Posts Tagged ‘alessandro’

Nuovo Direttore Artistico per il Teatro Dante; Andrea Savelli accetta la richiesta del sindaco Fossi

20 gennaio 2014

Andrea Savelli (42 anni) è l’attore, scrittore fiorentino e regista, che eredita la direzione artistica del Teatro Dante lasciata da Alessandro Benvenuti. Ancor prima della sua presentazione ufficiale, l’artista con molti spettacoli teatrali, ma anche alcuni film come El Alamein e Radio West, nonchè fiction televisive come Don Matteo è già al lavoro avendo già conosciuto da qualche mese le realtà della Piana ed il tessuto culturale, che lo hanno portato a mettere a punto una serie di idee per portare il Teatro Dante – Carlo Monni ad avere un importanza regionale, con l’obiettivo “No ai vecchi schemi, si alle contaminazioni”. La nomina è stata fortemente voluta dal sindaco Fossi, che già da alcuni mesi ha preso contatto con l’artista, attendendo la risposta che è pervenuta solo negli ultimi giorni. Nelle idee del nuovo direttore artistico, spicca quella di ripartire dai giovani, andando nelle scuole ed organizzando laboratori; un cambiamento forte che il sindaco Fossi sintetizza in “una ventata di aria fresca”.

“AnDante”: si apre una nuova stagione per il Teatro Dante ..

19 luglio 2013

A luglio, a pochi giorni dalla riapertura dalla stagione 2013-2014, si è chiuso, di fatto, un grande capitolo del Teatro Dante iniziato nel febbraio 2007. 7 anni importantissimi e pieni di scommesse, vinte e di grandi presenze sia di pubblico che di artisti, si legge sul sito del comune.
“Per questo percorso positivo e stimolante un ringraziamento particolare va ad Alessandro Benvenuti”, dice il Sindaco Emiliano Fossi, “per la sua professionalità, esperienza e valore umano che in questi anni abbiamo potuto conoscere e apprezzare”.
Ma a Campi Bisenzio, con la nuova Amministrazione da poco insediata, parte una vera e propria “nuova stagione” al Dante, insiste ancora il comunicato, c’è un’idea di fondo che è trasversale a tutto l’impegno della nuova Giunta e questa idea la ritroviamo anche nel nuovo percorso che si riattiva con il Teatro Dante. E’ l’idea di comunità e partecipazione e quindi nello specifico del Dante di un teatro di comunità, un teatro dei cittadini. Un luogo e un bene comune. Un luogo “d’uso” e non separato dal resto della città.
Per questo dice sempre il Sindaco “ci immaginiamo un percorso partecipato dai cittadini a cui nei prossimi mesi chiederemo di darci idee, progetti e proposte per l’utilizzo del teatro e per i contenuti che dovrà avere”.
Questo percorso prende il nome simbolico di “AnDante”.
AnDante parte da subito come cantiere di partecipazione attraverso una richiesta che la Giunta farà a tutti i cittadini (tramite il sito istituzionale e i social) mentre, contemporaneamente, la Direzione Organizzativa e il suo Presidente proporranno la stagione 2013-14. Ma per quella 2014-15 tutto si modificherà grazie al contributo di tutti e ci sarà anche il nuovo direttore artistico. Per aprire una nuova fase era necessario chiudere la precedente, ma dice Fossi “ribadendo però l’affetto umano e la stima professionale per Alessandro Benvenuti riconosciuta da me e da tutta la comunità campigiana”.
Chi sarà il nuovo Direttore Artistico ??

Alleanza Cittadina per Campi: la serata conclusiva della campagna elettorale

24 maggio 2013

Stasera Venerdì 24 Maggio alle ore 19:00 Alessandro Tesi assieme ai candidati al consiglio comunale con la lista Alleanza Cittadina per Campi ha accolto amici e simpatizzanti presso il Bar Ballerini per un’ apericena di conclusione della campagna elettorale.
“L’incontro – dice Tesi – è stato l’occasione per ringraziare tutti coloro che tanto ci hanno aiutato in questa difficile ma emozionante avventura. Non abbiamo fatto promesse irrealizzabili – ha detto Tesi durante il suo discorso di chiusura – ma preso alcuni impegni precisi e scritto un programma concreto e attuabile, che nessuno degli altri candidati ha criticato nei contenuti. Abbiamo basato questa campagna elettorale sull’onestà e la trasparenza. Spero che i cittadini abbiano apprezzato il nostro comportamento e che vorranno darci la possibilità di proseguire nel nostro impegno per Campi. Sono stati molti i riscontri positivi e gli incoraggiamenti che abbiamo avuto in queste settimane – conclude Tesi – adesso la parola passa agli elettori.”
Grande soddisfazione è stata espressa per il numero dei partecipanti.

Tesi Vs Gandola: Cosa non dovrebbe essere fatto in campagna elettorale

22 maggio 2013

«Ci vuole del bel coraggio a chiedere “pubbliche scuse” per aver detto solo cose vere”. Commenta Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza cittadina per Campi alla richiesta di Gandola (Pdl) pubblicata su Piana Notizie lo scorso 20 maggio».
«Perché – continua Tesi – mi dovrei scusare, per aver pubblicamente ribadito ciò che era evidente? Io ho soltanto commentato la clamorosa smentita di Biancalani, Provveditore della Confraternita della Misericordia: “Paolo Gandola si è proposto da solo e non è stato invitato da chi ha organizzato la manifestazione” (articolo del 2 maggio scorso) in risposta all’auto celebrazione di Gandola (pubblicata il 29 aprile): “Ringrazio di cuore gli organizzatori e i volontari che mi hanno voluto tra loro nell’ambito della premiazione della gara. Sono stato decisamente onorato dell’invito”. Forse a Como usa così… ma il risultato è lo stesso: un ennesimo episodio di  cattivo gusto. Gandola non avrebbe dovuto sfruttare una manifestazione sportiva indirettamente legata alla Misericordia, un’associazione apolitica che ha sempre mantenuto equidistanza da partiti e movimenti politici».
«Paolo Gandola  – continua Tesi – non ha avuto alcun ritegno in questa campagna elettorale, i campigiani lo hanno visto a distribuire volantini anche durante la festa dei Santi Patroni di Capalle e mentre si svolgeva la disfida di San Donnino».
«Se poi vogliamo entrare nel merito delle idee per Campi – sottolinea Tesi – basta leggere il suo programma per capire che non conosce neanche la differenza tra le competenze comunali e quelle di Stato, Provincia e Regione. La sua frase più celebre, detta durante l’incontro pubblico a San Donnino del 16 maggio scorso, è stata: “Dopo aver visitato tutta la Toscana, mi sono innamorato di Campi”. Ecco, ci spiegasse perché nel 2008 chiese di essere candidato a Campi Bisenzio, dove io non lo avevo mai visto prima. Parafrasando un detto popolare: “sindaci e buoi dei paesi tuoi”, non abbiamo bisogno di quelli d’importazione».

Quando la partecipazione non è solo uno slogan. Niente confronti in campo neutro con gli altri candidati, questo è il modo di operare di Fossi

7 maggio 2013

Niente confronti in campo neutro con gli altri candidati, questo è il modo di operare di Emiliano Fossi. Dura reazione di Alleanza Cittadina per Campi al rifiuto di confronto di Emiliano Fossi.
Noi pensiamo invece che il confronto sia indispensabile. Facciamo quindi un appello innanzitutto alle associazioni di categoria ed ai sindacati, affinché si uniscano alla nostra richiesta di un confronto pubblico tra tutti i candidati alla carica di sindaco.
Solo così facendo, forniremo l’occasione ai cittadini di formarsi un’idea più precisa sui candidati e sui loro programmi. “Fossi parla di partecipazione e di campagna elettorale fra la gente ma nei fatti si permette di definire un “incontro da salotto” quello organizzato da un organo di informazione. – afferma Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza cittadina per Campi – Forse perché teme che le sue idee, messe “nero su bianco”, perdano di consistenza. Parliamo di concretezza al governo perché abbiamo deciso di fare una campagna elettorale non basata sui sogni. Per questo non temiamo il confronto pubblico, né con i cittadini, né con gli altri candidati. Noi non siamo maghi delle promesse ad personam, come Fossi”.

Scuola Matteucci: per Tesi “il candidato sindaco Fossi prende le distanze da se stesso; è una situazione ridicola”, per adesso è solo caos

6 maggio 2013

Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza Cittadina per Campi, interviene sulla questione della scuola media Matteucci, a seguito delle dichiarazioni rilasciate l’altro ieri dall’assessore all’istruzione Emiliano Fossi.
«La posizione di Fossi sulla scuola media Matteucci è a dir poco assurda – dichiara Alessandro Tesi, candidato Sindaco di Alleanza Cittadina per Campi. Mi domando se negli ultimi tre anni abbia svolto il ruolo di assessore o quello di passa carte. Assieme a tutta la giunta Chini, della quale Fossi fa ancora parte, ha sempre sostenuto che, per motivi di sicurezza, fosse necessario rifare l’intero tetto della scuola: oggi il problema sicurezza è scomparso? Oppure siamo in campagna elettorale?».
«Questo non è un argomento di secondo piano, un particolare sul quale si può chiudere un occhio, perché c’è di mezzo l’istruzione e la sicurezza di centinaia di ragazzi. Se Fossi aveva un’idea diversa, perché ha taciuto? Al suo posto – prosegue Tesi – piuttosto che stare a scaldare la seggiola, io avrei messo nero su bianco la mia posizione e se non si fosse giunti ad una soluzione, mi sarei fatto da parte. Insomma, avrebbe potuto fare un gesto politicamente forte e rassegnare le dimissioni. Invece Fossi ha preferito guardare altrove – conclude Tesi – e adesso prende pure le distanze dal suo stesso operato; è una cosa ridicola. Peraltro propone un progetto che è ampiamente in contrasto con quanto fino ad oggi prodotto dai tecnici incaricati dal Comune e pagati con soldi pubblici. Dove era quando venivano commissionati quegli studi?»

Rifondazione Campi Bisenzio: le dichiarazioni del candidato sindaco della lista “Alleanza cittadina” Tesi sono vergognose

23 aprile 2013

Con un comunicato stampa, Rifondazione Comunista di Campi Bisenzio rispondono a Tesi.

Le dichiarazioni del candidato sindaco della lista “Alleanza cittadina” Tesi sono vergognose.
Ricalcano quelle fatte  fino ad oggi dall’assessore Mengozzi riproponendo le stesse parole d’ordine.
È la triste riprova che le differenze e programmatiche del PD e della destra sono sempre meno.
Tesi per una manciata di voti in più specula sulla sofferenza e sulla disperazione della gente che da anni aspetta un alloggio popolare, cercando di innescare una inutile guerra fra poveri.
Nuova edilizia residenziale pubblica è indispensabile, come indispensabile è arrivare alla requisizione degli alloggi sfitti da parte della amministrazione comunale.
La vera battaglia da fare è contro i grandi gruppi immobiliari e le banche che con i loro giochini  finanziari tengono alle stelle i prezzi delle abitazioni.
Si dice inoltre che per costruire nuova ERP siano indispensabili fondi.
Come mai però  quando il comune poteva dare l’avvio alla costruzione di nuove case popolari come a San Piero Ponti, tutto il consiglio comunale ha votato contro,  salvo il gruppo consigliare di rifondazione?
Come GRUPPO CASA di Campi Bisenzio e come Circolo Prc mercoledi 1 maggio saremo in corteo per le vie di Campi proprio  per difendere ogni posto di lavoro, reclamare salari dignitosi e lottare perchè nessuno finisca in mezzo a una strada.
Chiediamo una moratoria immediata degli sfratti, congelamento dei mutui, costruzione di nuove case popolari e riqualificazione di quelle esistenti, equocanone per gli affitti, calmierazione delle bollette e spese per la casa, requisizione degli appartamenti lasciati sfitti dalla speculazione edilizia per mettere fine immediatamente all’emergenza sfratti.
Il segretario del Circolo Rifondazione Comunista Campi Bisenzio
Il candidato sindaco di Rifondazione Comunista Michele Di Paola

Stop all’antitesi Centro commerciale – negozi di vicinato. Quando il buon senso prevale sulla bieca cecità

19 aprile 2013

Stop all’antitesi Centro commerciale – negozi di vicinato. Quando il buon senso prevale sulla bieca cecità.
L’ampliamento del parcheggio dei Gigli porterà al comune un introito di 400.000 Euro, che noi vogliamo destinare ad incentivi per i negozi di vicinato.
“L’ampliamento del parcheggio dei Gigli – precisa Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza cittadina per Campi – , per il quale abbiamo votato a favore durante l’ultimo consiglio comunale, è funzionale e porterà un introito per l’Amministrazione comunale di 400.000 Euro. Per 10 anni il Centro Commerciale provvederà inoltre alla manutenzione delle aree circostanti a verde pubblico, che ad oggi sono a carico del Comune. Una scelta, la nostra, dettata dal buon senso. È inutile – continua Tesi – chiudere gli occhi di fronte alla realtà: Centro Commerciale e negozi di vicinato sono due attività diverse: non ampliare il parcheggio dei Gigli non porterà più acquirenti in via Santo Stefano (solo per citare una delle vie del centro storico). Il parcheggio servirà a risolvere i problemi di code ed ingorghi – soprattutto nei fine settimana e durante le festività – nella zona dei Gigli.
Con i 400.000 Euro che il Comune incasserà dai Gigli sarà possibile aiutare i piccoli negozi attraverso sgravi sull’imposta di pubblicità (come le insegne), attività di promozione e altre forme di incentivi, nonché finanziare i lavori di riqualificazione di piazza Gramsci, con la creazione di nuovi parcheggi. Questo è quanto faremo se saremo eletti.
Per far rivivere il centro storico di Campi Bisenzio serve prima di tutto la riapertura al traffico, ipotesi che da cinque anni, noi di Alleanza cittadina per Campi, riportiamo ciclicamente in discussione in Consiglio Comunale e che altrettanto ciclicamente viene bocciata dalla maggioranza.
L’ultima volta che abbiamo fatto questa proposta è stato dopo le primarie del Pd. Nessuno dei consiglieri che sostengono Emiliano Fossi (canditato sindaco del Pd) si è dichiarato favorevole. Eppure Fossi, nella sua campagna elettorale continua a promettere che lo farà. Ci chiediamo con il sostegno di chi”.

Alleanza per Campi avverte: Attenzione alle false promesse sulle Case Popolari

17 aprile 2013

A Campi abbiamo 600 abitazioni, non ne servono altre – afferma Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza Cittadina per Campi -. È necessario invece ridistribuirle secondo un criterio di merito. Basta ai “furbetti” che da decenni, senza averne più diritto, continuano a sfruttare un’abitazione che di affitto gli può costare, anche solo 13 euro al mese. Chi promette case popolari a tutti lo fa sapendo di mentire per almeno due motivi: il primo è di carattere economico, per costruirne nuove servono i finanziamenti, e molti. Il secondo aspetto è di carattere normativo: le case non vengono date su promesse personali, ma seguendo criteri stabiliti per legge. Chi promette case popolari ad personam lo fa sapendo di mentire.
Per risolvere il problema degli alloggi Erp (ex case popolari) bisogna agire alla base, liberando gli alloggi indebitamente occupati. Sono tanti e per ora non è stato fatto molto per rendere giustizia a chi veramente ha bisogno. Serve un’azione di forza ben organizzata per riportare il giusto equilibrio, “far sloggiare” i furbetti e dare un alloggio dignitoso a chi ne ha veramente diritto.
Per fare questo prima di tutto è necessario cambiare la Legge Regionale 96/1996 che non permette una equa ridistribuzione degli alloggi. Chi è stato al governo fino ad oggi (PD regionale di Enrico Rossi) non ha fatto niente per risolvere alla base il problema delle case popolari.

Pericolosità Incrocio via Veneto – via Paolieri. Question time portata in Consiglio Comunale da Alleanza Cittadina per Campi Bisenzio

15 aprile 2013

“Attraversare la strada in sicurezza – racconta un residente della zona – è impossibile. Se lo facciamo, è a nostro pericolo”. La scorsa settimana il problema della pericolosità dell’incrocio tra via Veneto e via Paolieri è stato portato in Consiglio Comunale da Alessandro Tesi, candidato sindaco di Alleanza Cittadina per Campi Bisenzio. “I cittadini – precisa Tesi – avevano presentato in comune già un mese fa una raccolta firme per sollecitare la soluzione del problema, ma sono rimasti inascoltati. Per questo ho deciso assieme a Daniele Baratti, candidato al consiglio comunale con la lista Alleanza Cittadina, di portare in aula il problema. A mio avviso la messa in sicurezza dell’incrocio potrebbe essere fatta con un intervento di poche migliaia di euro e in tempi non lunghi”.
“Ho ricevuto la segnalazione della pericolosità dell’incrocio – spiega Baratti – da parte di alcuni residenti della zona. Nonostante sia presente un semaforo a chiamata (vicino al distributore di benzina Q8) lungo viale Paolieri l’accesso pedonale non è sicuro da nessuno dei lati (sia che si provenga dalla Pubblica Assistenza, sia che si provenga da Via Veneto). Le auto in questa strada passano ad elevata velocità, il limite, spesso non rispettato, è di 70Km/h. Nei mesi scorsi i cittadini della zona hanno raccolto un buon numero di firme che hanno poi presentato in Comune il 12 Marzo. A distanza di un mese, visto che il Comune ancora non si è fatto sentire con i residenti, il nostro gruppo consiliare e nello specifico Alessandro Tesi ha presentato una question time per sapere se questa amministrazione era a conoscenza della raccolta firme e con quale tempistica intendeva intervenire. L’assessore Betti ci ha risposto che era a conoscenza del problema e prossimamente questa amministrazione avrebbe valutato l’intervento. Personalmente – dice Baratti – è una risposta non soddisfacente visto che è un problema ormai presente da parecchi anni e non si può rimandare ulteriormente l’intervento. I cittadini chiedono solamente un accesso sicuro per raggiungere il semaforo consistente in una piccola passerella pedonale che con poche migliaia di euro si potrebbe realizzare. Insieme al nostro candidato sindaco Alessandro Tesi – prosegue Baratti – vigileremo affinché l’amministrazione, in queste settimane di fine mandato, si prenda carico di questo problema visto che in quella zona risiedono molte famiglie con bambini piccoli che si trovano costretti a percorrere quel tratto di strada con i passeggini rischiando di essere investiti”.