Posts Tagged ‘artista’

Fossi: “prosegue Movimento AnDante” – online i risultati del questionario TeatroDante Carlo Monni

5 febbraio 2014

“Il Teatro Dante – dice il Sindaco Emiliano Fossi – è l’istituzione culturale più importante di Campi Bisenzio. Andante è iniziato e proseguirà come movimento spontaneo, armonico e vivace di persone unite dall’intento di far diventare il nostro teatro un luogo sempre più vissuto dai campigiani ed un punto di riferimento centrale nella vita culturale dell’area fiorentina. Questo percorso prevedeva anche la possibilità che il Dante potesse cambiare nome e diventare “teatrodante Carlo Monni”. Carlo è stato un vero artista, un gioiello di famiglia, della famiglia allargata dei campigiani. Vogliamo che partecipino alla nuova impostazione culturale del Teatro tutte le persone che hanno a cuore il Dante. Con le loro idee e le loro proposte vogliamo far diventare il Dante un teatro di comunità”
Dopo la conferenza stampa di lancio della proposta prosegue il percorso di Movimento AnDante: “Ci sono state e ci saranno – conclude Fossi – varie occasioni per dar modo ai campigiani di esprimersi sul futuro del teatro. Una di queste è stata un questionario a cui hanno partecipato quasi 300 persone. Il questionario ha offerto diversi spunti di riflessione ed anche importanti idee per capire in quale direzione dovrà muoversi in futuro la cultura campigiana. Nelle prossime settimane verrà presentato il nuovo direttore artistico del Teatro mentre per il mese di Marzo è prevista l’intitolazione a Carlo Monni del teatro”.
I risultati del questionario sono consultabili sul sito internet del Comune di Campi Bisenzio a questa pagina.

Satoshi Dobara: Rocca Strozzi e non solo

11 Mag 2013

E’ stata inaugurata martedì 7 maggio la personale di Satoshi Dobara nella Sala del Biliardo a Villa Rucellai. L’artista ha raccolto in questa mostra opere ad acquerello e ad olio con un unico soggetto: la Rocca Strozzi, uno dei simboli della città. L’opera di Satoshi Dobara, in apparenza semplice, in realtà intreccia l’arte rinascimentale alla tradizione giapponese. Ha realizzato di recente il quadro, esposto nella rassegna, che è servito alla realizzazione dell’attestato di cittadinanza italiana simbolica per le bambine e i bambini stranieri, nati in Italia che sono stati consegnati domenica 7 aprile 2013 presso il Parco di Villa Montalvo. L’esposizione è visitabile fino a venerdì 24 maggio 2013, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30, martedì e giovedì dalle ore 9 alle 13.30 e dalle ore 15.30 alle 18.00. Con ingresso gratuito.

Daniela Papucci e la sua personale nella Cappellina della Villa Montalvo dal 12 al 25 maggio 2013

10 Mag 2013

Daniela Papucci in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Campi Bisenzio presenta la sua mostra personale che si svolgerà dal 12 maggio al 25 maggio presso la Cappellina di Villa Montalvo, in via Limite a Campi Bisenzio. L’inaugurazione si terrà domenica 12 maggio alle ore 17.00. La mostra seguirà i seguenti orari di apertura: 16.30/19.00 dal lunedì al sabato. Daniela Paucci è un’artista campigiana, ormai affermata su tutto il territorio campigiano e toscano ed offre opere di alto contenuto, una mostra da non perdere.

Anna Maria Guarnieri espone ai Gigli per il decimo anno consecutivo, dal 30 luglio al 13 agosto in Corte dell’Oste

29 luglio 2011

Nuovo appuntamento con l’arte al centro commerciale I Gigli con “Le Isole del tempo” di Anna Maria Guarnieri: dal 30 luglio al 13 agosto in Corte dell’Oste.
Per il decimo anno consecutivo le opere dell’artista sestese Anna Amria Guarnieri saranno esposte al centro commerciale I GIGLI che, fino a dicembre 2011, proporrà in Corte dell’Oste, “Le Isole del tempo”.
Sarà un tuffo nel tempo, come navigare nelle ere e a tutte le latitudini, come vivere al tempo dei faraoni o dei maya, da Babilonia a Nazca in Perù. Anna Maria Guarnieri si propone come “archeologa” trasportando il visitatore in altri mondi per apprezzare altre civiltà ed altre ere. Guarnieri racconta un mondo regolato dai grandi simboli dell’Universo: “Siamo quello che le precedenti civiltà e i nostri avi ci hanno trasmesso – sostiene l’artista – siamo toscani discendenti degli Etruschi, ma anche discendenti dei greci, dei vichinghi, dei persiani, degli egizi e di chissà quante altre civiltà”.

Le opere di Annamaria Maremmi in mostra presso la sede di Metropoli a Campi

14 aprile 2010

Segnalo con piacere, che da ieri, presso la sede del Settimanale Metropoli in via Buozzi a Campi Bisenzio, saranno esposte, fino alla fine del mese, alcune delle più significative opere di Annamaria Maremmi.
Socia della Associazione Operarte di Campi, e campigiana, ma romana di nascita, impara l’amore e la passione per l’arte nella sua famiglia, si trasferisce a Firenze negli anni ’70, dove inizia la sua attività artistica con varie collettive e personali, ottenendo numerosi riconoscimenti. Negli anni fra il1971 ed il 1975 espone in personali presso la Galleria S.Jacopo di Firenze e la Ghibellina. Trasferitasi a Campi Bisenzio, attraversa varie fasi ed esperienze, che negli ultimi anni, la portano a presentarsi in molte manifestazioni, nell’ampio ambito del mondo artistico toscano;  4 personali tra il 2007 ed il 2008,  curate dal sig. Franco Bertini a Prato. Una mostra a scopo benefico presso la Pubblica Assistenza di Campi, organizzata dalla sig.ra Nadia Conti, allora Presidente.  A Montecatini, personale presso La Casa del Pittore, nonché collettive  a Livorno, Lastra a Signa e Sesto Fiorentino. Entrata a far parte dell’Associazione Culturale Operarte, partecipa a numerosi eventi  organizzati dal gruppo. Partecipa alla XXVI manifestazione del Premio Firenze in Palazzo Vecchio, ottenendo una mostra presso il Palazzo della Regione, nonchè un II°premio alla manifestazione organizzata a Pescia dalla provincia di Pistoia. Mostre con opere donate in beneficienza per la Pubblica assistenza, il progetto Polioplus del Rotary di Firenze, ed il progetto della Fondazione Fiorgen, per  il settore della ricerca scientifica. Nuova personale “INTERPRETI” in 26 Settembre presso la Galleria Studio54 di Pistoia. Ottobre 2009 , collettiva con l’associazione culturale Il Castello di Prato, allestita nel Cassero Medievale dal 10 ottobre 2009. Entrata a far parte dell’Antica Compagnia del Paiolo, partecipa alla collettiva di Ottobre 2009 presso la Casa di Dante a Firenze ed alla successiva nella Galleria via Larga , presso la Provincia, a marzo 2010. Dicembre 2009: selezionata per la tradizionale mostra di Natale presso il Grand Hotel Mediterraneo di Firenze,  premiata alla 19° edizione Concorso Nazionale di Pittura DLF di Prato,  inserita nella Agenda degli Artisti consegnata dalle autorità fiorentine in Regione, in occasione delle festività. Appena conclusasi, una Mostra Personale presso l’Hotel Mediterraneo di Firenze. Altre opere di Annamaria possono essere visionate anche sul suo spazio web su Gigarte.

“Addormentarsi” di Fabio Peruzzi vince come “tela del mese” su Pittura e Dintorni

31 ottobre 2009

02lHo appena ricevuto la notizia che l’amico Fabio Peruzzi, campigiano di nascita, pittore, disegnatore, incisore di formazione autodidatta e più volte nominato sul blog di Campi per le innumerevoli manifestazioni artistiche alle quali ha partecipato, nonchè autore della sezione “Detti Campigiani” tratti dal suo libro “Ghirighìo, migliacci e pattona”, ha nuovamente dimostrato la sua abilità nel vincere con la sua opera “Addormentarsi” il concorso “La Tela del Mese” sul sito PITTURA E DINTORNI.
In effetti non poteva mancare questo riconoscimento “per la meditata ispirazione, la precisione del segno e la leggerezza del colore, il senso di sospensione nel tempo, che portano l’autore ad una composizione finale venata di un sapore metafisico” (Federico Napoli)
“Di fronte alle opere di Fabio Peruzzi non si può che restare ammirati, trovarsi davanti a questi piccoli capolavori, lungamente studiati e realizzati con tecnica magistrale, ci fa ben sperare nella vitalità dell’Arte figurativa che Fabio Peruzzi intelligentemente riporta a quelle classiche clausole formali che hanno come prospettiva la loro valenza nel tempo. La mano del disegnatore traccia con sicurezza assoluta sfumature e tessiture bianco/nere di stupefacente realismo, si tratti di volti o di nature morte (che richiamano sottotraccia il simbolismo di Magritte) tenendo conto tra l’altro che qui manca l’ausilio del colore, mentre è presente l’assolutezza del punto di grafite sul foglio bianco, su cui l’Artista esercita il proprio magistero, accompagnato da una non comune sensibilità. E’ da questi elementi che discendono l’incanto, l’eleganza e le perfette gradazioni tonali che fanno delle opere di Fabio Peruzzi un godimento estetico perenne ed un punto fermo nel panorama artistico fiorentino” (Roberto Pietropaoli)

Riporto brevemente le Esposizioni più importanti alle quali ha partecipato:
Nel 2005 Personale presso la Mostra Permanente A.N.R.A.C. Firenze e 1° Premio al XXVIII Premio “Giuseppe Pescetti” Sesto Fiorentinio (FI).
Nel 2006 Personale al Caffè Petrarca Firenze, Personale al Palazzo Pretorio Sesto Fiorentino (FI) e FIORINO D’ARGENTO alla XXIV edizione del “PREMIO FIRENZE
Nel 2007 Personale presso la Mostra Permanente A.N.R.A.C. Firenze, Personale alla Galleria del Candelaio sede della rivista ECO D’ARTE MODERNA Firenze, Personale alla Limonaia di Villa Vogel Firenze e FIORINO D’ARGENTO alla XXV edizione del “PREMIO FIRENZE”
Nel 2008 Personale presso lo Spazio ART-ART Impruneta Firenze, Collettiva del Gruppo “OLTRE LE IMMAGINI” Villa Vogel Firenze e ECO D’ARTE MODERNA presenta Collettiva “Segni del Tempo” Città di Noale (VE)
Nel 2009 1° Classificato Concorso BIG GAME sul sito Gigarte Marzo 2009
Sempre nel 2009 Casa del Pittore dello Scultore e del Poeta Collettiva del Gruppo “Oltre le Immagini” Montecatini Terme Aprile 2009
Ancora nel 2009 1° Classificato al concorso sul sito Artantis Maggio 2009.

Potete ammirare tutte le sue opere sul sito Pittura e dintorni o sul suo sito web, le mie congratulazioni a Fabio Peruzzi per questa nuova conferma della sua abilità e dell’alto contenuto artistico delle sue composizioni.
Alla mia domanda di parlare di questa opera, egli preferisce rispondere  con un ringraziamento sincero a tutti gli amici che gli hanno dato la preferenza.. “cercare con le parole di spiegare quel nudo è per me molto difficile c’è il rischio di cadere nella retorica, preferisco che chi vede Addormentarsi, trovi egli stesso quel Qualcosa che l’ha portato ad essere il più votato“. Quindi ammiratelo e continuate a seguire la carriera artistica di questo campigiano che molto sta dando alla nostra città… Continua così Fabio ..!

La “Crocifissione” di Saverio Manetti esposta in Vaticano

28 ottobre 2009

A distanza di alcune settimane trovo forse l’occasione o la forza per parlare di una persona che ha contribuito in tanti modi alla comunità, ed anche verso il sottoscritto in termini di amicizia.
Lo faccio perché vorrei che le tante persone che lo conoscevano, condividessero con me la sua memoria e la rinnovassero in occasione di questo evento. Mi riferisco ad una  esposizione al Tredicesimo Congresso Internazionale dell’ Istituto Internazionale di ricerca sul volto di Cristo che si è tenuta in Vaticano, presso la Pontificia Università Urbaniana, nei giorni del 10 e 11 ottobre 2009, che ha visto la partecipazione di un’opera del campigiano,  artista, ma prima di tutto amico, Saverio Manetti, dal titolo “Crocifissione”.
Sapevo di questa sua passione artistica, che gli aveva dato tante soddisfazioni ed avevo già avuto modo di rimanere affascinato dalle sue tele e disegni; ed oggi nel vedere il quadro che hanno selezionato per l’esposizione rimango senza parole .. una crocifissione; un taglio molto inconsueto, a dire il vero… mancano le mani, ed il cuore del quadro è la sofferenza… o forse quel mistico taglio di luce e di speranza che illumina le donne rimaste ai piedi della croce, chissà… come mi dice sua figlia “Mio babbo sosteneva che quel quadro non fosse finito. Un amico sostiene invece che con le sofferenze della malattia, stavolta, l’ha finita davvero questa crocifissione.”
E si, Saverio, è finita, ma ritengo che il nostro più grande valore che è la memoria non debba finire soprattutto nei tuoi confronti.
Penso che non ci sia più niente da dire se non quello di rendere ancora un’omaggio a questo uomo che anche dopo la sua scomparsa riesce a risvegliare in noi sorprendenti sensazioni nascoste.
Voglio condividere con voi questa tela, in ricordo di un’artista prematuramente scomparso, che con orgoglio aggiungo.. “era un campigiano”.
L’amico Fabio.

La Crocifissione - Saverio Manetti

“Tra civiltà ed evanescenze” Anna Maria Guarnieri e Aurora Manfredi al Palagio di Parte Guelfa di Firenze

27 Mag 2009

annaurora300“Tra civiltà ed evanescenze” è la doppia personale d’arte, delle artiste Anna Maria Guarnieri e Aurora Manfredi. L’evento, realizzata con il patrocinio del Comune di Firenze e curata da Roberto Cellini, presidente e direttore artistico del “Centro d’arte Modigliani”, si inaugurerà alle ore 18,00 di giovedì 28 maggio 2009 presso il restaurato salone Brunelleschi del Palagio di Parte Guelfa di Firenze.
Come hanno già avuto modo di prevedere alcuni personaggi del mondo dell’arte toscano, l’evento “Tra civiltà ed evanescenze” sarà una mostra da ricordare e da non perdere. Anna Maria Guarnieri e Aurora Manfredi sono due artiste tecnicamente diverse, ma proprio perché differenti, complementari e sicuramente interessanti da vedere e comprendere. Le opere di Anna Maria denotano una solida formazione artistica ed una rigorosa ricerca delle forme e dei particolari che riecheggiano nelle civiltà del passato, per trasmettere un messaggio di speranza e solidarietà nel vissuto presente. Aurora dipinge da oltre venti anni e nelle sue opere ha raggiunto il limite dell’orizzonte paesaggistico: un passo più in là e saremmo in piena astrazione. Per la Manfredi la materia è troppo tangibile e allora occorre filtrarla, eseguire un processo di rarefazione infinitesimale, in modo da spiritualizzare la stessa in un’evanescenza onirica tutta personale. Con la Guarnieri le civiltà del passato si spalancano e con esse i nostri occhi. Sono tante le stanze del passato che Anna Maria con questa mostra ci fa visitare e rivivere, ma è l’animo dell’artista a condurci nel labirinto dei secoli e l’opera appare sempre più pretesto per dar forma al dettato interiore della Guarnieri, per proporre al visitatore un percorso di vita nel presente, che tenendo a fondamento le conquiste e le esperienze di ogni altra civiltà, pare proporre la strada maestra a ciascuno di noi. Due artiste dunque tecnicamente diverse, ma per taluni versi spiritualmente uguali. La Manfredi infatti opera per un meraviglioso lenimento dei problemi umani, cercando di distaccare dal “terreno” lo spettatore ed elevarlo con leggerezza all’altezza dell’anima, per condurlo a vedere con gli occhi dell’anima, la vita, gli altri, le cose e il mondo. Insomma, per dirla con le parole del critico d’arte Sandra Lucarelli “Non ci sorprende la terra, perché ci ha già rivelato ogni materia. La creta del mito erige le città e la leggenda fa da fondamenta. Dal libro aperto della storia passano i respiri delle epoche e le voci dei tempi lontani. Noi siamo come gli argonauti, alla ricerca del vello d’oro” e Anna Maria Guarnieri e Aurora Manfredi sono le due argonaute del terzo millennio, che accompagnando lo spettatore, per strade diverse, passano tra “Civiltà ed evanescenze”, ma indicano entrambe l’inarrivabile e misterioso vello d’oro: il senso della vita. In mostra circa 70 opere. Per l’occasione Anna Maria Guarnieri presenterà anche l’opera “Omaggio al 40° anniversario del gemellaggio tra Kyoto e Firenze”, dedicata appunto a tale gemellaggio e all’Assessore alla cultura Eugenio Giani ivi ritratto e inserito con un’insolita veste. Per allietare e rendere ancora più attraente l’evento, durante l’inaugurazione verranno recitati alcuni versi da i poeti: Diego Mereu, Simonetta Lazzerini Di Florio, Rosanna Boddi Bronzi e Fiorenza Alderighi. Per terminare non mancherà la musica interpretata da Marcello Allegrini.
Inaugurazione: ore 18,00 di giovedì 28 maggio 2009
Interverranno: le artiste Anna Maria Guarnieri e Aurora Manfredi, l’assessore alla Cultura Eugenio Giani, il curatore della mostra Roberto Cellini, i critici d’arte Alberto Gavazzeni e Sandra Lucarelli, il presidente Regionale ANLA Dott. Vincenzo D’Angelo
Presenterà: Dott. Fabrizio Borghini – Giornalista
Periodo mostra: dal 28 maggio al 3 giugno 2009
Luogo: Palagio di Parte Guelfa – P.za di Parte Guelfa, 1 (via Pellicceria) – Firenze
Mappa luogo espositivo
Orari visita mostra: 9,30 – 12,30 e 15,00 e 18,30
L’inaugurazione sarà registrata dall’emittente Toscana TV e trasmessa nella rubrica “Incontri con l’Arte”

Fabio Peruzzi vince il BIG-GAME con “Monica”

26 marzo 2009

Un paio di mesi fà, Fabio Peruzzi, in finale con il ritratto di Clint Eastwood non riusciva a superare la finale, ma non si è dato per vinto ed ha riprovato con un bellissimo ritratto di Monica Bellucci, vincendo addirittura la finale sul sito GigArte. La ritengo una grande vittoria questa, di un abilissimo artista campigiano, che sa sempre rimettersi in gioco e lo fa con professionalità degna di una persona che pone l’arte ad un giusto livello.  Quando ho redatto l’articolo, alcuni giorni fà, ero quasi sicuro della sua vittoria, vedendo un ritratto così pieno di fascino, come lo è il soggetto del ritratto. Sono felicissimo di questa vittoria e mi congratulo con Fabio, fatelo anche voi … Vai così Fabio !!

monica

Fabio Peruzzi riparte con “Monica”

12 marzo 2009

monicaRiparte il 2° Round del concorso del BIG GAME e con Fabio Peruzzi, sono qui a invitare un pò di amici ed Artisti a votare il ritratto di “Monica” sul sito di Gigarte……se vi piace…naturalmente.
La data di inizio del concorso è venerdì 13/03 2009 fino a domenica 15/03/2009.
Come ho già espresso più volte, la mia opinione è quella di dare un’aiuto a Fabio, in quanto rappresenta l’arte campigiana in una delle sue forme più belle. Un grande Grazie da parte di Fabio (che non è il sottoscritto, ve lo ricordo..) a tutti coloro che vorranno dargli la loro preferenza.
Rammento che basta una semplice registrazione, per votare a questo indirizzo: www.gigarte.com
E come dice Fabio, anche questo è un modo come un’altro “per tenerci in contatto” .. giustissimo .. in bocca al lupo Fabio, noi siamo con te !