Posts Tagged ‘film’

Inverno al cinema: altri tre appuntamenti in programma fino al 6 marzo 2014

18 febbraio 2014

Per la rassegna cinematografica campigiana, organizzata da SPI-CGIL di Campi, dal Circolo Cultirale larocca e dal Circolo Rinascita, sono tre gli appuntamenti con il film cult riproposti presso il Circolo Rinascita in Piazza Matteucci a Campi Bisenzio con ingresso gratuito.
Giovedì 20 febbraio alle ore 21.00“Saturno contro” di Ferzan Ozpetec, 2006
Giovedì 27 febbraio alle ore 21.00“La balia” di Marco Bellocchio, 1999
Giovedì 6 marzo alle ore 21.00“Come pietra paziente” di Atiq Rahimi, 2012

Bianco come il latte rossa come il sangue con il Circolo Ben-Essere dell’AUSER

4 dicembre 2013

AUSER VOLONTARIATO
Circolo del BEN–ESSERE
GIOVEDI’ 5 dicembre 2013 ore 19.00
UN FILM…insieme per poi parlarne
“BIANCA COME IL LATTE ROSSA COME IL SANGUE.”
Tratto dal romanzo di Alessandro D’Avenia
E’ la storia di Leonardo innamorato di Beatrice, una ragazza dai lunghi capelli rossi malata di leucemia. La vicenda si svolge in 200 giorni, iniziando con il primo giorno di scuola e terminando con l’ultimo.
« Una vita senza sogni è un giardino senza fiori, ma una vita di sogni impossibili è un giardino di fiori finti… »
presso
Ristorante IL CAMPIGIANO Via Guinizzelli – Campi Bisenzio
A seguire apericena
Conclude la serata un brindisi e lo scambio di auguri
Info e prenotazioni (entro il 3 dicembre) Paola: 3383246812

Proposta Zero Waste: un gruppo aperto per l’elaborazione di un piano per la gestione dei rifiuti in toscana

13 giugno 2013

IL CENTRO DI RICERCA RIFIUTI ZERO DEL COMUNE DI CAPANNORI, IN COLLABORAZIONE CON ZERO WASTE EUROPE E ZERO WASTE ITALY PROMUOVE UN GRUPPO DI LAVORO APERTO PER L’ELABORAZIONE DI UNA PROPOSTA DI PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI PER LA TOSCANA BASATA SULLE BUONE PRATICHE.
969454_138380933030591_513354756_nIn seguito all’incontro svoltosi pubblicamente a Capannori il 18 maggio con il presidente della giunta regionale Enrico Rossi che ha chiesto esplicitamente ai comuni “virtuosi” e ai movimenti di collaborare alla definizione di un nuovo piano regionale di gestione dei materiali di scarto il Centro Ricerca RZ del comune di Capannori ha deciso di insediare un Gruppo di Lavoro Aperto allo scopo di redigere una bozza di proposta pianificatoria basata sulla applicazione dei 10 passi verso rifiuti zero. Il gruppo che si avvarrà del contributo di tecnici ed esperti ma anche di attivisti sarà coordinato da Rossano Ercolini responsabile del Centro stesso. Il metodo di lavoro assunto sarà quello di seguire anche attraverso visite “sul campo” le buone pratiche di riduzione, riparazione, riuso, riciclo e compostaggio già in atto in Toscana studiandone la replicabilità su scala regionale. Proprio per questo saranno tenute riunioni dislocate nei tre ATO della Toscana precedute da visite e da incontri con sindaci e/o assessori, responsabili dei gestori, categorie economiche e rappresentanti dei distretti produttivi, comitati ed associazioni di cittadini. Queste modalità di lavoro oltre a consentire di conoscere da vicino i risultati di eccellenza raggiunti in contesti regionali indicano anche la necessità per le stesse istituzioni di puntare sulla partecipazione vera dei cittadini e dei “portatori di interessi diffusi” per la definizione di una pianificazione il più possibile scevra dalla pressione di lobbyes volte a condizionare in senso pesantemente impiantistico e centrato sugli “smaltimenti” un atto che deve invece rispondere a criteri di salubrità, di qualità ambientale, di trasparenza, di promozione di posti di lavoro e di impresa locali nonchè di lotta agli sprechi sia di preziosi materiali che di soldi dei cittadini. Questo percorso operativo proprio per la novità e l’importanza dello “posta in palio” sarà supportato oltre che da un Comitato Scientifico di primo livello di cui è dotato il Centro Ricerca Rifiuti Zero (presieduto da Paul Connett e coordinato da Enzo Favoino) anche da Zero Waste Italy e da Zero Waste Europe proprio nella considerazione dell’importanza della Toscana nel contesto nazionale ed europeo/internazionale. La proposta che entro la fine di luglio sarà pronta per un confronto con la Regione pur incentrata sulla gestione dei rifiuti solidi urbani affronterà anche la problematica dei rifiuti speciali, in particolar modo di quelli derivanti dai distretti produttivi più importante della Toscana.

Ricordo anche che presso il cinema Odeon di Firenze si è tenuta ieri la presentazione del film Trashed (versione in italiano) con la presenza di Jeremy Irons e Rossano Ercolini (necessaria la prenotazione), le altre proiezioni in Toscana per oggi:
Prato, Arena Estiva Castello dell’Imperatore (13 giugno)
Pontassieve , (FI), Cinema Accademia, 13 giugno ore 21:00

Rossano Ercolini e Jeremy Irons alla proiezione del film

Rossano Ercolini e Jeremy Irons alla proiezione del film

Jeremy Irons e Rossano Ercolini

“L’ultima corsa”, Lanciotto Ballerini e la Battaglia di Valibona in un film in doppia proiezione da venerdì prossimo

17 aprile 2013

Venerdì 19 aprile alle ore 10.00, la Resistenza e la battaglia, la storia del comandante partigiano Lanciotto Ballerini, medaglia d’oro al valor militare ucciso a Valibona sui monti della Calvana il 3 gennaio 1944 durante uno scontro a fuoco fra fascisti e partigiani, verrà nuovamente raccontata in un film in proiezione al Teatro Dante di Campi Bisenzio. Il film sarà nuovamente proiettato nella Sala Consiliare Sandro Pertini in piazza Dante venerdì 26 aprile alle ore 21.00. Alle proiezioni sarà presente il regista del film Massimo Smuraglia. L’evento è a cura del Comune di Campi Bisenzio e della Sezione Anpi Lanciotto Ballerini di Campi Bisenzio.

Le iniziative del Circolo Ben-Essere e dell’AUSER per il Giorno della Memoria 2013

20 gennaio 2013

L’AUSER Volontariato di Campi Bisenzio in collaborazione con il Circolo Ben-Essere organizzano una serie di incontri in prossimità del 27 gennaio, il GIORNO DELLA MEMORIA:
Dopo il primo incontro di giovedì 17 gennaio con la lettura e discussione del libro “Il profumo delle foglie di limone” di Clara Sanchez: Julian, scampato al campo di concentramento di Mathausen incontra, dopo tante ricerche, Fredrik e Karin due criminali nazisti, all’apparenza amabili e comprensivi vecchietti che si prendono cura di una giovane donna disperata, la quale, solo alla fine, riuscirà a vederli per quello che sono veramente.
Giovedì 24 gennaio alle 20.45 nella sala Nesti a Villa Montalvo proiezione del film TRAIN DE VIE, ambientato in un villaggio ebraico nell’Europa dell’Est nel 1941, dove viene organizzato un finto treno di deportati diretto in Palestina per sfuggire alla reale deportazione nazista….

“L’Ultima Corsa, la storia del comandante Lanciotto Ballerini”; in anteprima nazionale il film che racconta la storia dell’eroe campigiano

31 agosto 2012

Domani sabato 1° settembre alle ore 20.30 presso l’Ecomuseo della Resistenza in Valibona verrà proiettato  il film L’ultima corsa per la regia di Massimo Smuraglia,  il film che narra la storia di Lanciotto Ballerini, il leggendario comandante e la sua squadra I Lupi Neri, all’alba del 3 gennaio del 1944 sostennero un duro e sanguinoso conflitto a fuoco contro i fascisti.
La battaglia di Valibona fu terribile i partigiani riuscirono a resistere alle soverchianti forze avversarie ma il comandante Lanciotto, nel tentativo di impossessarsi di una mitragliatrice del nemico, fu colpito a morte. L’eroica resistenza dei partigiani e la morte di Lanciotto furono una scintilla per gli antifascisti. A decine si unirono alle brigate partigiane.
La proiezione del film in concerto tra i Comuni di Calenzano, Campi Bisenzio e la Provincia di Firenze avverrà proprio nel fienile dove si rifugiavano i partigiani di Lanciotto, attualmente ristrutturato, e quasi pronto per essere inaugurato come Ecomuseo della Resistenza. All’Ecomuseo sono già state donate dal Comune di Campi Bisenzio le tavole originali del fumetto edito nel 2011, in occasione del centerario del Comandante Lanciotto.
Il fumetto edito dal Comune di Campi Bisenzio e dall’Anpi, con il contributo di Jacopo Nesti e di Francesco della Santa può ancora essere richiesto per presentazioni presso le scuole fiorentine.
L’iniziativa, rientra nel programma di celebrazioni per il 68° anniversario della Liberazione di Firenze e provincia sarà l’occasione di un’escursione per Valibona, con partenza dalle ore 17 dal tiro al piattello delle Croci. (tratto dal sito del Comune di Campi Bisenzio)

Sara Tommasi: l’anteprima del suo film hard a Campi Bisenzio

22 giugno 2012

Dopo tante notizie culturali ecco un poco di sano gossip, che riscalderà l’atmosfera già fin troppo rovente di queste calde giornate estive, riguardante la showgirl Sara Tommasi, nota alle cronache per le sue apparizioni in abiti “molto” succinti. Pare infatti che la sua fama incrocerà anche la nostra cittadina per il debutto “hard” in un locale a luci rosse di Campi Bisenzio, il prossimo 30 giugno.
Come si legge da vari siti, non vi è nessuna conferma e tanto meno risposta dallo staff di Sara Tommasi, tuttavia le locandine fuori dal locale campigiano danno per certa la presenza di Sara Tommasi ad una serata a tinte forti in cui, tra l’altro, pare sarà proiettato in anteprima il contestatissimo (e attesissimo) primo film a luci rosse della bella showgirl.
Una vicenda ormai nota, per la quale dopo una serie di provocazioni per pubblicizzare alcuni libri, Sara avrebbe girato una pellicola hard in situazioni non proprio chiarissime. Lei, attraverso gli avvocati, ha denunciato di essere stata indotta a farlo con l’offerta di dosi di cocaina mentre il produttore si difende negando di aver mai ceduto droga alla Tommasi e di averla vista consumare droga, sostenendo di avere addirittura un regolare contratto firmato in precedenza. Dove stia la verità solo un giudice potrà stabilirlo ma, intanto, la vicenda infiamma il gossip italiano e fa crescere ogni giorno che passa la curiosità dei fan di Sara Tommasi e di molti semplici curiosi.
Non sappiamo se il film verrà sequestrato come chiede Sara o se come si dice, verrà regolarmente proiettato nell’anteprima del 30 giugno nel noto locale di Campi e non sappiamo neppure se la showgirl sarà veramente presente alla serata, magari qualche bene informato fan campigiano della Tommasi  potrebbe tenerci al corrente ..

Il Tandem di Pace propone un’incontro con Luca Miniero, il regista di Benvenuti al Sud (Domani al Teatro Dante ore 21)

20 marzo 2012

Dopo la bellissima ed emozionante serata con Margherita Hack, Un mercoledì da scrittori prosegue con un appuntamento Nazionalpopolare in compagnia del regista di “Benvenuti al Sud” e “Incantesimo Napoletano”, Luca Miniero, che incontrerà i lettori del Mercoledì 21 ore 21.00 al Teatro dante di Campi Bisenzio, per presentare il suo Napoli- Milano da casello a casello.
“Cosa mi piace dell’Italia? Mi piacciono gli italiani. Con i loro difetti, con le loro facce, con i loro dialetti, con la loro ingenuità sia a Nord che a Sud. Mi piacciono quelli che esagerano, i fanfaroni, quelli che ieri erano in un modo e oggi sono in un altro, mi piace la piccolezza, l’allegria, il tenere famiglia, il sapere tutto e non sapere niente, amo le persone serie ma anche quelle che lo sono solo a parole. Mi piace tutta questa umanità che né l’Expo di Milano con i suoi grattacieli né la camorra né i soldi sono riusciti a cancellare. Mi piace anche Scilipoti. Vabbe’, Scilipoti forse è troppo.” Dopo il successo di Benvenuti al Sud in questo suo primo libro Luca Miniero smonta pregiudizi, luoghi comuni e antichi dilemmi di un Paese in cui Nord e Sud si vorrebbero in lotta tra loro. E, pagina dopo pagina, scorrono dinanzi ai nostri occhi la Napoli della professoressa Emma Ausilio, le cassiere multitasking di Roma o i binari di Milano, dove ad attenderti c’è sempre una persona sola… Nella carrellata di situazioni, ricordi e personaggi veri e inventati, il lettore non faticherà a riconoscersi. Nord e Sud, napoletani e milanesi, sono nati per stare allo stesso banco, semmai anche per litigare, ma restando uniti. Perché anche questa è la bellezza di essere italiani.

Cena base di Polpette ed indovina il Film con “Che hai capito che Cine c’è a Cena ?” ..

15 marzo 2012

Domani, venerdì 16 marzo alle ore 20.30, il Centro Adolescenti Canapè di via Giusti, 7 a Campi Bisenzio, propone “Che hai capito che Cine c’è a Cena?”. Dopo un salto nella cultura araba-marocchina, ecco proposta una nuova cena a base di FRITTO e POLPETTE.. sempre a sostegno della raccolta fondi per le attività educative del Centro Adolescenti Canapè.
Il Menù della cena a base di Fritto e Polpette prevede: Coccoli e salumi, Tris di polpette di Patate e formaggio, Verdure, Hamburger, Polpette argentine e per finire il Dolce.
Durante la cena verrà mandato l’audio di un film, con il quale i partecipanti potranno cercare d’indovinarne il titolo e vincere gustosi premi.
Il costo della cena è di: 15€ gli adulti, 10 gli studenti e i bambini.
Per i più piccoli è previsto uno spazio e una menù tutto per loro, con un educatore che li seguirà durante la cena e li intratterrà con dei giochi. E’ necessaria la prenotazione. Per info e Prenotazioni: Tel 055/8979391 – 338/5462039 – ricca.meme@hotmail.com

La Pillozzi diserta “Zero Waste” di ieri al Rinascita .. paura o incontro inutile per decisioni già prese ?

26 febbraio 2012

Si è parlato di Zero Waste, ossia Rifiuti Zero, ieri pomeriggio nei locali del Circolo Rinascita di Campi. Un evento organizzato dal Gruppo di Acquisto Solidale Campiingas di Campi, alla presenza di ospiti che hanno affrontato il tema delle buone pratiche di smaltimento e riduzione dei rifiuti, in particolare l’esperienza positiva e di notevole esempio a livello mondiale della California senza inceneritori, con alti risultati economici e di gestione dei rifiuti, situazione che si pone in netto contrasto con alcune italiane; quella della Piana Fiorentina è sicuramente una di queste.
Un pomeriggio interessante e proficuo, ma quello che ha deluso i presenti è stata l’assenza ingiustificata dell’Assessore all’ambiente del Comune di Campi: Serena Pillozzi, che ha pensato bene di sottrarsi al confronto con l’Assessore Ciacci del Comune di Capannori (primo comune in Italia ad adottare Rifiuti Zero) e  con gli altri ospiti, che hanno illustrato ogni sorta di buone pratiche alternative all’incenerimento. Un comportamento, quello dell’assessore Pillozzi che come al solito non smentisce la classe politica campigiana. Delusione ed imbarazzo anche da parte degli organizzatori per questa assenza, neppure preavvisata, mentre a noi cittadini è venuta in mente una domanda: “Assessore Pillozzi, ha avuto paura del confronto, oppure ha ritenuto inutile l’incontro perchè le decisioni sono già state prese ?” .. e poi si parla di riallacciare il dialogo con i cittadini. Con questo modo di porsi è probabile che il prossimo anno “assente” lo sarà davvero ..

Il docu-film “Zero Waste” proiettato nell’incontro. Nel marzo del 2009 Francesco Barbieri, attivista di Gcr (Gestione Corretta Rifiuti), si reca a San Francisco in California, per prendere contatti con una delle amministrazioni più importanti del mondo che, tra le tante peculiarità, è divenuta un punto di riferimento per la gestione corretta dei rifiuti o, meglio, dei materiali post utilizzo. Per sconfiggere l’inceneritore di Parma, per sciogliere i grovigli dentro ai quali è protetto ogni ecomostro, occorrono iniziative poderose, sia per qualità che per quantità. In effetti, da quel marzo di due anni fa, Gcr ha prodotto una mole di lavoro impressionante, coinvolgendo i migliori attori che gravitano attorno al mondo dei rifiuti. Medici, chimici, architetti, tecnici, istituzioni, attivisti, perfino la Van Gansewinkel, un colosso, il quinto players europeo nella gestione dei rifiuti, che sarebbe disposta a venire a Parma a prendere i rifiuti a 100 euro a tonnellata, contro i 160 chiesti dalla locale Iren. Il viaggio in California fu talmente proficuo che a  Berkeley incontrò il sindaco, Tom Bates, che rilasciò un’intervista molto umana e profonda, invitando Parma a riflettere sul progetto dell’inceneritore, per fare marcia indietro e intraprendere la via corretta.  Anche Berkeley anni fa affrontò il tema come lo stiamo facendo noi oggi, con lo stesso calore e la stessa passione. I cittadini e i politici di allora, dopo un grande confronto, presero coscienza degli strascichi che l’inceneritore si sarebbe portato dietro, anche dopo il suo spegnimento. In California non fu possibile incontrare il sindaco di San Francisco impegnato, allora, nella corsa per diventare governatore. Venne lasciato però un regalo: una punta di Parmigiano, un libro e un disco di Giuseppe Verdi.  Il dono fu accompagnato da una lettera: “Un piccolo dono a un sindaco molto speciale di una città molto speciale. Ci sarebbe piaciuto intervistarti anche per un minuto soltanto. A Parma i nostri politici vogliono costruire l’inceneritore per risolvere il problema dei rifiuti. Il coraggio e lo spirito di Gavin Newsom potrebbe aiutare la nostra comunità a incamminarsi ‘on the road to zero waste’“. Il 16 dicembre 2009, durante la serata a teatro Due con Paul Connett, Gianni Tamino e Luigi Campanella, arrivò una lettera dalla California: “Dear Mayor Vignali, sono rammaricato nell’apprendere che Parma stia considerando di trattare i propri rifiuti solidi urbani mediante un inceneritore. San Francisco ha una esplicita politica di opposizione all’incenerimento. In passato anche noi abbiamo dovuto fronteggiare un’emergenza rifiuti e prendemmo in seria considerazione la costruzione di un inceneritore. Fortunatamente la nostra popolazione ha mostrato una grande lungimiranza e si e’ sollevata per respingere questo progetto. Non abbiamo preso questa decisione con leggerezza, ne’ le offriamo i nostri consigli senza offrirle anche il nostro aiuto e sostegno. Ci organizzeremo per mostrarle il nostro programma di lavoro nel riciclo e nel compostaggio. Trasformiamo i residui di cibo e gli sfalci del verde in fertilizzante organico, molto richiesto dalle fattorie e dalle vigne locali. Questo fertilizzante arricchisce il nostro terreno, ci fa risparmiare nell’utilizzo dell’acqua, riduce l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici e allo stesso tempo riduce le emissioni di co2 in atmosfera. Parma è il centro dell’Emilia Romagna, la patria di alcuni dei più famosi e squisiti cibi e vini del mondo. Consideri la decisione di fare compost e di arricchire la sua regione come un contributo a questa copiosa eredità dell’Emilia Romagna ed un passo in avanti nella salvaguardia del nostro pianeta”. Un’invito rivolto a tutta la cittadinanza e alle Istituzioni in particolare, sempre attuale, è quello che si possa mostrare quella lungimiranza evidenziata dalle comunità di Berkeley e San Francisco.
Il caso di San Francisco è solo un esempio oltreoceano con la quota del 77% di riciclaggio, un esempio molto più di casa nostra è Capannori. L’obiettivo più spinto con l’assenza di scarti dalle produzioni è l’obiettivo della strategia Zero Waste, ovvero rifiuti zero. Un’idea nata negli anni settanta, e tra i suoi principali teorici c’è Paul Connett, professore di chimica alla St. Lawrence University. La strategia è semplice. Bisogna combinare i cicli produttivi in modo da eliminare i materiali di scarto (i rifiuti di una produzione diventano materia prima in altri processi), oltre a creare beni di consumo riciclabili al 100 per cento. Il cammino verso un obiettivo impegnativo come questo permetterebbe di ridurre i volumi in discarica, oltre ad eliminare l’incenerimento, permettendo di aumentare dall’altra parte la quantità e la qualità dei materiali da riciclare. Corollario a tutto questo è l’incentivazione al riuso ed alla riparazione dei prodotti, oltre all’eliminazione del packaging. Ovviamente nella città californiana si differenzia di tutto: plastica, alluminio, carta e molto altro e la tassa pagata sui rifiuti dai suoi abitanti dipende dalla quantità di rifiuti indifferenziati prodotti. E l’amministrazione punta a fare ancora meglio: il 100% di rifiuti riciclati entro la fine del decennio.