I vantaggi dei LED rispetto all’illuminazione con lampade al sodio

by

Ritengo importante la pubblicazione di queste ulteriori notizie, a fronte del successo ottenuto con il precedente post; oggi propongo alcuni fra i vantaggi dell’illuminazione a Led contro la tradizionale illuminazione pubblica a vapori di sodio :

Risparmio energetico:

  • a parita’ di illuminazione , con la tecnologia LED si ha un risparmio energetico dal 50 al 80%.

    Qualita’ della luce:

    • La luce emessa dalle lampade al sodio e’ gialla, non corrispondente al picco della sensibilita’ dell’ occhio umano: i colori non sono riprodotti fedelmente ed e’ quindi necessaria piu’ luce per garantire una visione sicura.
    • I LED invece, emettono luce bianca fredda, che permette di raggiungere un’illuminazione sicura per gli utenti della strada (abbassa i tempi di reazione all’imprevisto) , con minor consumo di energia. La luce bianca attraversa molto meglio la nebbia, rendendo i veicoli piu’ visibili. Inoltre i LED aumentano anche la qualita’ delle immagini catturate dalle telecamere di sicurezza.
    • L’indice di resa colorimetrica (CRI) indica la fedelta’ di riproduzione dei colori: vale 20 per le lampade al sodio e 80 per le lampade LED.
    • L’idea di legare la tecnologia LED all’illuminazione stradale deriva anche dalle ultime scoperte scientifiche in campo percettivo: gli studi sulla visibilita’ con luce bianca si basano sul fatto che a seconda della luminanza utilizziamo o meno tutti gli apparati percettivi del nostro occhio (coni e bastoncelli). I risultati indicano che sono da preferire le sorgenti luminose con spettro prevalente nella banda del blu , come i LED, senza richiedere elevati valori di luminanza. Le lampade al sodio ad alta pressione presentano uno spettro centrato nella banda del rosso, molto al di fuori del picco di sensibilita’ dell’occhio umano.
    • Si puo’ quindi affermare che con le lampade al sodio occorre aumentare la potenza luminosa del 50% per garantire una visione sicura.

      Inquinamento luminoso:

      • Le lampade al sodio, essendo omnidirezionali, diffondono la luce in tutte le direzioni ed e’ necessario dotare il lampione di parabola per recuperarne meta’: l’efficienza luminosa finale e’ il 50% di quella emessa.
      • Il LED e’ direzionale per costruzione ed emette un fascio luminoso definito, a 90°, da 90 lumen/watt (alimentazione a 350mA) e quindi riduce al minimo l’inquinamento luminoso. Il LED puo’ essere interfacciato con delle ottiche secondarie per restringere il fascio luminoso.
      • In conclusione, la lampada al sodio, per qualita’ della luce, efficacia della proiezione e inquinamento luminoso, risulta essere inferiore alla lampada LED.

      Durata:

      • La vita utile dei sistemi a LED e’ stimata in 50.000-100.000 ore (10-20 anni, 12 ore al giorno) contro le 4000-5000 ore (11-14 mesi) delle lamapade al sodio ad alta pressione.
      • Secondo stime, dopo 50.000-100.000 ore la luminosità dei sistemi a LED scende al 70% rispetto al valore iniziale e questo puo’ essere considerato il termine della vita utile del LED.
      • L’indice di caduta del flusso luminoso dei LED e’ nul class=”home_font”lo dopo 3000 ore di funzionamento, anzi nelle prime 5000 ore aumenta leggermente.
        I fari al sodio, invece, dopo 3000 ore presentano una riduzione del flusso fino al 40%.

      Manutenzione:

      • i costi di manutenzione degli apparati di illuminazione a LED sono stimati nell’ordine di un decimo rispetto agli impianti al sodio attualmente in uso.

      Costi

        • i sistemi a LED hanno un costo iniziale maggiore, dal doppio al triplo, rispetto alle soluzioni tradizionali.
        • Considerando pero’ la maggiore durata , il risparmio energetico e la mauntenzione quasi assente, si ha un risparmio netto dal 50% al 80%.
        • Il dipartimento dell’energia degli Stati Uniti d’America stima che sostituendo,negli U.S.A., nei prossimi 20 anni l’attuale illuminazione stradale e urbana con i LED si possa:
          1. diminuire il consumo di energia elettrica del 62%
          2. ridurre le emissioni inquinanti di 250 milioni di tonnellate di anidride carbonica
          3. evitare la costruzione di 153 nuove centrali elettriche
          4. risparmi finanziari per 115 miliardi di dollari di finanziamenti non necessari per la costruzione di centrali elettriche.- Inoltre la produzione di semiconduttori diventa sempre piu’ economica con l’ aumentare dei volumi di produzione e quindi, con il diffondersi della tecnologia LED, i prezzi si abbasseranno.

        La tecnologia LED e’ in rapido sviluppo e l’ efficacia luminosa dei LED aumenta rapidamente, mentre la ricerca per gli altri tipi di illuminazione e’ terminata.Fonte : http://www.spazialis.com

        Advertisements

        Tag: , , , , , , , , , , ,

        40 Risposte to “I vantaggi dei LED rispetto all’illuminazione con lampade al sodio”

        1. diego Says:

          Peccato che le affermazioni su:
          – Risparmio energetico SONO FALSE
          – Qualita’ della luce NON SONO CORRETTE
          – Inquinamento luminoso SONO FALSE
          – Durata SONO VERE MA STIMATE ….
          – Manutenzione SONO VERI ma solo basati sulla sorgente e non sull’elettronica e gli apparati……
          – COsti …. ne deriva che i costi sotto riportati sono contestabili

          Peccato infine che a oggi NON è possibile illuminare nulla negli esterni a NORMA DI NORME DI SETTORE e NORME di leggi regionali conformemente.

          Perchè ? Si pensi solo che quasi nessuno dei produttori di apparecchi a led fornisce i dati fotometrici degli apparecchi stessi … casualmente gli unici con cui si possono fare i progetti illuminotecnici (quelli con cui i programmi fanno i conti) quindi chi illumina oggi con i led non HA MAI FATTO UN PROGETTO MA E’ ANDATO A CASO.

          L’1% dei produttori (i più seri e noti) ha tali dati… facendo i conti nessun riesce a fare progetti almeno lontanamente paragonabili a quello con lampade tradizionali.

          Il futuro prossimo è sicuramente dei led … quello che c”e in giro oggi sono sono grandi fregature per tutti e specchietti per le allodole.

          Un altro esempio … il pluripremiato paese del sud italia per la prima città city led? TUTTA FUORI NORMA … nessuno l’ha mai progettata perchè il produttore NON HA TALI DATI … oltretutto un pericolo per tutti.

        2. Luciano Says:

          Insomma allora tutta questa pubblicità sui led è la solita questione di mercato?…Le cifre indicate sono al solito esagerate per convincere all’acquisto? Pare che una cittadina campana abbia illuminato tutto il paese a Led e se ne faccia una gran pubblicità per televisione radio e web, ma ammetto che ho sentito voci discordanti sui risultati effettivi, nel senso che non tutti sono convinti dei risultati, risparmio a parte.

        3. guido Says:

          è vero tutti hanno diritto di dire la propria opinione !
          ma potrebbero documentarsi,fare delle prove,confrontare i vari apparati esistenti sul mercato,poi dire la propria !
          le cose nuove,incutono un certo timore;ma non è una buona ragione per denigrare .
          ho iniziato la ricerca di led per illuminazione,circa 3 anni fà
          oggi con serenità e serietà, propongo alla mia clientela apparecchi per l’illuminazione industriale di alto livello.
          e se un alimentatore dura meno di 10 anni ,cosa importa ?
          lo sostituiamo,ma ha lavorato 10 anni. chi è capace a fare i conti,trae le conclusioni.

        4. Paolo Says:

          Carissimo diego, premettendo che chi vuole lavorare in modo serio
          deve necessariamente documentarsi e sopratutto testare il materiale… posso garantire il fatto che i dati fotometrici vengono forniti da quasi tutti i produttori. Per quanto riguarda l’illuminazione stradale e di interni(luoghi pubblici) ci sono tabelle che andrebbero rispettate.
          Luciano, qui lo dico e qui lo nego… per quanto riguarda la led city dell’italia meridionale andrebbe fatto uno studio approfondito sul tipo di led utilizzati e sui dati fotometrici di lm emessi e di lux al suolo a quel punto si potrebbe dire è stata fatta a caso… ricorda sempre che anche le ottiche hanno molta incisività! Concordo con Guido oggi abbiamo una forte carenza energetica ed il led è arrivato a rendimenti più che accettabili ed è in continuo sviluppo… io direi di non criticare, ma piuttosto di informarsi e lavorare per migliorare il nostro modo di concepire la luce.

        5. Giovanni Says:

          Io comunque sono concorde al fatto di utilizzare LED al posto dei famosi ed ormai passati faretti alogeni! Con la tecnologia LED risparmi veramente un sacco di denaro in più anche se poi, bisogna dirlo, la luce che si ha non è affatto la stessa! Tutto modo sono interessato a passare da una tecnologia ad un altra. Prossimamente tratterò anch’io quest’argomento sul mio blog!
          Un saluto a tutti.

        6. Gino Says:

          Sono interessato al cambiamento del tipo di illuminazione pubblica essendo un amministratore comunale, delegato al risparmio energetico; vorrei proporre alla mia giunta l’illuminazione pubblica a led ma leggo che la cosa non è facilmente fattibile, anche a causa, sembra, di norme tecniche assenti al riguardo.
          Fiducioso in un riscontro, per ulteriori chierimenti, distinti saluti.
          Gino Meoli

        7. Davide Says:

          Caro Diego, nel tuo sfogo da frustrato oltre a non apportare alcuna argomentazione nè prova di quanto dici, affermi che “nessun produttore ha dati”. Sono un grossista di illuminazione a LED, questi sono i dati il fabbricante mi fornisce, per tutti i prodotti che tratto:

          – Potenza assorbita (W)
          – Indice Renderizzazione Colore (CRI)
          – Flusso luminoso (lm)
          – Angolo di illuminazione (in gradi)
          – Temperatura colore (K)
          – Classe di isolamento
          – Classe IP
          – Vita utile (in ore)

          Non so come fai i progetti tu (e se li fai..) ma di una cosa sono sicuro: i dati co sono, TUTTI, e tu mio caro amico NON SAI fare nemmeno un calcolo elementare di rientro dell’investimento, altrimenti sapresti per certo che CONVIENE.

        8. Dario A. Says:

          Buongiorno, leggo con piacere che esiste qualcuno che osserva con spirito critico quanto in giro si dice sulla “led city”. Questo perchè in una situazione dove stiamo per immettere sul mercato armature stradali e ciclopedonali con tutti i requisiti necessari (e non sono pochi da seguire…) e per di più telegestite via linea elettrica (il Geometra dell’ufficio comunale non chiamerà più gli elettricisti per fare il giro dei crepuscolari e dei timer…oltre a comandare il singolo lampione selettivamente), in presenza di amministratori pubblici che sono stati delusi da precedenti test, notando che diversi stanno “ACCROCCHIANDO” barre di led senza ottica secondaria o peggio con led di segnalazione spacciando per armature stradali il tutto; bè non mi fa che piacere perchè quanto stiamo per fare sicuramente potrà essere apprezzato.
          Dario Ambrosio

        9. Giampiero Says:

          Concordo con Diego.
          L’illuminazione in “luce bianca fredda” è stato un esperimento fallimentare già con le lampade al mercurio, la cui luce somiglia a quella dei led “bianchi”.

          Una letta qui chiarisce: http://digilander.libero.it/photallica/il.htm

          Il vantaggio si ha quando la potenza emessa viene convertita in luce che i nostri occhi possono vedere… e nel blu/violetto l’occhio umano è “messo male”.

          Per gli interni, ovviamente, è tutta un altra storia, ed è lì dove i led possono certamente dire la loro.
          Almeno non getteremo dalla finestra miglialia di lampade “a basso comsumo”. Queste sono belle piene di buona elettronica ancora perfettamente funzionante e costata tanta preziosa energia in fase di produzione.

          Giampiero Spezzano

        10. Illuminazione stradale a led, alcune riflessioni | luxemozione Says:

          […] ora non più disponibili , ma purtroppo ingenuamente riportate da molti in giro per la rete (qua un esempio). Devo essere sincero, non sempre mi son trovato d’accordo con le affermazioni fatte da […]

        11. campibisenzio Says:

          Carissimo, “luxemozione” prima di dire “questo decalogo sui LED fino poco tempo fa era consultabile dal sito di Spazialis, ora non più disponibile , ma purtroppo ingenuamente riportato da molti in giro nella rete” verifica che qui : http://www.spazialis.com/i-vantaggi-della-tecnologia-led-e-le-lampade-al-sodio/index.html è riportato l’articolo originale da “spazialis”, dal quale il sottoscritto ha tratto le informazioni riportate su questo blog (impara a fare i link corretti …).
          Saluti
          Fabio

        12. Giampiero Says:

          Sui LED ci sono stati dei forti entusiasmi, a volte eccessivi. Ovviamente fra i produttori di apparecchi per illuminazione a LED ci sono aziende serie e meno serie. Occorre saper distinguere….. Se non se ne è capaci è meglio astenersi dal fare commenti saccenti e pretenziosi. Si tratta comunque di una tecnologia in rapida evoluzione e giorno dopo giorno si registrano novità di assoluto interesse. Quel che è certo è che la tecnolgia dell’illuminazione con lampade a scarica è roba vecchia di almeno 50 anni che soltanto gli interessi commerciali dei produttori di lampade continua a considerare “insuperata”.
          Rimango sempre sorpreso dalla abissale ignoranza di sedicenti “tecnici”.

        13. Andrea Says:

          Sottoscrivo: Rimango sempre sorpreso dalla abissale ignoranza di sedicenti “tecnici”. E aggiungo: rimango basito dalla sfacciataggine con la quale immani bugie vengono spacciate per verità scientifiche.

        14. Matteo Seraceni Says:

          Volevo segnalarvi un mio intervento a riguardo dell’illuminazione stradale led che vuole fare un pò di chiarezza in un settore così complicato:
          http://arching.wordpress.com/2009/05/28/illuminazione-pubblica-a-led-1-parte/
          Ho cercato di scrivere solo notizie riguardo a fonti ufficiali dei produttori e pertanto penso di essere stato abbastanza obiettivo (a differenza della pagina web che citi tu).
          Nei prossimi articoli cercerò anche di fare dei confronti diretti fra le varie tecnologie per evidenziare pregi e difetti.
          A presto

          Matteo

        15. loris Says:

          ho in mano un progetto di illuminazione di un area di 400×200 con avvallamenti che possono arrivare sino a 10 mt (tanti mocchi di terra) provate ad illuminarmela con i led chiedo soo di darmi un illuminamento medio di 30 lumen al suolo vorrei sapere costi e consumi se non chiedo molto…………..grazie

        16. Dario Says:

          Per Loris: un conto veloce fatto con gli unici due dati che mi passi mi porta a dire 150 armature a 7 mt di altezza, consumo totale 22,5 KWh con fattore di potenza >0.9 costante e non soggetto a degrado, CRI >65, colore 6000 K, costo orientativo senza pali e posa (solo armature) 97.500 Euro+IVA. Armature con file illuminotecnico disponibile e le varie certificazioni a corredo, led OSRAM ed elettronica di produzione dell’azienda per la quale lavoro. Ciao

        17. Domenico Says:

          Per Loris: in base ai dati che hai fornito, penso che con pali a 7 metri fuori terra, ci servano circa 130 armature da 80-90w l’una. Costo indicativo circa 90000,00 € +iva. Il tutto certificato.
          Per maggiori informazioni, mi puoi contattare
          Ciao
          Domenico

        18. Matteo Says:

          Volevo segnalarvi la seconda parte del mio articolo:
          http://arching.wordpress.com/2009/08/25/illuminazione-pubblica-a-led-2-parte/

          Ciao a tutti

          Matteo

        19. Luca Says:

          salve a tutti , devo dire che i led sono come impostato inizialmente sul blog. Lo dico perchè li ho provati sia a casa mia che nella mia azienda sia in interno che in esterno e ho abbattuto i costi di energia elettrica del 60/70%
          ho acquistato i led qui http://www.multi-tecno.com e mi han mandato tutti i dati dei prodotti…..poi dipende….se acquistate dai cinesi non so cosa possiate trovare…..

        20. nello Says:

          al di la delle catatteristiche non idonee dei led, volevo sapere se e’ vero che le attuali lampade tradizionale inquinano, se e’ vero che la luce emessa dalle sap, non e’ percepita totalmente dall’occhio, e che durante il funzionamento dimunuisce la trasformazione di energia in luce e aumenta la trasformazione di energia in combustione.8colore rosso)
          Inoltre e’ vero, e penso che la cittadina campana, leggasi torraca, abbia una illuminazione non idonea, ma da una riflessione, e’ plausibile pensare che trattasi di una tecnologia non idonea in quando realzzata da oltre 5 anni. in ultimo ma e’ vero che le attuali illuminazioni tradizionali, garantiscono un eccessivo flusso luminoso centrale, mentre allontanandosi dalla perpedicolarita’ del palo, l’illuminazione si riduce sensibilmente, e per questo sono state confezionate delle norme ad hoc

        21. Andrea Says:

          Le lampade al Neon che tra poco saranno le uniche in commmercio sostituiranno le tradizionali lampadine a filamento .
          Per arrivare a questo risultato ci sono voluti 70 anni .
          Le lampade al Neon esistono dal 1930 .
          Malgrado tutto ciò per taluni usi domestici o industriali consiglierei le tradizionali lampade a filamento .
          Esempio: le lampade al neon si rompono in breve tempo se vengono accese e spente spesso ,risentono dell”umidità specialmente quelle recenti e si rompono spesso con un balzo di tensione.
          Perciò il teorico risparmio di corrente elettrica và a farsi benedire perchè i soldi li spendi cambiando spesso la lampada al neon .
          Per taluni utilizzi perciò le vecchie lampadine si dimostrano più affidabili.
          La tecnologia Led non la conosco!
          Rispolverando le vecchie esperienze in elettronica i Led altro non sono che diodi .
          I diodi possono durare due secondi oppure una vita .
          Non cè una durata sicura è certa ! Se poi sono LED di basso costo marca anonima non credo abbiano una durata di 50 mila ore .
          Infine negli ultimi 20 anni i prodotti elettronici sono peggiorati si autodistruggono da soli entro un tot di tempo anche se li usi poco e bene.
          Perciò consiglierei di aspettare che i prezzi della tecnologia LED diventino ragionevoli e che venga migliorata la qualità della luce fatta e dei componenti.
          Tra 40 anni forse ci sarà un prodotto affidabile e sapremo i difetti .

        22. Antonio Says:

          Ho trovato questi lampioni fotovoltaici, cercando in rete. Non so nulla sull’efficenza ma per lo meno hanno curato il design.

          http://lampade-led.blogspot.com/2009/11/lampioni-fotovoltaici.html

        23. Giorgio Says:

          Salve a tutti!
          se avete tempo e passione, andate a visitare il sito della società
          Spagnolo di Torino, divisione Illuminazione.
          Hanno sviluppato in cooperazione con il Politecnico di Torino una nuova gamma di lampade modulari e brevettare con tecnologia a LED dalla caratteristiche veramente al top.
          Le stesse lampade sono integrabili di telecamera per video sorveglianza e sistema wify – hot spot per copertura rete.
          Fantastiche!

        24. Giorgio Says:

          Mi sono dimenticato l’indirizzo de sito della società :www.spagnolo.it

        25. Riccardo Says:

          caro Davide sarai anche grossista ma io so progettare la luce e conosco le tecnologie delle sorgenti e dei test sulle stesse, gli attuli test di resa cromatica danno valori inattendibili sui LED perchè valutano pochi colori e si ipotizza che tra uno e l’altro ci sia una curva, in realtà nei led potrebbero esserci picchi, lo spetro della luce è più importante di quel che si pensi.

          I led sono una moda, cercano di venderli per sponsorizzarne la ricerca, in futuro si potranno usare oggi assolutamente NO, NO e ancora NO, lasciateli ai cellualri che è meglio!

        26. Massimo Says:

          Salve, leggendo tra i vari commenti sembra di assistere ad una disputa politica o di calcio piuttosto che ad un forum “tecnico”, dove, mi sembra molti si improvvisino esperti, solo perché hanno letto commenti su altri forum poco tecnici.
          Cercherò di fare un po’ di chiarezza:
          1. durata dell’elettronica: come tutte le macchine (e lampadine ai vapori di sodio) hanno una durata che dipende dal tipo di progettazione e dalla tecnologia realizzativa.
          2. efficienza luminosa: sono al limite inferiore di quella delle lampade al sodio a bassa pressione.
          3. trend delle performace: a fine 2008 si arrivava a led bianchi da 90lumen con 0.7A di corrente. A fine 2009 si è giunti a 90lumen con 0.35A (ovvero è raddoppiata l’efficienza quantica della giunzione, cioè il numero di fotoni emessi per corrente fornita)
          4. spettro: i led di colore giallo-arancione assorbono circa 0.84W per 80lumen di flusso, perciò si arriva ai 95lm/W, perciò è possibile comporre lampade con l’adeguato spettro.
          5. intensità luminosa: la luminostà è facilmente partizionabile e non devono necessariamente funzionare ON-OFF, come le lampade al sodio, ma possono fornire i lumen richiesti.
          6. estetica: si possono comporre differenti rese cromatiche ed illuminare centri cittadini, piste pedonali, edifici pubblici.
          7. Al momento sono inferiori alle lampade a bassa pressione per incroci di vie a grande scorrimento.
          8. costo: al momento hanno un costo superiore alle lampade al sodio di pari flusso luminoso.

        27. massimo Says:

          Vorrei sostituire tutti i faretti del mio negozio con faretti led, qualcuno sa dirmi se ci sono dei finanziamenti per questa spesa?
          Grazie

        28. matteo Says:

          ciao a tutti sono il responsabile tecnico dell’electric system srl un’azieda che opera nella realizzazione degli impianti tecnologici di ogni genere..
          da un po stiamo concentrando le nostre attenzioni sull’illuminazione a LED sia urbana che da interni..e vero che in commercio c’e tanta confusione in merito a questa sorgente luminosa ma basta cercare bene ed avere un po di preparazione tecnica per saper distinguere un prodotto da un’altro.. adesso stiamo proponendo la sostituzione dei vecchi sistemi illuminanti a tanti esercizi commerciali e immobili d’uso civile e cerchiamo continuamente aziende produttrici di LED che possano competere nel commercio con prodotti veramente di qualita per far credere i nostri clienti in noi e su questa tecnologia che oggi penso sia la vera soluzione a tanti problemi che convolgono il globo.. chiedo infatti a chiunque legga di farsi avanti se e in grado di proporci prodotti seri affidabili e competitivi… la mia e-mail e electricsystempa@live.it un saluto a tutti

          NB: per risponere a massimo… la nostra azienda sta lavorando per questi finanziamenti che fin ora sono stati dati solo per i sistemi fotovoltaici ma pensiamo che l’unica risorsa per il LED siano degli sgravi fiscali non finanziamenti veri e propri da parte dello stato.. noi infatti finanziamo gli esercizi commerciali con una nostra finanziaria a tassi agevolatissimi scaricabili al bilancio annuale

        29. Matteo Says:

          Ciao.
          Volevo comunicarvi l’aggiornamento degli articoli riguardo ai LED in ambito stradale:

          http://arching.wordpress.com/2010/02/24/illuminazione-stradale-led-1/
          http://arching.wordpress.com/2010/05/25/illuminazione-stradale-a-led-2/

          Inoltre vorrei ricordare che il “retrofit” con una lampada a LED all’interno di un apparecchio illuminante predisposto per un’altra sorgente (come ad esempio tubi a LED al posto di tubi fluorescenti T8 o T5) invalida la garanzia del produttore e quindi anche la certifica CE dell’apparecchio (in quanto alterazione sostanziale, dovuta ad una fotometria completamente differente e all’introduzione di componenti elettriche non certificate dal produttore, con alterazione sostanziale del funzionamento dell’apparecchio). Quindi non basta solo sostituire la lampada, ma occorre produrre anche una nuova certificazione dell’apparecchio, ai sensi delle normative in vigore, poichè è d’obbligo l’uso di apparecchi marchiati CE nei luoghi di lavoro (qualsiasi trasgressione sulle normative di sicurezza sul lavoro ricordo comporta procedimenti penali).
          Se volete utilizzare LED, utilizzateli in apparecchi nuovi, che magari sfruttano al meglio la tecnologia (non è solo la lampada, ma anche l’alimentatore ad essere importante), anzichè inserire soluzioni inefficienti (mettere un tubo LED all’interno di un apparecchio per fluorescenti è come quei bambini che cercano di inserire il cubo all’interno del buco rotondo).
          A presto

          Matteo

        30. stefano Says:

          Matteo dovrei costruire una lampada da giardino a led,
          mi sai indicare un progettista ? grazie ciao

        31. mauro Says:

          da tre anni ci stiamo cimnentando con lampade aled facendo prove su prove abbiamo raggiunto notevoli risultati pur pagando di tasca propria le esperienze fatte , abbiamo fatto un supermecato aled abbiamo fatto chiese a led bar e negozi , abbiamo installato le lampade poi abbiamo aspettato un tempo di circa 10 mesi di test , adesso siamo pronti su alcuni prodotti perche abbiamo esperienza
          se vi interessa potete contattarci michy@tiffanis.it oppure mauro@tiffanis.it

        32. andrea fazzari Says:

          sto facendo esperimenti in casa mia (che poi sia in regola o non lo sia non me ne fa neanche un pò) un impianto a “bassa intensità” ovverosia una luce blu da accendere nelle altre stanze nel quale io non ci sono che consenta di muoversi in sicurezza senza dover accendere e spegnere i vari neon 36/830 (a casa mia il filamento è sparito nel 97 ,se i neon inquinano non me ne fa ancora meno) e devo dire che con strisce commerciali alimenatte in BT 12 volt CC mettendo da 30 a 60 led per ogni stanza il risultato è buono (anche se la luce blu non è il massmo) Unico problema riscontrato è il ronzio del trasformatore e l’ingombro delle alette del gruppo regolatore che li alimenta tutti progetteto e realizzato dal mio vicino di casa,penso di risolverli prima o poi anche quelli. a quando i led a luce calda? quelli a luce bianca fredda sanno di fari da automobile da tamarro!!!

        33. giancarlo Says:

          gentili signori ma vi pare che osram philps e altre marche primarie di illuminotecnica,investano ingenti somme di denaro nella ricerca proprio
          di led ?????????
          certamente l’innovazione mette paura.
          Signori elettricisti se siete onesti non dovete temere nulla????????
          L’illuminazione a led mi ha risolto il problema, di quei cretini che tengono
          50 faretti sia 12 v che 220v che per moda si sono fatti installare, dicendo la
          verita’ mi hanno sempre fatto schifo.
          Parlo di abitazioni civili. surriscaldate sia da lampade che da reattori per i
          12 v
          Un saluto e sappiate valutare,tanto siamo in democrazia

        34. Matteo Says:

          Io penso di essere democratico…ma in realtà si stava parlando di illuminazione per esterni…

        35. ezio Says:

          Per me il LED è il futuro, e come ripeto a tutti i miei clienti:

          Il costo maggiore della lampada a led è giustificato dalla sua maggiore durata,minor consumo e minori spese di manutenzione.
          Insomma è il futuro per chi vuole risparmiare facendo un investimento iniziale.

          Grazie
          Molto interessante

          Mi sono permesso di aggiungere il vostro articolo nel mio sito:
          http://www.doritaly.it/news-593/I-vantaggi-dei-LED–.aspx

        36. Flavio75 Says:

          In un condominio la scala è costantemente oscurata e viene illuminata da 30 lampadine ad incandescenza. Ho chiesto ad alcuni elettricisti se fosse possibile sostituire le lampadine con quelle a led.
          Alcuni mi hanno dato parere favorevole altri hanno affermato che
          la continua accensione e spegnimento dei led durante la giornata limita fortemente la loro durata e rende poco utile il loro utilizzo.
          Chiedo, chi ha ragione? Ringrazio coloro che mi potranno dare
          indicazioni in merito.

        37. lampadine led Says:

          una panoramica completa ed esaustiva del mondo dei led e dei loro vantaggi e caratteristiche

        38. Luigi Says:

          Articolo mostruosamente fuorviante per non dire peggio!
          Le lampade Sodio Alta pressione durerebbero 4/5000 ore!?!?!
          ma stiamo scherzando!!!! superano tranquillamente le 25.000 ore all’80% del flusso nominale

          La luce FREDDA dei LED è peggiore all’esterno, poichè più la luce è fredda, maggiore deve essere il livello di illuminamento a causa della sensibilità dell’occhio massima al giallo verde
          in pratica le Sodio alta pressione, specie quelle con Ra60 sono decisamente migliori

        39. Lampadeshop Led Says:

          Una caratteristica che spesso viene sottovalutata sono i lumen, bisogna considerare anche quelli!

        40. Più led per tutti | ilcantooscuro Says:

          […] boiate, siamo quasi a livello degli antivaccinisti e dei sostenitori delle scie chimiche, ignorando la questione della sensibilità alla luce dell’occhio umano, dell’indice di re…, senza poi citare la questione del risparmio energetico e del minore impatto ecologico connesso […]

        Rispondi

        Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

        Logo WordPress.com

        Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

        Foto Twitter

        Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

        Foto di Facebook

        Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

        Google+ photo

        Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

        Connessione a %s...


        %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: