Il Movimento 5 Stelle, una rivolta nella postdemocrazia e le ossessioni della (ex)sinistra italiana

by

Riporto con piacere un interessante ed illuminante articolo tratto dal blog Utopia Rossa ad opera di Michele Nobile, che sviscera e chiarisce il comportamento della casta politica e dei media verso il M5S. L’articolo è molto lungo perchè si articola una una serie di acute e anche minuziose considerazioni sul comportamento delle parti politiche che compongono il nostro paese, in modo particolare della sinistra. Uno spaccato della classe politica italiana incancrenita, composta da personaggi il cui reddito ed il cui status sociale dipendono, da dieci, venti o trent’anni a questa parte, dai ruoli ricoperti in un partito e nelle istituzioni; che di fatto poi confluiscono nel “professionismo politico”. Proporrò quindi di volta in volta alcuni spezzoni che, per come sono stati concepiti, si prestano ad essere letti singolarmente, ecco il primo:
Demonizzazione e captatio benevolentiae verso il M5S
È da tempo che la crisi di legittimità della casta partitico-statale italiana si esprime nella crescita dell’astensionismo: che è il fenomeno politico maggiormente in crescita di cui poco si parla o se ne parla per liquidarlo come primitivismo antiparlamentare o «qualunquismo». Come forma di protesta politica l’astensionismo cresce perché ha profonde e diffuse motivazioni sociali, alle quali né il centrosinistra né il centrodestra sono in grado di rispondere in modo credibile e accettabile. Con le recenti elezioni la crisi di legittimità si è trasferita anche all’interno dell’istituzione parlamentare, in conseguenza del successo elettorale del Movimento cinque stelle (M5S): piaccia o no, di fronte ai partiti che da vent’anni governano il paese è il M5S che costituisce il terzo polo, quello della protesta. È questo che spiega l’ambivalenza dell’atteggiamento di politici e commentatori nei confronti del M5S, che oscilla tra la demonizzazione e la captatio benevolentiae: in questo secondo caso ci si aspetta che Grillo «il demagogo» e i parlamentari della cosiddetta «antipolitica» sappiano anche mostrarsi ragionevoli e costruttivi, consentendo in tal modo la formazione di un governo, possibilmente di centrosinistra.
Tuttavia il M5S rifiuta, certamente non senza tensioni, di giungere ad accordi con il Pd: accordi che in altre circostanze si sarebbero spregiativamente bollati come consociativi e che costituirebbero il definitivo colpo di grazia alla ventennale retorica circa l’alternanza bipartitica (colpo, in effetti, già sferrato dal consenso bipartitico al governo Monti). Tentando di coagulare il consenso di Pd e Pdl intorno ai presunti «saggi» il presidente Napolitano non ha fatto altro che giocare nuovamente la carta consociativa. Ma la sinistra – intendendo Rifondazione comunista, Pdci, Verdi e quel che resta del «popolo» che a questi partiti continua a far riferimento – come si comporta nei confronti dell’impasse cui è giunta la casta partitica, attualmente più screditata che al tempo di Tangentopoli?
Nell’articolo precedente auspicavo che dai risultati delle elezioni politiche si sapesse trarre la giusta lezione. Evidentemente non è così. La sinistra post-Pci sembra anzi in preda a un crollo psichico, che si manifesta nell’isteria antigrillina e nella marchiatura a fuoco della figura di Beppe Grillo, considerato come un seduttore di masse istupidite, una sorta di Grande fratello totalitario in versione postmoderna, mentre i risultati elettorali del M5S vengono qualificati come «diversione» o addirittura come un esempio della «reazione che avanza». E siamo arrivati al vergognoso paradosso per cui questa sinistra formalmente antimontiana oggi si scaglia contro Grillo perché ha il coraggio di dire no a un inciucio tra Pdl e Pd, che di Monti è stato il più fedele sostenitore; e questo dopo che Prc, Pdci e Verdi hanno condiviso responsabilità di governo con il centrosinistra, vale a dire con la coalizione che negli anni ‘90 f ece la maggior parte del lavoro sporco di stampo neoliberistico. Stiamo parlando di un’area politica (i Forchettoni rossi) reduce da tre lustri di battimani, in adorazione di ogni minima svolta del guru e autentico demagogo Bertinotti, oppure di Diliberto, ministro nel governo D’Alema, quello che bombardò la Jugoslavia.
Non è difficile comprendere i motivi della reazione antigrillina di questi prof essionisti della politica e del forchettonismo di sinistra: dal loro punto di vista, il successo del M5S non ha dato vita soltanto a un enorme concorrente sul terreno elettorale (come si è potuto vedere), ma intacca anche il portafoglio economico dei rimborsi, delle sovvenzioni e dei privilegi dei parlamentari e dei consiglieri regionali. In altri termini, l’insuccesso nel mercato politico minaccia alla fonte l’afflusso della linfa che è vitale per la riproduzione di questi apparati e degli apparatini ad essi collegati. La perdita dello status istituzionale e la minimizzazione del loro ruolo nel sistema politico compromettono la possibilità di apparire mediaticamente, di partecipare attivamente allo spettacolo parlamentare e televisivo. Quanto alle correnti minori, gruppi, blog e social networks vari (considerati in genere erroneamente come il nocciolo duro del cosiddetto «popolo di sinistra»), lungi dal valorizzare il dato crescente dell’astensionismo e l’impasse in cui il M5S ha contribuito a mettere l’intera casta, si sono scatenati nell’opera di amplificazione di ogni sbavatura dei grillini, nell’estrema semplificazione del discorso del o intorno al M5S, nell’invettiva urlata (in questo paradossalmente simili allo stile di Beppe Grillo). Per questo «popolo di sinistra», che nel passato ha dimostrato ampiamente di essere altrettanto «populista» dei cosiddetti grillini – anche se in forma più antiquata – la seconda batosta elettorale consecutiva ha generato frustrazione, risentimento e invidia nei confronti dell’enorme successo elettorale (ma anche di mobilitazione nelle piazze) conseguito dal M5S. E questi stati d’animo rancorosi stanno impedendo una radicale autocritica che, finalmente, faccia i conti sino in fondo con vent’anni di subalternità strategica al centrosinistra e ai miti dell’elettoralismo – nonché con il sottostante retroterra ideologico, togliattiano e ingraiano, dei partiti post-Pci. In effetti, lo zelo digital-militante sarebbe meglio impiegato nell’autocritica e nella liquidazione dei Forchettoni rossi che non nella denigrazione di Grillo e del suo movimento. Il risentimento e l’invidia non solo rendono più dif f icile interpretare il f enomeno M5S (sommandosi in questo a limiti e incapacità di analisi che noi di Utopia rossa stiamo denunciando da tempo), ma stanno dando vita a una volontà di rivalsa elettorale, di ricomposizione della «sinistra» in funzione del ritorno (degli zombies?) in Parlamento, riproponendo per l’ennesima volta il vaniloquio di un «vero e proprio processo costituente, democratico e partecipato».
Si direbbe che la sinistra post-Pci sia afflitta da una irresistibile coazione a ripetere secondo un modello di base e dall’incapacità di rielaborare le sconf itte che necessariamente conseguono. È come se, in fondo, fosse vittima di un trauma originario mai compreso sino in fondo: la mutazione del Pci da partito stalinista in partito organicamente capitalistico – e quindi torni sistematicamente a cercare l’affetto di questo padre padrone e «traditore». Con ciò non solo si vanifica la possibilità di comprendere e superare il passato, ma anche di autonomizzarsi, di divenire adulta e battere nuove vie, costruire il futuro. In tale abisso mentale, la sinistra post-Pci non riesce nemmeno a sentire il bisogno di incarnare e radicalizzare politicamente il sentimento antioligarchico che da tempo si sta esprimendo nella crescita dell’astensionismo e, più recentemente, nel boom del voto per il M5S – e ciò impedisce a priori di creare le condizioni per convertirlo in lotta sociale fuori e contro le istituzioni del capitale. È un’ossessione che ha profonde radici ideologiche, sostenuta dalla necessità di riprodursi di apparati di professionisti della politica; è una condanna al declino e alla degenerazione, ormai giunta a uno stadio irreversibile. Questa ossessione forchettonica continua invece a produrre danni: se ne uscirà fuori solo se e quando dalla società emergeranno energie nuove, capaci di assimilare le lezioni del passato e cercare forme nuove della lotta contro il sistema capitalistico. Fonte UtopiaRossa

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Il Movimento 5 Stelle, una rivolta nella postdemocrazia e le ossessioni della (ex)sinistra italiana”

  1. Paola Russo Says:

    Modestamente penso che la non vittoria del Partito Democratico e il conseguente dilagare del M5S sia da attribuire a quella parte del PD da sempre arroccato su posizioni ideologiche ormai non piu’ corrispondenti alla realta’ ma che hanno sempre venduto come superiorita’ intellettuale nei confronti del resto del mondo. Il berlusconismo lo hanno creato loro i quali privi di un programma di governo hanno cercato di raccattare voti sulla base dell’antiberlusconismo che invece di indebolire Berlusconi lo hanno rafforzato. Coloro che si aspettavano dal PD un partito moderno stile Labour inglese, si sono ritrovati con un partito vecchio stile forgiato sui vecchi schemi del PCI. D’Alema e Veltroni – per non parlare di Renzi – hanno capito che insistere sull’antiberlusconismo e’ non solo sbagliato (poiche se Berlusconi continua a stare in politica e’ perche’ un quarto degli elettori lo vota) ma anche controproducente elettoralmente perche’ cio’ che vogliono i cittadini che non votano Berlusconi e’ un governo che abbia idee chiare su come attuare la crescita economica ed occupazionale, la riduzione dei costi della politica, e
    la riduzione delle tasse. Di tutto questo e di altro ancora si sono fatti portatori Grillo da una parte e Renzi dall’altro. E infatti entrambi sono stati il bersaglio (dopo Berlusconi) di dirigenti del PD piu’ radicale e dei militanti che in questa corrente si riconoscono. Tuttavia volenti o nolenti va riconosciuto che se nell’agenda politica dell’appena nato Governo i temi di cui sopra sono considerati come priorita’ da perseguire immediatamente, e’ proprio grazie a Grillo e a Renzi. che per due anni hanno puntato il faro su tali temi.
    Continuare a sventolare le bandiere della pace, a riempirsi la bocca con i diritti dei migranti e della cittadinanza ai figli degli stranieri che sono nati in Italia, senza pensare che le disuguaglianze si combattono in primo luogo dando possibilita’ di lavorare e quindi di avere un reddito sufficiente per vivere dignitosamente, di scegliersi la scuola o universita’ migliori dove far studiare i propri figli (italiani o stranieri che siano) e in particolare coloro che meritevoli non se lo possono permettere, insomma senza tutto questo, anche lo straniero cittadino italiano continuera’ ad essere un emarginato e un cittadino di serie B (come del resto lo sono tanti italiani autoctoni che non hanno lavoro, che vivono con la pensione sociale, che non hanno risorse sufficienti per affittare un alloggio, per curarsi, etc….).

  2. campibisenzio Says:

    Carissima Paola,
    hai detto esattamente quello che penso anche io .. spero solo che i giovani democratici che si stanno apprestando a prendere il governo della nostra piccola città, facciano tesoro di queste tue parole.
    Un saluto e buon 1° maggio
    Fabio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: