Posts Tagged ‘giuseppe’

“Matrimonio e Bene Comune – La riflessione continua”, lunedì 4 giugno allo Spazio Reale

4 giugno 2012

Allo Spazio Reale di San Donnino presso la Sala Iris, oggi lunedì 4 giugno 2012 alle ore 17,30, promosso dall’Ufficio diocesano di Pastorale Sociale e Lavoro, si svolgerà il secondo di una serie di incontri sul rapporto tra matrimonio e bene comune.
Dopo il saluto introduttivo del Cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze, ci saranno le relazioni:
LE TRASFORMAZIONI DELLE RELAZIONI FAMILIARI: SFIDE E RISORSE di Giovanna ROSSI, Ordinario di Sociologia della Famiglia – Direttore Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica di Milano e
LE DIVERSE RELAZIONI FAMILIARI ED IL DIRITTO: DIFFERENZE DA RISPETTARE O DISCRIMINAZIONI DA VIETARE? di Andrea SIMONCINI, Ordinario di Diritto Costituzionale Università degli Studi di Firenze.
Invito (118.13 KB)

Un fine settimana pieno di musica alla Fnac di Campi con Jaka, Dolcenera e Simone Tomassini

18 Mag 2011

Tre incontri con tre artisti completamente diversi in tre giorni. Il calendario degli incontri del Forum Fnac di Campi Bisenzio ospiterà a partire da giovedì generi musicali per accontentare tutti i gusti. La Fnac si trova all’interno del Centro Commerciale i Gigli di campi Bisenzio).

Giovedì 19 maggio ore 18.30 Giuseppe Giacalone in arte Jaka, uno dei veterani della scena reggae italiana, ci presenta “Forza Originaria”. Musicalmente il disco unisce tutti gli stili della musica giamaicana: dancehall, nu roots, dub e hiphop senza tralasciare le origini Siciliane di Jaka. “Forza Originaria” è il fuoco che brucia da sempre nel cuore di Jaka per la musica reggae. La parte strumentale è stata affidata ai musicisti della Fire Band (ovvero i Michelangelo Buonarroti) che da diversi anni accompagnano il Jaka durante le sue performance live insieme ai cori della strepitosa Queen Mary (ex Dirotta su Cuba). Oltre a loro c’è la partecipazione di Macro Marco e della Roots in The Sky band in “A Erice” e di B-Dub in “Forza Originaria”. Ad impreziosire ancora di piu’ l’aspetto musicale, c’e’ la produzione di Princevibe e Fede K9 del Boomker Sound che oltre ad avere mixato e registrato artisti del calibro di Fabri Fibra, Manu Chao, Fish, 99 Posse, Le Mani, Dennis Bovell e tanti altri si sono dedicati a creare il suono caldo ed avvolgente di “Forza Originaria”. I brani raccontano della nostra Italia e dei suoi problemi, della Sicilia di Jaka e dell’amore per la vita. Una vita che oggi spinge il Jaka a cantare in giro per lo stivale con l’energia che da sempre lo contraddistingue e che negli anni gli ha portato sia l’affetto di un fedele pubblico sia la stima di personaggi leggendari come Marshall Chess (produttore dei Rolling Stones) e di Chris Blackwell (produttore di Bob Marley). Il messaggio di Jaka viene alimentato dalla classe e dalla potenza stilistica di artisti come: Sud Sound System, Brusco, Mama Marjas, Ciscomanna dei Working Vibes, il giamaicano Hi-Kee che si alternano insieme a Jaka per dare ancora piu’ spessore alle liriche e alle melodie del nuovo album. Brani realizzati insieme ai migliori musicisti reggae toscani e ad altri artisti come il pianista jazz Leonardo Pieri (già con Angelo Branduardi), i chitarristi Mario Ramunni (già con Gemelli Diversi), Lorenzo Piscopo (Anna Oxa), Toni Moretto ( ex Pittura Freska), Freaky Bea e il batterista Matteo Mr Maggio (Quartiere Coffee) che essendo anche pittore, scultore e grafico ha realizzato l’artwork dell’album. Forza originaria è un disco dedicato a tutti quelli che invece di maledire l’oscurità, provano ad accendere una luce.

Venerdì 20 maggio ore 18.30 ascoltiamo Dolcenera dal vivo in occasione dell’uscita del nuovo album “Evoluzione della specie”. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel Sanremo Giovani che nel 2003 ci ha fatto conoscere una cantautrice piena di grinta, di voce e di personalità. Una personalità che negli anni ha permesso a Dolcenera di conquistare radio, classifiche e numerosi riconoscimenti. Evoluzione della specie, scritto e arrangiato da lei, si avvale di importanti collaborazioni e rappresenta l’inizio di un nuovo coraggioso percorso artistico e musicale, caratterizzato da un sound pop-rock acustico, dominato dalla ritmica con elementi di elettronica.

Sabato 21 maggio ore 16.30 Simone Tomassini ci darà un assaggio live del suo nuovo disco omonimo. Dal Festival di Sanremo al Festivalbar, dall’apertura di tutte le date del Buoni o cattivi tour di Vasco Rossi a Music Farm. Dopo tanta esperienza Simone ritorna con un nuovo disco dal semplice titolo Simone Tomassini.

L’arte contemporanea di Giuseppe Trentacoste ai Gigli fino al 30 aprile

26 marzo 2011

Continuano le mostre di MAGNANIMANIA al centro commerciale I Gigli di Campi Bisenzio, con l’esposizione delle opere di Giuseppe Trentacoste che resteranno in esposizione fino al 30 aprile.
Corte Magnani (al primo piano lato Corte tonda) ospita una mostra di Giuseppe Trentacoste dal titolo “Magia di un’illusione” . Lo stile di Trentacoste, che è anche un apprezzato scultore, è particolarmente fumettistico e caricaturale e rappresenta scene di vita quotidiana con colori e atmosfere quasi irreali.
Le esposizioni metteranno in mostra anche alcuni pregiati pezzi provenienti da importanti collezioni private di proprietà di collezionisti d’arte della zona.

Le opere di Giuseppe Trentacoste ai Gigli

Percorsi d’arte .. i tesori della nostra città: la Villa Rucellai ed i suoi decori

27 dicembre 2010

Prosegue la rassegna artistica dei tesori presenti nella nostra città, sempre a cura di Francesca Bertini responsabile dell’Ufficio Patrimonio Storico Artistico del Comune di Campi Bisenzio. Oggi parleremo della Villa Rucellai e dei suoi decori.

Villa Rucellai: l’eleganza dei decori in una dimora suburbana

Villa Rucellai dall'esterno dopo il restauro

L’acquisto da parte del Comune nel 2001 dell’intero complesso di Villa Rucellai, dà inizio a un progetto di recupero e restauro a partire dall’ala settecentesca della storica residenza familiare che è stata adibita a sede dell’Amministrazione comunale al piano nobile e a sede del Museo Antonio Manzi al piano terra con l’intenzione di sfruttare gli spazi anche per promuovere attività didattiche e organizzare eventi culturali.
La Villa si trova nel centro di Campi Bisenzio. Il cancello di accesso si apre a pochi metri da piazza Dante. Edificata nell’antico popolo di Santo Stefano immediatamente fuori dalle mura castellane, la villa è circondata da un alto muro, sostituito in parte su piazza della Resistenza qualche anno fa da una cancellata, in cui si aprono tre cancelli in ferro battuto decorati con stemmi e motivi floreali, costruito nella seconda metà dell‘800 quando i Rucellai, avendo venduto al Comune buona parte dei possedimenti e dei terreni chiesero il permesso di edificare un muro per recintare la loro proprietà. La parte più antica del complesso utilizzata fino alla vendita come fattoria, si presentava e tuttora è rimasta, in condizioni conservative peggiori rispetto alla parte settecentesca e non risulta nota la presenza di pitture o decorazioni murali. Ciò che emerge tuttavia da un rapido sguardo d’insieme alla Villa è il perfetto connubio tra le forme della dimora padronale quattrocentesca e la parte Neoclassica settecentesca.
Il nucleo originario cinquecentesco del giardino ha dato il nome alla Villa e all’intera area che si chiamava il Pratello, ed era costituito da un semplice prato decorato con aiuole e siepi. Quella odierna è la sistemazione ottocentesca secondo il gusto romantico con percorsi e aiuole irregolari, ombreggiate da querce, olmi, lecci. La parte sud del giardino è invece occupata da orti e limonaie con preciso disegno geometrico. La storia della famiglia Rucellai è indissolubilmente legata a Campi Bisenzio tanto che si narra che il primo rappresentante della famiglia fosse un nobile al seguito di Federico Barbarossa che per ricompensa al proprio valore ottenne il titolo di Signore di Campi; infatti alla fine del ‘300 il castello di Campi veniva chiamato anche Castello di Vanni di Ser Lapo Rucellai. Nel corso del XV secolo la famiglia aumentò le proprietà e i possedimenti. La Villa è sempre rimasta di proprietà della famiglia Rucellai dal Quattrocento fino al giorno della vendita, passata di generazione in generazione.

Decori Villa Rucellai Campi Bisenzio

Il primo nucleo nasce nella seconda metà del ‘400 dall’unione di due case vicine preesistenti. Nella prima metà del ‘500 intorno al cortile viene costruito un loggiato a due piani e davanti all’ingresso viene creato il giardino voluto da Maddalena Rucellai. Ai primi del ‘600 la villa passò a un altro ramo della famiglia, quello di Benedetto di Giovan Battista. Nel Settecento, in seguito all’aumentare della fama della nobile famiglia, la villa si rivelò inadatta per le esigenze di rappresentanza e per lo stile di vita della famiglia e si decise quindi di ampliarla.
Siamo in un periodo storico che va dal 1735 al 1752, nel cui arco di tempo venne costruita una nuova ala per gli appartamenti padronali degli allora quattro fratelli Rucellai proprietari: Giulio, Francesco, Federico e Giuseppe.
La parte più antica quattrocentesca rimase purtroppo in cattivo stato di conservazione e utilizzata fino alla vendita come fattoria. La decorazione pittorica murale tuttora esistente risale alla fine del ‘700, fu voluta da Pietro Orazio e commissionata a Luigi Bazzuoli insieme ad Angiolo Angiolini e Giuseppe Antonio Fabbrini. Le statue all’esterno che decoravano il giardino e non più presenti furono eseguite da Antonio Zini. Nello stesso periodo un altro esponente della famiglia, Giovan Pietro, consacrò invece la Cappella della Villa a Santa Maria Maddalena de’ Pazzi. Risalgono al 1786 le ricevute del pittore Luigi Bazzuoli per stucchi, cornici, stipiti, mentre tra il 1787 e il 1788 il pittore Angiolo Angiolini eseguì a piano terra la decorazione della stanza di ingresso alla odierna Sala Quattro Stagioni sul gusto raffaellesco con vedute di ville di proprietà Rucellai e figure a cammeo, lavoro per il quale viene pagato 300 lire, come risulta dai documenti dell’Archivio Rucellai.

Decori Villa Rucellai Campi Bisenzio

L’artista lascia il segno del suo passaggio apponendo una scritta con l’indicazione del suo nome e l’anno di esecuzione MDCCLXXXVII. Il pittore Giuseppe Antonio Fabbrini ricevette invece per la decorazione della Sala Quattro Stagioni 150 scudi nel 1788. Completano la decorazione delle sale al piano terra, pregevoli stucchi policromi e stemmi di famiglia.
Uno studio più accurato tuttora in corso permetterà tra breve di avere più chiaro il contributo che i pittori del Settecento hanno dato all’abbellimento delle sale e dei soffitti della Villa, in modo da restituire il giusto peso a queste decorazioni che si integrano perfettamente con le opere contemporanee di Antonio Manzi esposte nelle sale in un continuo dialogo tra passato e presente.
Francesca Bertini – Sezione Patrimonio Storico-Artistico

“Campi in primavera 2010” tutto il programma

3 aprile 2010
Campi in primavera 2010

E’ primavera e con essa riparte l’ annuale manifestazione Campi in Primavera che si articolerà dal giorno 9 all’11 aprile 2010, presso il Teatro Dante di Campi Bisenzio. E’ giunta alla terza edizione, la manifestazione, con spettacoli, laboratorio e workshop, che vede artisti di primo piano insieme a realtà artistiche legate al disagio mentale e fisico, esibirsi in un importante palcoscenico come quello del Teatro Dante. Il programma prevede:

L'Amore è Geco! di Andrea Muzzi & Marco VicariVenerdì 9 aprile Teatro Dante ore 21 L’Amore è Geco! di Andrea Muzzi & Marco Vicari. Musiche Nicola Costanti con Andrea Muzzi, Nicola Costanti e Diletta Oculisti regia Andrea Muzzi. Un innamorato è un uomo libero, non lo assoggetti a nessuna legge. Per questo vogliono controllarci. Ribellatevi. Ricordatevi che il matrimonio è un sacramento che unisce due persone per sempre: la sposa e il ristoratore, perché per pagare le rate del pranzo una vita non basta! Nicola Costanti l’unico cantautore italiano a vincere per due volte il premio Tenco (1998, miglior esordiente, 2003 miglior autore). La prima volta gli è stato consegnato da Fabrizio De André. Introduce la serata Lettere d’amore Gruppo Danzarvita in collaborazione con Centro Diurno LINAR, CSE, Il Totem Istituto Superiore Elsa Morante. A cura di Christine Ledermann.

Concerto Confidenziale di Federico Fiumani (Diaframma)

Sabato 10 aprile Teatro Dante ore 21 con Concerto Confidenziale di Federico Fiumani (Diaframma). L’idea di fare un tour soltanto con la chitarra acustica nacque per caso quando, con i Diaframma, ci apprestavamo a suonare all’Anfiteatro delle Cascine. Fin dalla mattina le nuvole si opposero così tanto che, stremati nel tardo pomeriggio decidemmo di rimandare l’esibizione. Verso le nove di sera l’acqua smise di scendere e il clima era fresco e stupendo tanto che molta gente arrivava e mi diceva “dai Federico, facci almeno qualche pezzo”. Quindi salii sul palco e cantai le canzoni proprio come erano nate, solo voce e chitarra acustica. Il risultato? La gente applaudiva; ricordo che ero emozionato come poche volte in vita mia. Siccome di emozioni si vive, è nata la voglia di riprovarci, di vivere questa avventura come un esordio pieno di speranze e di entusiasmo. Federico Fiumani è considerato il cantautore punk per eccellenza. Compositore, chitarrista e poeta, é leader e mente dei Diaframma, uno dei gruppi che hanno fatto la storia della New Wave e della musica italiana. Introduce la serata Storia d’amore a cura del Centro Diurno Il veliero, San Giovanni Valdarno (Fi).

Giuseppe Jaka GiacaloneDomenica 11 aprile, Teatro Dante sala musica dalle ore 10 alle ore 12. Parole e cuore a tempo, laboratorio con Jaka. Giuseppe Jaka Giacalone è uno dei più importanti musicisti reggae in Italia ed è famoso per la sua straordinaria energia e capacità nel coinvolgere il pubblico. Laboratorio gratuito su prenotazione all’indirizzo: fazzini@coopmatrix.it
Teatro Dante ore 17, Premio Campi in Primavera con giuria presieduta da Alessandro Benvenuti. Tre spettacoli in concorso:
– Guardiamoci dentro ancora… del Centro L’Arcobaleno di Navacchio (Pi) con la partecipazione del Centro L’Orizzonte di Pisa.
– Stagioni del Gruppo Areadanza di Firenze.
– Figli del vento della Cooperativa Sociale Kepos di Prato.

Eventi Speciali

Venerdì 9 aprile presso il Teatro De ore 15.30Workshop: I servizi socio sanitari a Campi Bisenzio, realtà, sviluppo e opportunità, organizzato dal Comune di Campi Bisenzio Assessorato alle Politiche integrate di Salute e dalla Società della Salute Nord Ovest.
Venerdì 9 aprile presso il Circolo Arci Dino Manetti dalle ore 19.30 – L’Osteria Nessun Dorma oltre alle solite specialità propone il Menù CampiinPrimavera antipasto primo dolce acqua vino (o altra bibita) tutto a 10 euro! Si consiglia la prenotazione al Circolo Manetti via Baracca 2/a San Piero a Ponti (località Indicatore) tel. 055 89.99.802
Sabato 10 aprile presso la Fondazione Spazio Reale San Donnino – Pomeriggio tutti insieme… sportivamente! ore 15 Allenamento gruppo basket Over the Limits con la supervisione di Mister Marco Calamai, ore 16.30 Partita Interregionale di Calcio a 5 Fisdir Matrix calcio Firenze – Ticino Milano.  Con la collaborazione il Circolo Arci Dino Manetti, la Fondazione Spazio Reale, la Cooperativa Sociale Macramè e Controradio.

CampiinPrimavera promuove anche L’ Osteria Nessun Dorma aperta tutti i venerdì sera presso il Circolo Arci Dino Manetti in via Baracca 2/a San Piero a Ponti (località Indicatore) dove puoi trovare i migliori piatti della tradizione campigiana, ottime pizze ed altre specialità cucinate da esperti cuochi che tutti i fine settimana da 30 anni hanno reso il Dino Manetti un posto dove si mangia bene e si spende poco. Prestano servizio numerosi volontari tra cui persone che portano avanti un progetto formativo con la supervisione delle cooperative sociali Matrix e Macramè. E’ consigliata la prenotazione al tel. 055 89.99.802
Programma completo di Campiinprimavera 2010 (393.56 KB).

Info:
Cooperativa Sociale Matrix Onlus Via Giampaolo Orsini 110 Firenze tel. 055 20.08.238 o 348 23.19.500 mail: fazzini@coopmatrix.it
Comune di Campi Bisenzio – Assessorato alle Politiche culturali – Ufficio Cultura, Villa Montalvo, Via Limite, 15 tel. 055 89.59.318 mail: cult@comune.campi-bisenzio.fi.it
Teatro Dante Piazza Dante 23 Campi Bisenzio (FI) – tel. 055 89.79.403

La CampiLirica e l’Orchestra Nuova Europa presentano “Il Trovatore” di Verdi

24 gennaio 2010

Ancora una presenza locale al nostro Teatro Dante, il 31 gennaio 2010 alle ore 16.00, che mai come quest’anno sta proponendo spettacoli degni di nota anche al livello italiano. Locale perchè questa opera lirica è stata presentata e verrà condotta da due associazioni che raggruppano personaggi capaci e pregevoli. Sono due cast che conducono la loro opera degnamente e rappresentano una risorsa ed una virtù locale, che non può e non deve essere sottovalutata. Mi riferisco ovviamente alla Compagnia Campi Lirica ed alla Orchesta Nuova Europa, che in questa occasione presentano Il trovatore, una splendida pera di Giuseppe Verdi rappresentata in prima assoluta il 19 gennaio 1853 al Teatro Apollo di Roma, che assieme a Rigoletto e La traviata fa parte della cosiddetta trilogia popolare.
Il libretto, in quattro parti e otto quadri, fu tratto dal dramma El Trobador di Antonio García Gutiérrez. Fu Verdi stesso ad avere l’idea di ricavare un’opera dal dramma di Gutiérrez, commissionando a Salvadore Cammarano la riduzione librettistica. Il poeta napoletano morì improvvisamente nel 1852, appena terminato il libretto, e Verdi, che desiderava alcune aggiunte e piccole modifiche, si trovò costretto a chiedere l’intervento di un collaboratore del compianto Cammarano, Leone Emanuele Bardare. Questi, che operò su precise direttive dell’operista, mutò il metro della canzone di Azucena (da settenari a doppi quinari) e aggiunse il cantabile di Luna (Il balen del suo sorriso – II.3) e quello di Leonora (D’amor sull’ali rosee – IV.1). Lo stesso Verdi, inoltre, intervenne personalmente sui versi finali dell’opera, abbreviandoli.
La prima rappresentazione fu un grande successo: come scrive Julian Budden, “Con nessun’altra delle sue opere, neppure con il Nabucco, Verdi toccò così rapidamente il cuore del suo pubblico“.
Interpreti di quel fortunatissimo debutto furono: Il Conte di Luna, Giovanni Guicciardi, baritono; Leonora, Rosina Penco, soprano; Azucena, Emilia Goggi, mezzosoprano; Manrico, Carlo Baucardé, tenore; Ferrando, Arcangelo Baldesi, basso; Ines, Francesca Quadri, soprano; Ruiz, Giuseppe Bazzoli, tenore.
La trama, oltremodo intricata e romanzesca, si sviluppa parte in Biscaglia e parte in Aragona all’inizio del XV secolo. Da amante dell’opera Verdiana, non posso che incitarvi a partecipare numerosi a questo evento.. (scarica la locandina in PDF)

L’esito della relazione congiunta Comune-Comitato boccia l’inceneritore, la migliore pratica è il TMB

14 dicembre 2008

E’ un’altro passo importantissimo sul fronte della lotta contro l’inceneritore, ad un anno dal clamoroso esito del referendum che vide 10mila cittadini opporsi nettamente alla volontà di costruire questo mostro alle porte della nostra cittadina, ieri la tanto attesa relazione congiunta, che era stata voluta dalla nostra amministrazione e dal comitato referendario contro l’inceneritore, ha finalmente reso giustizia alla verità su questa assurda pratica di smaltimento dei rifiuti.
Esistono quindi le alternative all’inceneritore e questa volta lo affermano i tecnici di entrambi le parti, al termine di numerosi sopralluoghi ad impianti europei ed extraeuropei (addirittura statunitensi). Le conclusioni sono ovvie, “la tecnologia a freddo combinata con con la messa a regime delle buone pratiche di riduzione, riuso, recupero e riprogettazione del residuo, integrata con una efficace filiera impiantistica di riciclaggio e compostaggio, costituisce una valida e credibile alternativa all’incenerimento”.
Il Sindaco Adriano Chini, che ovviamente era presente all’incontro, ha affermato la sua volontà, presa dopo il risultato del referendum, di portare avanti questa strada, organizzando già a Febbraio 2009 un congresso a Campi Bisenzio e nel frattempo estendere la relazione alla Regione Toscana ed ai comuni limitrofi, soprattutto a Sesto Fiorentino, dove domani 15 dicembre, alle ore 21.00 presso il Circolo ARCI La costituzione in via Gramsci 560, il sindaco Gianassi terrà una conferenza sul tema “Inceneritore o discarica ?”, ovviamente relativamente allo smaltimento dei rifiuti nella provincia, con la presenza dell’A.D. di Quadrifoglio Livio Giannotti ed il prof. Andrea Conti dell’Univ.Firenze facoltà di Ingegneria. Vi invito a partecipare numerosi a questo incontro per sentire quali siano i motivi per i quali scegliere fra queste due pratiche … io ci sarò perchè l’avvenimento si preannuncia in modo divertente, ora che l’esito di questa ricerca mette in ridicolo tali argomenti e soprattutto tali artefatti.
Un grandissimo risultato anche per Franco Galli, ora “ex” presidente del Comitato Referendario; sopratutto un risultato che deve imporre fin da ora la strada per le buone pratiche dello smaltimento dei rifiuti e l’obbiettivo di portare la differenziata al 65% entro il 2012, con un residuo da destinare alla discarica del 14%.
Ricordo che i tecnici che hanno partecipato a questa ricerca congiunta sono : Giuseppe Banchi e Rossano Ercolini per il Comitato Referendario con Giovanni Lippo e Simone Bonati per il Comune di Campi Bisenzio.
Dalla relazione emergono essenzialmente tre metodi di smaltimento dei rifiuti : la dissociazione molecolare, il trattamento meccanico biologico (TMB) ed il gas-plasma.
L’unico miglior sistema riconosciuto da entrambe le parti è il TMB poichè produce gas biocomposto al 65% da metano, che poi viene utilizzato per la cogenerazione di energia, con emissioni in atmosfera molto contenute; inoltre lo scarto residuo di questi impianti è costituito da materiali inerti e stabilizzati che non danno quindi luogo ad emissioni di sostanze nocive per l’ambiente e quindi per le persone.
Differenti le posizioni invece sugli altri due sistemi : mentre la dossociazione molecolare non viene considerata idonea da entrambe le parti, il gas-plasma, viene visto come una possibile alternativa all’inceneritore per i tecnici del comune, per il fatto che la quantità di fumi emessi rispetto all’inceneritore è di circa un terzo e le scorie prodotte sono comprese fra il 2% ed il 10% del rifiuto in ingresso, l’impianto analizzato è quello in Pennsylvania. Su questo ultimo di ben altro parere sono i due tecnici del comitato, che vedono in questo impianto una forte pericolosità a causa della presenza di diossine e metalli pesanti nei fumi emessi (sulla base dei dati forniti direttamente dalla multinazionale del settore).
C’è da notare che i tecnici di parte comunale hanno evidenziato in una scheda che l’inceneritore e l’impianto al plasma sono i più costosi impianti in termini di investimenti, si parla di 90 milioni di euro per l’inceneritore e 100 milioni di euro per l’impianto al plasma.
Infine non si può non citare la raccolta differenziata, che ha prodotto risultati interessanti in modo particolare dove è esistente la raccolta porta a porta, nonostante la difficoltà che è emersa su come reimpiegare i prodotti del riciclo, come il compost che pare non abbia un buon mercato, la carta riciclata che nella produzione di quaderni e risme sembra sia più costosa della carta vergine e la plastica ed il vetro, derivanti dalle bottiglie dato che alcune aziende che si occupano del recupero sono ormai sature, argomento che sarà rilanciato dal nostro sindaco Chini nelle varie sedi istituzionali.

Allego inoltre i seguenti documenti riguardanti la relazione e gli articoli dei principali quotidiani :

CONCLUSIONI DI GIUSEPPE BANCHI E ROSSANO ERCOLINI

Documento integrale predisposto dai tecnici Giuseppe Banchi e Rossano Ercolini (2.72 MB).

Sintesi del documento predisposto dai tecnici Giuseppe Banchi e Rossano Ercolini (895.89 KB).

Sintesi del documento predisposto dai tecnici Simone Bonari e Giovanni Lippo (687.56 KB)

Articolo de La Nazione del 14/12/2008

Articolo de Il Nuovo Corriere di Firenze del 14/12/2008

Fare dolci in compagnia dei soci Coop

7 novembre 2008

dolceLa sezione Soci Coop di Campi propone tre incontri veramente appetitosi, che si articoleranno nei giorni di venerdì 14, 21 e 28 novembre, per imparare a fare dolci e creme con il “pasticcere per hobby”, Giuseppe Proetto. Il corso si svolgerà nella saletta soci sita nel piazzale Coop angolo via Tesi, chiaramente a Campi Bisenzio, con inizio alle ore 21. Al termine di ogni lezione sarà possibile degustare il dolce preparato insieme a tutti i partecipanti. Il corso è gratuito è tuttavia richiesto un contributo di 20 euro che sarà devoluto alle iniziative di solidarietà de “Il Cuore si scioglie”, che la Coop sta promuovendo.
Per info e iscrizioni rivolgersi al box soci della Coop di Campi, dal lunedì al venerdì, dalle ore 17 alle 19, tel. 0558964223, cell. 3393207292

Un viaggio nella chirurgia refrattiva a Campi Bisenzio

16 ottobre 2008

La Misericordia di Campi Bisenzio offre oggi un importante servizio di Chirurgia Refrattiva. Ad oltre un anno dall’inizio dell’attività sono ormai centinaia gli interventi eseguiti e la grande soddisfazione dei pazienti sancisce il successo dell’attività. Alla Misericordia è oggi possibile la correzione di tutti i difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo con il nuovo Laser ad Eccimeri Zyoptix 100, moderna e sofisticata macchina di ultima generazione. Inoltre la tecnica Lasik (che si diffonde finalmente anche in Toscana) consente il recupero visivo già poche ore dopo l’intervento senza alcun dolore. Allo scopo di allargare la conoscenza di queste tecniche la Misericordia di Campi Bisenzio, con il patrocinio del Comune e della Società della Salute organizza a Campi il primo Corso scientifico divulgativo dal titolo “Viaggio nella Chirurgia Refrattiva” che si svolgerà in due sessioni: il 18 ottobre ed il 13 dicembre presso la Limonaia della Villa Montalvo, Via del Limite. Il corso, che è gratuito, è rivolto ad oculisti, medici di base ed operatori sanitari ma è aperto anche a tutta la cittadinanza. Relatori saranno il Dott. Giuseppe Panzardi Responsabile della Chirurgia Refrattiva della Misericordia di Campi Bisenzio, il Dott. Matteo Piovella Responsabile SOI ed il Dott. Scipione Rossi Primario Ospedale San Carlo di Nancy di Roma. Il Dott. Panzardi ha eseguito oltre 100 interventi nell’arco di 8 mesi e nel 99% dei casi i pazienti si sono tolti gli occhiali recuperando la vista mancante. Durante il convegno di sabato sarà possibile ascoltare proprio la testimonianza di chi si è sottoposto all’intervento con il Laser. L’evento è accreditato per oculisti, medici di base ed operatori sanitari. Il convegno durerà dalle ore 9.00 alle ore 16.00.

Maggiori info nel programma allegato (in versione PDF da 572 Kb) oppure chiamare Giovanni D’Andrea al numero 335.1083298. Confraternita Misericordia Via Montalvo 8 a Campi Bisenzio.