Posts Tagged ‘assemblea’

L’inceneritore di Case Passerini non serve, ma Quadrifoglio ci guadagna …

23 aprile 2014

Il presidio NO INCENERITORI davanti a Quadrifoglio di giovedì 17 aprile

QUADRIFOGLIO NON PUO’ AVVELENARE LA PIANA !!
L’inceneritore metterà in serio pericolo la salute aumentando l’inquinamento dell’aria che è già molto elevato, aggiungendo sostanze cancerogene (diossine, cadmio, mercurio, arsenico, ecc…) e contaminerà nel tempo terre, acque, coltivazioni e animali della Piana. L’inceneritore sarebbe in una zona molto inquinata e minacciata dai folli ampliamenti di Aeroporto e Autostrada.
Le alternative esistono e Quadrifoglio può praticarle: la differenziata porta a porta con la tariffa puntuale ( più differenzi meno paghi ) la selezione del materiale residuo e la stabilizzazione di ciò che resta. Centinaia di Comuni, molti in Toscana, recuperano elevate quantità di materiale (fino al 90%).
Quadrifoglio sa bene, e si legge nel suo resoconto annuale, che la crisi determina un calo dei rifiuti complessivi e le buone pratiche fanno aumentare la differenziata e calare l’indifferenziato. Non si giustifica l’incenerimento che non evita neanche il ricorso alle discariche, anzi, produce il 30% di “ceneri da incenerimento” da stoccare in discariche per rifiuti tossici e speciali.
QUADRIFOGLIO NON DEVE IMPOVERIRE CHI LA MANTIENE
Se l’inceneritore verrà realizzato le Tariffe sui rifiuti aumenteranno del 35%­40% e saremo noi a pagare in bolletta il costo dell’impianto stimato ad oggi in oltre 135 Milioni di euro +IVA . Nello stesso tempo andranno in fumo importanti opportunità di lavoro nella crisi che è possibile ottenere con le raccolte porta a porta e il riciclo dei materiali.
Presidio quadrifoglio giovedì 17 Aprile 2014 No inceneritori
L’INCENERITORE NON SERVE MA C’E’ CHI CI GUADAGNA
Il soggetto privato che partecipa al 40% si chiama Gruppo Hera; una multiutility che si occupa di servizi energetici, idrici e ambientali, contigua al Partito Democratico, a cui si deve la messa in funzione di 4 inceneritori tra Romagna ed Emilia. L’inceneritore è l’ennesima messa a profitto di una catena di potere i cui anelli hanno nomi e sigle. In Toscana come in Emilia­ Romagna, dove è forte la sovrapposizione tra istituzioni e Partito Democratico, la gestione del territorio è oggetto di speculazione. Case Passerini è solo un appetitoso punto di convergenza tra la dimensione metropolitana fiorentina del partito (Quadrifoglio) e quella nazionale (Hera), a partire dalla nascita del progetto fino alla gestione dei guadagni relativi all’energia prodotta dalla combustione dei rifiuti.
FERMARLI E’ POSSIBILE ! FERMARLI TOCCA A TE!
Più info su http://pianacontronocivita.noblogs.org/
Fonte: Cortocircuito – Arresto di sistema

No Inceneritori: Assemblee Pubbliche e Cena a Campi Bisenzio – Difendiamo il nostro territorio

25 novembre 2013

volantino assemblee e cene

Voce ai lavoratori: assemblea aperta con i lavoratori dei Gigli ed Enrico Rossi a Villa Montalvo

15 giugno 2013

954859_4436290883831_1002713235_n

Convocazione Assemblea Misericordia Campi Bisenzio 3 maggio 2013

3 maggio 2013

In bicicletta contro tutte le nocività della Piana fiorentina

19 aprile 2013

Assemblea per la Piana contro le nocività invita tutti i cittadini a partecipare alla biciclettata organizzata per domani sabato 20 aprile per manifestare contro il progetto di costruzione dell’inceneritore di Case Passerini e il progetto di ampliamento dell’aeroporto di Firenze che prevede la costruzione di una nuova pista parallela all’autostrada A11.
La partenza è prevista da Campi Bisenzio (con ritrovo in piazza della Resistenza alle ore 10); da qui il gruppo si muoverà dalle 10,30 per attraversare i luoghi della Piana fiorentina più sottoposti all’attacco delle nocività ambientali.
Saranno attraversati San Donnino, Brozzi, l’impianto ferroviario dell’Osmannoro, Casina Rossa, Sesto Fiorentino (piazza del Comune e via Gramsci), Richard Ginori, l’area naturale della Querciola, il cavalcavia dell’A11 (zona interessata al progetto di nuova pista aeroportuale), Case Passerini (discarica e zona interessata per il previsto inceneritore), Motorizzazione Civile, Ponte di Maccione, viale Paolieri, Oasi di Focognano, Parco Iqbal, via Veneto,  piazza Dante con ritorno previsto in piazza della Resistenza a Campi Bisenzio intorno alle ore 13,00
Basteranno una bicicletta, un cartello, un fischietto e solo un po’ di voglia di pedalare per affermare in prima persona le ragioni di una lotta contro la gestione del territorio improntata allo sfruttamento, alla mercificazione e alla realizzazione di grandi opere nocive, devastanti e costose.
Per informazioni:
http://pianacontronocivita.noblogs.org
assembleaperlapiana@gmail.com

Basta nocività nella Piana… le alternative ci sono

6 aprile 2013

assemblea-piana-pIl fermo rifiuto della politica di incenerimento dei rifiuti (con l’opposizione alla costruzione dell’inceneritore previsto a Case Passerini, e con la proposta di chiusura degli impianti di Montale, Selvapiana e Baciacavallo), il no all’ampliamento dell’aeroporto di Firenze e alla realizzazione della pista parallela e la lotta contro tutte le nocività della Piana fiorentina caratterizzano la prima iniziativa pubblica di Assemblea per la Piana, fissata per domenica 7 aprile nei giardini di via Petrarca a Campi Bisenzio dalle ore 16 alle 20. Sarà un pomeriggio di confronto con i cittadini per affermare le ragioni di una lotta contro la gestione del territorio improntata allo sfruttamento, alla mercificazione e alla realizzazione di grandi opere nocive, devastanti e costose. Sono previsti interventi di informazione e la diffusione di materiale di approfondimento sulle pratiche di smaltimento dei rifiuti alternative agli inceneritori, sulla vicenda dell’aeroporto di Peretola, e sulla necessità di una diversa mobilità nella Piana. Ma l’incontro sarà anche un momento di festa per tutti, con musica, animazione per bambini e merenda. In caso di maltempo, l’iniziativa si terrà il 14 aprile a Villa Montalvo a Campi Bisenzio.
Per informazioni: http://pianacontronocivita.noblogs.orgassembleaperlapiana@gmail.com
Chi è Assemblea per la Piana contro le nocività: Assemblea per la Piana contro le nocività raggruppa comitati, gruppi politici organizzati, associazioni e singoli cittadini determinati a difendere il territorio e la salute di chi abita e lavora nella piana tra Firenze e Pistoia. L’Assemblea intende impostare una lotta generale contro le nocività nella Piana e in favore della rivitalizzazione degli spazi verdi-agricoli e del recupero di aree dismesse (ex-industriali e agricole) contrastando la logica del profitto che accomuna destra e sinistra istituzionali, senza distinzioni. Una logica che, alla ricerca di un presunto benessere, determina sfruttamento, saccheggio e devastazione del territorio e delle vite.

6° Assemblea annuale Avis Comunale Campi Bisenzio – sabato 23 febbraio 2013

21 febbraio 2013

Sabato 23 febbraio 2013 alle ore 16, presso la Sala Consiliare “Sandro Pertini” nel Comune di Campi Bisenzio, in Piazza Dante, si svolgerà la 6° Assemblea annuale dei donatori Avis Comunale Campi Bisenzio, sarà una occasione anche per festeggiare i risultati conseguiti nel 2012, al termine della quale sarà offerto un buffet alle ore 18.
Di seguito pubblico l’Ordine del giorno dell’aassemblea del 23.02.2013 ore 16 Sala Consiliare “Sandro Pertini”:
1) Saluto del Presidente del Consiglio Direttivo;
2) Saluti delle Autorità presenti;
3) Approvazione delle linee di indirizzo e delle direttive generali per il funzionamento, il potenziamento e l’espansione dell’Associazione proposte dal Consiglio Direttivo (Relazione Morale del Presidente);
4) Presentazione, Discussione ed Approvazione del Bilancio Consuntivo per l’anno 2012 predisposto dal Consiglio Direttivo (Rendiconto economico-finanziario, Nota di integrativa, Relazione del Collegio dei Revisori, Nota di sintesi sull’attività svolta);
5) Ratifica del Bilancio Preventivo per l’anno 2013 approvato dal Consiglio Direttivo in data 14/12/12;
6) Nomina dei Componenti del Comitato Elettorale;
7) Insediamento del Comitato Elettorale;
8) Presentazione dei Candidati e delle Liste Elettive;
9) Nomina dei Componenti Consiglio Direttivo Comunale (2013-2016 e fino approvazione bilancio);
10) Nomina del Collegio dei Revisori dei Conti (2013-2016 e fino approvazione bilancio);
11) Scrutinio e risultati delle elezioni;
12) Nomina dei delegati che rappresenteranno i soci dell’Avis Comunale Campi Bisenzio all’Assemblea Zonale Scandicci-Le Signe che si terrà entro il 31/03/2013 c/o Sez. Avis di Ponte a Ema;
13) Formulazione all’Assemblea Zonale della proposta dei candidati alle cariche elettive dell’Avis Zonale Scandicci-Le Signe;
14) Varie ed eventuali.

AssembleaAvisComunale2013Ca

Nasce l’Assemblea per la Piana contro le nocività. La prima assemblea pubblica il 20 dicembre a Villa Montalvo

14 dicembre 2012

assemblea-piana-pNasce l’Assemblea per la Piana contro le nocività che raggruppa comitati, gruppi politici organizzati, associazioni e singoli cittadini determinati a difendere il territorio e la salute di chi abita e lavora nella piana tra Firenze e Pistoia.
Chi vi partecipa intende convergere su forme di lotta indirizzate contro una gestione del territorio improntata allo sfruttamento, alla mercificazione, alla realizzazione di grandi opere come l’inceneritore di Case Passerini e l’ampliamento dell’aeroporto Vespucci di Firenze, nocive, devastanti e costose.
L’Assemblea si oppone alla realizzazione dell’impianto di incenerimento previsto a Case Passerini, tra Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio e si batte per la chiusura degli inceneritori di Montale, Selvapiana e Baciacavallo.
Le motivazioni di questo rifiuto sono molteplici:
– l’arretratezza tecnologica di questa “soluzione”, rispetto a una prassi internazionale che si orienta verso una gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti basata su strategie di riduzione a monte della produzione di rifiuti, raccolta differenziata porta a porta ‘spinta’, progressiva eliminazione dei materiali non riciclabili, come ampiamente spiegato dall’Alterpiano per ATO centro Toscana a combustione zero, che l’Assemblea sottoscrive;
– la nocività per il territorio e per coloro che lo abitano perché, come ampiamente dimostrato, l’incenerimento produce tossicità. Il trattamento termico dei rifiuti, tra l’altro, non risolve il problema dei rifiuti a causa della produzione di ceneri, rifiuti tossiconocivi, che a loro volta devono essere smaltiti in discariche speciali, e micropolveri che veicolano sostanze fortemente dannose per la salute;
– l’opzione inceneritoria impedisce l’attuazione di una più virtuosa e conveniente soluzione basata sulla filiera del riciclo e sui distretti del riuso, elementi di  rilancio e sviluppo economico del territorio.
L’Assemblea si oppone anche all’ampliamento dell’aeroporto di Firenze.
Anche in questo caso molteplici sono le motivazioni:
– l’ampliamento dell’aeroporto risulterebbe un’operazione di enorme impatto ambientale tale da stravolgere l’intero assetto territoriale della Piana fiorentina;
– l’accumulo di elementi inquinanti nella Piana fiorentina (inceneritore, aeroporto, attuali criticità legate ai tracciati delle grandi autostrade presenti nella zona, elevata presenza di attività industriali e commerciali) darebbe un colpo mortale al territorio, giustificato prevalentemente da una logica scellerata di profitto, funzionale solo a chi è interessato alla mera mercificazione dei territori e a chi su di essi specula;
– si vanificherebbero gli atti di mitigazione ecologica promessi da decenni, quali il Parco della Piana e lo sviluppo di un sistema di trasporto pubblico non basato sul solo trasporto su gomma.
Il 20 dicembre 2012, alle ore 21,30 presso la Sala Nesti di Villa Montalvo a Campi Bisenzio, prima uscita pubblica dell’Assemblea, che invitai cittadini della Piana a partecipare alla mobilitazione contro l’inceneritore di Case Passerini e l’ampliamento dell’aeroporto Vespucci,  opere il cui iter, proprio in questi giorni, riceverà una forte accelerazione da parte del potere pubblico locale.
Per informazioni: assembleaperlapiana@gmail.com

Collegamento Pedonale, Via 1°Maggio – Ponte alla Baccellina, presentazione del progetto preliminare il 7 giugno a San Piero a Ponti

6 giugno 2012

Il prossimo 7 giugno (giovedì prossimo), si parla del progetto preliminare del collegamento pedonale nella Strada Regionale 66, che va da via 1° Maggio al Ponte alla Baccellina, in Località San Piero a Ponti. L’assemblea pubblica che è aperta a tutta la cittadinanza, ha come argomento la presentazione del progetto preliminare sopra accennato e vedrà la partecipazione del Sindaco di Campi  e quello di Signa. L’incontro si terrà presso il Circolo Rinascita di San Piero a Ponti dalle ore 21.15

 

Giovedì 29.03 ore 21:00 – Assemblea cittadina nella Sala Consiliare del Comune di Campi a Campi Bisenzio, contro i tagli alle Linee ATAF

27 marzo 2012

ATAF: COI TAGLI ALLE LINEE INIZIA LA PRIVATIZZAZIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO
Dopo l’avvio della procedura di vendita di Ataf con un colpo di mano del Sindaco di Firenze Matteo Renzi (unico sindaco su nove a votare per la vendita dell’azienda), sono in atto ulteriori tagli al trasporto pubblico dell’area fiorentina. I tagli non sono solo la conseguenza di mancati trasferimenti dalla Provincia, giustificati nascondendosi dietro mancati trasferimenti da parte dello Stato, ma sono anche il risultato di anni di cattiva gestione di un’azienda a cui la politica locale ha succhiato il sangue, invece di considerarla il fulcro delle politiche di mobilità pubblica a Firenze e nei comuni limitrofi.
Dal 15 Marzo in un colpo solo si sono tagliate completamente 6 linee considerate meno ‘redditizie’, 2 scompariranno il sabato e i festivi, 8 linee scompariranno nei festivi, altre linee subiranno riduzioni delle corse e modifiche. A Campi Bisenzio invece di aumentare le corse dell’unica linea, molto spesso sovraffollata, che rappresenta l’unico collegamento tra Campi e Firenze si è pensato bene di eliminare il 30X e si sono ridotte le corse del 30A/B durante i festivi. I residenti delle Piagge si sono visti eliminare il collegamento con l’Ospedale di Careggi (bus 56) durante i festivi. A Calenzano è stato soppresso il 92 che collegava Settimello con la GKN e la zona industriale.
Siamo quindi già entrati nell’ottica commerciale dei privati per cui se una linea non trasporta abbastanza persone è da eliminare. Ma il Trasporto Pubblico Locale non dovrebbe basarsi su una politica di servizio per cui si ritiene fondamentale permettere a tutte le cittadine e i cittadini un collegamento con la loro famiglia, i loro amici, la loro scuola, il loro lavoro, l’ospedale ecc. ? O per il futuro dobbiamo aspettarci un servizio che ci consente di raggiungere solo i centri commerciali?
Perché i Sindaci della Piana, che hanno criticato a mezzo stampa l’operato di Renzi durante la vicenda Ataf, non si sono opposti quando potevano alla svendita di Ataf facendo ostruzionismo nelle assemblee dei Soci?
In un momento in cui le famiglie affrontano una crisi economica di enormi proporzioni che le porterà sempre più ad utilizzare il trasporto pubblico quale unica alternativa al mezzo privato che ogni giorno diventa più costoso, per i rincari della benzina e delle assicurazioni, le amministrazioni locali, almeno quelle che si definiscono di centrosinistra, non dovrebbero scegliere di stare dalla parte dei loro cittadini ed investire sulla mobilità pubblica?
Il Comitato contro la privatizzazione di ATAF “Trasporto pubblico bene comune” organizza un ciclo di assemblee cittadine a Firenze e nei Comuni limitrofi interessati dal servizio di Ataf per informare la cittadinanza sulle prospettive di Ataf e per chiedere alle amministrazioni competenti un rilancio del trasporto pubblico come mezzo per tutelare il diritto alla mobilità dei cittadini e il rispetto dell’ambiente. Ecco le prossime assemblee già in programma:
Giovedì 29.03 ore 21:00 – Assemblea cittadina a Campi Bisenzio – Sala Consiliare del Comune
Venerdì 30.03 ore 21:00 – Iniziativa al circolo Andreoni – Via D’Orso 8
Giovedì 05.04 ore 21:00 – Assemblea cittadina a Signa – Circolo Donizetti in Via di Porto 5
Il Comitato, a conclusione di questo ciclo di assemblee promuoverà a Firenze un corteo il 19 maggio per contrastare le politiche di privatizzazione e riaffermare la volontà degli elettori che con il referendum di giugno hanno espresso chiaramente la volontà di una gestione pubblica dei beni comuni.
Contatti: trasportopubblicobenecomune@gmail.com – Blog: http://trasportopubblicobenecomune.wordpress.com/ – Facebook: Comitato contro la privatizzazione di ATAF “Trasporto pubblico bene comune” – Twitter: Tpbenecomune