Posts Tagged ‘insegnanti’

Il 19 ottobre riapre lo Sportello Informativo “Naviganti” al Centro Adolescenti Canapè di Campi Bisenzio

14 ottobre 2009

“La Cooperativa Sociale Macramé di Campi Bisenzio, anche per quest’anno attiva lo Sportello Naviganti, punto di ascolto e orientamento per ragazzi, genitori, ma anche per insegnanti e operatori del sociale.
Lo sportello è gratuito e aperto per due volte la settimana: il lunedì è rivolto a ragazzi e giovani che cercano informazioni sulle opportunità del territorio: istruzione, formazione, tempo libero, sport, volontariato, ecc., mentre il Giovedì  a ragazzi che si trovano in un momento di difficoltà o che vorrebbero trovare nuove strade verso cui orientare il proprio futuro.
Lo sportello è aperto  anche a genitori che hanno bisogno di consulenza e ascolto.
Lo sportello aprirà dal 19 di Ottobre con il seguente orario:  il LUNEDI’ dalle 15.00 alle 17.00 e il MERCOLEDI’ dalle 16.00 alle 18.00 presso il Centro Adolescenti Canapè- via Giusti, 7 Campi Bisenzio.
Per info: 340/6201078 oppure 055.8979391
Lo sportello è un servizio della Cooperativa Sociale Macramè e finanziato della Società della Salute Zona Nord-Ovest”

Editoria allo Staccio 4° serie di incontri per l’orientamento su novità e tendenze dell’editoria per ragazzi

13 aprile 2009

Martedì 21 aprile prende il via la quarta serie di incontri di orientamento su novità e tendenze dell’editoria per ragazzi promossi dal Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi attivo presso la Biblioteca di Villa Montalvo. In tutto tre incontri, che si svolgeranno fra aprile e maggio, rivolti a bibliotecari, insegnanti ed educatori e a chi opera nel campo dei libri per bambini e ragazzi. Gli esperti invitati a relazionare affronteranno temi della letteratura e della divulgazione con particolare riferimento alle novità e alle tendenze emergenti dal panorama delle offerte editoriali. Il programma prevede per ogni incontro:
Martedì 21 aprile Alla ricerca di nuove tendenze con Carla Poesio, studiosa di letteratura per l’infanzia, che farà strada tra i percorsi editoriali della recente Fiera internazionale del libro per ragazzi di Bologna.
Venerdì 8 maggio, Gabriela Zucchini e Eros Miari, esperti di promozione della lettura e letteratura per l’infanzia, propongono Nel giardino della lettura, un percorso tra posti segreti e tane dei giovani lettori che, a partire da Il giardino segreto di Mary F.Burnett, approda alla letteratura contemporanea e presenta la lettura come specchio di adolescenze possibili.
Infine, giovedì 28 maggio, graphic novel, percezione sociale, autorialità, progettualità multimediale, sperimentazione, futuro, scuola sono le Sette parole chiave del fumetto in Italia che Marco Pellitteri, sociologo ed esperto di comunicazione visiva, utilizzerà per una panoramica critica tra diversi media.
Gli incontri si svolgeranno presso la biblioteca di Villa Montalvo a Campi Bisenzio, con orario 9.30-12.30. In autunno è in programma una quinta serie di incontri.
La partecipazione è gratuita, previa iscrizione, che può essere fatta on line nella sezione Convegni del portale http://www.liberweb.it (segreteria: Idest srl, tel. 055.8944307, e-mail: convegni@idest.net).

Come raggiungere la sede degli incontri

Dove dormire a Campi Bisenzio

Biblioteca di Villa Montalvo. Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi – Via di Limite 15 – 50013 Campi Bisenzio (FI) – Tel. 055 8959600 – Fax 0558959601 Sito Web: http://www.comune.campi-bisenzio.fi.it/biblioteca – E-mail: biblio.centroregionale@comune.campi-bisenzio.fi.it

Le scuole di Campi promuovono il Natale a favore della solidarietà

4 dicembre 2008

albero_natale4Dall’inizio di questo anno scolastico, due insegnati, sono state ufficialmente incaricate di svolgere il ruolo di coordinatrici delle iniziative di solidarietà nel Circolo Didattico di Campi Bisenzio. La necessità è scaturita, con il fine di poter definire un percorso unico per la solidarietà su tutti i plessi del Circolo e quindi far convergere fondi e le attività proprie degli alunni su associazioni che otterranno in tal modo un beneficio più considerevole da tali iniziative. Paola Carradori e Gabriella Magnolfi, le maestre-ambasciatrici di solidarietà, mi hanno comunicato che anche quest’anno, in occasione del Natale, tante e di diverso tipo sono le iniziative che i plessi di Scuola dell’Infanzia e di Scuola Primaria del Circolo di Campi Bisenzio, hanno organizzato all’interno del progetto “Io e gli altri” per la solidarietà e per questo importante impegno è doveroso citarle con dovizia di particolari.
E’ necessario considerare che le attività educativo-didattiche organizzate nelle scuole permettono ai bambini di conoscere le situazioni di difficoltà nella prospettiva della solidarietà e prevedono feste, mercatini e manifestazioni varie, finalizzate alla raccolta di fondi economici.
Con tali fondi verranno mantenute le dieci adozioni a distanza in Burkina Faso mediante l’Associazione ONLUS ”Amici di Pietro Annigoni”, che il nostro Circolo già da numerosi anni sostiene, per il mantenimento delle dieci adozioni a distanza in Burkina Faso, che prevede un impegno di 300 euro annuali a bambino.
Sempre in Burkina verrà finanziata inoltre la realizzazione di pozzi in alcuni villaggi tramite Don Andrea Pucci che da vari anni è impegnato in progetti di sostegno nel paese africano, l’impegno per la costruzione di ogni pozzo è di 700 euro.
Come lo scorso anno verranno effettuate anche donazioni a favore di altre Associazioni Onlus che intervengono in alcuni plessi per presentare la loro attività e per sensibilizzare gli alunni sull’accoglienza delle varie forme di diversità (Trisomia 21, Unione italiana Ciechi, Telefono Azzurro).
Per raggiungere tale scopo, le insegnati, hanno organizzato alle seguenti attività che si svolgeranno nel mese di dicembre e in particolare nella mattinata del 19, che ricordiamo, avrà solo orario antimeridiano.

PLESSI SCUOLA DELL’INFANZIA

ANDERSEN16/12/08 h.17 locali della scuola – Pesca di beneficenza
TOSCA FIESOLI17/12/08 h.17 locali della scuola – Spettacolo nelle classi e mercatino dei lavori dei bambini
LORENZINI18/12/08 h.17 Limonaia Villa Montalvo – Festa e lotteria
RICCARDO VALERIO17/12/08 h.17 auditorium Rodari – Tombola
DIEGO CIANTI12/12/08 h.17 auditorium Rodari – Spettacolo

PLESSI SCUOLA PRIMARIA

NERUDA – Prima metà di dicembre nei locali della scuola – Mercatino
AURORA GELLI – 19/12/08  locali della scuola – Mercatino scambio per il Burkina e lotteria
FRA’ RISTORO – 18/12/08  h.17 Teatro Dante – Spettacolo con Trisomia 21
LORENZO IL MAGNIFICO – 19/12/08  h. 17 nei locali della scuola – Festa e fiera di beneficenza
SALGARI – 4/12/08  mercato di Capalle – Stand  con vendita dei manufatti dei bambini

Per la Scuola Aurora Gelli di San Martino, ho ricevuto un’ulteriore dettaglio del programma sulle iniziative :
– Dall’ 1 al 15 dicembre nelle classi sarà presente una scatola per raccogliere soldini portati dai bambini e frutto delle loro rinunce;
– Ai rappresentanti di classe sarà chiesto di vendere i biglietti per una lotteria (50 centesimi a biglietto) i cui premi, costituiti a giocattoli, saranno assegnati con un estrazione effettuata il 19/12 al mattino;
– Nell ‘ultima settimana prima delle vacanze di Natale verrà a scuola Don Andrea Pucci per presentare ai ragazzi la sua esperienza nel Burkina;
– Il 19 dicembre sarà allestito un mercatino-scambio nel quale i bambini potranno barattare materiale di cancelleria (penne biro, matite, gomme, quaderni piccoli a quadretti) o di altro tipo (piccoli giocattoli, saponette, sciarpe ) da loro portato in precedenza con del materiale che Don Andrea Pucci può fornirci.
La mattinata del 19 terminerà con i bambini e le insegnanti, mangiando insieme il panettone, ed augurandosi Buone Feste.
Per proposte ed ulteriori informazioni su tali iniziative, attuali e future è possibile contattare la coordinatrice Paola Carradori alla emal del blog.
Da parte mia auguro un prosperoso futuro di iniziative alle due ambasciatrici Paola e Gabriella, confermando il mio totale appoggio alla divulgazione di queste vitali ed importanti attività, che oltre a far capire le necessità e le diversità di tanti coetanei ai nostri figli, offrono concrete e reali possibilità di poter attuare un’efficace aiuto di coloro che realmente ne hanno necessità, senza disperdere denaro, come spesso avviene, in futili regali che finiscono con il passare inosservati in questa era consumistica.

Il Parroco delle Piagge denuncia Cossiga

8 novembre 2008

donalessandrosantoroApprendo che Don Alessandro Santoro, parroco del quartiere delle Piagge, oltre ad un avvocato, una grafologa e due ex insegnanti, sono tra coloro che hanno denunciato il senatore a vita Francesco Cossiga per istigazione a delinquere e apologia di reato. La denuncia nasce dopo le dichiarazioni di Cossiga al Quotidiano Nazionale sul movimento in difesa della scuola pubblica. «È assurdo — osserva don Santoro — che le sue dichiarazioni passino sotto silenzio. Sono un invito alla violenza e ricordano, purtroppo, le modalità tipiche della strategia della tensione. Sono dichiarazioni che non esitiamo a definire fasciste». «Ho preso atto della denunzia presentata contro di me dal parroco di una parrocchia ultraprogressista di Firenze, e ben comprendo come a lui si sia dovuto accodare aderendo alla denunzia per spirito pastorale l’arcivescovo di Firenze, Betori. — ha risposto polemicamente Cossiga — Ciò che molto mi meraviglia è che il cardinale di Milano Dionigi Tettamanzi non sia ancora apparso in mezzo agli studenti di Milano e non abbia ancora celebrato una messa per loro» .

da “Liberazione”, 5 nov. 2008, pag. 10

L’ipotesi di Calamandrei 58 anni dopo

15 ottobre 2008

Discorso pronunciato da Piero Calamandrei al III congresso dell’Associazione a difesa della scuola nazionale (Adsn), a Roma l’11 febbraio 1950.

Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli, ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura.
Allora che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di stato E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere.
Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico. Pubblicato nella rivista “Scuola democratica”, 20 marzo 1950

Non ero al corrente di questo discorso che mi è stato segnalato da un lettore del Blog. Discorso che apprezzo e che trova applicazione, purtroppo anche dopo 58 anni, soprattutto dopo i recenti provvedimenti che hanno coinvolto la scuola. Posso solo esprimere il mio profondo sdegno ed invitarvi a commentare e divulgare il documento.

Punti di ascolto nelle scuole di Campi Bisenzio

9 luglio 2008

Da ormai diversi anni, nel Circolo di Campi Bisenzio è attivo uno sportello di consulenza psicologica, diretto dalla dottoressa Elena Giannoni, che funziona settimanalmente come punto di ascolto per docenti e genitori delle nostre classi.
Il servizio è totalmente finanziato dal Comune nell’ambito del Progetto Integrato d’Area che, perseguendo la finalità di favorire il pieno assolvimento dell’obbligo scolastico e di istruzione, permette azioni a sostegno e a prevenzione del disagio comportamentale e relazionale. In effetti, molti sono gli insegnanti e i genitori che si rivolgono allo sportello anche solo per un “buon consiglio”, a supporto delle funzioni docente e  genitoriale, così complesse nella società attuale.
In questo anno scolastico, come nei due precedenti, lo sportello ha conseguito gli esiti attesi per numero di partecipanti e per gradimento dell’attività, ma… non è sempre stato così!
Nei primo anni di attuazione dei punti di ascolto c’era molta diffidenza nei confronti dell’esperto psicologo e della psicologia in generale, così pochi si rivolgevano allo sportello.
Nel corso degli anni, grazie al passaparola degli utenti e alla professionalità della dottoressa Giannoni, che ha dato continuità all’azione, il servizio (gratuito) è praticamente diventato indispensabile nel Circolo e non sempre riesce a soddisfare tutte le richieste di consulenza.
Gli insegnanti, di cui mi faccio portavoce, sostengono pienamente questa azione che, in alcuni casi definiti “difficili”, è risultata utile nell’elaborazione e nell’attuazione di micro-progetti condivisi tra scuola e famiglia e auspicano che questo progetto continui: prevenire il disagio nei primi due gradi di istruzione significa allontanare il rischio di un futuro abbandono.
Claudia Cavalletti

Circolo Didattico di Campi Bisenzio, Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI), Tel/Fax: 055 8962201, email: fiee16000b@istruzione.it

San Martino: uno sguardo positivo sulla disabilità

5 luglio 2008

“Anche quest’anno scolastico è finito e siamo qua per il saluto di rito. 200 giorni sono passati tra ricreazioni e compiti assegnati; non è stato così duro ora ci riposiamo pensando al futuro. È giovane tradizione nella nostra realtà impegnare adulti e bambini nella solidarietà; abbiamo invitato quest’anno attori che mimeranno e sicuramente ci regaleranno emozioni che sono sempre fantastici doni. E ora accogliamoli con un applauso scrosciante che sarà senz’altro incoraggiante”


È iniziata così, con questa piccola filastrocca, la festa finale della scuola di San Martino che si è tenuta il 6 giugno e alla quale hanno partecipato come graditi ospiti i ragazzi della compagnia Teatrallegria dell’Associazione Trisomia 21 Onlus che ci hanno presentato uno spettacolo di mimi.
In modo scherzoso abbiamo voluto introdurre una serata alla quale erano invitati tutti bambini e i genitori del plesso per poter incontrare da vicino una realtà, quella di Trisomia 21 Onlus, per la quale ci siamo impegnati durante tutto l’anno scolastico con le attività del mercatino finalizzate alla raccolta di fondi per la
solidarietà. Gli alunni e i genitori di San Martino hanno donato all’Associazione Trisomia 21 Onlus 1.000 euro che contribuiranno alla realizzazione a Firenze di una struttura che offra ai ragazzi scuola di San Martino: uno sguardo positivo sulla disabilità affetti da sindrome di Down e ai loro genitori una risposta completa, sia sul piano medico che su quello sociale e un supporto durante tutto il processo evolutivo, dalla nascita all’inserimento nella scuola e nel mondo del lavoro, proponendo esperienze ed attività socializzanti, in modo da far acquisire un’autonomia personale.
Ma il regalo più bello, per tutti noi che eravamo presenti, è stato vedere con quanta passione, simpatia e bravura i giovani attori sono riusciti a comunicarci la loro voglia di vivere, il gusto dello stare insieme e di aiutarsi; è stato chiaro a tutti come la disabilità non sia un ostacolo all’espressione di sé o un limite, ma piuttosto una risorsa. E questo è stato capito perfettamente anche dai bambini che hanno seguito lo spettacolo con attenzione ed entusiasmo. Un enorme grazie va a tutti i genitori che hanno condiviso lo spirito che ha mosso noi insegnanti nel proporre questa iniziativa, che hanno collaborato fattivamente durante tutto l’anno e che, anche per questa serata, hanno contribuito con l’acquisto dei biglietti della lotteria e con la preparazione di una stupenda merenda.
Paola Carradori
insegnante di San Martino

Articoli correlati : Trisomia 21 alla scuola di San Martino, la solidarietà in uno spettacolo, Break Point e Trisomia 21, Solidarietà al Teatro Dante

Le riflessioni nel riepilogo dell’anno scolastico appena terminato

23 giugno 2008

Dopo il successo ottenuto con il numero 1 di “Stare Bene a Scuola”, il Circolo Didattico di Campi Bisenzio ha pubblicato il numero 2, contenente numerosi articoli tematici che proporrò ogni giorno sul blog. In questo primo articolo, ad opera della Dirigente Ornella Mercuri, che saluto e ringrazio per l’invio in formato elettronico del documento, viene trattato un riepilogo dell’anno scolastico appena terminato. Un resoconto di ciò che è stato, fra le difficoltà, le piccole e grandi vittorie che hanno portato tanti alunni verso il futuro, ma soprattutto i propositi per il nuovo anno scolastico.

Anche il 2007-2008 ci lascia un po’ con l’amaro in bocca per le tante difficoltà che abbiamo dovuto superare e per i problemi che restano aperti, pur avendo avuto la volontà di affrontarli. La differenza fra desiderata e realtà è sempre lì a ricordarci che dobbiamo migliorare, impegnarci di più per dare a tutti i bambini ciò di cui hanno bisogno.
Un ringraziamento particolare a tutto il personale, alla segreteria il cui lavoro è meno visibile, ma indispensabile in un circolo talmente vasto che ogni intervento vale doppio, ai docenti sulle cui spalle è il lavoro più impegnativo di insegnamento e di predisposizione delle attività didattiche per la ripetizione del miracolo della trasformazione dell’acqua in vino (Ricther), ai collaboratori scolastici che ogni anno vedono ridurre i posti e aumentare il lavoro. Ringrazio anche tutti i genitori per la disponibilità a collaborare e per la fiducia nei nostri confronti.
Non tutto è sempre “andato per il verso giusto” ma nulla abbiamo da rimproverarci poiché è sempre stato fatto il possibile e anche di più con trasparenza e chiarezza di intenti e rispettando le opinioni di tutti. Un grazie caloroso a tutti i genitori che ci hanno aiutato impegnandosi negli organi collegiali e regalando il loro tempo libero alla scuola.
Come sempre quando gli sforzi vengono da parte di tutti e sono diretti pensando solo e sempre “a dare il meglio” ai bambini si ottiene un servizio migliore. E come non rivolgere un pensiero a tutti gli esperti che hanno reso più accattivante e qualitativamente migliore l’insegnamento! Alcuni sono intervenuti direttamente nelle classi altri hanno sostenuto gli insegnanti nel loro percorso: ci auguriamo di poter proseguire con loro il nostro cammino.
Il pensiero ora è già al prossimo anno la cui organizzazione comincia quando l’altro non è ancora finito, ci aspettano un luglio e un agosto di fuoco, ma la volontà di proseguire con serietà il nostro lavoro ci accompagna; speriamo di “dare il meglio” ancora una volta.
Il prossimo anno l’impegno maggiore sarà diretto a sperimentare Le indicazioni per il curricolo, perciò sarà un anno dedicato alla ricerca e allo studio. le altre novità saranno discusse dal Collegio dei Docenti il 25 giugno ed approvate dal Consiglio di Circolo il 26, e… qualche gradevole sorpresa speriamo di poterla predisporre per il 15 di settembre quando tutti i bambini torneranno a scuola.
Ornella Mercuri
Dirigente Scolastico

Circolo Didattico di Campi Bisenzio, Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI), Tel/Fax: 055 8962201, email: fiee16000b@istruzione.it

Il Circolo Didattico di Campi Bisenzio, parlano i dati

9 giugno 2008

Siamo alla conclusione di Stare Bene a Scuola; di questo primo numero ho riportato tutti gli articoli cercando di introdurli nel miglior modo. Credo che questa attività di divulgazione debba proseguire e mi auguro in futuro, che questo blog possa essere un’ulteriore mezzo di divulgazione. La mia disponibilità è aperta anche ai genitori, invito pertanto tutti coloro che vogliono raccontare la loro storia a scrivermi al seguente indirizzo : campibisenzio@gmail.com

Poche risorse, aumento del numero dei bambini per classe, abolizione dell’organico funzionale, non sono che alcuni dei problemi che affliggono la scuola italiana.
Ecco alcuni dati relativi al nostro circolo: Plessi n. 10 (5 infanzia e 5 primaria), 141 docenti (42 infanzia e 99 primaria), 42 personale ATA (31 collaboratori scolastici di cui uno a 18 ore, 10 persone di segreteria e 1 Dsga), 1622 alunni (a fronte di un parametro per l’autonomia a partire da 600 alunni), 482 alunni scuola infanzia in 18 sezioni, 1140 alunni scuola primaria in 49 classi, 22,1% percentuale alunni stranieri di varie nazionalità scuola primaria e 19,9% scuola dell’infanzia, 26,7% media alunni iscritti nelle sezioni scuola infanzia, 23,1% media alunni iscritti nelle classi scuola primaria, dato maggiore di 2,6 rispetto alla media nazionale di 20,6% (finanziaria 2007). 20 alunni diversamente abili (6 scuola infanzia e 14 scuola primaria).
Le scelte di indirizzo del POF vedono un impegno costante nel dedicare attenzione ad ogni alunno in un percorso approfondito frutto di scelte consapevoli mirate a fornire quelle capacità di base necessarie ad orientarsi nel mondo della conoscenza, e nel contempo idonee a sostenere tutti in un percorso sia di sostegno sia di sviluppo delle potenzialità di ogni bambino. Percorsi disciplinari e di approfondimento si integrano rifiutando il modello dei progetti da aggiungere ai programmi, ne sono esempi concreti la scelta di sviluppare il piacere di leggere, la conoscenza storica, la cultura musicale, l’accoglienza, il rispetto delle regole.
Da quest’anno si è scelto di fondare l’azione della scuola in un patto formativo con diritti e doveri per tutti coloro che hanno un ruolo all’interno della scuola, intesa come comunità educante, nel rispetto dei principi espressi nelle Indicazioni per il curricolo, documento attualmente allo studio dei docenti e che sarà oggetto di sperimentazione il prossimo anno scolastico.
Tanto lavoro per tutti, un impegno collettivo a formare saldamente ogni persona sul piano cognitivo e culturale affinché possa affrontare positivamente l’incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali presenti e futuri… senza tralasciare alcun aspetto nell’azione educativa: cognitivo, affettivo, relazionale, corporeo, estetico, spirituale, religioso.

STARE BENE A SCUOLA è il Notiziario periodico del Circolo Didattico di Campi Bisenzio
Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI) Tel/Fax: 055 8962201
E-mail: fiee16000b@istruzione.it Sito Internet: http://www.circolodidattico.campibisenzio.scuolaeservizi.
Registrato al Tribunale di Firenze Reg. Stampa Periodica n. 5612 in data 28.11.2007
Direttore Responsabile: Rita Manzani Di Goro – sc.elem.ristoro@dada.it
Direzione Editoriale: Ornella Mercuri – Mauro Tinacci
Hanno collaborato a questo numero:
Rosa Bernardini, Paola Carradori, Maria Castellani,
Claudia Cavalletti, Monica Chillo, Cristina Macchinelli,
Rita Manetti, Eleonora Marchionni, Paola Paoletti

Intervistiamo la segreteria della scuola

8 giugno 2008

Continua la pubblicazione di questa serie di articoli tratti da un documento edito e distribuito dal Circolo Didattico di Campi Bisenzio. Tema di oggi è la “segreteria”, quel luogo del quale spesso non conosciamo molto, ma che rappresenta il posto dove confluiscono tanti problemi, da dove partono soluzioni e la gestione logistica ed amministrativa delle scuole, sono la voce della scuola che ci risponde al telefono quando abbiamo necessità di informazioni, animata da tante signore con le scrivanie piene di carta. Allora, come in un’intervista rivolgiamo ad una segretaria le classiche domande, che spesso ci poniamo, e leggiamo le risposte : In cosa consiste il vostro lavoro ? Qual è la sua importanza ? Che soddisfazioni vi dà ?

Risponde la segreteria:
Ci occupiamo di raccogliere conservare e preservare tutti i dati degli alunni, delle loro famiglie, delle maestre, dei custodi, e di tutte le persone che interagiscono con la nostra scuola. Se un bambino si fa male bisogna istruire una pratica delicata in un tempo brevissimo.
Per andare in gita bisogna prima programmare tutte le uscite, prendere accordi con il comune per le disponibilità dello scuolabus, oppure fare una gara di appalto per individuare la società di trasporto che offre un servizio sicuro a un prezzo vantaggioso, poi provvedere all’organizzazione prendendo i contatti con i vari musei o laboratori, parchi ecc.
Siamo la vostra voce: tutto ciò che viene richiesto dalle insegnanti, viene ufficialmente inoltrato a comune, aziende, enti vari. Tutta la carriera del personale è seguita costantemente fin dall’inizio e ci preoccupiamo molto per la vostra salute!
Quando manca un docente o un custode e non è possibile sostituirlo in alcun modo, provvediamo a nominare un supplente (quando lo troviamo), gli facciamo un contratto di lavoro e seguiamo il suo trattamento economico.
Quando occorre comprare una sedia o un banco, della carta o delle matite, un computer o una stampante, organizziamo una gara d’appalto, quindi si riunisce una commissione e dopo un’attenta valutazione, essa aggiudica la gara alla ditta che risulta essere più conveniente sulla base del rapporto qualità prezzo e si procede con l’ordine .
Naturalmente non è tutto così semplice come ve lo sto raccontando: c’è una procedura da seguire regolata da leggi ben precise, assillanti, contorte e antipatiche ma se non fossimo così precisi scriverebbero di noi nelle cronache di altri giornali.
Ogni foglio che entra o esce viene registrato, codificato e conservato per avere memoria storica di tutto quello che viene fatto o inviato.
Le nostre soddisfazioni?
Prima di tutto essere consapevoli che lavoriamo scrupolosamente e che siamo affidabili e se qualche volta qualcosa sfugge dal nostro controllo è perché il rapporto matematico tra chi gestisce e chi è gestito è molto alto.
Mi occupo delle gite e la mia soddisfazione è quando dopo tutto il lavoro fatto per l’organizzazione, l’autobus va a prendere gli alunni! (Gina)
Sono contenta quando i genitori capiscono, nonostante le problematiche che si trovano ad affrontare, che le difficoltà non dipendono dalle persone che accolgono le loro richieste. (Carmela)
E’ una soddisfazione quando qualcuno mi chiama per una consulenza anche se sta lavorando presso un altro Circolo, è segno che la nostra segreteria lavora bene. (Caterina)
E’ una soddisfazione sentirsi dire sei un angelo oppure, mi hai salvato la vita, solo per la disponibilità a far funzionare qualche apparecchiatura.
Sentirsi dire: la ringrazio è stata molto gentile; è stata molto chiara.
E il piacere di ricevere per regalo poesie scritte per noi dagli alunni, ve ne cito una che recita così:

“Care segretarie,vi vogliamo ringraziare per la vostra
collaborazione e per il vostro impegno nei
nostri confronti. Grazie per le vostre risme di
fogli! Noi ora non sappiamo più cosa dirvi ma vi
ringraziamo lo stesso di cuore!!!” (la 5a B).

Monica Chillo

Circolo Didattico di Campi Bisenzio, Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI), Tel/Fax: 055 8962201, email: fiee16000b@istruzione.it