Posts Tagged ‘cibi’

Quando i cittadini insegnano: “Quel che resta è ancora risorsa. Opinioni a confronto sulla corretta gestione del ciclo dei rifiuti”, il 25 febbraio in un’incontro a cura del Campiingas

21 febbraio 2012

CampiinGas, ovvero il Gruppo di Acquisto Solidale di Campi Bisenzio, organizza sabato 25 febbraio alle ore 15:00 presso i locali del Circolo Rinascita in Piazza Matteucci 9, un seminario pubblico dal titolo “Quel che resta è ancora risorsa. Opinioni a confronto sulla corretta gestione del ciclo dei rifiuti”.
CampiinGas opera dal 2008 come insieme di consumatori che non si limitano solo a cercare alimenti sani fra coloro che li producono in zone della Toscana non lontane dalla Piana, ma che si sforzano anche di dare una qualità sempre crescente al rapporto fra consumatore e produttore. Ciò cercando di essere informati sulle caratteristiche di “naturalità” delle aziende fornitrici dei prodotti alimentari ma anche di essere fortemente partecipi delle problematiche che riguardano le condizioni di lavoro e di produzione delle stesse aziende, aumentando così la consapevolezza su “chi e che cosa” sta dietro ai cibi che arrivano sulle loro tavole. I cittadini che animano CampiinGas riconoscono alle realtà produttive con cui si rapportano – prevalentemente di piccola dimensione – il valore di presidi attivi a favore della tutela del territorio (da frane, incendi ecc.) della biodiversità, della cura degli spazi boschivi e limitrofi, nonchè – cosa affatto secondaria – il valore di effettive e nuove opportunità di lavoro per i giovani.
Anche per CampiinGas è perciò importante discutere di rifiuti perchè essi chiudono il ciclo della produzione-consumo del cibo così come degli innumerevoli oggetti da cui siamo circondati. E il titolo del seminario, ”Quel che resta è ancora risorsa”, rispecchia bene l’attenzione che CampiinGas vuole avere nei confronti di una gestione saggia e ambientalmente corretta della risorsa-rifiuti.
Per conoscere alcune delle varie posizioni sulla questione, il dibattito fra i presenti seguirà la proiezione del recente ed interessante docu-film “Zero Waste” di Victor Ibañez, interpretato fra gli altri dal noto attivista ecologista parmense Francesco Barbieri.
E’ prevista la presenza dell’Assessore all’Ambiente e vicesindaco di Campi Bisenzio, Serena Pillozzi, nonchè dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Capannori Alessio Ciacci; questo comune è all’avanguardia in Toscana, e non solo, nel settore della riduzione dei rifiuti tramite differenziazione della raccolta e del riciclo delle “frazioni” nuovamente utilizzabili degli stessi. Ma sarà rappresentato anche il punto di vista del mondo delle imprese toscane, grazie alla presenza di Silvia Leon di Navicelli s.p.a. di Pisa, società consortile che gestisce il grosso polo della cantieristica nautica sorto attorno allo storico Canale dei Navicelli, e che si confronta con la conversione “green” dell’area industriale e quindi con i grandi numeri dei rifiuti là prodotti; mentre Antonio Manes, dell’azienda fiorentina Netsens s.r.l., ci mostrerà come la produzione e lo stoccaggio di rifiuti e di sostanze inquinanti possa essere facilmente monitorata anche a distanza ed in continuità, prevenendo quindi i pericoli dovuti alla dispersione più o meno repentina di veleni nell’ambiente. L’ingresso è libero. Per info: campiingas@yahoo.it

“Pasta e insetti” provenienti dalla Cina, sequestrati a Campi Bisenzio

17 ottobre 2008

La fortuna vuole, oppure grazie alla abilità dei Carabinieri dei Nas di Firenze, che nei giorni scorsi erano impegnati in altri controlli presso una società di import-export, di proprietà di un cittadino cinese di 46 anni, sito nella zona industriale di Campi Bisenzio al confine con il comune di Calenzano; che sia stato scoperto un container lungo circa quindici metri appena giunto pare nel piazzale della ditta, contenente un carico 25 mila pacchi di pasta cinese in un penoso stato di conservazione, addirittura pieni di insetti. La pasta (spaghetti) era confezionata in porzioni istantanee e quindi comprensiva di condimenti come carne di manzo (di cui per legge ne è vietata l’importazione in Italia).
La ditta è specializzata nel rifornimento di materie prime per locali etnici di tutta Italia, non solo cinesi, ma anche ristoranti italiani specializzati nella preparazione di pietanze esotiche. Il contenuto del container sarebbe stato spedito in tutta Italia già nella prossima settimana.
Il titolare cinese è stato denunciato al tribunale della Repubblica di Firenze, con l’accusa di vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione ed infestati da parassiti oltre alla importazione di prodotti di origine animale dalla Cina.
Nei locali sono stati trovati anche cinque dipendenti privi del regolare permesso di soggiorno che sono stati denunciati all’autorità giudiziaria.
Inutile dire che questa scoperta a Campi, getta ancora una volta gravissime ombre e mina pesantemente quanto già ampiamente temuto, sulla qualità dei cibi italiani che speriamo non siano oggetto di speculazioni da parte di chi guarda solo al profitto a scapito della salute. Il mio consiglio è mangiare cibi nostrani o italiani e stare attenti alle confezioni. I cibi freschi prodotti in Italia, magari localmente, con un minor numero di sostanze additivate, sono quelli più naturali e sicuri. La nostra nazione ed in particolare le nostre regioni sono ricche di tantissimi piatti derivanti dai prodotti della nostra terra, utilizziamoli e rendiamo alla nostra cucina l’importanza che merita.

Buon appetito a tutti…naturalmente con cibi nostrani.