Posts Tagged ‘Comunale’

Rigacci M5S: A chi serve l’emergenza di ‪Via Dei Confini‬?

14 aprile 2014

Riporto integralmente un comunicato di Rigacci consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Campi Bisenzio.
Pochi giorni fa ho scritto dei consiglieri di maggioranza che non sanno decidere se il senso unico in via dei Confini sia un tentativo da fare per alleviare i disagi oppure no. Gli stessi non hanno invece alcuna esitazione ad approvare appalti se le cifre in gioco sono da capogiro.
Dopo il Consiglio comunale di giovedi la faccenda è ancora più chiara: quei consiglieri che in 5 mesi non hanno ponderato abbastanza su un senso unico, in appena una settimana hanno capito che modificare la convenzione per il Piano Complesso PCI3 era cosa buona e giusta; si tratta di 55.000 metri cubi tra nuovi palazzi e negozi [1], con annesse strade, parcheggi, infrastrutture.
Tanto per dirne una: il consigliere Paolieri prima di avallare il senso unico vorrebbe vedere l’analisi dei flussi di traffico, ma per urbanizzare 90.000 metri quadri di terreno ne fa tranquillamente a meno!
Ecco che l’esasperazione dei cittadini di via dei Confini diventa pure utile! Il ricatto è questo: te Comune mi fai riempire il territorio di cemento e io plazzinaro ti costruisco la bretellina per alleggerire il traffico! Per fare bella figura ti ci metto dentro anche una scuola e il campo di calcio…
È scattata quindi la nuova promessa: il Comune esproprierà i terreni per far costruire la nuova strada entro il 31/03/2015. Vi ricordate la promessa del 30/06/2013 ? E quella del 31/12/2013 ? Avvertite un certo senso di déjà-vu ?
Ma questa forse è la volta buona, che i cittadini restano fregati per davvero! Infatti finora tutto era saltato perché non si riusciva a far quadrare le necessarie garanzie (fideiussioni) dell’intera opera per via dello stato precario delle ditte attuatrici oppure per il fatto che il Comune non riesce ad espropriare i terreni. Ecco che viene in soccorso una leggina: si spezzetta la fideiussione separando l’opera privata da quella di interesse pubblico. Vuol dire, ad esempio, che se il Comune non riuscisse ad espropriare i terreni la bretellina non verrà costruita e nemmeno intascherà la fideiussione, ma il privato continua a costruire indisturbato i suoi immobili!
C’è di più: il Comune non paga direttamente per la bretellina, ma fa un bello sconto ai costruttori sugli oneri di urbanizzazione. Con questo escamotage si evita di fare una gara pubblica, con tutti i dubbi relativi alla legittimità dell’operazione e sulla qualità del risultato finale.
Il provvedimento è stato approvato in Consiglio con il voto favorevole e l’entusiasmo di tutta la maggioranza.
Ma questi politici fanno gli interessi di chi?
[1] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/index.php/Piano_Complesso_di_Intervento_3_-_La_Villa

M5S Campi: il Consiglio comunale a CampiBisenzio .. la fiera dell’ipocrisia

28 febbraio 2014

Il Consiglio comunale del 25 febbraio dovrebbe essere studiato nelle scuole per spiegare cos’è l’ipocrisia politica, vale la pena riassumere cosa è successo – afferma in un comunicato, il consigliere 5 Stelle di Campi Bisenzio, Niccolò Rigacci – cominciamo con i consiglieri di Forza Italia che presentano un ordine del giorno “per dire no alla localizzazione del termovalorizzatore a Case Passerini” [1] e prosegue con il suo comunicato ..
Notiamo un certo problema di coerenza in FI, visto che i berlusconiani in tutta Italia vogliono gli inceneritori, addirittura a Signa votano “per impedire ulteriori ostacoli … relativamente alla realizzazione dell’impianto di Case Passerini” [2].
Ad ogni modo TUTTI i consiglieri di maggioranza (compreso Mattia Ridolfi di IDV, che in campagna elettorale era contrario all’inceneritore) respingono la proposta, di fatto confermando la volontà di volere proprio qui l’inceneritore.
C’è un problema di coerenza anche nel PD, visto che il 6 febbraio 2006 votava compatto “la propria contrarietà alla realizzazione di un impianto di termovalorizzazione nella Piana” [3]. Campione di giravolta spaziale il consigliere Paolieri che nel 2006 votava in un modo ed ora fa esattamente il contrario. Ma era la giunta Alunni, adesso gli adepti PD e IDV si adeguano a quello che comanda il Fossi. SEL se la cava solo perché assente, ma siamo certi che non si sarebbe distinta.
Tocca poi alla maggioranza (PD, EFS, IDV, SEL) che presenta un ordine del giorno con una “proposta di moratoria e di incentivo alla dissuasione dell’installazione e del gioco delle slot machine” [4].
Tutto ottimo, salvo l’ipocrisia di un Partito Democratico che con il governo Letta premia gli operatori delle slot machine trasformando una multa di 2,5 miliardi in un condono di soli 600 milioni [5][6]. E sempre con i voti del PD nel decreto Salva Roma ci fu infilata una norma che prevedeva la riduzione dei fondi ai Comuni che ostacolano le slot machine [7].
Il MoVimento 5 Stelle da sempre è stato contro gli inceneritori e contro le slot machine, pertanto abbiamo votato in modo coerente a Campi Bisenzio così come facciamo a Roma. Non ci frega nulla di quale bandiera hanno le proposte, ci interessa se sono buone o meno.
In conclusione, dispiace per gli elettori, ma se vogliono dei rappresentanti coerenti che fanno quello che hanno promesso in campagna elettorale, possono contare solo sul MoVimento 5 Stelle.
[1] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/1/1e/2014-02-25_termovalorizzatore.pdf
[2] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/1/1d/2013-01-08_signa-mozione-pdl-pro-inceneritore.pdf
[3] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/6/65/2006-02-06_cc-8.pdf
[4] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/1/19/2014-02-25_moratoria-slot.pdf
[5] http://www.repubblica.it/economia/2013/09/02/news/l_imu_salva_i_re_delle_slot_machine…
[6] http://espresso.repubblica.it/palazzo/2013/08/30/news/slot-il-condono-della-vergogna-1.58294
[7] http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/20/gioco-dazzardo-m5s-decreto-che-difende-slot-decada…

Giuliano Ferrara: il discorso di Renzi “È da consiglio comunale di Campi Bisenzio” e il Consiglio comunale replica

25 febbraio 2014

Con un tweet Giuliano Ferrara entra a gamba tesa sul discorso del premier Matteo Renzi al Senato citando anche Campi Bisenzio. “Un discorso da consiglio comunale di Campi Bisenzio”, commentando le parole dell’ormai ex sindaco di Firenze. Da li a poco anche il consiglio comunale del nostro comune risponde a una simile affermazione.
Il Consiglio Comunale di Campi Bisenzio è favorevolmente sorpreso di essere così famoso da venire utilizzato come elemento di raffronto per la valutazione del discorso di insediamento del nuovo governo; è in ogni caso altrettanto perplesso nel non ricordare la presenza di Giuliano Ferrara ad alcuna delle sedute tenutesi dal 17 giugno 2013 ad oggi.
Chissà come mai una simile affermazione da parte del direttore de Il Foglio ? secondo voi ??

Odg del Consiglio comunale del 25 febbraio 2014 – alle 21 aperto alle Politiche abitative

22 febbraio 2014

Nuovo consiglio comunale per il prossimo martedì 25 febbraio con la seduta che inizia alle ore 17.00 per il consiglio ordinario e riprende alle ore 21.00 per il consiglio straordinario aperto, presso La Sala Consiliare Sandro Pertini, in Piazza Dante 36. I punti iscritti agli ordini del giorno sono i seguenti:
Consiglio Comunale ordinario:
– Comunicazioni del Presidente, del Sindaco e Quesiti a risposta immediata.
– Proposta di deliberazione: Variante al Regolamento Urbanistico Comunale finalizzata all’integrazione della scheda N. 4.3 in allegato alle norme tecniche di attuazione. Adozione ai sensi della L.R. 1/2005. (Ufficio Urbanistica).
– Mozione su proposta di riapertura del Ponte di via Einstein in tempi rapidi, presentata dal consigliere comunale G. Bini del gruppo “Alleanza Cittadina per Campi”.
– Ordine del Giorno: contro il femminicidio e le violenze contro le donne, per la cultura del rispetto di genere, presentato dai gruppi consiliari “P.D.”, “E.F.S.”, “I.D.V.” e “S.E.L.”.
– Ordine del Giorno: per una proposta di moratoria e di incentivo alla dissuasione dell’installazione e del gioco delle slot machine nei pubblici esercizi di Campi Bisenzio, presentato dai gruppi consiliari “P.D.”, “E.F.S.”, “I.D.V.” e “S.E.L.”.
– Ordine del Giorno: Appello al Consiglio Provinciale e alla Giunta Provinciale per dire no alla localizzazione del termovalorizzatore a Case Passerini, presentato dal gruppo consiliare “Forza Italia”.
– Ordine del Giorno: Appello al Governo affinche’ provveda immediatamente al finanziamento del fondo nazionale per gli indigenti, presentato dal gruppo consiliare “Forza Italia”.
– Ordine del Giorno per puntuale informazione allarme esondazione, presentato dal gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle”.
Consiglio Comunale straordinario aperto:
– Le politiche abitative.

M5S Campi: 180 giorni della giunta Fossi ? fatti concreti pochi ..

6 febbraio 2014

Leggo sul sito del Movimento 5 Stelle di Campi Bisenzio e riporto il resoconto della serata organizzata dall’amministrazione Fossi per rendicontare i primi sei mesi, ad opera del capogruppo Niccolò Rigacci.

Ieri sera presso la Sala Pertini di Campi Bisenzio si sarebbe dovuta tenere la presentazione dei primi 6 mesi di governo del comune. Erano presenti il sindaco Fossi, il presidente della regione Rossi e conduceva la serata il giornalista Antonio Passanese. Usiamo consapevolmente il verbo al condizionale in quanto a un certo momento abbiamo persino pensato di aver sbagliato giorno o aver sbagliato sala (peraltro cambiata all’ultimo minuto) ma forse, molto più semplicemente, abbiamo sbagliato sindaco. Sull’operato dell’amministrazione comunale di questi 6 mesi non è stata spesa una parola, se la sono cavata con un volantino, contenente una lista tipo spesa al centro commerciale, piena di “avvio di percorso”, “avvio di processo”, “avvio di tavolo di lavoro” ma fatti concreti pochi e punti.
Viva l’inceneritore, viva l’aeroporto più grande, viva il rumore, il traffico e l’inquinamento!
Il presidente Rossi, intervistato dal giornalista, ha dichiarato la sua volontà di andare avanti con la costruzione della pista parallela dell’aeroporto di Peretola, giustificando questa scelta con il voler dare più risalto alla città di Firenze consentendone un maggior sviluppo. “Se isolassimo Firenze e l’area vasta fiorentina ci sarebbero ripercussioni a livello di sviluppo del territorio. Senza l’aeroporto metteremmo la Toscana in condizioni di non riprendere la crescita”, come se l’aeroporto di Pisa non esistesse! Ma già! l’aeroporto di Pisa è un nodo più turistico, quello di Firenze servirà persone che volano per motivi di lavoro, business addirittura ricerca! Questo tentativo grossolano di legittimare la scelta di una infrastruttura inutile e costosa con i temi più cari ai cittadini come il lavoro o la ricerca non sfugge ai nostri occhi attenti. Il presidente continua inoltre dicendo che i due aeroporti di Pisa e Firenze non devono entrare in competizione e ne descrive le peculiarità di ognuno peraltro non del tutto condivisibili, l’aeroporto di Pisa più turistico, quello di Firenze più di business, in questo modo non fa torto a nessuno e legittima la scelta di due aeroporti a neanche 100 km di distanza l’uno dall’altro. Quanto all’impatto ambientale dell’aeroporto sulla piana non sembra molto preoccupato, hanno un impatto ambientale molto più pericoloso le cementiere (?) inoltre, è previsto il parco agricolo della piana con 7000 ettari di zona verde (a due passi dall’inceneritore, ma questo non l’ha detto). Anzi sul tema inceneritore non ci sono proprio entrati, dopo il sì all’aeroporto, il sì alla tramvia, piuttosto che dichiarare un altro sì hanno preferito non toccare l’argomento. Sì, forse qualche aereo in più passerà sui tetti degli abitanti di Capalle, ma per il resto Campi si salva! E poi ci si stupisce se l’amministrazione di Campi fa affogare da anni nello smog i cittadini di via dei Confini, applicano sia a livello comunale che a livello regionale, il medesimo criterio: se il problema tocca i pochi, di quei pochi non gliene frega un tubo a nessuno. Comincia poi un monologo di triste rimpianto per la dorsale che costeggia la costa toscana, o la bretellina a Lucca o la bretella Lastra a Signa/Prato mai costruite per lentezza dei tempi, scarsa decisione, perché non si sono trovati gli accordi, perché in Toscana si vuole sempre accordare i toni di tutti, perché ci sono state forti opposizioni e alla fine non si decide mai niente. In questo modo tenta di far sentire responsabili i cittadini della mancata costruzione delle infrastrutture necessarie, mescolando ancora una volta lucciole con lanterne: le strade servono, l’aeroporto a Firenze no! A questo punto interviene il Fossi che si dichiara contrario alla costruzione dell’aeroporto ma con scarsa grinta e motivazione, via sindaco forza! Che almeno su questo siamo d’accordo!
Viva le imprese dinamiche che arricchiscono la Piana! (quali? La GKN?)
Rossi tocca poi il tema occupazione e si dichiara favorevole a investire sulle imprese dinamiche. “I nuovi fondi comunitari devono sostenere l’impresa che ce l’ha fatta e che ce la vuole fare, che ha aumentato i fatturati, ha aumentato la produzione e si è internazionalizzata, insomma l’impresa virtuosa”. Quanto a quelle che non ce l’hanno fatta, casomai per cause di forza maggiore (forse non sono state pagate dalla PA???) quelle devono morire, non gliene frega nulla a nessuno. “Di imprese virtuose nella piana ce ne sono parecchie! Perché la piana è appetibile e le aziende investono in questo territorio!” (forse il presidente non ha fatto un giro in zona ultimamente, gli suggeriremmo di andare in GKN per fare solo un esempio). Quanto al Fossi in realtà avevamo preso molti appunti su tutto quello che ha detto salvo poi, una volta tornati a casa cercando di rimetterli insieme, accorgersi che erano parole vuote e non siamo riusciti a cogliere il nocciolo del discorso.

Consiglio Comunale monotematico aperto : ricordare per non dimenticare – il valore della Memoria a Campi Bisenzio

30 gennaio 2014

logo sito comuneOggi giovedì 30 gennaio presso la sala consiliare “S. Pertini” alle ore 17.00 avra’ luogo il consiglio comunale straordinario aperto sul tema “Ricordare per non dimenticare – il valore della Memoria a Campi Bisenzio”. Tutti i cittadini e le associazioni sono invitate.

M5S Campi: cosa è cambiato dall’insediamento della Giunta Fossi ? domani un incontro con i cittadini

29 novembre 2013

m5s-incontro-30-novembre

Dopo 6 mesi dall’insediamento del Sindaco Emiliano Fossi: Cosa è cambiato? Quali alleanze sono state fatte?  Quali azioni fatte dal M5S? Quali prospettive future? Il capogruppo e la portavoce eletti in Consiglio Comunale Niccolò Rigacci e Simona Terreni, ne parleranno con la popolazione.

Al cittadino non far “vedere” come vota il consigliere (di centro sinistra)

25 ottobre 2013

Una divertente e ridicola parodia degna solo di una commedia in vernacolo, per una foto scattata in consiglio comunale dall’amico blogger Dario Panetta (Controcomune.it). I timori e le evidenti paure di chi (persona pubblica) esprime il proprio vodo a favore di scelte che coinvolgono la comunità. C’è da chiedersi perchè .. !? a voi i commenti e le ovvie considerazioni ..

Darop Panetta racconta in .. “Si “chiede la cortesia” ai cittadini di non vedere come vota il centro-sinistra”
Nonostante questo articolo mi riguardi in prima persona, il mio intento resta quello di spiegarvi, nel modo più oggettivo possibile, che cosa è accaduto.
Consiglio Comunale campigiano del 25 Ottobre 2013: era appena terminata la discussione riguardante il decimo punto all’ordine del giorno: “Mozione per la valutazione dell’istituzione di un senso unico in via dei Confini, nel tratto compreso tra gli incroci con via Togliatti e via del Tabernacolo, presentata del gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle” (prot.nr.58724 dell’11.10.2013)”.
(l’articolo che vi spiegherà che cosa ha portato alla situazione che si è venuta a creare al termine della votazione in oggetto sarà pubblicato lunedì 28/10/13)
Siamo giunti al momento della votazione: la Mozione è approvata all’unanimità con i voti favorevoli di maggioranza e minoranza
… E qui entro in gioco io, che faccio una foto alla maggioranza mentre approva questa Mozione, da questa foto scattata nascerà una discussione che terminerà con il presidente del Consiglio che mi chiederà “la cortesia insomma di eliminare la foto o comunque di non pubblicarla, insomma tenerla per sé, per semplice uso privato”
Al termine della votazione chiede di intervenire:
– Paolieri (PD): “lì hanno fatto le foto; è possibile?”
– Loiero (PD): “è possibile scattare le fotografie in fase di votazione? So che abbiamo stabilito in conferenza capi-gruppo che…” (qui viene interrotto dal presidente Colzi)
– Colzi (PD): “Allora, la Presidenza del Consiglio ha autorizzato le riprese da parte del signor Mancini, e la conferenza capigruppo ha confermato questo intento. Siccome l’autorizzazione a qualunque tipo di riprese, audio-video-fotografiche, è concessa al signor Mancini, non è ammessa ad altri componenti del pubblico che non ne abbiano fatto richiesta, quindi, chiedo la cortesia insomma di eliminare la foto o comunque di non pubblicarla, insomma tenerla per sé, per semplice uso privato”
– Interviene Tesi di Alleanza Cittadina (opposizione): “… Un conto è effettuare delle riprese, un conto è effettuare una fotografia; mi risulta che la persona che l’ha scattata tenga un blog (questo), e quindi fondamentalmente abbia quello che è un diario pubblico in cui fa aggiornamenti (…) di quello che succede anche qua dentro. Mi sembra che una fotografia vada a corredare quella che è l’informazione testuale contenuta dentro. Io ci andrei piano nel dire che non si può scattare una fotografia (…) io non mi sento di andare a vietarlo, se poi vogliamo fare questo: anche ai giornalisti quando vengono gli prendiamo le generalità e gli chiediamo di registrarsi, perché è impossibile stabilire a priori/a prescindere chi è giornalista oppure no, perché molti giornalisti non (…) hanno alcun tipo di tesserino”
– Colzi (PD): “grazie Consigliere, questa è la sua interpretazione legittima, ma credo che come ho sempre cercato di fare su questo argomento, la prassi sia coinvolgere tutti i gruppi per avere l’autorizzazione, quindi fotografia o video, visto che insomma si tratta di aspettare 1 mese/2 mesi, vi chiedo la cortesia di fare questo passaggio, dopodiché uno fa tutte le riprese e tutti i video del caso. L’indirizzo era quello di privilegiare i professionisti (l’autorizzato Mancini fa l’Operatore Socio Sanitario) … Nessuno vuol mettere alcun tipo di limitazione.”
Fonti: – LA FOTO DI QUESTO ARTICOLO E’ UNO SCREENSHOT DEL VIDEO MESSO ONLINE DAL SIGNOR MANCINI (L’AUTORIZZATO A FARE LE RIPRESE, gratuitamente, DEL M5S) http://www.ustream.tv/recorded/40134029


– Il video integrale di questa discussione lo trovate qui sotto

Nuovo accesso a Via Pimentel: approvata la mozione del Pdl

7 ottobre 2013

Gandola in un comunicato esprime tutta la sua soddisfazione per l’approvazione della mozione presentata dal Pdl, relativamente alla variazione di accesso alla via Pimentel a Campi Bisenzio. “Ancora una volta il Popolo della Libertà di Campi Bisenzio dimostra di essere l’unica forza politica campigiana al vero servizio dei cittadini e della Città tutta. Siamo ovviamente profondamente felici del risultato e riconoscenti anche nei confronti della maggioranza che ha deciso di accettare la nostra mozione sebbene con alcune modifiche.”
E’ con queste parole che il Capogruppo PDL in Consiglio Comunale Paolo Gandola saluta l’approvazione all’unanimità della Mozione presentata dal gruppo consiliare atta a raccogliere una proposta pervenuta direttamente dai cittadini di San Martino.
Alla luce del fatto che in quella zona vi sono alcuni negozi ed in particolare l’importante ufficio postale di Via Pimentel, su proposta degli abitanti stessi, il PDL Lunedi scorso, con la Mozione presentata durante il Consiglio Comunale aveva chiesto al Sindaco e alla Giunta l’impegno a costruire dei gradini da Via San Martino/ angolo Via del Paradiso in modo tale da consentire di poter più facilmente e con maggior sicurezza accedere direttamente al parcheggio di Via Pimentel adiacente alle strutture di pubblica utilità della zona. Durante il dibattito che ne è seguito in Consiglio Comunale e a seguito degli emendamenti presentati dalla maggioranza e accolti dal PDL per consentire un accesso anche ai portatori di diverse disabilità si è pervenuti a richiedere la costruzione di un marciapiede che al momento non esiste in via San Martino dove fino ad oggi i pedoni erano costretti a costeggiare il muro di confine per svoltare poi in Via Pimentel (come da foto). Con questo ennesimo atto, accolto con favore da tutto il Consiglio, ancora una volta, il gruppo Consiliare de Il Popolo della Libertà, si schiera dalla parte dei campigiani raccogliendo le loro istanze e cercando in tal modo di offrire un fattivo contributo per la risoluzione delle problematiche attualmente esistenti sul territorio. Tutto ciò, che comporta per il nostro gruppo, persistenti incontri con i campigiani volti a raccogliere le loro istanze ci riempie d’orgoglio e testimonia come sia possibile fare buona politica al vero servizio della gente e di una comunità intera.
Lapalissianamente il PDL, conclude Gandola, vigilerà sulla effettiva e celere messa in opera di quanto stabilito sperando che tale opera entri nel più breve tempo possibile a far parte delle opere da realizzare prioritariamente anche in ragione della spesa economica non certo particolarmente ingente. In tal modo, grazie all’intervento del nostro gruppo consiliare si andrà a risolvere una questione molto sentita dagli abitanti di San Martino.

L'accesso pedonale a Via Pimentel

L’accesso pedonale a Via Pimentel

 

ControComune: la supercazzola Fossi antani Rigacci

28 settembre 2013

Che il Sindaco Fossi quando prumulga i suoi discorsi (non si sà se lo fa apposta oppure se li pensa così) finisca con il parlare di niente, ne avevamo avuta più di una prova, questa è l’ennesima nel consiglio comunale del 18 settembre, che ci viene raccontato da Dario Panetta su ControComune. Il titolo calza a pennello, ci viene il dubbio che il sindaco abbia veramente voluto trarre ispirazione dalla famosa “supercazzola” toscana che ha avuto il suo esordio nella serie di Amici miei.

Durante il Consiglio Comunale del 18 Settembre 2013, al neo-sindaco Fossi viene posta un’interpellanza da parte del gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle” (dato che vi era stata la precedente richiesta di rispondere per iscritto, ma nessuno aveva risposto) riguardo alla scelta di riaprire il centro storico campigiano al traffico veicolare dalle ore 18 alle ore 9.
Questi sono i punti posti all’attenzione dal Consigliere Rigacci:
1. “Chiedo se, riguardo alla riapertura al traffico, si intende favorire in qualche modo una consultazione da parte della cittadinanza”
2. ”Se si intende prendere in considerazione quale impatto può avere una iniziativa del genere riguardo all’inquinamento atmosferico o all’inquinamento acustico”
3. “L’impatto che può avere una iniziativa del genere sul selciato”
4. “Chiedo se sono stati presi dei provvedimenti per poter valutare ad oggi la situazione e confrontarla successivamente a questa decisione”
5. “Sapere se dopo che questa decisione sarà presa e messa in essere, se verranno valutati dei parametri per decidere se questa operazione è andata a buon fine oppure no”
6. “se poi il Sindaco (…) valuterà , se un eventuale risultato negativo di questa operazione, comporterà un cambio di orientamento”
Risposta del Sindaco:
“Il centro di Campi così com’è non va!” , “Vado per tentativi! Vado per tentativi perché credo che comunque niente di peggio ci sia che la conservazione assoluta dello status quo” , “provare a cambiare e avere il coraggio di cambiare” , “Il rilancio del centro non passa solo da questo” (spostamento degli uffici, piazza Gramsci, Teatro) , “Non è un provvedimento che serve principalmente a rilanciare il commercio, è un tentativo per provare a rismuovere le acque, un terapia shock per provare a vedere se si riparte, consci che non può bastare” , “ricreare il circuito della fiducia” , “NON CI SONO PREOCCUPAZIONI PER QUANTO RIGUARDA LA PAVIMENTAZIONE” 
Contro-risposta del Consigliere Rigacci:
“Prendo atto che disgraziatamente non mi ha risposto a nessuna delle domande che avevo fatto” , “tutto il resto del mondo va verso una pedonalizzazione dei centri storici” , “mi sembra che manchi quella che dovrebbe essere una visione del futuro del nostro paese”.
Fonti: controcomune.it