Posts Tagged ‘fiesoli’

Via Tosca Fiesoli si tinge di rosso e scatta l’emergenza con ARPAT e Protezione Civile

25 Mag 2013

Un misterioso liquido rosso è stato disperso questa mattina, sulla carreggiata della Via Tosca Fiesoli in direzione ed in prossimità di S.Giorgio a Colonica. La quantità maggiore è stata riscontrata alla curva prima delle abitazioni a circa metà strada fra Campi e S.Giorgio e dopo un primo intervento di Quadrifoglio, si è reso necessaria anche la presenza della Protezione Civile e dell’ARPAT per analizzare la tipologia di liquido che potrebbe rischiare di inquinare le falde acquifere. La presenza di una pattuglia della Polizia Municipale ha scongiurato la possibilità che le auto e la fitta pioggia potessero spandere nel campo vicino parte del liquido non ancora analizzato. Il colore rosso è presente comunque su quasi tutta la via ed è probabile che sia fuoriuscito da un automezzo provvisto di cisterna.

Parte del liquido rosso probabilmente colorante tessile disperso sulla carreggiata

Il liquido rosso probabilmente colorante tessile disperso sulla carreggiata

Il Book Crossing approda ai Gigli; Fabio Genovese donerà il suo “Esche vive”, mercoledì 15 giugno alle 17.00

15 giugno 2011

Sarà lo scrittore versiliese Fabio Genovese ad inaugurare il Book Crossing, oggi, mercoledì 15 giugno alle ore 17, al centro commerciale I GIGLI.
Il Book Crossing approda ai GIGLI: anche al centro commerciale sarà possibile prendere o “liberare” libri del circuito internazionale in modo da arricchire la cultura e la conoscenza di tutti. I libri sono dotati di un codice di registrazione del sito http://www.bookcrossing-italy.com e il loro viaggio attorno al mondo sarà sempre individuabile. I lettori potranno annotare le proprie considerazioni sulle apposite schede inserite nei volumi in modo da arricchire il contenuto del libro stesso.
Mercoledì 25 giugno alle ore 17, nell’apposita area allestita all’ingresso di Corte Lunga, lo scrittore Fabio Genovese inaugurerà il servizio donando il proprio libro “Esche vive” (Mondadori) al Book Crossing dei Gigli. Farà seguito la presentazione del volume a cui parteciperà il giornalista David Fiesoli (Il Tirreno). L’autore sarà disponibile per autografare i volumi.
Il Book Crossing dei GIGLI, completamente gratuito per i fruitori, si avvale della collaborazione della Libreria Mondadori e di Fnac e presenta una vasta gamma di editoria per bambini in lingua originale (arabo, inglese, greco, cinese, …).
Nella zona del Book Crossing saranno organizzati incontri periodici con autori e operatori del mondo culturale.

Oggi sarà inaugurato il monumento realizzato dal Maestro Antonio Manzi in memoria di Tosca Fiesoli

22 aprile 2010

Il 25 aprile, è da anni per Campi non solo un giorno di festa, come avvenne 65 anni fa, quando la gente scese in strada spontaneamente per condividere la gioia di quel momento storico che segnava la fine di una guerra disastrosa. E’ anche l’occasione per commemorare le vittime di quel conflitto, uomini e donne di tutte le età, morti nella lotta contro il nazi-fascismo per garantire quei diritti democratici di cui oggi godiamo. Anche Campi ha pagato un alto tributo di sangue nella lotta al nazi-fascismo, cittadini morti da eroi in uno scontro armato, come la medaglia d’oro al valor militare Lanciotto Ballerini o deportati nei campi di concentramento, senza dimenticare quei campigiani, in gran parte civili, uccisi dalla violenza “quotidiana” della guerra.
Proprio ad una di queste vittime, Tosca Fiesoli, verrà dedicata un’opera del maestro Antonio Manzi che sarà inaugurata oggi, giovedì 22 aprile, alle ore 21 nel giardino di via Lorenzo Il Magnifico, l’ampia area verde al centro del nuovo insediamento di via Barberinese. Tosca Fiesoli fu uccisa nella notte del 7 agosto 1944, pochi giorni prima della Liberazione di Campi Bisenzio, da un soldato tedesco per aver resistito ad un tentativo di violenza carnale.
Il militare, che poi si scoprì aveva solo diciannove anni, fece irruzione quella notte nella casa dei Fiesoli a San Lorenzo e intimò a Tosca di seguirlo. Dopo pochi minuti i parenti di Tosca udirono due colpi di arma da fuoco nella strada; accorsi, trovarono il corpo della giovane straziato ed abbandonato in una fossa. Quell’omicidio sconvolse la comunità campigiana e l’anno successivo nel luogo del martirio di Tosca fu posta una lapide e l’Amministrazione comunale dedicò una strada alla sua memoria, l’attuale via Tosca Fiesoli. Oggi l’Amministrazione dedica alla sua memoria un monumento, un’opera realizzata dal Maestro Manzi. “Quando il sindaco Adriano Chini e l’assessore Nadia Conti mi accennarono a questa committenza – ci ha detto il Maestro Manzi – ho dato subito la mia disponibilità. Ho affrontato in tante opere il tema del dolore, che è stato anzi una costante del mio percorso artistico, all’inizio visto solo come introspezione quasi un soliloquio, oggi nella maturità come dramma dell’universo.
Ma lo confesso, accostarmi alla figura di Tosca Fiesoli, per me una figura molto mistica, è stata un’esperienza forte. La sua vicenda umana tocca tante corde e ce la consegna come un simbolo: della sofferenza umana, della barbarie della guerra, della violenza sulle donne, della sopraffazione del “potente” di turno, allora un nazista diciannovenne, su una giovane donna indifesa. Ma la Tosca che ho voluto lasciare non è quella straziata dal dolore ma un corpo ritrovato toccato dalla spiritualità che lenisce le angosce umane e sostenuta in quell’ultimo momento dalla mano pietosa della Provvidenza divina. Pensando alla collocazione del monumento e all’opera che volevo realizzare ho scelto di utilizzare il bronzo. Umanamente questo lavoro mi ha coinvolto molto, perché sono convinto che trasmettere la Memoria di quanto avvenne oltre sessant’anni fa sia un messaggio fondamentale per le nuove generazioni. L’Amministrazione ha dato prova di grande sensibilità nel portare al centro di questo 25 aprile la vicenda umana di Tosca Fiesoli, che è sì un’icona della memoria, ma nello stesso tempo una figura attualissima”.
Per l’opera scultorea del Maestro Antonio Manzi, un pezzo unico in bronzo, la fusione è stata realizzata, secondo il procedimento antico “a cera persa” dalla Fonderia Artistica Il Cesello di Campi Bisenzio dei fratelli Franco e Fabrizio Cipriani.

Antonio Manzi realizzerà un’opera per ricordare la memoria di Tosca Fiesoli

13 marzo 2010

Il maestro Antonio Manzi realizzerà una scultura per commemorare la persona di Tosca Fiesoli, una giovane campigiana che venne barbaramente trucidata dai nazisti nel 1944. L’opera rientra nel progetto “Storia e memoria .. quelli che non sanno ricordare il passato, sono condannati a ripeterlo” ed è finanziato con fondi europei (di cui 10.450 sostenuti dall’amministrazione comunale), in occasione del 15 aprile. La posizione in cui verrà collocata l’opera è all’altezza del numero civico 15 di Via San Lorenzo, nel luogo in cui la ragazza venne uccisa. L’artista Manzi da anni collabora con il comune di Campi, pur essendo residente a Lastra Signa ed ha già realizzato numerose opere presenti sul territorio campigiano, oltre a quelle esposte nel Museo allestito a Villa Rucellai.

Tosca Fiesoli, nasce a Campi Bisenzio nel 1909 da una famiglia di mezzadri originaria di Poggio a Caiano, era una bella ragazza molto impegnata nell’associazionismo di stampo cattolico. Nella notte del 7 agosto 1944 un soldato tedesco fece irruzione nella casa dei Fiesoli e, vista Tosca, le intimò di seguirlo. La ragazza, forse cosciente del pericolo, si levò la propria catenina e la consegnò ad una cugina, seguendo poi il soldato. Passarono pochi minuti ed i parenti di Tosca udirono due colpi di arma da fuoco nella strada; accorsi, trovarono il corpo della giovane straziato ed abbandonato in una fossa. La ragazza si era difesa dal tentativo di violenza fino all’estremo e la sua resistenza aveva scatenato l’ira del soldato, che si era accanito in maniera bestiale sul corpo. Il cadavere della povera ragazza fu composto e portato nella casa della famiglia.
La mattina dopo due parroci, il pievano Don Pietro Santoni e il priore di San Lorenzo Don Ottavio Conti, ebbero il coraggio di andare al locale comando tedesco a denunciare il macabro assassinio. Su questi fatti le autorità tedesche erano quasi sempre “serie” ed il locale comando aprì un’indagine che in poco tempo portò alla scoperta del colpevole, un soldato diciannovenne che pare avesse commesso un delitto simile anche nel Lazio. Il soldato fu condannato alla fucilazione ed, in attesa di essere portato a Prato per l’esecuzione, fu legato ad una sedia collocata davanti al cadavere di Tosca. Non si è mai avuta la certezza assoluta della fucilazione del soldato, anche se va detto che da questo punto di vista la Wehrmacht era quasi sempre inflessibile e non aveva riguardi per i propri soldati ritenuti colpevoli. Nel dopoguerra, nel luogo del martirio di Tosca fu posta una lapide (oggi in Via San Lorenzo) e nel 1945 l’amministrazione comunale dedicò una strada alla sua memoria, cambiando il nome a Via San Giorgio.

Campi (Bisenzio) di battaglia, iniziano oggi pomeriggio le riprese di un film sui valori della Resistenza “100 itinerari +1”

11 febbraio 2010

La guerra partigiana e il malessere della modernità, eroi di ieri e balordi d’oggi. Una storia per il cinema realizzata dagli studenti del liceo Agnoletti per il progetto 100 itinerari + 1.
Campi Bisenzio (Firenze)Tosca Fiesoli, un fior di ragazza. A Campi Bisenzio era impegnata nell’associazionismo cattolico e non aveva che 35 anni quando la sera del 7 agosto 1944 fu seviziata e uccisa da un soldato tedesco. Pochi mesi prima, in gennaio, il comandante partigiano Lanciotto Ballerini, anche lui di Campi, era caduto a 33 anni combattendo eroicamente contro le milizie nazi-fasciste.
Due figure leggendarie, simboli di un’epoca povera e tragica, rivivono ora in un film impegnato e coraggioso (Campi di battaglia) dedicato al mal di vivere giovanile in questi nostri giorni di inquietudini crescenti. Lo iniziano a girare oggi pomeriggio a Campi Bisenzio gli studenti del locale liceo scientifico Agnoletti (classe 4 B), nel contesto del progetto ‘100 itinerari+1’ prodotto dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, con la collaborazione di Provincia, Regione e dei sette comuni della cintura nord-ovest. Lo scopo: promuovere la conoscenza del territorio, la sua storia e fors’anche il suo avvenire.
Il film accosta passato e presente, idealità di ieri e incoscienze d’oggi, vite sacrificate per la libertà da un lato, vite gettate al vento in apparente libertà dall’altro. In primo piano la vicenda di un gruppo di balordi, tre teppistelli senza sale in zucca, come ormai se ne trovano dovunque: voglia di studiare o lavorare zero, però lesti di mano e pronti a delinquere, con un fitto repertorio di violenze, furti e vandalismi, tanto più oltraggiosi in un paese dove tutto è intitolato al mito di Lanciotto: la piazza principale, la coppa ciclistica, la stessa squadra di calcio.
L’incontro-scontro dei tre con i saldi valori della Resistenza è dunque violento e giustiziere. Penetrano in una villa per rubare, ma trovano l’energica reazione dell’anziano proprietario, ex partigiano. Due fuggono, il terzo è prigioniero. Troppo giovane per finire in cella, merita però una lezione di civiltà. Tenendolo sotto la paterna minaccia di un fucile, l’uomo gli ricorda una vicenda edificante di virtù e ardimento, la storia ancora viva di Tosca e Lanciotto. Quanto segue nel film suggerisce che la lezione non andrà sprecata.
Primi ciack in esterni, nelle vie del centro, al monumento ai caduti, sugli argini del Bisenzio, nel giardino di villa Rucellai. Poi gli interni. In tutto una settimana circa di riprese. Gli studenti hanno tra i 17 e i 18 anni. Dirigono e recitano. La sceneggiatura prevede anche una serie di flashback con scene del tempo di guerra: a Giulia Ballerini la parte di Tosca, a Lorenzo Paoli quella di Lanciotto. L’assistenza tecnica è del regista David Becheri, la supervisione dell’insegnante di Scienze Maria Rosaria Santo.
“E’ un’esperienza nuova e particolarmente positiva”, spiega quest’ultima, “A Campi l’epopea resistenziale è ancora molto sentita e per questi ragazzi è stato quasi automatico appellarsi alla storia locale. Hanno fatto ricerche in biblioteca, interrogato ex partigiani, ritrovato documenti, scritto la sceneggiatura. Hanno anche individuato le location per i set e lavorato ai costumi. Tutti si sono applicati con straordinario fervore e spirito di collaborazione, senza dimenticare il normale programma di studi. Quando la scuola riesce a creare questi entusiasmi dà gran motivo di soddisfazione anche a noi docenti”.

8 Marzo, la creatività femminile dedicata a Tosca Fiesoli, alla Pubblica Assistenza

17 febbraio 2009

8 MARZO 2009 FESTA DELLA DONNA
LA CREATIVITA’ FEMMINILE A CAMPI BISENZIO E NELLA PIANA

La pittura, la poesia, la seta, i merletti,la
fotografia, la scultura, i ricami, i disegni,
le composizioni, la maglia………………
delle DONNE

Nella edizione dello scorso anno, diverse donne non riuscirono a portare i loro lavori a dimostrazione della creatività femminile, per cui la Pubblica Assistenza di Campi Bisenzio ha pensato anche per quest’anno di riproporre questa iniziativa e dare la possibilità a tutte coloro che lo vorranno di essere presenti con i loro capolavori. Ogni lavoro manuale o intellettuale richiede tempo, calma, dolcezza e creatività, doti che le donne posseggono ampiamente e che sono in netta contrapposizione alla forza e alla violenza, che purtroppo oggi vediamo sempre più aggressiva e immotivata. Le donne che sono da sempre portatrici di vita, ripudiano la guerra, e nel 65° anniversario della morte di Tosca Fiesoli vittima della brutalità nazista, vogliono ricordarla e dedicarle questa giornata pensando a lei doppiamente vittima, di guerra, ma anche della ferocia umana che contraddistingue tutti i delitti di stupro. E’ amaro constatare che non passa giorno senza che non si assista a violenze o tentate violenze sul corpo delle donne, perché aver conquistato a duro prezzo, la parità dei diritti, non risolve la differenza di genere, dove il genere femminile è senz’altro il più debole. La lotta delle donne e di tutta quella parte di società sana, deve essere mirata affinché nel nostro codice penale siano previste pene più severe e certe per chi commette reati di stupro, poiché questo delitto contro la persona che non solo la ferisce fisicamente, ma la uccide moralmente, privandola della gioia di vivere, e umiliando l’intera collettività..

“IN RICORDO DI TOSCA FIESOLI”

Chi desidera esporre le proprie opere è pregata di contattare dal giorno 11 Febbraio 2009 al 28 febbraio 2009, Daniela Fontana 347.3220980 o Claudia Ciulli 348.1334246 presso l’Associazione Sede del Volontariato W. Pauly Via Orly n. 35 Campi Bisenzio. Con il patrocinio del Comune di Campi Bisenzio.

Programma della manifestazione :
Ore 10,30 – Saluti del Presidente della P.A. Valentino ZUARDI, Inaugurazione Mostra della Creativita’ alla presenza del Sindaco di Campi Bisenzio Adriano CHINI
Ore 11,00 – Presentazione delle opere a cura della Resp. Solidarietà e Cultura della P.A. Daniela FONTANA
A seguire aperitivo e mimose alle partecipanti e ai visitatori
Ore 13,00 – PRANZO nella nuova veranda
Ore 16,00 – Riflessioni sulla “Festa della donna”
Parleranno di Pari Opportunità :
Nadia CONTI Ass.re Pace, Solidarietà, Commissione Pari Opportunità
Gianna CORSINOVI Rappresentante Fiorentina commissione Pari Opportunità
Daniela FONTANA Consigliere P.A.
Saranno messi all’asta n. 3 quadri gentilmente offerti da alcune Pittrici nella scorsa edizione e il ricavato sarà devoluto a favore alle attività di Protezione Civile e Ambientale della Pubblica Assistenza. La mostra sarà aperta dall’08/03 al 13/03/2009 presso i locali dell’Associazione

Per tutte le informazioni relative all’evento ad al pranzo consultare il Volantino lato A e lato B

Le scuole di Campi promuovono il Natale a favore della solidarietà

4 dicembre 2008

albero_natale4Dall’inizio di questo anno scolastico, due insegnati, sono state ufficialmente incaricate di svolgere il ruolo di coordinatrici delle iniziative di solidarietà nel Circolo Didattico di Campi Bisenzio. La necessità è scaturita, con il fine di poter definire un percorso unico per la solidarietà su tutti i plessi del Circolo e quindi far convergere fondi e le attività proprie degli alunni su associazioni che otterranno in tal modo un beneficio più considerevole da tali iniziative. Paola Carradori e Gabriella Magnolfi, le maestre-ambasciatrici di solidarietà, mi hanno comunicato che anche quest’anno, in occasione del Natale, tante e di diverso tipo sono le iniziative che i plessi di Scuola dell’Infanzia e di Scuola Primaria del Circolo di Campi Bisenzio, hanno organizzato all’interno del progetto “Io e gli altri” per la solidarietà e per questo importante impegno è doveroso citarle con dovizia di particolari.
E’ necessario considerare che le attività educativo-didattiche organizzate nelle scuole permettono ai bambini di conoscere le situazioni di difficoltà nella prospettiva della solidarietà e prevedono feste, mercatini e manifestazioni varie, finalizzate alla raccolta di fondi economici.
Con tali fondi verranno mantenute le dieci adozioni a distanza in Burkina Faso mediante l’Associazione ONLUS ”Amici di Pietro Annigoni”, che il nostro Circolo già da numerosi anni sostiene, per il mantenimento delle dieci adozioni a distanza in Burkina Faso, che prevede un impegno di 300 euro annuali a bambino.
Sempre in Burkina verrà finanziata inoltre la realizzazione di pozzi in alcuni villaggi tramite Don Andrea Pucci che da vari anni è impegnato in progetti di sostegno nel paese africano, l’impegno per la costruzione di ogni pozzo è di 700 euro.
Come lo scorso anno verranno effettuate anche donazioni a favore di altre Associazioni Onlus che intervengono in alcuni plessi per presentare la loro attività e per sensibilizzare gli alunni sull’accoglienza delle varie forme di diversità (Trisomia 21, Unione italiana Ciechi, Telefono Azzurro).
Per raggiungere tale scopo, le insegnati, hanno organizzato alle seguenti attività che si svolgeranno nel mese di dicembre e in particolare nella mattinata del 19, che ricordiamo, avrà solo orario antimeridiano.

PLESSI SCUOLA DELL’INFANZIA

ANDERSEN16/12/08 h.17 locali della scuola – Pesca di beneficenza
TOSCA FIESOLI17/12/08 h.17 locali della scuola – Spettacolo nelle classi e mercatino dei lavori dei bambini
LORENZINI18/12/08 h.17 Limonaia Villa Montalvo – Festa e lotteria
RICCARDO VALERIO17/12/08 h.17 auditorium Rodari – Tombola
DIEGO CIANTI12/12/08 h.17 auditorium Rodari – Spettacolo

PLESSI SCUOLA PRIMARIA

NERUDA – Prima metà di dicembre nei locali della scuola – Mercatino
AURORA GELLI – 19/12/08  locali della scuola – Mercatino scambio per il Burkina e lotteria
FRA’ RISTORO – 18/12/08  h.17 Teatro Dante – Spettacolo con Trisomia 21
LORENZO IL MAGNIFICO – 19/12/08  h. 17 nei locali della scuola – Festa e fiera di beneficenza
SALGARI – 4/12/08  mercato di Capalle – Stand  con vendita dei manufatti dei bambini

Per la Scuola Aurora Gelli di San Martino, ho ricevuto un’ulteriore dettaglio del programma sulle iniziative :
– Dall’ 1 al 15 dicembre nelle classi sarà presente una scatola per raccogliere soldini portati dai bambini e frutto delle loro rinunce;
– Ai rappresentanti di classe sarà chiesto di vendere i biglietti per una lotteria (50 centesimi a biglietto) i cui premi, costituiti a giocattoli, saranno assegnati con un estrazione effettuata il 19/12 al mattino;
– Nell ‘ultima settimana prima delle vacanze di Natale verrà a scuola Don Andrea Pucci per presentare ai ragazzi la sua esperienza nel Burkina;
– Il 19 dicembre sarà allestito un mercatino-scambio nel quale i bambini potranno barattare materiale di cancelleria (penne biro, matite, gomme, quaderni piccoli a quadretti) o di altro tipo (piccoli giocattoli, saponette, sciarpe ) da loro portato in precedenza con del materiale che Don Andrea Pucci può fornirci.
La mattinata del 19 terminerà con i bambini e le insegnanti, mangiando insieme il panettone, ed augurandosi Buone Feste.
Per proposte ed ulteriori informazioni su tali iniziative, attuali e future è possibile contattare la coordinatrice Paola Carradori alla emal del blog.
Da parte mia auguro un prosperoso futuro di iniziative alle due ambasciatrici Paola e Gabriella, confermando il mio totale appoggio alla divulgazione di queste vitali ed importanti attività, che oltre a far capire le necessità e le diversità di tanti coetanei ai nostri figli, offrono concrete e reali possibilità di poter attuare un’efficace aiuto di coloro che realmente ne hanno necessità, senza disperdere denaro, come spesso avviene, in futili regali che finiscono con il passare inosservati in questa era consumistica.

La nostra scuola : come la vediamo ?

13 Mag 2008

Continuano con questo post, gli articoli tratti dal Periodico “Stare bene a scuola” a cura del Circolo Didattico Statale di Campi Bisenzio. Oggi propongo l’articolo di Eleonora Marchionni, dal titolo “La nostra scuola : come la vediamo ?”, che affronta l’analisi dei questionari che noi genitori compiliamo ogni anno e nei quali viene espressa la soddisfazione nei confronti della scuola, degli insegnanti e di tutti i servizi ad essa correlati.

Ogni anno nel mese di maggio le nostre famiglie rispondono, in modo anonimo, a questionari riguardanti la loro partecipazione alla vita scolastica, i rapporti con i docenti, la conoscenza delle attività didattiche e formative, il livello di cooperazione e relazionalità con il personale in servizio, il rapporto con la dirigenza. Anche i docenti ed il personale ATA rispondono a questionari che hanno ovviamente natura e finalità diverse. L’Autovalutazione di Istituto è un processo di verifica e valutazione interna ed esterna a cui tutte le Istituzioni Scolastiche devono rispondere da quando il percorso di autonomia ha iniziato a prendere forma.
Da anni vengono distribuiti i questionari a tutte le componenti per avere indicazioni sul lavoro da intraprendere e sui possibili correttivi. Si rileva una discreta partecipazione nella compilazione dei questionari; lo scorso anno nella scuola primaria sono state restituite dai genitori 696 schede su 1053 consegnate e nella scuola dell’infanzia 158 su 357. (la variabile della mancata restituzione è anche imputabile ad assenze degli alunni e alla presenza del 16% di alunni stranieri).
Ma che cosa hanno detto i genitori del nostro Circolo lo scorso anno? Quali sono stati i punti di forza e di debolezza rilevati? La partecipazione alla vita scolastica è attiva sia nelle assemblee che nelle feste; positiva la percezione del lavoro svolto dai docenti e la preparazione raggiunta dai bambini, in quanto orientata al potenziamento della loro autonomia e alla valorizzazione delle potenzialità espresse; ritenuta buona l’organizzazione complessiva della scuola, così come i rapporti con la segreteria e con il personale di custodia. Positiva la valutazione relativa alla disponibilità del Dirigente in particolare per i colloqui privati. Problemi invece, per circa un terzo delle famiglie, sulle modalità orarie dei colloqui che spesso coincidono con i loro impegni lavorativi.
Dall’analisi dei questionari, emerge che i docenti ritengono abbastanza efficace la comunicazione tra colleghi e ottima la partecipazione degli alunni alla vita scolastica. Tra i problemi più sentiti troviamo la sostituzione dei colleghi assenti e la necessità di porre particolare attenzione ad alcuni aspetti relativi all’organizzazione. I collaboratori scolastici si ritengono soddisfatti del loro lavoro anche se desidererebbero migliorare la comunicazione e i rapporti in genere tra le varie componenti del personale scolastico. Il personale di segreteria si ritiene abbastanza soddisfatto dei rapporti con l’utenza e con le altre componenti del personale scolastico ma auspica un reale miglioramento su alcuni aspetti legati all’organizzazione.
Anche quest’anno il nostro Circolo si vedrà impegnato nel processo di autovalutazione, i docenti di classe consegneranno alle famiglie i questionari che dovranno essere restituiti intorno al 16 maggio, per poi essere tabulati e commentati. I risultati rappresenteranno per noi non la conclusione di un processo, ma il punto di
partenza per modificare e riproporre un servizio sempre più vicino alle necessità dei nostri bambini e delle loro famiglie.
Eleonora Marchionni

SICUREZZA ALLA TOSCA FIESOLI
I bambini del plesso “Tosca Fiesoli” all’interno del progetto sicurezza hanno rielaborato graficamente le varie esperienze relative alle prove di evacuazione (Percorso Pesciolino Enzo; Evacuazione incendio). Il 16 novembre a scuola è arrivata l’ambulanza con la referente della sicurezza Paola Zanobetti. Alcuni elaborati dei bambini e materiale fotografico sono stati raccolti in un librone visibile a scuola.

Circolo Didattico di Campi Bisenzio, Via Prunaia – 50013 Campi Bisenzio (FI), Tel/Fax: 055 8962201, email: fiee16000b@istruzione.it