Posts Tagged ‘alta’

Storie Piccine Picciò: a Villa Montalvo con le Mamme Amiche di Campi Bisenzio

9 aprile 2014

Storie piccine piccine picciò, per bambine e bambini da 2 a 3 anni è la nuova iniziativa delle Mamme Amiche di Campi Bisenzio che si terrà il prossimo sabato 12 aprile 2014 alle ore 10.30 alla Biblioteca di Villa Montalvo a Campi Bisenzio.

La tenera storia di Orsobì, un orsetto bianco che non ha ancora mai visto la neve! “È bianca la neve?” domanda Orsobì, “Bianchissima, sì!” rispondono gli amici. “Un po’ come te!” “Vorrei proprio tanto vedere com’è!”
La Mucca Moka ha colto nel bosco cinque belle fragole, Moka vuole mangiarle tutte…
Quella notte è una notte molto speciale, ma Orsetto non lo sa: per lui, infatti, tutte le notti sono speciali, ma hanno un piccolo… difetto: sono buie! Ma quella notte vede una stellina e pensa che…
Narrazioni ad alta voce di storie a cura di Barbara Confortini
L’appuntamento è nello Spazio Bambini della biblioteca, alle ore 10,30. L’iniziativa, a ingresso libero, è rivolta alle bambine e ai bambini dai 2 ai 3 anni e ai loro genitori.
Informazioni: Via di Limite 15 – 50013 Campi Bisenzio (FI)Tel. 055 8959600 Fax 055 8959601 – Biblio.prestito@comune.campi-bisenzio.fi.it – biblio.promozione@comune.campi-bisenzio.fi.it
Mamme Amiche di Campi Bisenzio – CATIUSCIA 339 8490289 – GIADA 339 7943009 – ROSA 340 7262855 – info@mammeamichedicampi.net

Racconti d’inverno in biblioteca su Babbo Natale martedì 17 ore 17.00

13 dicembre 2013

Martedì 17 dicembre appuntamento nello Spazio Bambini della biblioteca di Villa Montalvo, alle ore 17.00, per il secondo incontro di letture ad alta voce e illustrazione estemporanea di storie e fiabe, del ciclo “Racconti d’inverno”, a cura di Barbara Confortini e Brunella Fontani. Verrà raccontata e illustrata la storia: Il piccolo Babbo Natale diventa grande. Nel villaggio tutti i Babbi Natale si sono riuniti e Piccolo Babbo Natale, amareggiato per essere stato escluso, chiede conforto agli animali del bosco; quando però si ripresenta alla riunione ha una piacevole sorpresa…
L’iniziativa, a ingresso libero, è rivolta alle bambine e ai bambini dai 4 agli 8 anni e ai loro genitori.
E Martedì 21 gennaio 2014 sarà la volta di Sei tu la primavera?
Ulla l’orsetta non vede l’ora di esplorare il mondo innevato fuori della tana, ma la mamma le dice che deve aspettare l’arrivo della primavera: Ulla allora se ne va in giro cercando di scoprire chi sia questa misteriosa primavera.
Durante il periodo natalizio la biblioteca resterà chiusa per le festività e nei giorni 24 e 31 dicembre 2013, il personale della biblioteca augura buone feste e felice anno nuovo.

La Biblioteca di Villa Montalvo consiglia, come di consuetudine, anche le seguenti letture per il periodo natalizio.
SPAZIO ACCOGLIENZA – Libiamo ne’ lieti calici : brindisi a tempo di musica e parole
L’idea di questa proposta bibliografica nasce con l’intento di mettere in luce un piccolo ma prezioso patrimonio della biblioteca: il materiale multimediale e librario di opere liriche, jazz, blues, soul, rock e molto altro; a ritmo di musica e parole è possibile lasciarsi così avvolgere da armoniose melodie, pagine incantate, sinfonie inedite e non solo; questo il punto di partenza che ci ha così portato a selezionare compact disc, film e libri che di musica parlano, che dalla musica si sono lasciati ispirare e plasmare, trasportandoci in un fantastico mondo di note. A tutti auguriamo buona lettura e buon ascolto!
SALOTTO LIBRARIO – Aspettando il Natale
Nel mese di dicembre proponiamo ai nostri utenti una selezione di libri con consigli e suggerimenti per un natale “creativo”: scoprite come realizzare decorazioni e addobbi fai-da-te, come preparare la tavola delle feste, o ancora divertitevi a realizzare biglietti d’auguri personalizzati e pacchetti originali. Buone feste a tutti!
SPAZIO BAMBINI E RAGAZZI – Non sono cosa tua
Il femminicidio è l’atto estremo, ma tante e tante e tante sono le violenze fisiche che sono state e continuano a venir perpetrate contro le donne. Le radici di questa sorta di misoginia sono lontane e affondano in quel patriarcato, sia religioso sia sociale, che ha emarginato le donne e le ha “interpretate” come oggetti di possesso. Come cose. Come strumenti. E non come individui. Per l’adolescenza e l’infanzia una proposta succinta di romanzi che parlano di percosse, molestie, stupri e che hanno come vittime predilette bambine, ragazze e donne, principalmente picchiate e insidiate proprio in famiglia.
Le proposte di lettura della biblioteca comprendono selezioni di pubblicazioni presenti in biblioteca e disponibili per il prestito e la consultazione. Le relative bibliografie sono consultabili nel sito web della biblioteca alla pagina “Cataloghi e proposte di lettura”.
Altre proposte di lettura relative ai libri per ragazzi sono disponibili nella sezione “Argomenti” del portale http://www.liberweb.it promosso dalla rivista LiBeR.
Ricordo anche lo SCAFFALE DEL LIBERO SCAMBIO – Bookcrossing in biblioteca
Uno spazio libero, per tutti, utenti e non, dove lasciare i libri che non si ha più voglia di avere in casa, che si sono letti, che si sono iniziati e che non si finiranno mai, che si sono amati e si vogliono condividere… Insomma un posto per dare un’altra vita a un libro che resterebbe altrimenti inutilizzato nella propria libreria di casa. Ecco cos’è lo scaffale del libero scambio collocato all’ingresso della biblioteca: una risorsa da cui attingere senza formalità.

Riecco le Storie piccine piccine picciò a Villa Montalvo, lette ad alta voce per i più piccini

28 giugno 2013

Un simpatico evento frutto di una collaborazione tra la Biblioteca di Villa Montalvo e l’Associazione Mamme Amiche di Campi Bisenzio, l’appuntamento di sabato 29 giugno alle ore 10.30 nello Spazio Bambini della biblioteca con le narrazioni ad alta voce di storie a cura di Barbara Confortini. L’iniziativa, a ingresso libero ed è rivolta alle bambine e ai bambini dai 2 ai 3 anni e ai loro genitori.
Le tre le storie che verranno presentate:
– Chi è lo Scacciabua? Quando un bambino gioca, corre, salta, cade e si fa la bua, chi arriva di corsa?
– La storia di un maialino che impara, grazie ai suoi amici, ad usare il vasino!
– “Mamma! Non voglio baci questa sera! Basta! Sono stufo di essere stretto, stritolato, strozzato, spupazzato, stra-baciato! Sono roba da piccoli! Non li voglio, non li voglio!
La biblioteca di Villa Montalvo si trova in Via di Limite 15 a Campi Bisenzio, Tel. 055 8959600 Fax 055 8959601

Inceneritore di Montale, è allarme diossine nei campioni prelevati dagli animali

19 marzo 2009

Riporto questa notizia, che ancora una volta pone seri dubbi sulla tanto decantata innocuità degli inceneritori. Nonostante l’Istituto Zooprofilattico Ambientale e la Asl tendano a minimizzare questi riscontri con le solite considerazioni di rito, i primi risultati delle indagini condotte dalle aziende sanitarie in seguito allo sforamento nelle emissioni di diossine dell’inceneritore di Montale nel 2007, hanno rivelato diossine e Pcb in concentrazioni ‘elevate’, in alcuni campioni prelevati da animali non destinati alla commercializzazione. Resta sempre quindi, questo “ragionevole dubbio” che dovrebbe imporre una “discreta dose di prudenza” nel voler per forza considerare questa come la migliore pratica di smaltimento dei rifiuti, specie se inserita in un contesto di alta concentrazione abitativa e soprattutto in un’area già seriamente compromessa dal punto di vista ambientale. A voi la lettura e le ovvie considerazioni ..

inceneritoremontalePistoia, 19 marzo 2009 – Diossine e Pcb (policlorobifenili) in concentrazioni ‘significativamente elevate’ sono state rilevate in alcuni campioni prelevati da animali “non destinati alla commercializzazione (indicatori biologici e non alimenti in senso stretto), cresciuti in ambiente libero e pertanto potenzialmente esposti a fonti ambientali e alimentari anche non conosciute”. Questo comunica l’Asl 3 di Pistoia a proposito dei primi risultati delle indagini condotte dalle aziende sanitarie in seguito allo sforamento nelle emissioni di diossine ’inceneritore di Montale nel 2007. Secondo l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale che ha effettuato le analisi sulle matrici biologiche “i livelli riscontrati sono da attribuire a più fonti ambientali, senza poter escludere l’inceneritore di Montale, che però, secondo l’Istituto, avrebbe contribuito in misura minoritaria alla determinazione dei livelli di inquinanti rilevati”. L’Asl informa che a fronte della valutazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale “è stata attivata un’analisi sistematica di tutte le potenziali fonti ambientali di Pcb e di Diossine attuali e pregresse nelle zone interessate, compresa una rivalutazione critica delle indagini analitiche ambientali già disponibili ed originariamente effettuate anche per finalità diverse”. Si faranno inoltre ricerche di Pcb e di diossine in varie matrici, in particolare in sedimenti di acque superficiali o freatiche, da cui potrebbero provenire gli inquinanti trovati negli animali. L’Asl ha anche comunicato i primi risultati delle indagini epidemiologiche sulla popolazione.
“L’andamento della mortalità nei comuni di Agliana, Montale e Montemurlo – comunica l’Asl 3 – esaminata con particolare attenzione alle cause ambiente correlate, non si discosta da quella riscontrata nelle altre province della regione Toscana se non per alcune patologie come il tumore allo stomaco nei maschi e il diabete nelle femmine, che mostrano valori più elevati”. L’Asl fa notare che la scarsa numerosità dei casi nel periodo osservato (dal 1971 al 2006) non consente di stabilire una possibile relazione tra esposizione ambientale e stato di salute. Si impone pertanto, secondo l’Asl, uno studio specifico su tutti i singoli casi (permanenza nel territorio, familiarità eccetera). L’Asl è impegnata “a valutare ogni nuovo caso di malattia tumorale per la quale sia ipotizzabile una possibile correlazione ambientale coinvolgendo in questo progetto anche i medici di famiglia della zona e l’ordine dei medici”. Le analisi dell’Asl proseguiranno “mirati non solo all’impianto di incenerimento ma anche e soprattutto su tutte le altre fonti inquinanti che emergono dalla relazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale”. Le valutazioni dell’Istituto e le indagini epidemiologiche sono state trasmesse al coordinatore del tavolo istituzionale sull’inceneritore l’assessore provinciale Giovanni Romiti.
Fonte La Nazione Pistoia di Giacomo Bini

Lo scaffale volante del Meyer.. l’esperienza di Tiziano

9 novembre 2008

Avevo già pubblicato un post inerente a questa iniziativa, che ad un primo approccio può sembrare di scarso valore. Tuttavia bisogna pensare che chi soffre e si trova chiuso in un’ospedale, specialmente se bambino, ha necessità di evadere, di avere un contatto con chi riesce a dare calore umano, solidarietà, amore ed un semplice sorriso. Non si può raccontare qualcosa senza averla vissuta veramente, perchè non si possono descrivere le sensazioni che si provano. E’ questo il motivo che mi induce a servirmi delle parole di Tiziano. Di seguito troverete quindi una parte del suo racconto ed il collegamento al suo blog, nel quale potrete leggere tutto il suo racconto. Spero che l’iniziativa di Tiziano vi crei l’interesse tale da voler intraprendere questa  stessa esperienza.. i bambini del Meyer vi ringrazieranno con i loro sorrisi..

Ieri sono andato al Meyer dove ho fatto per la prima volta il “tirocinante” per lo scaffale volante. Questo tirocinio è l’atto conclusivo del percorso che “spero” mi porterà a fare il volontario alla biblioteca del Meyer. E’ stato ritenuto opportuno dai responsabili della ludoteca e dal personale della Helios, prima di iniziare la nostra attività vera e propria, di farci prendere confidenza con la lettura a dei bambini che si trovano in quel particolare contesto e soprattutto di farci toccare con mano quelle che sono le situazione tipiche in cui ci imbatteremo una volta che la biblioteca avrà aperto i battenti.
Qualcuno si chiederà: cos’è lo scaffale volante? In pratica si tratta di un carrellino a tre ruote, gentilmente donato da una famiglia che credo abbia perso il proprio pargolo proprio al Meyer (ho letto di sfuggita una targhetta sul suddetto scaffale), fatto a mò di espositore mobile dove gli operatori della ludoteca inseriscono i libri che di volta in volta selezionano per i piccoli ospiti dell’ospedale. Una volta che il carrello è pronto parte “la spedizione“!
Lo scopo è quello di girovagare per i corridoi del Meyer alla ricerca di bambini che … leggi tutto l’articolo