Posts Tagged ‘ciclo’

La scuola incontra la Polizia Municipale: Ciclo di incontri su ambiente ed educazione stradale

27 marzo 2014

Continuano gli incontri delle scuole con la Polizia Municipale, dopo il primo incontro che si è tenuto venerdì 21 con i bambini della scuola primaria (3 classi V della scuola Frà Ristoro e 2 classi V della scuola Lorenzo il Magnifico), sull’educazione ambientale, faunisticae venatoria, illustrando con l’ausilio di slide alcuni animaliselvatici (lupo, cervo, capriolo, daino, cinghiale, tasso) ed alcunespecie di uccelli, evidenziandone i comportamenti, le abitudini, i suoni e le tracce. Sono stati mostrati ai bambini alcune specie di animali: civetta, aquila reale, fenicottero rosa, tasso, volpe, scoiattolo. Al termine dell’incontro personale della Polizia Municipale di Campi Bisenzio ha fatto una breve introduzione sulle regole ed alcune norme comportamentali del Codice della Strada, soffermandosi sull’uso della bicicletta.
Domani 28 marzo, il tema dell’incontro con il personale della Polizia Municipale di Campi Bisenzio sarà l’educazione stradale: parteciperanno i ragazzi della scuola media Matteucci, 6 classi della 1^ media. L’ultimo appuntamento è per il 16 aprile sempre sull’educazione stradale al quale parteciperanno i ragazzi della scuola media Matteucci, 6 classidella 2^ media.
Le foto dell’incontro del 21 marzo

“Letture di mutuo soccorso… Crescere insieme ai nuovi cittadini” è il titolo del ciclo di incontri, a ingresso libero, che esplorano le nuove dimensioni della cittadinanza

18 gennaio 2013

“Letture di mutuo soccorso… Crescere insieme ai nuovi cittadini” è il titolo del ciclo di incontri, a ingresso libero, che esplorano le nuove dimensioni della cittadinanza e vari punti di vista – scuola, famiglia, ragazzi – dai quali questo complesso fenomeno può essere osservato. Organizzati da SMS Peretola e Cospe, gli incontri, in lingua italiana e cinese, si tengono presso il Circolo Arci SMS di Peretola in via Pratese n. 48 a Firenze.
Oggi venerdì 18 Gennaio 2013, alle ore 21.00, toccherà all’autrice Yang Xiaping presentare il suo romanzo bilingue dal titolo Come due farfalle in volo sulla Grande Muraglia (edito da Idest). L’incontro sarà coordinato da Mauro Sbordoni (dirigente scolastico); interverranno Riccardo Pontegobbi (casa editrice Idest) e Ambra Giorgi (vicepresidente della Provincia di Prato).
I protagonisti sono due giovani sposi, Jasmine e Dalin, entrambi di origine cinese e molto diversi tra di loro. Il loro matrimonio diventa il luogo d’incontro e di scontro tra due mondi quasi agli antipodi: da una parte quello della ragazza, nata e cresciuta a Prato, tra borse Louis Vuitton, musica pop e amicizie rigorosamente italiane; dall’altra quello del giovane — nato a Wenzhou e immigrato in Italia quando aveva 16 anni — dedito alla famiglia, al lavoro e legato alle origini antichissime del suo Paese. Pechino è la meta del viaggio che porterà i due giovani a immergersi nella storia, nell’arte e nella vita quotidiana della Cina. Qui, tra anatra laccata pechinese, canzoni popolari, struggenti leggende sulla Grande muraglia e karaoke con gli amici, i due raggiungono una sintonia basata sulla riscoperta di comuni interessi e valori e sul quel senso di appartenenza nostalgica alla madrepatria che segna la vita di ogni emigrato. Quarta opera della scrittrice e mediatrice culturale Yang Xiaping, il libro è corredato da belle immagini uscite dalla matita della giovane illustratrice Marta Lorenzon.
L’autrice: Yang Xiaping è nata ad Hangzhou (Cina). Si è laureata in Lettere presso l’Università di Lingue Straniere di Luoyang e diplomata in Lingua rumena presso l’Università di Lingue Straniere di Pechino. Dal 1988 vive in Italia e svolge l’attività di mediatrice culturale. È autrice, consulente editoriale, redattrice, curatrice di pubblicazioni di interesse interculturale. Per Idest, ha curato nel 2001 Poesie e filastrocche cinesi, nel 2003, La Cenerentola cinese, e nel 2008 Il serpente bianco.
Il volume è stato realizzato con il contributo della Provincia di Prato. Maggiori info.
Comunicazione stampa a cura di Idest srl – Via Ombrone 1 – 50013 Campi Bisenzio – Tel. 055 8966577 Fax 055 8953344 – E-mail: idest@idest.net URL: http://www.idest.net

Miracolo a Napoli

7 gennaio 2011

Se non siete già stufi, c’è ancora qualcosa da dire sulla faccenda dei rifiuti a Napoli. Punti che non sono stati chiariti o che non sono stati affrontati. Li riassumiamo per sommi capi:
1) Inceneritori. La storia dell’impianto di Acerra l’abbiamo già raccontata: un impianto inaugurato dal presidente del Consiglio (anzi dal PresdelCons) in persona e giudicato il toccasana di tutta la faccenda. In realtà, l’impianto non funziona, e se funziona è un giorno sì e l’altro no- tra l’altro, il suo progetto è vecchio di cinquant’anni. Il toccasana, insomma, non sana; perciò si sono previsti altri TRE inceneritori, a Salerno, Napoli e Santa Maria La Fossa. A favore di questi tre impianti, o meglio ancora, a favore della concessione degli incentivi Cip6 (senza i quali gli impianti non sarebbe possibile costruirli), hanno votato massicciamente anche i parlamentari del PD, anche se la concessione di quei contributi per gli inceneritori è una pratica che l’Europa ha messo al bando. E il segretario regionale del PD campano, Tino Iannuzzi, si è apertamente vantato di questo voto su La Repubblica del 6 agosto 2008. Questo per dire che una politica diversa sui rifiuti da quella del “miracolo” berlusconiano il PD non ce l’ha. Forse non ce l’ha nemmeno su tante altre cose…
2) Differenziata. Che è il vero motivo per cui ora quegli impianti SEMBRANO necessari (senza esserlo). La differenziata a Napoli è al 19%. Eppure, credeteci o no, in Campania ci sono 25.000 addetti al ciclo dei rifiuti. Com’è possibile che con una tale massa di dipendenti non si faccia la raccolta differenziata e che a raccogliere i rifiuti tocchi chiamare l’esercito? Ma a questa pletora di dipendenti, di solito assunti a tempo determinato (in particolare all’Asia di Napoli), spesso in periodi elettorali, non è corrisposto un altrettanto grande investimento in impianti. Mezzi vecchi, stazioni ecologiche e impianti di compostaggio inesistenti. Se non si è investito, è perché si era deciso fin dall’inizio di puntare sul termovalorizzatori. E in quest’ottica più rifiuti ci sono per strada, più emergenza c’è, meglio è. Prima Acerra, poi si scopre che non basta ed ecco che gli impianti diventano 4. Niente male come affari per gli “amici” chiamati a gestire la faccenda. Quanto al personale assunto, non importa che faccia la differenziata; verrà buono per le scadenze elettorali. Insomma, la situazione di Napoli è stata voluta esattamente così com’è. Quando a Salerno hanno affrontato il problema, in UN ANNO sono passati dal 14% al 70%. O sono geni loro e a Napoli sono scemi; oppure c’è un ‘altra spiegazione.
3) La gestione del ciclo. Potrà sembrare incredibile, ma dopo 14 anni di emergenza nessuno ha pensato di ridurre i rifiuti alla fonte. Avete sentito a Natale gli appelli ai napoletani a tenere gli imballi a casa. Nessuno ha pensato a chiedere al settore commerciale e produttivo di ridurre gli imballi. Forse quei rifiuti si volevano per strada. Anche perché a Napoli ci son ormai circoli, associazioni comitati di cittadini che avrebbero potuto e dovuto essere coinvolti e che avrebbero potuto dare una valida mano per impostare una corretta gestione dei rifiuti. Ma forse un approccio democratico, partecipato, informato al problema dei rifiuti non lo voleva nessuno; meglio gestire tutto a livello di tecnici, amministratori e politici che “decidono di decidere”. Tanto poi l’emergenza resta ai cittadini, e comunque qualcuno ci guadagna anche con quella.Soprattutto con quella.

Al consiglio comunale del 13 gennaio 2011 la lista civica Noinceneritore ha presentato un Ordine del Giorno per la realizzazione di un protocollo con la distribuzione per la riduzione degli imballi. E’ l’avvio di un percorso, che si spera continui con il coinvolgimento sempre maggiore dei cittadini, chiamati non solo a condividere ma a realizzare politiche di difesa del loro territorio.
Perché una cosa il miracolo di Napoli ce l’ha insegnato: la politica del territorio non è mai una questione di impianti, di scelte tecniche, di tecnologie. I problemi impiantistici di Napoli derivano tutti da una precisa volontà politica che è tremendamente simile a quella che qualcuno vorrebbe realizzata a tutti i costi qui. Il testo è stato redatto da Paolo Lombardi.

Domenica 6 giugno, una giornata dedicata alle MTB per piccoli BIKERS a Campi Bisenzio

5 giugno 2010

Consiglio comunale del 18 settembre 2008

16 settembre 2008

Giovedi’ 18 settembre alle ore 15.00, presso La Sala Consiliare “Sandro Pertini”, in Piazza Dante 36, si terrà una nuova seduta del Consiglio Comunale, i punti iscritti all’ordine del giorno, oltre a quelli di prassi (Comunicazioni del Presidente, comunicazioni del Sindaco, quesiti a risposta immediata ed approvazione dei verbali delle sedute consiliari del 3, 7 e 29 luglio 2008), vedono una serie di argomenti che ritengo interessanti, vi invito quindi alla partecipazione, anche se l’orario non è dei più indicati per chi lavora. Ecco i punti uno per uno così come riportati dal sito del Comune :

  • Proposta di deliberazione: Costituzione del Consorzio denominato Comunita’ di Ambito Toscana Centro ai sensi dell’art.31 del D.LGs.267/2000. (Ufficio Segreteria Generale).
  • Proposta di deliberazione: Ratifica della deliberazione nr.145 del 25.07.2008, adottata dalla Giunta Comunale in via d’urgenza ed avente ad oggetto: “Variazione al Bilancio di Previsione 2008“. (Ufficio Presidenza del Consiglio).
  • Proposta di deliberazione: L.R. 96/96 art. 21- Commissione mobilità – Nomina di tre rappresentanti del Comune di Campi Bisenzio..(Settore Servizi alla Persona – u.o. Casa).
  • Mozione sull’applicazione in Toscana della legge sull’immigrazione presentata dal consigliere comunale Marco Carraresi del gruppo “U.D.C.”.
  • Mozione in merito alla costituzione di un soggetto unico di gestione dell’intero ciclo integrato dei rifiuti nella Toscana Centrale presentata dal consigliere comunale Marco Carraresi del gruppo “U.D.C.”.
  • Mozione in merito all’attivazione di un punto di primo soccorso a Campi Bisenzio presentata dal consigliere comunale Marco Carraresi del gruppo “U.D.C.”.
  • Mozione sulla “citta’ degli Uffizi” presentata dai consiglieri comunali Massimo Lensi e Matteo Biagiotti del gruppo “P.D.L.”.
  • Ordine del Giorno: Incarico professionale presentato dal consigliere comunale Giovanni Brandino del gruppo “P.D.L.”.
  • Ordine del Giorno per l’intitolazione di una strada o di una piazza a Giuseppe Poli,”Il Dottore” presentato dal consigliere comunale Doriana Ballerini del gruppo “P.D.”.
  • Ordine del Giorno: Ipotesi Cie, ex Cpt, a Campi Bisenzio presentato dal gruppo consiliare “P.D.”.
  • Ordine del Giorno: risultati allarmanti e definitivi della ricerca resa pubblica dall’Istituto di Sorveglianza Sanitaria in Francia sulle popolazioni residenti in prossimita’ di impianti di incenerimento presentato dal consigliere comunale Roberto Valerio del gruppo “P.D.L.”.
  • Ordine del Giorno: Diritto di voto ai migranti presentato dalla Giunta Comunale.
  • Interrogazione: sicurezza stradale San Piero a Ponti presentata dal consigliere comunale Alessio Colzi capogruppo del “P.D.”.
  • Interrogazione: Rete Adsl, area via Fra’ Guittone presentata dal consigliere comunale Alessio Colzi capogruppo del “P.D.”.