Posts Tagged ‘consiliari’

ControComune.it: “Che il regime democratico abbia inizio”

13 luglio 2013

“Limitando il potere delle opposizioni si limita la democrazia” si legge in un post sul sito Controcomune.it, ed ancora .. Nozione di regime: “Forma di governo antidemocratica, fondata su accordi di potere poco limpidi, al di là della veste legale da cui trae legittimazione”. Evidentemente tutto si riconduce alla recente approvazione, da parte della maggioranza in consiglio, della variazione dellla proporzione del numero di consiglieri fra maggioranza ed opposizione nell commissioni consiliari .. ecco tutto il testo:

I 17 seggi sui 24 disponibili in Consiglio Comunale la maggioranza se li è tutti conquistati legittimamente con le votazioni di Maggio, ciò che invece la maggioranza campigiana ha fatto al primo Consiglio Comunale effettivo (non contando quello tenuto il 17 Giugno che è servito solo ad adempiere procedure burocratiche obbligatorie) è divenuto legittimo soltanto grazie al fatto di aver cambiato il “Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale” (fosse stato legittimo a priori, non sarebbe stato necessario cambiare il Regolamento).
Le Commissioni Consiliari Permanenti sono composte da un rapporto di 5 membri per la maggioranza e 4 membri per l’opposizione.
La maggioranza ha messo a votazione la modifica di tale composizione proponendo un rapporto di 6 membri per la maggioranza e 3 per l’opposizione.
Nessun intervento dell’opposizione è stato approvato nel corso della seduta:
– Simona Terreni del “Movimento 5 Stelle” ha richiesto “il ritiro della delibera dall’Ordine del Giorno … con una mozione d’ordine”
– Alessandro Tesi di “Alleanza Cittadina” propone di diminuire il numero di membri di ogni commissione da 9 a 7 (considerando, dice sempre Tesi, il fatto che sono diminuiti i membri totali del Consiglio Comunale).
Inoltre propone “il passaggio dal voto di maggioranza classico, una testa un voto, nelle commissioni, al voto ponderato, che attribuisce ai singoli componenti delle commissioni un numero di voti pari ai componenti del gruppo consiliare di medesima appartenenza”.
(bocciato con i 17 voti sfavorevoli della maggioranza, PDL astenuto, M5S e Alleanza Cittadina favorevoli)
– Simona Terreni del “Movimento 5 Stelle” propone di “ridurre i componenti delle Commissioni Consiliari da 9 a 7, con 4 commissari di maggioranza e 3 di opposizione”
(favorevole tutta l’opposizione, sfavorevole tutta la maggioranza – bocciato)
– Paolo Gandola del “Popolo della Libertà” propone “di passare a 8 componenti in ogni Commissione portando un rapporto di 5 membri per la maggioranza e 3 per l’opposizione
(emendamento non accolto perché non presentato entro i termini previsti e perché ritenuto infattibile)
Interviene il Consigliere Loiero del PD per rispondere alle opposizioni spiegando che la proposta del PDL non è fattibile in quanto le Commissioni devono essere composte da un numero dispari di membri. Riguardo alla proposta di portare a 7 i membri delle commissioni dice che “se noi andassimo a ridurre il numero da 9 a 7, l’unica riduzione possibile, e mantenendo il rapporto in risposta a quello che è il peso politico che noi difendiamo, si dovrebbe passare a un discorso di 5 componenti di maggioranza e 2 di opposizione, però, essendo 2 di opposizione non sareste (voi opposizione) rappresentati essendo 3 gruppi … quindi la maggiore garanzia è quella che noi avanziamo.
Interviene Paolieri del PD: “io non riesco a capire: ci sono 3 gruppi di opposizione, e in ogni commissione ogni gruppo ne ha 2, cosa vuol dire? Tutti sono presenti in ogni commissione. Dunque io non riesco a capire come si fa a dire che io non sono rappresentato. Sono in 2! E in 5 commissioni. Due, due, due, due ,due. Più rappresentati di così! Questa è una rappresentazione al 100% … Che s’ha a dire, sennò davvero si perde il lume della ragione.
L’esito della votazione è l’avvenuta modifica del regolamento con:
– 17 voti favorevoli: tutta la maggioranza (PD + Emiliano Fossi Sindaco + SEL + IDV)
– 4 voti contrari: PDL e M5S
– 2 astenuti: Alleanza Cittadina
Le Commissioni Consiliari Permanenti (composte da 9 membri) saranno quindi formate con un rapporto di membri 6:3 maggioranza:opposizione e al termine del Consiglio Comunale sono stati letti gli elenchi (già pronti) dei membri che ne faranno parte.
Da sottolineare:
– La “dichiarazione di voto” in merito alla modifica del regolamento pronunciata dal Consigliere Ridolfi dell’ IDV che ha utilizzato 12 secondi e 2 decimi circa dei 5 minuti che aveva a disposizione per il suo intervento
– Il Consigliere Paolieri che critica tutta questa burocrazia e la modifica dell’articolo del comma del regolamento (tutte modifiche proposte su iniziativa della maggioranza alla quale lui fa parte)
– La composizione della sesta Commissione era composta solamente da donne e “questo va contro l’articolo 3 del regolamento delle pari opportunità che prevede che in ogni commissione deve essere rappresentato”(cit. Colzi) almeno il 40% di ogni sesso. Ironia vuole che l’unica commissione che andava contro questa regola era proprio la “commissione per le pari opportunità”
Fonti:
http://www.grandidizionari.it/Dizionario_Italiano/parola/R/regime.aspx?query=regime
– Le citazioni dei Consiglieri sono frutto di sbobinature fatte personalmente (mi è stata vietata la ripresa video del Consiglio in quanto non avevo fatto preventiva richiesta)

Perplessità per l’OdG del Consiglio comunale del 9 luglio 2013.. tutti i dettagli

6 luglio 2013

Martedì 9 luglio prima effettiva seduta del neo-consiglio comunale di Campi con inizio alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare Sandro Pertini, in Piazza Dante 36, con i seguenti punti iscritti all’ordine del giorno:
– Comunicazioni del Presidente, del Sindaco e quesiti a risposta immediata.
– Proposta di deliberazione: Modifiche al Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale. (Settore Direzione Generale).
– Proposta di deliberazione: Commissioni Consiliari Permanenti: competenze, composizione e nomina. (Settore Direzione Generale).

C’è perplessità per le due proposte di deliberazione come esprimono Rigacci del M5S e Sanfilippo di Più Campi Bisenzio. Di quest’ultimo propongo un comunicato molto eloquente..
“CRITICITA’ ALL’ORIZZONTE…. SI BLINDANO LE COMMISSIONI”
In riferimento alla conferenza dei Capogruppo di qualche giorno fa’ anche il sottoscritto vuole esprime il suo parere su questa incomprensibile volontà di voler alterare la prassi nel metodo di attribuzione dei membri nelle commissioni consiliari. Adesso sembra che si voglia spostare l’asse verso una compressione al limite della norma attribuendo 6 membri anziche’ 5 per ogni commissione alla maggioranza e 3 anziche’ 4 all’opposizione. Non necessita commentare, l’ evidenza è più che palese,con questa modifica di regolamento si blindano le nuove commissioni non solo nei confronti dell’opposizione ma anche nei confronti di futuri problemi che potrebbero sorgere all’interno della maggioranza stessa.
Si perche’ l’incongruità ‘ di questa mossa e’ che ci lascia intravedere una velata criticita’ di fiducia fra i membri della costituenda squadra di governo.
Per tornare al fatto specifico delle commissioni posso dire che lo spazio che si lascia all’opposizione per avanzare una qualche proposta e’ molto stretto, diciamo pure inesistente.
Da quando ho memoria non ho mai visto nessuna amministrazione alterare gli equilibri di commissione sottraendo membri, casomai gli ho visti aggiungere. Se questo caso si volesse risolvere con equita’
basterebbe aggiungere un membro in piu’ per ogni commissione raggiungendo cosi’ il rapporto di perfetta armonia 60/40 che garantirebbe a questa amministrazione una partenza da veri democratici quali essi sono. Se altresì si volesse ottenere il perfetto equilibrio dei 60/40 rimanendo in sintonia con i dettami di spending rewiew, snellendo il circolo vizioso delle nomine, cosa che personalmente auspico, dovremmo tutti convergere sulla riduzione dei membri a 5 componenti totali per ogni commissione . 3 membri alla maggioranza e 2 due membri all’opposizione. Così facendo visto che in questa nuova compagine di governo gli assessori non sono numericamente diminuiti e le commissioni non sono state ridotte , almeno la soddisfazione di vedere applicare un minimo spending rewiew. la potremmo vedere nel numero dei membri di commissione.
Simone Sanfilippo (Più Campi Bisenzio)