La Compagnia Teatrale Santo Stefano presenta LA FORTUNA SI DIVERTE di Athos Setti, domani 6 aprile ed in replica

by

La Compagnia Teatrale Santo Stefano, presenta domani, sabato 6 aprile presso il Teatro Parrocchiale in Piazza Matteotti 21 a Campi Bisenzio, in anteprima “LA FORTUNA SI DIVERTE” di Athos Setti, una commedia brillante per la regia di Filippo Faggi, con Giuliana Panerai, Marco Faggi,  Simonetta Mazzoni, Silvia Fratini, Erica Carla Pierattini, Massimo Tomberli, Debora Iacopini e Massimo Ramazzotti. Per questa rappresentazione sono previste altre repliche nei giorni di: sabato 13/04/13 ore 21.15, domenica 14/04/13 ore 15.15 e sabato 20/04/13 ore 21.15.
“LA FORTUNA SI DIVERTE” scritta nel 1936 da Athos Setti, conosciuta anche come “L’AGONIA DI SCHIZZO”, è la più celebre e rappresentata tra le sue commedie, tanto da essere ripresa da Ettore PETROLINI in un riadattamento in romanesco dal titolo “LA FORTUNA DI CECE’ “, da Angelo MUSCO in dialetto siciliano intitolato “LE PROFEZIE DI DANTE” e da Eduardo DE FILIPPO in napoletano “SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA SBORNIA”.
Alfredo, dopo aver sognato “l’amico” Dante Alighieri, sottrae alla moglie Isola i risparmi e, gioca la somma al lotto. “Il destino ha scritto per te quei numeri, giocali e sarai milionario” così aveva detto il Sommo Poeta all’ incredulo Alfredo. Quella sera i numeri estratti sulla ruota di Firenze sono 8-13-59-90. Alfredo, a dispetto dello scetticismo della moglie ha vinto l’enorme cifra di ottanta milioni. Ma alla Dea Bendata piace giocare, se con una mano da, con l’altra qualcosa prende. A distanza di tanti anni, la commedia conserva ancora un’innegabile freschezza ed una spiccata teatralità, che ne motivano la messa in scena, pur essendo il contesto economico e sociale profondamente mutato. Il sogno e la realtà, la vita e la morte, affetti familiari, le piccole meschinità, la miseria vera e la pretesa nobiltà sono gli elementi al limite del farsesco che nella loro altalenante contrapposizione e, nella loro essenzialità e genuinità, fanno scattare il meccanismo della risata e del divertimento.
Un ritorno al passato per la Compagnia Teatrale. Erano i primissimi anni settanta, l’allora Cappellano della Pieve di Santo Stefano, il compianto Don Bruno VERDIANI, coinvolgendo alcuni giovani che bazzicavano intorno alla Pieve diede vita alla “COMPAGNIA TEATRALE GIOVANILE SANTO STEFANO”.
Per concludere la stagione teatrale 2012-2013, avevamo bisogno di una commedia divertente ma estremamente semplice, ci dicono gli organizzatori, il tempo per l’allestimento era veramente poco, da qui l’idea di riproporre quella con la quale la splendida avventura della Santo Stefano era iniziata: “LA FORTUNA SI DIVERTE” di Athos SETTI, titolo originale de “L’AGONIA DI SCHIZZO” primo testo rappresentato nel corso di questi “primi” 40 anni. Certo il cast non è più lo stesso, degli attori che presero parte alla prime rappresentazioni non c’è più nessuno, ma la strada era tracciata, da quel momento l’attività della Compagnia Teatrale non si è mai fermata. Non corso degli anni si è modificato il nome, prima è scomparso (per evidenti motivi anagrafici) il GIOVANILE, poi in anni più recenti, per motivi prettamente burocratici è mutato in ASSOCIAZIONE TEATRALE SANTO STEFANO, (anche se noi continuiamo ad abbreviarlo in CTSS).Tante sono le persone che hanno calcato il nostro piccolo grande palcoscenico, sarebbe troppo lungo ricordarli tutti e correremo il rischio di dimenticarne qualcuno, ci preme solo ricordare due dei fondatori: Patrizia NISTRI CARLESI e Giuseppe FALCIAI, purtroppo, prematuramente scomparsi.Ci sono stati anni difficili, quando il pubblico scarseggiava, e il Teatro in vernacolo non veniva considerato Teatro, non faceva cultura, si diceva era troppo popolare. Adesso, dopo il monologo iniziale di Fabio Fazio all’ ultimo Festival di Sanremo, forse si è riscoperta l’importanza del termine popolare, ma nei primi anni ottanta proporsi come Compagnia di vernacolo (in più parrocchiale) e farsi accettare non era facile. Ma la costanza è stata premiata e ci siamo presi le nostre belle soddisfazioni.Vogliamo ringraziare tutti gli attori che anche per una sola stagione o per una singola rappresentazione hanno partecipato a uno o più spettacoli della Santo Stefano. In passato ogni anno dovevamo ricostituire il gruppo e cercare nuovi volenterosi, da diversi tempo abbiamo la fortuna di avere un bel gruppo stabile, alle tre colonne storiche (Giuliana, Simonetta e Marco F.) se ne sono aggiunte altre e la base adesso è bella solida, ci fa piacere esser riusciti a coinvolgere ed appassionare dei giovani seri e motivati ai quali, ci auguriamo, di aggiungerne altri.Per concludere un grazie al pubblico che ci sostiene partecipando agli spettacoli proposti nell’ambito delle nostre, per noi grandi, stagioni teatrale.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: