Posts Tagged ‘consiliare’

Sviluppo Aeroportuale Toscano: il M5S di Campi affronta il tema con le scelte antieconomiche, deficit e rischi ambientali

14 marzo 2014

1920079_404256576384589_579983364_nIl M5S di Campi Bisenzio organizza per il prossimo 4 aprile 2014, un incontro sul tema aeroportualità toscana, che tratterà in modo particolareggiato le varie problematiche di carattere economico, logistico e ambientale legate all’ampliamento dell’aeroporto di Firenze “Amerigo Vespucci” e l’aeroporto di Pisa “Galileo Galilei” che entra a pieno titolo nel progetto, con la creazione di una Holding a gestione integrata. Scelte dettate da strategie di business che non tengono conto dei costi abnormi dell’operazione che in parte ricadrebbero sulle spalle dei cittadini, della scarsa produzione di posti di lavoro e dei possibili danni ambientali che ne deriverebbero. Il M5S è da sempre contrario a questo progetto, proponendo in alternativa un incremento della rete ferroviaria con lo scalo pisano, salvaguardando l’ambiente e la salute dei cittadini che vivono nella Piana.
L’incontro si terrà alle ore 21 presso la sala Consiliare “Sandro Pertini” del Comune di Campi Bisenzio.

Campi Informa: La Pena Visibile, incontro sul tema delle carceri italiane (17 marzo 2014)

12 marzo 2014

1920989_10201189933542490_1989942112_oLunedì 17 marzo 2014 dalle ore 21.00, presso la sala consiliare Sandro Pertini, il Partito Democratico di Campi Bisenzio avvia una serie di iniziative per informare e formare cittadini, simpatizzanti e amministratori rispetto a tematiche di attualità politica e di particolare importanza sociale e culturale. Apre questa rassegna un incontro sul tema della pena alternativa al carcere: LA PENA VISIBILE, al quale interverranno: Salvatore Ferraro,autore del libro “la Pena Visibile”; Franco Corleone, garante dei detenuti in Toscana ed Enzo Brogi, Consigliere regionale Toscana.

ControComune.it: “Che il regime democratico abbia inizio”

13 luglio 2013

“Limitando il potere delle opposizioni si limita la democrazia” si legge in un post sul sito Controcomune.it, ed ancora .. Nozione di regime: “Forma di governo antidemocratica, fondata su accordi di potere poco limpidi, al di là della veste legale da cui trae legittimazione”. Evidentemente tutto si riconduce alla recente approvazione, da parte della maggioranza in consiglio, della variazione dellla proporzione del numero di consiglieri fra maggioranza ed opposizione nell commissioni consiliari .. ecco tutto il testo:

I 17 seggi sui 24 disponibili in Consiglio Comunale la maggioranza se li è tutti conquistati legittimamente con le votazioni di Maggio, ciò che invece la maggioranza campigiana ha fatto al primo Consiglio Comunale effettivo (non contando quello tenuto il 17 Giugno che è servito solo ad adempiere procedure burocratiche obbligatorie) è divenuto legittimo soltanto grazie al fatto di aver cambiato il “Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale” (fosse stato legittimo a priori, non sarebbe stato necessario cambiare il Regolamento).
Le Commissioni Consiliari Permanenti sono composte da un rapporto di 5 membri per la maggioranza e 4 membri per l’opposizione.
La maggioranza ha messo a votazione la modifica di tale composizione proponendo un rapporto di 6 membri per la maggioranza e 3 per l’opposizione.
Nessun intervento dell’opposizione è stato approvato nel corso della seduta:
– Simona Terreni del “Movimento 5 Stelle” ha richiesto “il ritiro della delibera dall’Ordine del Giorno … con una mozione d’ordine”
– Alessandro Tesi di “Alleanza Cittadina” propone di diminuire il numero di membri di ogni commissione da 9 a 7 (considerando, dice sempre Tesi, il fatto che sono diminuiti i membri totali del Consiglio Comunale).
Inoltre propone “il passaggio dal voto di maggioranza classico, una testa un voto, nelle commissioni, al voto ponderato, che attribuisce ai singoli componenti delle commissioni un numero di voti pari ai componenti del gruppo consiliare di medesima appartenenza”.
(bocciato con i 17 voti sfavorevoli della maggioranza, PDL astenuto, M5S e Alleanza Cittadina favorevoli)
– Simona Terreni del “Movimento 5 Stelle” propone di “ridurre i componenti delle Commissioni Consiliari da 9 a 7, con 4 commissari di maggioranza e 3 di opposizione”
(favorevole tutta l’opposizione, sfavorevole tutta la maggioranza – bocciato)
– Paolo Gandola del “Popolo della Libertà” propone “di passare a 8 componenti in ogni Commissione portando un rapporto di 5 membri per la maggioranza e 3 per l’opposizione
(emendamento non accolto perché non presentato entro i termini previsti e perché ritenuto infattibile)
Interviene il Consigliere Loiero del PD per rispondere alle opposizioni spiegando che la proposta del PDL non è fattibile in quanto le Commissioni devono essere composte da un numero dispari di membri. Riguardo alla proposta di portare a 7 i membri delle commissioni dice che “se noi andassimo a ridurre il numero da 9 a 7, l’unica riduzione possibile, e mantenendo il rapporto in risposta a quello che è il peso politico che noi difendiamo, si dovrebbe passare a un discorso di 5 componenti di maggioranza e 2 di opposizione, però, essendo 2 di opposizione non sareste (voi opposizione) rappresentati essendo 3 gruppi … quindi la maggiore garanzia è quella che noi avanziamo.
Interviene Paolieri del PD: “io non riesco a capire: ci sono 3 gruppi di opposizione, e in ogni commissione ogni gruppo ne ha 2, cosa vuol dire? Tutti sono presenti in ogni commissione. Dunque io non riesco a capire come si fa a dire che io non sono rappresentato. Sono in 2! E in 5 commissioni. Due, due, due, due ,due. Più rappresentati di così! Questa è una rappresentazione al 100% … Che s’ha a dire, sennò davvero si perde il lume della ragione.
L’esito della votazione è l’avvenuta modifica del regolamento con:
– 17 voti favorevoli: tutta la maggioranza (PD + Emiliano Fossi Sindaco + SEL + IDV)
– 4 voti contrari: PDL e M5S
– 2 astenuti: Alleanza Cittadina
Le Commissioni Consiliari Permanenti (composte da 9 membri) saranno quindi formate con un rapporto di membri 6:3 maggioranza:opposizione e al termine del Consiglio Comunale sono stati letti gli elenchi (già pronti) dei membri che ne faranno parte.
Da sottolineare:
– La “dichiarazione di voto” in merito alla modifica del regolamento pronunciata dal Consigliere Ridolfi dell’ IDV che ha utilizzato 12 secondi e 2 decimi circa dei 5 minuti che aveva a disposizione per il suo intervento
– Il Consigliere Paolieri che critica tutta questa burocrazia e la modifica dell’articolo del comma del regolamento (tutte modifiche proposte su iniziativa della maggioranza alla quale lui fa parte)
– La composizione della sesta Commissione era composta solamente da donne e “questo va contro l’articolo 3 del regolamento delle pari opportunità che prevede che in ogni commissione deve essere rappresentato”(cit. Colzi) almeno il 40% di ogni sesso. Ironia vuole che l’unica commissione che andava contro questa regola era proprio la “commissione per le pari opportunità”
Fonti:
http://www.grandidizionari.it/Dizionario_Italiano/parola/R/regime.aspx?query=regime
– Le citazioni dei Consiglieri sono frutto di sbobinature fatte personalmente (mi è stata vietata la ripresa video del Consiglio in quanto non avevo fatto preventiva richiesta)

Lite in sala consiliare – Tesi risponde a Covelli: “Per fare politica occorre essere informati su tutto, mi spiace che si assumano posizioni assurde ed infondate”

8 febbraio 2012

Dichiarazione del presidente del consiglio comunale di Campi, Alessandro Tesi, in merito alla richiesta di dimissioni avanzata da Raoul Covelli, rappresentante locale della Giovane Italia, e riportata ieri sulla stampa, dopo l’aggressione ai danni di un simpatizzante del Pdl denunciata venerdì scorso in occasione di una manifestazione dell’estrema sinistra nella sala consiliare di Campi.
«Spero che dichiarazioni così lapidarie nei miei confronti siano solo frutto di una strana quanto improbabile strategia da parte di qualcuno in cerca di visibilità. Diversamente si tratterebbe di ignoranza bella e buona, cosa che mi farebbe maggior dispiacere». Così il presidente del consiglio comunale di Campi, Alessandro Tesi, replica alle dichiarazioni rilasciate alla stampa locale da Raoul Covelli, presidente della Giovane Italia di Campi Bisenzio, in merito a quanto sarebbe accaduto venerdì nella sala consiliare del Comune, dove un simpatizzante del Pdl sarebbe stato ‘aggredito e spintonato’. «Per fare politica – prosegue Tesi – occorre essere informati su tutto, conoscere il territorio, le istituzioni e le norme. Mi permetto quindi di dare un consiglio a Covelli: informarsi prima di parlare, evitando così di fare figuracce inutili. Non voglio entrare nel merito della vicenda, perché non ho modo di sapere con certezza cosa sia avvenuto e spero che quanto prima si possa fare chiarezza. Mi preme però evidenziare che nel Comune di Campi Bisenzio l’uso della sala consiliare non è concessa dalla Presidenza del Consiglio». «Basta ciò – conclude il presidente del consiglio comunale – a mettere in evidenza l’assurdità di chiedere le mie dimissioni. Mi dispiace inoltre che sia un movimento giovanile ad assumere posizioni così assurde e infondate».

Nasce il Gruppo consiliare “Alleanza Cittadina per Campi”

29 settembre 2011

Si è tenuta stamani, presso il palazzo comunale di Campi Bisenzio, la conferenza stampa di presentazione del nuovo gruppo Consiliare Alleanza Cittadina per Campi. A costituire il nuovo soggetto politico locale sono Antonio Esposito, Piero Fedi e Alessandro Tesi, provenienti rispettivamente dai gruppi No Inceneritore, UDC e PDL. Ecco gli intenti del nuovo gruppo dalle parole del portavoce Tesi:
“A tre anni di distanza dalle elezioni anticipate del 2008 Campi Bisenzio soffre ancora dei problemi che l’attuale amministrazione si era impegnata a risolvere, in seguito ai noti eventi che avevano portato all’approvazione di bilanci con oltre 12 milioni di euro di deficit e alla sospensione dell’efficacia del RUC. Un’amministrazione, guidata dal PD, che non è stata in grado di portare in Consiglio Comunale un programma di mandato e che di fatto non riesce ad esprimere un progetto complessivo sul modello di città. Segni evidenti di difficoltà politiche e divergenze di opinioni interne ai partiti di maggioranza. In questo contesto emerge anche l’assenza di buona parte dell’opposizione, incapace di esprimere una credibile alternativa a questo governo. Ci troviamo quindi di fronte all’immobilismo politico più totale.
Alleanza Cittadina per Campi nasce con l’intento di rispondere alla richiesta dei cittadini, sempre più urgente, di un nuovo interlocutore, più attento alle loro esigenze e non solo capace di ascoltare ma di proporre un nuovo modello di governo per questo comune. Un gruppo che vuole porsi al di sopra delle sterili divisioni partitiche, per dare risposte certe e durature ai cittadini, a chi usufruisce dei servizi del Comune e a chi ha fatto di Campi Bisenzio la sede della propria attività lavorativa.
Un’alleanza che si fonda su tre cardini: trasparenza, imparzialità , buon governo.
La nostra scelta rappresenta una novità assoluta che avrà sicuramente ripercussioni, non soltanto nell’ambito consiliare, ma anche sui rapporti tra le forze politiche presenti sul territorio”.