Posts Tagged ‘caponnetto’

Parte domani da Campi la prima tappa del Vertice Nazionale Antimafia, intitolato ad Antonino Caponnetto

26 ottobre 2012

Si terrà domani, sabato 27 ottobre allo stadio Emil Zatopek di Campi Bisenzio la prima tappa della 18° edizione del Vertice Nazionale Antimafia. Una verà novità per il consueto vertice che quest’anno, in ricordo del giudice Antonino Caponnetto a 10 anni dalla sua morte, sarà a tappe. “Abbiamo deciso di rinnovare la formula del vertice che da statica, nell’ormai tradizionale incontro di Villa Montalvo, diventa itinerante – spiega Salvatore Calleri Presidente della Fondazione Antonino Caponnetto -. Dopo Campi Bisenzio, sede storica della Fondazione, ci ritroveremo il 17 novembre a Firenze, poi ad Orvieto ed in altre città al momento in via di definizione, per terminare a maggio 2013 in Emilia Romagna. Quest’anno sarà l’occasione per ricordare anche Piero Luigi Vigna, recentemente scomparso, che si è sempre schierato al nostro fianco. Anche la tipologia dell’incontro cambia, come sottolinea l’assessore allo Sport e alla Cultura della legalità del Comune di Campi Bisenzio, Ferrero Cerretelli “Abbiamo pensato di coinvolgere il mondo della scuola, in un connubio che unisca sport e legalità. Saranno oltre 300 gli studenti, del liceo e delle scuole medie, che parteciperanno al vertice e che avranno la possibilità di fare domande ai relatori. Pensiamo che non sia mai troppo presto per sensibilizzare i giovani alle tematiche che la Fondazione Antonino Caponnetto porta avanti da anni”. La manifestazione ha ottenuto, quale riconoscimento, l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.”Il 2012 per noi rappresenta un anniversario complesso- sottolinea Salvatore Calleri -. Sono 20 anni dalla morte di Falcone e Borsellino, dall’esplosione del fenomeno tangentopoli e 10 anni dalla scomparsa di Antonino Caponnetto avvenuta il 6 dicembre 2002. Pensiamo che la partita di calcio fra le nazionali dei sindaci e dei magistrati possa inoltre avvicinare i ragazzi alla lotta alla mafia o per essere più corretti alle diverse mafie che ci circondano. A dare il calcio di inizio sarà Elisabetta Caponnetto”.
Ecco il programma dell’iniziativa che si terrà domani sabato 27 ottobre allo stadio Emil Zatopek, di via di Gramignano:
Alle ore 9 Convegno Sport e Legalità
Alle ore 11 Incontro di calcio fra la Nazionale Italiana Sindaci e la Nazionale Italiana Magistrati
A corredo della manifestazione altri due momenti di sport ed una insolita edizione della gara 80 metri ostacoli con i ragazzi dell’Atletica Campi e le suggestive coreografie della Ginnastica Ariele.

16° Vertice Nazionale Antimafia il 19 novembre 2011 a Campi Bisenzio

16 novembre 2011

La Fondazione Caponnetto rivela che in Toscana il fatturato della Mafia è di 12-14 MLD

13 luglio 2010

Si aggira fra i 12-14 miliardi la stima ”plausibile” del fatturato che le mafie realizzano in Toscana. A questo risultato e’ giunta la Fondazione Caponnetto che ieri, ospite della Cgil, ha presentato un dossier, frutto dell’analisi delle operazioni antimafia e delle notizie di fonte giornalistica. Salvatore Calleri, presidente della Fondazione ha spiegato che ”la mafia c’e’ in Toscana e gode di ottima salute anche se, per fortuna, non controlla il territorio”. La penetrazione che maggiormente preoccupa e’ quella di ‘ndrangheta, camorra, e Cosa Nostra, ma sono emergenti e potrebbero diventare preoccupanti nei prossimi anni la mafia russa, molto interessata a investimenti sul territorio, e la criminalita’ organizzata cinese, oltre ad albanesi e organizzazioni africane, in particolare nigeriane. In quale modo contrastare questa espansione? ”Per fortuna, la Toscana e’ una terra attenta..”, spiega Calleri,”..lo sono polizia, carabinieri, guardia di finanza, Dia e Dda. Occorre pero’ non abbassare la guardia. Il difetto della Toscana e dei toscani e’ l’amore per i soldi che, soprattutto in periodi di crisi, puo’ favorire l’ingresso della criminalita’ con ingenti investimenti. I soldi mafiosi sono sporchi, non si puo’ fare finta di nulla”.
Che la Toscana sia terra molto appetibile per il riciclaggio di denaro attraverso imprese apparentemente lecite e’ ben documentato nel dossier. Un esempio, citato da Calleri, e’ l’arresto di un capomafia palermitano, nel giugno scorso, che controllava un consorzio di 23 ditte con sede a Firenze. ”Notizia”, lamenta Calleri, “..passata quasi inosservata”. Secondo la Fondazione, dunque, oltre al contrasto della criminalita’ organizzata da parte delle forze dell’ordine, “..occorre monitorare con attenzione i recenti passaggi di proprieta’ di numerosi alberghi, agriturismi, ristoranti, e piu’ in generale pubblici esercizi che sono avvenuti in Toscana”.
Una cosa cuoriosa, che segnala la Fondazione Caponnetto nel capitolo dedicato al ‘riciclo di denaro sporco’ è che “..a Firenze, hanno aperto ristoranti giapponesi gestiti da cinesi in cui viene servito il sushi e questa è una cosa strana…”. (Fonte ANSA e Fondazione Caponnetto).

12° Vertice Nazionale Antimafia a Campi Bisenzio, le considerazioni di Alessio Colzi

22 novembre 2009

Ricevo e pubblico questa email di Alessio Colzi (consigliere e capogruppo del PD campigiano), in relazione al recente vertice antimafia, organizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto, che si è svolto proprio ieri a Campi Bisenzio. Ringrazio Alessio per l’intervento che spero venga commentato da altri lettori del blog, per dire la loro su questo importante argomento.

Vorrei esprimere tutta la mia stima e il mio appoggio, anche a nome del partito che rappresento in Consiglio Comunale a Campi, per l’azione straordinaria e coraggiosa che svolge la magistratura nella lotta alla criminalità organizzata. La testimonianza resa ieri dal procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, rappresenta un’onda di speranza in un momento difficile per l’affermazione della legalità in Italia. Difficile non solo per le problematiche amministrative e politiche legate alla carenza di effettivi, di risorse e di regole fluide, ma anche per difficoltà “ambientali” forti che ormai caratterizzano la vita civile del nostro paese. Occorre far sentire la nostra voce, nella lotta contro normative imbarazzanti come il ddl sul processo breve e l’opportunità di rivendere sul mercato libero i beni confiscati alla mafia. La denuncia formulata ieri dal procuratore contro questi due provvedimenti non deve restare isolata. L’affermazione della Giustizia passa attraverso un percorso coerente e non strumentale, fondato sulla delega in bianco che la politica concede alla magistratura, indipendente nell’esercizio delle sue funzioni. Senza giustizialismo a orologeria e senza garantismi esasperanti anche in presenza di sentenze chiare. È importante che le forze politiche locali, anche per il prestigio reso a Campi Bisenzio, sede scelta dalla Fondazione Caponnetto per ospitare convegni di questo spessore, affermino il loro pieno appoggio alla magistratura e alle forze dell’ordine, investendo politicamente sulla fiducia verso chi opera a favore della legalità e facendo pressione sugli organismi di governo, affinché risorse e organici siano compatibili con la funzione che la magistratura e le forze dell’ordine svolgono.
Alessio Colzi

La Villa Montalvo ospita il 12° Vertice Nazionale Antimafia presso la Fondazione Caponnetto

20 novembre 2009

Si terrà il 21 novembre 2009 dalle ore 16.00, presso la Limonaia Antonino Caponnetto di villa Montalvo a Campi Bisenzio (Firenze), il 12° Vertice Nazionale “Le nuove frontiere della lotta alla mafia” organizzato dalla fondazione Antonino Caponnetto, insieme alla Regione Toscana e sotto l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica. Un appuntamento, come sempre, importante per fare il punto sull’attività antimafia in Italia, sulle cose fatte e sulle tante ancora da fare. Ci saranno tutti i protagonisti dell’antimafia, uniti nella diversità in ricordo di Antonino Caponnetto padre del pool e ideatore del maxiprocesso.
Dopo i saluti del sindaco di Campi Bisenzio, Adriano Chini interverrano insieme all’ On. Sonia Alfano, Piero Grasso, Saro Crocetta, Lorenzo Diana, Adriana Musella, Beppe Lumia, Geremia Mancini, Mario Giarrusso, Debora Serracchiani, Fabio Ferrari, Roberto Molinaro, Luciano Silvestri, Maria Grazia Fortugno, Raffaele Donini, Carlo Marino, Daniela Morozzi, Luigi Li Gotti, Federico Gelli. Presiede  il Presidente della Fondazione Salvatore Calleri, conduce Raffaele Palumbo.
Sarà presente la Signora Elisabetta Caponnetto
Volantino dell’evento in formato PDF

Uniti nella diversità contro le mafie, sabato 22 novembre a Villa Montalvo

20 novembre 2008

vertice-08

Sabato 22 novembre – ore 16 presso la Sala Antonino Caponnetto di Villa Montalvo si svolgerà il “Vertice sullo stato della legalità, della lotta alle mafie e della giustizia sociale in italia” organizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto, con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Campi Bisenzio, organizza il Vertice “Uniti nella diversità contro le mafie”

Presiede: Salvatore Calleri
Conduce: Raffaele Palumbo

Parteciperanno i principali esponenti Nazionali del Movimento Antimafia e saranno presenti: la Signora Elisabetta Caponnetto ed il Sindaco del Comune di Campi Bisenzio Adriano Chini

info: www.antoninocaponnetto.it