Di Paola: Asili nido, scuole materne, spesa sociale, basta con il Patto di Stabilità !!

by

Anche per l’anno 2013-2014 si prevedono liste di attesa per l’accesso a scuole materne e asili nido, che ripropongono, insieme alla questione dei costi, la persistente inadeguatezza delle attuali strutture, soprattutto a livello pubblico – afferma il candidato sindaco per Campi, Michele di Paola (Rifondazione Comunista) – la necessità di ampliare e qualificare i servizi per l’infanzia rappresenta, insieme a casa, salute e scuola, un aspetto importante della spesa sociale, che impone di rimettere in discussione il Patto di Stabilità e lottare contro i continui tagli agli Enti Locali imposti dai Governi nazionali e dai Trattati Europei, se davvero si vuole rilanciare investimenti, servizi pubblici e dunque nuovo lavoro utile alla collettività.
I ceti popolari non devono continuare a pagare la crisi: è’ possibile reperire le risorse necessarie nell’ambito dei grandi patrimoni e dei redditi alti con un prelievo fiscale realmente progressivo, con la lotta all’evasione fiscale, con il taglio delle spese militari e delle grandi opere inutili, con la gestione pubblica del credito e delle risorse finanziarie che operi una reale redistribuzione delle ricchezze.
Le aliquote IMU (così come l’addizionale IRPEF) devono essere fortemente differenziate in relazione al reddito, ai patrimoni, al valore catastale delle proprietà ed all’entità dell’affitto, con esenzione per i redditi medio-bassi per la prima casa.

Annunci

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: