Posts Tagged ‘dimissioni’

Alessandro Benvenuti lascia la direzione del Teatro Dante: “Il vostro nuovo sindaco ha deciso di esautorarmi dalla carica di direttore artistico”

16 luglio 2013

Alessandro Benvenuti lascia la direzione del Teatro Dante, le parole di saluto condite con un poco di amarezza nella lettera dell’artista: “Il vostro nuovo sindaco ha deciso di esautorarmi dalla carica di direttore artistico”.
Alessandro Benvenuti dal 31 luglio non sarà più’ direttore del Teatro Dante di Campi Bisenzio. Dopo sei anni di direzione, l’artista toscano lascia l’incarico che lo ha visto protagonista della rinascita del teatro campigiano fin dalla sua riapertura, con un bilancio positivo dal punto di vista delle presenze e della qualità. Benvenuti attraverso una lettera aperta ai campigiani saluta e motiva con rammarico il suo esonero da Direttore Artistico.
“Cari Campigani, il vostro nuovo Sindaco ha deciso di esautorarmi dalla carica di direttore artistico del Teatro Dante, dispiaciuto e assai amareggiato ne prendo atto. Le nostre strade dunque si dividono qui.
Vorrei salutarvi ringraziando tutti coloro che sono stati gentili con me in questi sei anni di lavoro appassionato che ho svolto per il bene del vostro teatro e del vostro territorio.
Ringrazio l’Accademia dei Perseveranti nella figura del suo presidente Renzo Bernardi, la meravigliosa squadra di tecnici capitanata dal direttore tecnico Guglielmo Visibelli, Cristina la nostra gentile e cortese “economa”, Paolo il nostro custode sempre garbato e disponibile, Betty Cosci, la nostra ufficio stampa che tanto ha fatto tra mille difficoltà per far conoscere e rispettare il Teatro Dante a livello regionale e nazionale.
Un ringraziamento particolare va quindi ai critici e ai giornalisti che ci hanno seguito con affetto e attenzione in questi anni. Ringrazio inoltre chi mi ha offerto gelati di qualità, fiori finti, calore, premure e cortesie nei ristoranti e negli alberghi e soprattutto affetto, sorrisi e complimenti per la strada e infine un grazie di cuore va a coloro che sono stati presenti, sempre numerosi, alle tante serate di spettacolo fatte con successo per voi e grazie a voi. A tutti auguro buona estate e buona vita più in generale. Grazie del vostro affetto. A.B.”
Fonte www.gonews.it

Il presidente del Consiglio comunale di Campi Bisenzio, Alessandro Tesi, rassegna le dimissioni

12 marzo 2013

Con un comunicato al termine della Conferenza dei capigruppo di ieri, il presidente del Consiglio comunale di Campi Bisenzio, Alessandro Tesi, ha rassegnato le dimissioni. Ecco il comunicato:

Con la presente, come preannunciato in sede di Conferenza dei capigruppo svoltasi in data odierna, rassegno le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio comunale.
Le motivazioni di questa scelta sono da rintracciare esclusivamente nell’opportunità di non ricoprire un incarico tanto delicato, quale il ruolo di Presidente, in un momento in cui sta per avviarsi la campagna elettorale per la rielezione del Consiglio e del Sindaco.
Di fatto, a prescindere dalla veste con cui parteciperò a tale consultazione, il mio impegno in campagna elettorale non mi consentirebbe di svolgere adeguatemente le funzioni di presidente e potrebbe prestarsi a facili incomprensioni o strumentalizzazioni.
Ringrazio tutte le persone che in questi anni, a prescindere dalla loro collocazione politica, hanno collaborato con il sottoscritto nelle varie attività svolte dalla Presidenza. Un particolare ringraziamento lo rivolgo alla Vice Presidente Monica Roso, verso la quale rinnovo la stima che ebbi modo di esprimere nel 2008 al momento della sua elezione. E in conclusione, non posso fare a meno di ringraziare anche tutti i dipendenti del Comune con i quali ho lavorato in questi cinque anni e che hanno contribuito a rendere bella questa esperienza. Non li elenco perché rischierei ingiustamente di omettere qualche nome.
Un cordiale e sincero saluto.
Alessandro Tesi – Consigliere Comunale

Dimissioni di Serena Pillozzi: la nota del gruppo del Partito Democratico di Campi Bisenzio

14 dicembre 2012

Ricevo e pubblico questa breve nota di Alessio Colzi, da parte del gruppo PD di Campi Bisenzio, in relazione alle dimissioni del vice-sindaco Serena Pillozzi:

A nome del gruppo del Partito Democratico di Campi Bisenzio, esprimo un sentito ringraziamento a Serena Pillozzi per l’attività amministrativa svolta in questi anni. Anni durante i quali ha dimostrato sempre un profondo disinteresse personale e un elevato senso della cosa pubblica, anteponendo spesso e volentieri l’impegno istituzionale a quello lavorativo e ai propri affetti privati. Il gruppo del PD sottolinea il proprio apprezzamento per il lavoro svolto da Serena, all’interno di una maggioranza e di una Giunta dalla quale noi tutti ci sentiamo rappresentati e con la quale andremo avanti fino al termine della legislatura, cercando di confermare quanto di buono abbiamo saputo fare fino ad oggi e iniziando a gettare insieme le basi per la costruzione del futuro e rinnovato progetto di governo.

Si dimette il vice-sindaco Pillozzi: dopo la sconfitta alle primarie di Campi, la giunta Chini inizia a smontarsi ?

12 dicembre 2012

Una decisione del tutto inaspettata, almeno a sentire i commenti degli assessori Stefano Salvi e Andrea Falsetti (intervenuti ieri alla presentazione dello spostamento del mercato di San Donnino). Ma la decisione è presa, Serena Pillozzi ha deciso di rassegnare le dimissioni da vicesindaco. La notizia è di ieri pomeriggio ed ha colto di sorpresa molti, dopo la netta sconfitta alle primarie del 25 novembre. Certo è che l’impopolarità della Pillozzi era ben alta, soprattutto per chi combatte da anni sul fronte inceneritore, tuttavia anche questo è un segno che lascia molti interrogativi sul futuro dell’amministrazione della nostra città. Delusione quindi, o non condivisione delle future scelte politiche ? Un altro tassello che contribuisce a gettare scompiglio nella maggioranza in comune a pochi mesi dalle prossime elezioni. Stasera nel consiglio comunale, nel quale si aprirà sicuramente una discussione da parte dell’opposizione (già annunciata almeno dal Pdl), sapremo qualcosa di più.

Covelli (Giovane Italia): “Tesi non faccia il Ponzio Pilato. Se ha rispetto per le istituzioni che rappresenta si deve dimettere”

9 febbraio 2012

Dopo la pubblicazione del comunicato stampa di Tesi, in relazione a quanto accaduto lo scorso venerdì 3 febbraio nella Sala del Consiglio Comunale, dove secondo le cronache “un libero cittadino è stato malmenato, perché additato come simpatizzante del Pdl, mentre si accingeva a partecipare ad un convegno organizzato dall’estrema sinistra”. Raoul Covelli (Presidente Giovane Italia di Campi Bisenzio), mi ha inviato la sua replica in risposta a Tesi, convalidando la richiesta di dimissioni del Presidente del Consiglio di Campi Bisenzio, ecco il testo:
“Sono sconcertato e profondamente amareggiato. Sconcertato dalla replica del Presidente del Consiglio Comunale di Campi Bisenzio che anziché condannare l’orrendo gesto che ha visto un nostro concittadino sbattuto malamente fuori dalla sala del consiglio solo perché identificato come simpatizzante di centrodestra, si è ‘lavato le mani’ come un novello Ponzio Pilato arrampicandosi su regolamenti e statuti. Amareggiato nel vedere un giovane come Tesi essere già così attaccato alla poltrona da non riuscire ad ammettere un proprio errore grave e, per rispetto a quelle istituzioni che rappresenta, presentare le proprie dimissioni”. Questa la dura replica del Presidente dei giovani del PDL a Campi Bisenzio, Raoul Covelli.
“Dopo che un cittadino di Campi Bisenzio – prosegue il Presidente della Giovane Italia di Campi Bisenzio – è stato offeso, insultato, cacciato dalla sala consiliare e spintonato giù dalle scale, cosa ha saputo dire il Presidente del Consiglio Comunale? Che dell’episodio non sa ancora niente, ma intanto la colpa per aver concesso la sala a chi organizzava un convegno facilmente individuabile come promulgatore di odio e di intolleranza politica, non è sua, accusando noi di non conoscere le norme comunali”.
“Così il povero Tesi di figuracce è riuscito a farne 2 al prezzo di 1 – aggiunge ancora Covelli – infatti dopo aver fatto la figura del novello Ponzio Pilato, incurante dell’accaduto, ma soltanto del non prendersi la colpa, ha pure dimostrato che il primo a non conoscere statuti e regolamenti è proprio lui, ovvero la massima carica in seno al consiglio comunale. Il regolamento del Consiglio Comunale ascrive infatti al Presidente del Consiglio il compito di ‘tutelare la dignità’ di ‘assicurare le funzioni attribuite dalla legge’ al consiglio comunale nonché quello di ergersi a difensore dello stesso consiglio in maniera super-partes. Se per Tesi l’episodio accorso al nostro concittadino da dignità al consiglio comunale il fatto è doppiamente grave”.
“Che anche il Sindaco abbia le sue responsabilità nell’aver concesso la sala – conclude Covelli – è ovvio, tant’è che al Sindaco è rivolta l’interrogazione presentata dal Consigliere del PDL Leo Campagni. Resta la doppia brutta figura fatta da Tesi: per lui è deprecabile che i giovani non conoscano a memoria gli statuti ed i regolamenti del consiglio comunale, per noi è ben più deprecabile che un giovane non riesca a compiere un gesto di rispetto verso le istituzioni che in questo caso dovrebbe essere d’obbligo: presentare immediatamente le proprie dimissioni”.

L’assessore Monni si dimette

27 dicembre 2007

Ho appreso in data odierna delle dimissioni dell’Assessore Monia Monni, le sue cariche attuali erano quelle di Ambiente e Lavori Pubblici. Due incarichi molto travagliati viste le problematiche relative all’inchiesta Appaltopoli che l’ha investita come Lavori Pubblici e con la questione Inceneritore come Ambiente. La sua carriera in consiglio comunale è durata 13 anni (ha iniziato quando ne aveva 19, è stata consigliere comunale dei Ds per 5 anni e poi due volte assessore) ed ora, a 32 anni la sua decisione di lasciare la pubblica amministrazione in un momento abbastanza critico viste anche le prossime elezioni amministrative che si svolgeranno nei primi mesi del 2008 che, secondo alcune indiscrezioni, la vedevano come favorita.

Ora si aprono le scommesse per il nome del suo successore.

Per i suoi futuri impegni, la stessa ha dichiaratato “…mi è capitata un’ opportunità che non potevo perdere…”-“..comunque il mio impegno politico continua, farò campagna elettorale come cittadina e militante del Pd. Non mi dimentico di Campi, è la città dove sono cresciuta..”.

Il prosindaco Chini ha dichiarato : Comunico che in data odierna ho accolto le dimissioni dell’assessore Monia Monni. Ringraziandola per il lavoro svolto all’interno dell’Amministrazione comunale porgo a Lei il più caldo augurio per un buon futuro.

(Fonte “Il Firenze” e “Repubblica” di oggi)