi pubblici a chi gli pare, invita negli spazi pubblici chi vuole e gli altri li fa cacciare dai vigili, ha veramente stufato. Anche perché la concezione è proprietaria, ma i danni che fa restano tutti a carico dei cittadini… il debito comunale per esempio.
Ma al di là delle escandescenze di un vecchio politico ormai al tramonto e forse un po’ imbolsito, fa veramente specie che candidati alle primarie prima e candidato sindaco ora, non abbiano nulla da dire in merito. Eppure hanno fatto campagna elettorale piatendo l’ascolto, la partecipazione, e tante altre belle cosine. C’era perfino chi ha promesso di reimpostare il rapporto con i cittadini. Non c’è che dire, bel modo di reimpostare davvero. Signor Fossi, ha qualche dichiarazione da fare in merito? Qualche distanza da prendere? Ha intenzione di proseguire con questa linea? O preferisce glissare come ha sempre fatto? Eppure non è ancora sindaco (quindi ancora quello non è il suo spazio PRIVATO), e questa è proprio materia del SUO assessorato. Aspettiamo a dire il vero con poca fiducia, ma con una certezza in più; che mentre voi non prendete le distanze da questo stile amministrativo degno del basso impero, i cittadini prendono le distanze LORO da voi.
(In allegato il video da PianaNotizie)

OdG Consiglio comunale del 28 novembre 2012

28 novembre 2012

Oggi mercoledì 28 novembre alle ore 15.30, presso La Sala Consiliare Sandro Pertini, in Piazza Dante 36 si terrà una nuova seduta del consiglio comunale di Campi Bisenzio, con i seguenti punti iscritti all’ordine del giorno:
Comunicazioni del Presidente, del Sindaco e quesiti a risposta immediata.
Interrogazione: Piano Esecutivo di Gestione 2012. Richiesta chiarimenti, presentata dal consigliere comunale P. Fedi del gruppo “Alleanza Cittadina per Campi”.
Interrogazione: richiesta informazioni urgenti circa il corretto funzionamento del sistema antincendio della Scuola Pablo Neruda di via La Villa (La Villa – Campi Bisenzio), presentata dai consiglieri comunali P. Gandola e L. Campagni del gruppo “P.D.L.”
Interrogazione sulla scuola Matteucci, presentata dai consiglieri comunali B. Bresci del gruppo “Uniti per Campi”, S. Targetti del gruppo “Rifondazione-Comunisti Italiani/Sinistra Alternativa”, R. Valerio del gruppo “P.D.L.” e R. Viti del gruppo “Comitato Civico Campigiano No Inceneritore”.
Interrogazione: informazioni circa lo stato dell’arte e la tempistica per la soluzione dell’annosa problematica del mulino con tetto in eternit sito in via Molina a San Donnino, presentata dal consigliere comunale P. Gandola del gruppo “P.D.L.”.
Proposta di deliberazione: seconda variazione al Bilancio di Previsione anno 2012. (Ufficio Ragioneria).
Proposta di deliberazione: Approvazione del Regolamento comunale per la disciplina del servizio di illuminazione votiva nei cimiteri comunali (Ufficio Tecnico).
Proposta di deliberazione: Piano complesso d’intervento PC3 – La Villa – Via Del Tabernacolo. Adozione ai sensi degli artt.56 e 57 della L.R. 1/2005 (Ufficio Urbanistica).
Proposta di deliberazione: Approvazione variazioni al Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2012-2013-2014 e all’Elenco Annuale 2012 proposte con deliberazione G.C. n°246 del 08/11/2012 (Ufficio Tecnico).
Proposta di deliberazione: Estinzione anticipata mutui (Ufficio Ragioneria).
Proposta di deliberazione: Variazione di assestamento del Bilancio di Previsione 2012 e del Bilancio Pluriennale 2012-2014 (Ufficio Ragioneria).
Proposta di deliberazione: Approvazione della modifica all’art. 10 del Regolamento comunale per la disciplina degli accertamenti e ispezioni degli impianti termici e impianti gas (Ufficio Tecnico).
Ordine del Giorno: Modifica regolamento edilizio abbattimento alberi, presentato dal gruppo “Italia dei Valori”.
Ordine del Giorno volto a richiedere le dimissioni del Sindaco di fronte al fatto che un Odg a sua firma e’ stato approvato – contro la sua volonta’ espressa in sede di votazione – con un testo incompatibile rispetto alle convinzioni politico-amministrative sottese all’atto, presentato dai gruppi consiliari “P.D.L.”, “Comitato Civico Campigiano No Inceneritore” e “Uniti per Campi”.
Ordine del Giorno: Riapertura del ponte sul Bisenzio e interventi per il centro storico di Campi, presentato dai consiglieri comunali A. Esposito e P. Fedi del gruppo “Alleanza Cittadina per Campi”.
Ordine del Giorno: Per destinare ad interventi sugli edifici scolastici i 400mila euro di spesa attualmente previsti per l’acquisto di LIM, presentato dai consiglieri A. Esposito e P. Fedi del gruppo “Alleanza Cittadina per Campi”.
Ordine del Giorno: Di solidarieta’ al Popolo Palestinese e di condanna dell’aggressione israeliana nella striscia di Gaza, presentato dal consigliere comunale S. Targetti del gruppo “Rifondazione-Comunisti Italiani/Sinistra Alternativa”.